FOTO RIBELLI / Profanazioni e sacrilegi anticristiani in Siria / “Stanno massacrando gente inerme”

Una foto delle profanazioni che stanno avvenendo ad Homs:

fonte: http://www.facebook.com/pages/Syria-%D8%B3%D9%88%D8%B1%D9%8A%D8%A9/242800112433654

AIUTO ALLA CHIESA CHE SOFFRE: URGENZA SIRIA

Appello per la sopravvivenza di 500 famiglie cristiane rifugiate a Marmarita
I siriani sono in stato di shock. Hanno paura. Essi temono un “secondo Iraq”. Secondo le stime dell’ONU, le rivolte arabe da marzo 2011 ad oggi, eufemisticamente descritte come primavera araba, sono costate oltre 8.000 vite. In Homs, le Brigate Faruq, parte del cosiddetto “esercito siriano libero” hanno massacrato da 350 a 400 persone inermi, secondo informazioni. Fonti ortodosse hanno riferito che queste brigate cacciavano specificamente i cristiani dalle loro case, poi vi si insediavano.  Ad oggi, ci sono 230 mila siriani che sono fuggiti dai combattimenti in Homs. Secondo il vescovo Nicolas Sawwaf, il vescovo greco-cattolico, 500 famiglie di profughi hanno cercato rifugio in Marmarita, vicino al confine libanese. Il vescovo ha fatto il possibile per fornire cibo e alloggi temporanei a loro disposizione.  I cristiani siriani vedono il futuro con ansia. Anche se rifiutano la brutalità di Assad, temono che il potere passi nelle mani degli estremisti islamici.  “I vescovi cattolici mettono in guardia contro una presa di potere da parte degli islamisti. Essi temono un’ondata ancora più grande di assalti e intimidazioni contro i cristiani, come quello che è successo in Iraq dopo la caduta di Saddam Hussein”, possiamo leggere una lettera della Pontificia Missione a Beirut. Su circa 300.000 cattolici caldei che vivono in Siria, 200.000 provengono dall’Iraq! Ora, il vescovo Sawwaf si fa carico non solo dei rifugiati, ma anche di 500 famiglie siriane che hanno bisogno di temporaneo alloggio, vitto e assistenza medica. Mentre i rifugiati musulmani sono supportati da stati arabi come l’Arabia Saudita e Qatar, la Chiesa rappresenta l’unica speranza dei rifugiati cristiani. In totale, circa 1.000 famiglie che aspettano un aiuto esterno.

Aiuto alla Chiesa che Soffre ha promesso € 80 000. Tale somma può provvedere a 500 famiglie per sei mesi. La Missione Pontificia stessa coordinerà gli aiuti alimentari. Per sopravvivere, ciascuna delle 500 famiglie ha bisogno di quasi $ 30 al mese per il cibo. $ 30 X 500 (famiglie) X 6 (mesi) = $ 90.000 o circa € 80 000. Hanno urgente bisogno del nostro aiuto!per versare il tuo contributo online :