La sodomia nelle parole di Ildegarda di Bingen

1476647_10201574458698275_2020205699_n
In questi tempi in cui sembrerebbe che forze politiche in grado di vincere le future elezioni abbiano tra i loro progetti la legalizzazione delle unioni omosessuali e la promulgazione di una cosìdetta “legge contro l’omofobia”, vorrei ricordare cosa disse la badessa Ildegarda di Bingen, di venerata memoria, riguardo all’omosessualità:
“ll serpente antico gioisce per tutte le punizioni con cui l’uomo è castigato nell’anima e nel corpo. Lei, che ha perso la gloria celeste, non vuole che nessun uomo possa raggiungerla. In realtà, non appena si rese conto che l’uomo aveva accolto i suoi consigli, iniziò a progettare la guerra contro Dio, dicendo: <<Attraverso l’uomo porterò avanti i miei propositi>>”
“Nel suo odio, il serpente ha ispirato gli uomini a odiarsi fra loro e, con lo stesso cattivo sentimento, li ha indotti a uccidersi gli uni gli altri.”
“E il serpente disse: <<Manderò il mio soffio affinché la successione dei figli degli uomini si spenga, e allora gli uomini bruceranno di passione per gli altri uomini, commettendo atti vergognosi>> ”.
“E il serpente, provandoci godimento, gridò: <<Questa è la suprema offesa contro Colui che ha dato all’uomo il corpo. Che la sua forma scompaia perché ha evitato il rapporto naturale con le donne>>.”
“È quindi il diavolo che li convince a diventare infedeli e seduttori, che li induce a odiare e a uccidere, diventando banditi e ladri, perché il peccato di omosessualità porta alle più vergognose violenze e a tutti i vizi. Quando tutti questi peccati si saranno manifestati, allora la vigenza della legge di Dio sarà spezzata e la Chiesa sarà perseguitata come una vedova”
Citazioni tratte dal “Liber Divinorum Operum” di Ildegarda di Bingen rinvenute nel n° 55 (anno 18, dicembre 2012) della rivista “Tradizione-Famiglia-Proprietà”.
Testo raccolto a cura di Piergiorgio Seveso 
 

Un commento a "La sodomia nelle parole di Ildegarda di Bingen"

  1. #Domenico Mariano   27 novembre 2014 at 11:56 am

    Purtroppo aveva ragione

    Rispondi

Rispondi