Turchia: laicità o islamismo di stato?

 Turkije-herdenkt-Atatürk-73-jaar-na-zijn-dood

La Turchia, nonostante sia un paese a forte maggioranza islamica (99% della popolazione), può definirsi, almeno sulla carta, una nazione aconfessionale, infatti l’art. 2 della sua costituzione afferma che si tratta di “uno Stato di diritto democratico, laico e sociale”.

 

Viene da domandarsi come sia possibile ciò laddove l’Islam è la religione prevalente, specialmente dopo secoli nei quali la Sharia ha convissuto con la legislazione imperiale ottomana. L’abolizione della legge islamica è infatti avvenuta in tempi relativamente recenti, e ciò si deve a Mustafà Kemal, il quale nel 1924 cancellò la poligamia dall’ordinamento statale, adottò il calendario gregoriano, riformò l’alfabeto e obbligò a pregare in turco e non in arabo. Tale forma di laicismo era però volta al controllo statale sull’Islam nazionale (attraverso l’Organizzazione delle Conferenze Islamiche) il quale risulta essere l’unico culto finanziato, mentre i cristiani turchi devono autofinanziarsi incontrando non di rado numerosi ostacoli amministrativi. Va detto inoltre che la Diyanet (direzione degli affari religiosi che si occupa di stipendiare i principali Imam e di controllare le scuole religiose) dipende dal Primo Ministro.

Nonostante le attività missionarie e di proselitismo non siano ufficialmente vietate dalla legge, esse vengono però tassate e osteggiate dallo stato turco con la scusa della difesa della “turchicità” dello stato. Va ricordato inoltre che l’appartenenza religiosa in Turchia è segnalata sulla carta di identità, il che può provocare non pochi problemi e/o discriminazioni a coloro che non professano l’Islam Sunnita.

 

Stando a quanto appena affermato, si direbbe che la laicità “alla turca” significhi de jure uno stato aconfessionale, ma de facto una sorta di controllo statale sulla religione utilizzata come instrumentum regni, il tutto a danno delle comunità cristiane presenti nel paese.

 

2 Commenti a "Turchia: laicità o islamismo di stato?"

  1. #Andrea Carancini   20 febbraio 2013 at 3:36 am

    La risposta alla domanda (retorica) del titolo è: Laicismo di stato (non è l’islam il problema ma la massoneria). Islam instrumentum regni? Sì, ma di cosa? Risposta: del laicismo massonico. Non è l’islam il problema, come dimostrano le esperienze di stati musulmani come la Siria di Assad, l’Iraq di Saddam e la Libia di Gheddafi (e come dimostra l’esperienza del primo Erdogan, prima del suo voltafaccia neoatlantista).

    Rispondi

Rispondi