Vorrebbero distruggere Rinascita

liberta-stampa

di Ugo Gaudenzi [tratto da: http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=21105]

Su alcuni ‘autorevoli’ giornali è stata pubblicata ieri un’informativa giudiziaria su “Rinascita”, questo quotidiano.
Si è data notizia di un sequestro preventivo di beni mobili e immobili, conti correnti etc. e di un’indagine in corso per truffa aggravata ai danni dello Stato. In pratica di un’indagine contro una società – alla quale, si badi bene, fino ad oggi non è stata comunque data alcuna possibilità di difesa o testimonianza e che editava il giornale nel 2009 e che non è l’attuale editrice del giornale – accusata di “incamerare le provvidenze pubbliche per l’editoria” a fronte di una “falsa” diffusione di 934.632 copie su circa 3,7 milioni stampate.
Noi conosciamo un’altra storia.
Quella società è stata progressivamente strangolata per un triennio da tagli e sospensioni sine die dei contributi dovuti per legge; quella società operava con contratti di distribuzione con 64 distributori locali (città o zone) in edicola su tutto il territorio nazionale e con una minima diffusione extra (3 o 4 % di strillonaggio e vendite in blocco: parliamo al massimo di “anomalie” sul 10% del distribuito, insomma); quella società, nonostante lo strangolamento operato progressivamente ad hoc dal 2010 – quello era, sì, “anomalo”… visto che altre testate indagate o in stato fallimentare, o comunque non più esistenti, hanno ricevuto lo stesso regolarmente i contributi – nel 2012 era riuscita a quintuplicare le vendite in edicola. E parliamo di migliaia di vendite: assestando Rinascita, grosso modo, tra il Foglio e il Manifesto: un fatto incontrovertibile.
Ma ai Moralizzatori (magari quelli finiti agli arresti domiciliari per corruzione) questo non andava bene. E quella società è stata colpita. Riuscirà, forse, ma fra un quinquennio o più, a bordate di carte bollate e iter giudiziari, a dimostrare la persecuzione della quale è stata fatta oggetto.
Noi intanto vogliamo andare avanti.
Pur oggetti di un blocco più che assoluto delle anticipazioni bancarie, finanziarie e simili, pur immersi nell’avvenuta desertificazione anticostituzionale di tutto il pluralismo delle voci stampa nazionali, pur censurati e colpiti, andiamo avanti.
Grazie al sostegno dei lettori, senza il ricatto dei contributi pubblici, contro tutti gli altri.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.