In Brasile rivolte oceaniche ma qui quasi nessuno ne parla.

brazil1

Tra le cause apparenti: prezzi dei trasporti in ascesa, spese esagerate per Mondiali 2014 e le Olimpiadi 2016. In realtà l’opposizione al governo pare avere ragioni più profonde: un PIL che non cresce secondo le aspettative, corruzione politica e cattiva gestione del denaro. L’onda di proteste non pare quindi relegata alla Turchia ma – mutatis mutandis – estesa ad altri importati soggetti della politica internazionale. Di seguito alcune vignette del brasiliano Latuff sul tema:

Un commento a "In Brasile rivolte oceaniche ma qui quasi nessuno ne parla."

  1. #vienisignoregesu   19 giugno 2013 at 5:44 pm

    papa francesco ci deve andare per la gmg sara’ per questo