Cuori valorosi

Karsten-Klingbeil-Harnisch-suits-armour-group-large

di Alessandro Pini

Qui non ci devono essere mezze misure, uomini mediocri, cristiani per metà: o tutto o niente. Un principio assoluto, conclusioni rigorose, conseguenze estreme, e si accetta tutto senza batter ciglio e si esegue colla freddezza della ragione e l’ardore della fede. Non calcoli interessati, bando ai vili pretesti ed alle paurose distinzioni: principii, principii!… il cristianesimo integrale, nell’assoluta pienezza della sua verità. O cuore, che Dio fece tanto grande, tu non sei fatto per vegetare nelle mezze misure e per rasentare la terra con i tuoi meschini espedienti. (…) Lascia ch’io ti dica: Sii un uomo. Intendi bene: Sii uomo, è pur una grande cosa esser uomo! E sii uno: non sarai mai uomo, se non sei uno. Ed è questo che io voglio mostrarti. Lascia ch’io ti dica: Sii un cristiano. Sii cristiano; il cristiano è la più perfetta delle opere di Dio. E sii uno: camminando per la tua unica via verso la tua unica mèta, senza deviare né a destra né a sinistra.” Dom Francesco di Sales Polline.
Chi di voi vuol aderire a questo programma di vita, di lotta e di Fede ?

“Occorre dar battaglia, perchè Dio conceda vittoria” (S. Giovanna d’Arco)

 

 

3 Commenti a "Cuori valorosi"

  1. #Angelo Lippi   13 agosto 2013 at 7:33 pm

    Concordo pienamente.

  2. #PAOLO   14 agosto 2013 at 8:44 pm

    Grazie Alessandro Pini per l’articolo. Condivido praticamente tutto. Purtroppo la nostra tragedia spirituale ed esistenziale è l’essere cresciuti in un clima post-cristiano (a volte anche anti-cristiano, senza però soffrire quello che soffrono in nostri correligionari in molte altre parti del mondo), tale veleno spirituale è stato incoraggiato da uno pseudocristianesimo dolciastro, che ci ha castrato. Non ci hanno insegnato che siamo in guerra contro Satana, i nostri istinti viziosi e, in senso spirituale, contro le potenze di questo mondo ( id est: cultura dominante).
    “Dobbiamo creare delle piccole comunità dove crescano uomini nuovi, “immuni” dalle eresie moderne e dalle sirene del mondo moderno, dove appunto possa nascere un’èlite di persone che fanno della fede, del coraggio e del sacrificio la loro ragione di vita.”.
    Ottimo, Lei cosa mi consiglierebbe, abitando in Lombardia? Premetto che non sono un “sedevantista”; frequento quanto posso, la S.Messa in rito tradizionale.
    Salve, grazie, e buona festa dell’Assunta