Documenti ufficiali. Dopo le recenti aperture la Diocesi di Friburgo concede i sacramenti ai divorziati

Robert Zollitsch

L’arcivescovo di Friburgo Robert Zollitsch*

Un documento della diocesi di Friburgo, la seconda maggiore delle 27 in Germania, diretto ai sacerdoti, sarà pubblicato in settimana e ha carattere simbolico per tutto il Paese. La notizia, confermata all’agenzia Dpa dalla stessa diocesi, è ripresa anche da altri media come Spiegel online e il tg della seconda rete pubblica Zdf.  In Germania le comunità cattolica e protestante sono le due principali e hanno all’incirca lo stesso numero di fedeli. I cattolici divorziati e risposati sono esclusi da questi sacramenti poiché la dottrina cattolica considera peccato risposarsi. Principio questo da tempo oggetto di critiche, tanto che lo stesso Papa ha accennato a delle riforme. «In caso di fallimento di un matrimonio vogliamo essere aperti verso le persone colpite, vogliamo dare loro ascolto e avvicinarle», ha detto il responsabile della Ufficio per la cura delle anime di Friburgo, il decano Andreas Moehrle, aggiungendo che alla luce dell’elevato numero di divorzi la Chiesa non si può più permettere di escludere la gente. Ai divorziati risposati saranno offerti colloqui nei quali potranno raccontare le ragioni del fallimento del loro matrimonio e confrontarsi con la loro fede: questa è la base per poter poi partecipare pienamente alla vita della Chiesa e ai sacramenti. (Fonte:Corriere.it)

*[Aggiornamenti] Il prelato ha detto in seguito di non essere stato informato della stesura del documento e la Santa Sede ha sconfessato l’iniziativa proveniente da questa Diocesi.

5 Commenti a "Documenti ufficiali. Dopo le recenti aperture la Diocesi di Friburgo concede i sacramenti ai divorziati"

  1. #Alma   8 ottobre 2013 at 1:59 pm

    Io sono nata cattolica e cattolica voglio morire.

    Rispondi
  2. #Matteo   8 ottobre 2013 at 2:12 pm

    Temo che andando avanti di questo passo se Bergoglio non cambia registro la Chiesa Cattolica dovrà affrontare il più tremendo scisma della sua storia.

    Preghiamo per il Vicario di Cristo e per Santa Romana Chiesa.

    Rispondi
  3. #Al 47   8 ottobre 2013 at 3:45 pm

    Ma quel signore in foto sarebbe un arcivescovo? Signore salvaci.

    Rispondi
    • #bbruno   25 settembre 2016 at 10:46 pm

      ‘arcivescovo’ della Nova Chiesa, come bergoglio ne è ‘papa’: perché meravigliarsi? Perfettamente su misura!

      Rispondi
  4. #Luca   9 ottobre 2013 at 3:57 pm

    “alla luce dell’elevato numero di divorzi la Chiesa non si può più permettere di escludere la gente”: è questa la vera mondanità spirituale. Un po’ come sotenere che, dal momento che ci sono troppi peccatori, l’inferno non esiste, o meglio, aboliamo direttamente il peccato! 🙂

    Rispondi

Rispondi