Messaggi evangelici, credibili e direzione spirituale esemplare a Medjugorje?

lasic

Anche se i principali media fanno credere- dal 1986/87 in avanti- che le “apparizioni” di Medjugorje siano vere e confermate, in attesa di un definitivo pronunciamento della Santa Sede (dichiarazione che comunque dovrà oggettivamente sconfessare i precedenti “verdetti”) credo sia dovere del cronista cattolico combattere senza sosta contro le alterazioni della verità, quindi ricordare- documentando con correttezza e criterio- che sembra esserci un noto “non constat de supernaturalitate” [1] che bolla attualmente e dal 1982 le vicende legate alla Gospa ed ai presunti “veggenti”.

Consapevoli che la verità è scomoda ed altrettanto consci del fatto che non è possibile argomentare “in contro” senza attribuire menzogne ed invenzioni ai vescovi Zanic prima e Peric poi, siamo tuttavia convinti- ed è provato- che alcuni inconsapevoli soggetti non possono far altro che “calunniare” il cronista contemporaneo che casomai presenta studi “critici” e documentati sull’argomento, proponendo quindi anche un resoconto storico dei fatti; in sostanza sembra venir calpestata la retta ragione, per dare lustro invece al più inconcludente sentimentalismo anti-evangelico, come già faceva presente ad alcuni “medjugoriani” nel 2005 mons. Bertone in una nota ufficiale della Segreteria.

Ricordiamo brevemente le nostre precedenti relazioni documentate:

– Quanti segreti?; quanti messaggi?; quante vocazioni dalle “apparizioni”?; cosa provano le confessioni e le preghiere sul posto?; quante commissioni diocesane, episcopali?; quanti interventi della Santa Sede? Tutto è stato riassunto dal Vescovo e riportato nel breve studio: TEMPI DI “APPARIZIONI” E DI “FENOMENI STRAORDINARI”: MEDJUGORJE [1].

– I divieti assoluti ai pellegrinaggi, sia in forma pubblica che privata, qualora si autentichi Medjugorje quale luogo di vere apparizioni della Vergine. Abbiamo esposto tutta la documentazione nell’archivio: TUTTI IN PELLEGRINAGGIO NELLA CITTADINA DELLA “SIGNORA DELLA PACE” [2].

– Le preghiere della Gospa come i peccatori. Ecco il breve studio: PREGARE IL SANTO ROSARIO A MEDJUGORJE, LA GOSPA CON I PECCATORI [3].

– Il fantasioso ed anti-liturgico presunto compleanno della Vergine Maria, con messaggio che sembra offendere la sensibilità e la vicenda tradizionale dell’Addolorata. Ne abbiamo parlato nel breve esame critico 5 AGOSTO, BUON “COMPLEANNO” GOSPA DI MEDJUGORJE [4].

– Mons. Bertone che “condanna” Radio Maria e sconfessa alcuni “scostumati” sentimentalismi “medjugorjani”: “CASO” GNOCCHI & PALMARO / 2. UN’ANALISI DEL PUBBLICISTA E SCRITTORE CARLO DI PIETRO [5].

– Breve cenno sulla “canonizzazione celeste”, non cattolica, di tal p. Slavko Barbaric: SULL’INFALLIBILITÀ NELLA CANONIZZAZIONE [6]. Torneremo in futuro sull’argomento.

Tutto questo non deve scoraggiare i fedeli che si sono avvicinati alla fede pur disobbedendo inconsapevolmente, l’importante è prendere coscienza e progredire nel cammino in maniera integra e con metodo tradizionale. Dio legge nei cuori di ogni singola persona e, come oggi si può notare- ma come è sempre accaduto nella storia della cristianità-, il Signore si serve di ogni sua creatura, talvolta anche propedeuticamente, per farci avvicinare a Lui; la Provvidenza opera ovunque, la storia ne è viva testimonianza, anche in quei luoghi dove il maligno sembra apparentemente avere il dominio.  Andiamo avanti con coraggio, senza giudicare e ricordando le indicazioni del Liguori: “Ognuno pratichi questa breve divozione di dire ogni mattina tre Ave Maria alla Madonna, con aggiungere dopo ogni Ave Maria: per la tua pura ed immacolata concezione, o Maria, fa puro e santo il corpo e l’anima mia.

ivan-drag

In data 21 giugno 1983, Ivan Dragicevic consegnò all’allora vescovo Pavao Zanic una sorta di “pizzino”; secondo il documento, il giorno 19 giugno 1983 la Gospa sarebbe apparsa ai signori Jakov, Marijia e Ivica e, dopo le classiche introduzioni, avrebbe detto:

Dici al Vescovo che voglio da lui una urgente conversione agli avvenimenti della parrocchia di Medjugorje, che non sia troppo tardi”.

Proseguendo la Gospa gentilmente spiegava al vescovo Pavao Zanic come doveva convertirsi:

Cominci ad avvicinarsi agli avvenimenti con molta comprensione, carità e con grande responsabilità”.

La Gospa proseguiva dicendo:

Voglio che non crei contrasti tra i sacerdoti e che non metta in luce le loro mancanze”.

Poi la stoccata ed un richiamo alla responsabilità:

Il Santo Padre ha dato a tutti i vescovi di compiere i doveri nelle loro diocesi, di risolvere i problemi e litigi. Il vescovo è padre principale di tutte le parrocchie in Erzegovina. Perciò voglio da lui conversione a questi avvenimenti”.

Alla fine della missiva giungeva probabilmente la minaccia:

Gli mando un penultimo avvertimento. Se non si converte o corregge lo raggiungerà il mio giudizio e quello del mio Figlio Gesù”.

Noi sappiamo che le conversioni non si pretendono o estorcono (v. Diz. Cristianesimo, conversione), che non è la Vergine a giudicare (v. Diz. Cristianesimo, giudizio), che la Madonna dei Vangeli non antepone mai la sua persona a quella del Figlio o del Marito e che l’Ordinario del luogo ha il dovere di risolvere ogni controversia e disobbedienza applicando il CJC (v. Codice di Diritto Canonico). Mi sembra superfluo aggiungere altro poiché ne ha già ampiamente parlato il collega M. Corvaglia nel suo testo “Medjugorje senza maschera” [7].

Ecco il documento in copia originale dall’archivio della Diocesi di Mostar-Duvno:

pizzino-ivan

Proseguiamo citando integralmente il documento “Il fenomeno di Medjugorje ( 1a parte)”, Službeni vjesnik, 2/2009, pp.179-184, traduzione dal croato, riportato in data 26.09.2009 dal vescovo mons. Ratko Peric sul sito della Diocesi [8].

Non aggiungeremo alcun commento; i contenuti delle note saranno riportati in parentesi quadra.

estratto-mostar

Tomislav Vlašić dimesso dallo stato religioso e presbiterale

La stampa mondiale, nazionale e straniera, quest’estate ha pubblicato la notizia che il Santo Padre non solo ha dimesso fra Tomislav Vlašić dall’Ordine francescano, ma l’ha anche ridotto, su sua richiesta, allo stato laicale, dispensandolo da tutti gli oneri religiosi e sacerdotali e minacciandolo di scomunica se non si atterrà ai precetti impostigli. I decreti della Santa Sede sono stati comunicati dal ministro generale dell’Ordine dei Frati minori J. R. Carballo ai ministri provinciali nella Bosnia ed Erzegovina, Croazia e Italia, il 10 marzo 2009, con l’obbligo di inoltrare il messaggio a tutti i guardiani nelle loro Provincie. Riportiamo la fotocopia della lettera del ministro generale, come è apparsa sulla stampa, nello Službeni vjesnik, 2/2009, p. 179-194. Pubblichiamo tutto perché si riferisce alla connessione di Vlašić con il “fenomeno di Medjugorje”. Copia del decreto del ministro generale, Službeni vjesnik, 2/2009, p. 179, sul nostro portale.

vlasic-vegg

L’implicazione di Vlašić nel “fenomeno di Medjugorje”

Come l’anno scorso, quando la Santa Sede ha sanzionato il rev. Vlašić con l’interdetto minacciandolo di pene ancor più severe se non avesse obbedito, così anche quest’anno sono apparsi numerosi commenti nei  mass media per proclamare la non connessione tra il “fenomeno di Medjugorje” e il “caso di Vlašić”. Se in ambo le lettere e in riferimento alle due pene più gravi si rammenta esplicitamente il “fenomeno di Medjugorje”, [Tutto il caso è stato presentato nel Bollettino ufficiale delle diocesi di Erzegovina, 2/2008, pp. 79-81.] nel quale è coinvolto Tomislav Vlašić, come mai non c’è connessione tra l’uno e l’altro? Desidereremmo ricordare proprio tale legame incontestabile, sin dagli inizi.

Tomislav Vlašić, nato a Sovići, il 16 gennaio 1942, come membro della Provincia francescana erzegovinese fu ordinato presbitero, il 16 luglio 1969, a Frohleiten, Austria. [Ž. ILIĆ, La Chiesa in Erzegovina, Duvno 1974, p. 82-83] Dopo l’ordinazione per qualche tempo ha lavorato come assistente spirituale a Humac [Lo Schematismo generale della Chiesa Cattolica in Jugoslavia, Zagreb, 1975, p. 398.] e dal 1973 come preside della residenza della casa francescana di Jablanovac, Zagabria. [Il popolo cristiano e i francescani in Hercegovina, Mostar, 1977, p. 202] Su proposta dei Superiori della Provincia, nel 1977 fu nominato canonicamente assistente spirituale nella parrocchia di Čapljina, [La lettera della Curia diocesana, nr. 638/1977, del 19 agosto 1977] dove è rimasto in servizio fino al 17 agosto 1981, quando è passato a Medjugorje, proprio marte, senza un necessario avviso e senza approvazione del vescovo. [Bollettino ufficiale, 2/2008., p. 80]

Secondo il Rev. R. Laurentin, storiografo quasi ufficiale delle “apparizioni di Medjugorje”, però, il Provincialato ha dato a p. Vlašić il permesso di dimorare a Medjugorje, tutto all’insaputa del Vescovo. Così l’abbé Laurentin:

Venendo a sapere dell’arresto, quello stesso giorno, 17 agosto, Tomislav Vlašić, parroco di Čapljina, si reca a Medjugorje per informarsi e rendersi conto della situazione. Da lì va subito dal provinciale, a Mostar, per riferirgli della grave situazione e delle minacce che pesano sulla parrocchia rimasta senza guida. Il provinciale trova le sue osservazioni giudiziose e la sua visita provvidenziale. Lo nomina subito sostituto del parroco imprigionato. – Fin dal giorno dopo quindi, Fra Tomislav si stabilisce nella canonica di Medjugorje. Per la seconda volta si mette in contatto con i veggenti, che aveva rapidamente interrogati il 29 giugno. Ne diventa il ‘direttore spirituale’ e sarà questo il titolo che manterrà più tardi nella parrocchia…” [R. Laurentin, Racconto e messaggio delle apparizioni di Medjugorje, Brescia 1987, p. 90].

Tomislav quindi già il sesto giorno dopo le “apparizioni” è a Medjugorje, e dopo l’arresto di fra Jozo Zovko, il 17 agosto, passa del tutto nella parrocchia di Medjugorje, dove il Provincialato lo “nomina” vicario parrocchiale. Si capisce che il Provincialato non può nominare un vicario parrocchiale, ma solo proporlo poiché è il Vescovo che nomina canonicamente un parroco o un cappellano, ma anche tali “nomine” sono parte del tragico “caso erzegovinese” e del “fenomeno di Medjugorje”.

Il Provincialato ha proposto legalmente, solo un anno più tardi, il 19 luglio 1982, p. Vlašić ad “assistente spirituale a Medjugorje”, sebbene potesse e dovesse conoscere il suo doloroso “caso di Zagabria”, che si doveva risolvere in altra maniera. Il vescovo Žanić, non conoscendo la vita morale di Vlašić e la sua implicazione nell’“affare di Zagabria”, ha emanato, il 27 luglio dello stesso anno, il decreto per il suo trasferimento e svolgimento della sua attività a Medjugorje. [Lettera della Curia con la quale si conferma la Tabula, nr. 711/82, del 27.VII.1981. Nelle note di seguito il vescovo Žanić scrive, riguardo al vicario parrocchiale di Međugorje, p. Vlašić: „Bisogna essere attenti all’ulteriore sviluppo degli eventi nella parrocchia di Medjugorje. Lei ha mostrato la speranza che il nuovo vicario della parrocchia di Medjugorje farà sì che le cose siano chiarite, appurate e controllate. Il suo lavoro in tal senso bisogna sostenere e seguire“]

Dall’anno 1981 p. Vlašić è implicato negli eventi di Medjugorje, accompagnando i “veggenti” ed è inseparabilmente legato al “fenomeno di Medjugorje”, dai suoi inizi e anche in seguito. Anzi, il “fenomeno di Medjugorje” si è creato in qualche modo anche prima di quell’inizio. Già nel maggio del 1981, più di un mese prima dell’inizio delle “apparizioni”, padre Vlašić si era recato a Roma per un congresso internazionale degli esponenti del Movimento Carismatico. Durante il congresso aveva chiesto ad alcuni dei presenti di pregare con lui per la guarigione della Chiesa in Jugoslavia. Una religiosa, suor Briege McKenna che si era unita alla preghiera, ebbe una visione: vide Padre Vlašić seduto e circondato da una grande folla; attorno a lui, nel luogo dove era seduto, scorrevano ruscelli d’acqua. Un altro religioso, Emile Tardiff, O. P., disse in profezia: “Non abbiate paura, vi manderò mia Madre”.

Dopo un paio di settimane, la Madonna cominciò ad apparire a Medjugorje. [Bollettino ufficiale, 2/2008, p. 80, citato in Rooney – R. Faricy, Maria regina della pace, Milano, 1984, p. 34. Vedi anche P. Žanić, La posizione attuale (non ufficiale) della Curia vescovile di Mostar nei confronti degli eventi di Međugorje, Mostar, 30. X. 1984, pp. 6-7] E soprattutto è coinvolto nel “fenomeno di Medjugorje” dopo essere stato proposto, nel luglio 1982, dai suoi Superiori, ed essere poi stato approvato e nominato dal Vescovo, cappellano di Medjugorje. Ecco le prove scritte.

gospa-valsic

Fra Tomislav Vlašić e fra Slavko Barbarić dicono ai veggenti che cosa devono dire alla gente

Nella Cronaca delle apparizioni, condotta allora da fra Tomislav Vlašić, leggiamo:

“21. VIII. 1982. (Sabato). In mattinata fra Tomislav e fra Slavko hanno parlato con i veggenti. La conversazione è andata nel senso dell’edificazione delle loro personalità e dell’indicazione del loro ruolo nel contesto di questi eventi, specialmente riguardo alla loro autorevolezza, che non devono mettere in gioco dando le risposte a tutte le domande, ma indirizzino la gente sulla via della conversione e dell’attesa delle promesse di Dio”.

Due francescani si volgono ad indicare il ruolo dei “veggenti” che non devono mettere in gioco la propria autorevolezza dando le risposte a tutte le domande, ma parlino della “conversione” e della “attesa delle promesse di Dio”, poiché lì non sbaglieranno, almeno quello è compatibile con la vera Madonna!

“I veggenti non devono fare dichiarazioni senza che noi ne siamo informati”

Nella Cronaca del 12 aprile 1984. Vlašić ha scritto: “Oggi ho parlato con tutti i veggenti. Ho richiamato la loro attenzione sulla necessità di non rilasciare dichiarazioni a nessuno senza che noi ne siamo informati”. Ciò vuol dire che lui deve controllare, verificare, approvare e proclamare che cosa è vero e che cosa è falso nei “messaggi della Gospa”. Il censore dei “messaggi della Gospa”!  Quale ingerenza nel “fenomeno di Medjugorje”!

Un grave errore teologico

Ciononostante a Vlašić, che si trovava illegalmente a Medjugorje, è capitata una eresia teologica notoria che lui stesso ha scritto nella Cronaca, il 6 maggio 1982, avendola sentita dai “veggenti”:

Stasera i giovani hanno posto una domanda teologica e hanno avuto la risposta: Se le persone nel cielo sono presenti solo con l’anima, o con l’anima e il corpo? – hanno chiesto. Sono presenti con l’anima e con il corpo – è stato loro risposto”.

Noi tutti professiamo la fede cattolica  che la risurrezione della carne (resurrectio mortuorom) sarà nell’Ultimo Giudizio, e p. Vlašić annota le favole dei “veggenti” di Medjugorje:  non solo Gesù e la Madonna, come crediamo cattolicamente, ma anche tutte le altre persone salvate in cielo “con l’anima e il corpo”! E ciò lui lascia nella Cronaca ufficiale, senza alcuna osservazione! Vuol dire che neanche a lui è chiaro questo dogma cattolico, e ciò dopo 13 anni di predica del Credo Niceno a Humac, Jablanovac, Čapljina e Medjugorje. Nessuna meraviglia che l’anno scorso la Congregazione gli abbia intimato di  frequentare il corso elementare di teologia e pronunziare la professione della fede, previa approvazione della Santa Sede!

bros-vick

“L’apparizione” di Medjugorje loda l’opera di Vlašić

Nel Diario, manoscritto di Vicka, del 28 febbraio 1982, la presunta apparizione lodava molto l’opera di Vlašić nella guida dei “veggenti”. Il testo letterale di Vicka:

“Eravamo io e Jakiša la Gospa è venuta alle 6 e 3 minuti ci ha guardati bene. Poi la Gospa ha detto di Tomislav, prima l’ha guardato e poi ha detto: potete ringraziare molto Tomislav perché vi guida così bene.” [V. Ivanković, Il Terzo diario, di propria mano, copia in Curia diocesana di Mostar] [Lui a Medjugorje, illegalmente, e tutto così bene conduce e – conduce dietro a sé. E tutto la “Gospa di Medjugorje” loda e approva!]

L’ “apparizione” raccomanda Vlašić come maestro spirituale

Lui stesso scrive nella Cronaca delle apparizioni, 5 marzo 1984, parlando di Ivan Dragićević:

“La Gospa ha espresso il desiderio e gli ha raccomandato, dopo la sua domanda di un consiglio, di finire le medie superiori e che poi gli avrebbe mostrato cosa fare. Gli ha detto anche di affidarsi a fra Tomislav Vlašić affinché lo guidi spiritualmente. [S. Barbarić (propria scrittura), Cronaca delle apparizioni, p. 747. Copia in Curia] [Il che, del resto, sia l’uno che l’altro, hanno fatto anche senza riguardo al “messaggio” della “apparizione” di Medjugorje! Fra Tomislav parla al “veggente” Ivan, Ivan  parla a fra Tomislav, e poi tutto attribuito alla Beata Vergine.]

Vlašić secondo la “provvidenza divina” accompagna i veggenti

Nella lettera, 13. IV. 1984 si presenta al Papa come colui che per Divina Provvidenza guida i veggenti di Medjugorje. L’avvisa che “la Madonna continua a raccontare la sua vita ai veggenti” e informa il Papa:

“mi trovo a Roma dal 29 aprile al 10 maggio per una riunione internazionale. So che siete molto occupati, però se mi potete ricevere per qualche minuto, avrei da dirvi dei punti cardine sulle apparizioni.” [Lettera di T. VLAŠIĆ al Santo Padre, del 13 aprile 1984, in italiano. Cfr. Ogledalo Pravde, p. 56, con fotocopia di una parte della lettera] [Il Papa non l’ha ricevuto.]

lavko2

Barbarić su Vlašić

Sul ruolo e legame di Vlašić con il “fenomeno di Medjugorje” sin dagli inizi, come ha “canalizzato” le apparizioni e eventi, ci ha testimoniato nel modo migliore, scrivendo cronologicamente, un altro disobbediente di Medjugorje, propagatore delle “apparizioni” e mistificatore degli eventi, fra Slavko Barbarić:

La nomina del Vescovo e poi presto la richiesta che fra Slavko vada via da Medjugorje

Il Provincialato con la lettera del 16 agosto 1984 ha proposto il rev. Barbarić a vicario parrocchiale di Medjugorje. Il vescovo Žanić lo stesso giorno ha approvato la Tabula e il trasferimento di Barbarić. [Lettera della Curia diocesana al Provincialato, nr. 857/84, del 16 agosto 1984] Ma il Vescovo, già il 3 gennaio 1985, scrive al Provincialato:

Vi chiedo di trasferire p. fra Slavko Barbarić da Medjugorje in un altro posto. Lui a Medjugorje, nelle questioni molto importanti circa le presunte “apparizioni” della Madonna fa una propaganda in modo del tutto opposto alle mie indicazioni date più volte oralmente e per iscritto. [Lettera della Curia diocesana al Provincialato, nr. 1/85, del 3 gennaio 1985]

Il desiderio della Gospa perché fra Slavko rimanga a Medjugorje

Il “fenomeno” apparizionale, però, interviene, esprime il “desiderio” che fra Slavko resti a Medjugorje per guidare le cose e raccogliere le notizie affinché dopo la visita delle sue “apparizioni” rimanga una immagine sinottica di quel che è avvenuto. Nella Cronaca delle apparizioni fra Slavko ha scritto personalmente questo “messaggio” inviato a lui stesso: 3. febbraio 1985. (Domenica).

“La visione come di solito. Stasera più breve che in questi giorni, solo 2 minuti. Presenti Marija, Ivan e Jakov. Il messaggio era per fra Slavko, come promesso ieri nella visione. È detto tramite Ivan. Suona come segue: Io desidererei che Slavko rimanesse qui, si occupasse di tutti i dettagli e gli appunti perché alla fine della mia visita abbiamo un’immagine sinottica di tutto. Io pregherò in questo tempo specie per Slavko e per tutti quelli che lavorano nella parrocchia”. [S. Barbarić (scrittura), Cronaca delle apparizioni, vol. III, p. 247. Laurentin ha cambiato tale „messaggio“ dell’apparizione riguardo alla guida della parrocchia: „Io desidero che padre Slavko resti qui, che guidi la parrocchia e raccolga le notizie affinché quando io non verrò più rimanga un’immagine completa di tutto ciò che è successo. In questo momento prego specialmente per padre Slavko e per tutti coloro che lavorano in questa parrocchia“ – R. Laurentin, Dernières Nouvelles, 3 (1985) francese: pp. 25-26; italiano: pp. 29-30; Ogledalo Pravde, str. 59]

È noto che una tale “immagine sinottica” era una solita fantasticheria medjugorjana di fra Slavko, poiché lui è deceduto il 25 novembre 2000, mentre l’apparizione non cessa di moltiplicarsi, ecco, già altri nove anni dopo la sua morte, e, come stanno le cose, le apparizioni di Medjugorje non hanno fine! Proprio una immagine a-sinottica e non sinottica.

vlasic-mani

Vlašić “canalizza” le “apparizioni”

Ecco ciò che ha scritto Barbarić nella Cronaca delle apparizioni del 1984, [S. BARBARIĆ (scrittura), La Cronaca delle apparizioni, vol. III, pp. 3-6] che bisogna leggere alla luce di quel che la Santa Sede ha deciso nei confronti di Vlašić nel 2008-2009. Dopo la partenza di Vlašić da Medjugorje, fra Slavko Barbarić scrive di sé che rimane a Medjugorje nella speranza che anche lui sia eletto secondo la provvidenza divina per continuar a guidare quel che qui è diventata la “tradizione”. 2.IV.1984. (Domenica).

“Non posso non riferirmi a quel che è successo oggi. Fra Tomislav Vlašić è stato trasferito. Si è congedato oggi nella messa alta. Tutta la chiesa era commossa e in lacrime. E a ragione. Tomislav rimane nella storia di queste apparizioni una figura luminosa. Davvero era profetico e coraggioso a venire dopo il carcere di fra Jozo Zovko e proseguire il lavoro. Quanto lavoro e fatica ci ha investiti, quanta prudenza pastorale e preghiera, non lo potrà stimare mai nessuno. La grazia di Dio l’ha eletto e inviato. Lui ha risposto e operato. Con la sua esperienza pastorale e spirituale ha canalizzato quella grande fonte che è scaturita il giorno delle apparizioni. Parimenti saggio, pieno di Spirito di Dio ha guidato i veggenti, la parrocchia e i pellegrini. Nonostante tutta l’attività positiva ogni giorno doveva combattere gli attacchi e pericoli tesi ad annientare quello che succede a Medjugorje. Sapeva profeticamente prevedere gli eventi, leggere la situazione e andare avanti. Sono testimone come nessun altro, poiché con lui sono stato 13 mesi pieni insieme nella stanza. Da lui parlava la sapienza e la dedizione. E anche nei momenti più difficili rimaneva calmo.      

Anche agli attacchi più gravi, provenienti dall’interno e dall’esterno, rispondeva dignitosamente. Sempre era pronto anche a sopportare i sacrifici più difficili, purché la cosa di Dio andasse avanti. Solo quando mi ricordo di tutti gli attacchi da parte della Curia, allora ho sufficienti ragioni di dire: Il comportamento di Tomislav, le risposte e il contegno nei confronti del vescovo, le preghiere e digiuni nonostante tutte le denigrazioni, sono una delle prove che qui è – la Regina della pace.      

Soleva spesso ripetere: Se disturbo qui qualcuno, sono pronto a scansarmi, purché ciò sia per la gloria di Dio. Quando ha saputo del trasferimento ha reagito con calma: Sono pronto, nell’umiltà, ad accettare ogni decisione e ogni decreto. Noi tutti in casa abbiamo reagito con più patos ed affetto. E Tomislav sapeva, come lo sappiamo tutti noi, che i nostri Superiori lo cambiano su richiesta del Vescovo. È difficile dire quanto tale richiesta sia ingiusta: una cosa è certa – con questo si è voluto punire Tomislav e forse fermare tutto ciò che qui sta succedendo. Lui è adesso a Vitina. Speriamo che potrà venire e continuare a lavorare nel piano straordinario di Dio e collaborare con la nostra Gospa, che qui manifesta lentamente ma sicuramente il suo piano. Sono profondamente convinto, e questa è anche la mia preghiera: che la Gospa, che in tanti messaggi gli faceva sapere di contare su di lui, gli impetrerà la grazia dell’amore e della pace più profonda! A ragione disse p. Laurentin: fra Tomislav, da diligente giardiniere, ha coltivato e guidato il nuovo popolo di Dio. Rimango qui, spero scelto dalla provvidenza di Dio, per continuare quel che qui è diventata una tradizione. Se non fossi sicuro che Dio guida questi eventi, sarei stasera nella paura e trepidazione davanti alla grande responsabilità. Continuerò a lavorare con i gruppi di pellegrini e con i singoli informandoli sul messaggio e sviluppo degli eventi qui a Medjugorje. Lo so di essere stato molto più sicuro mentre qui era continuativamente Tomislav. Ma sia fatta la volontà di Dio. Si compiano i piani della Gospa. E che la cosa non va senza il nostro sacrificio, preghiera e digiuno, è del tutto chiaro. Ho imparato dal mio caro fratel Tomislav e concretamente sperimentato che cosa vuol dire farsi guidare ed essere pronto a lavorare finché Dio vuole. Lo so che parimenti sono pronti anche gli altri frati qui come anche le suore. Oggi è arrivato fra Petar Ljubičić. Lui ama Medjugorje, ama la Gospa, e questo basta. Amen! Così sia!”

zanic

Da questa descrizione e dagli eventi successivi risultano alcuni fatti chiari senza mezzi termini

Primo, fra Tomislav Vlašić non rimanenella storia di queste apparizioni una figura luminosa, ma una figura tenebrosa,mistificatore e mago carismatico, come l’ha chiamato il vescovo Žanić, [P. Žanić, La posizione (non ufficiale)…, 30. X. 1984, p. 22] e infine la Santa Sede l’ha dimesso dalla vita religiosa e ridotto allo status laicalis, minacciandolo di scomunica se non obbedisce ai precetti finora emessi. Le sanzioni più gravi per un sacerdote.

Secondo, lui ha “canalizzato” spiritualmente e pastoralmente tutte queste “apparizioni”, come ispiratamente e adeguatamente dice il suo collega fra Slavko, cioè ha controllato, mistificato, fantasticato, glorificato se stesso, persino spergiurato davanti al Vescovo.

Terzo, gli “attacchi” del Vescovo sono fondati sui fatti e canonicamente giustificati. E le “denigrazioni”, di cui scrive fra Slavko, sono i fatti dolorosi facilmente dimostrabili di T. Vlašić a causa della sua doppia vita. [Basta dare un’occhiata alla „corrispondenza“ di Vlašić, più volte pubblicata, le copie si trovano anche in Curia: Da Zagreb, 7. XII. 1976; da Zagreb, 9. I. 1977; da Međugorje, 15. XII. 1981; da Krapanj, 15. V. 1982; da Dubrovnik, 15. V. 1983] [NdR. leggeremo in futuro molti approfondimenti tristissimi] Tutte queste verità dolorose erano note anche ai Superiori e allo stesso fra Slavko Barbarić eppure parla di “denigrazioni”!

Quarto, il pensiero di R. Laurentin, storico quasi ufficiale dei “fenomeni” di Medjugorje dal 1983 al 1997, secondo cui Vlašić è stato un giardiniere che ha coltivato e guidato il nuovo popolo di Dio, si è dimostrato del tutto fuori posto viste le dichiarazioni della Santa Sede su Vlašić, il quale è stato accusato di  “DIVULGAZIONE DI DUBBIE DOTTRINE, MANIPOLAZIONE DELLE COSCIENZE, SOSPETTO MISTICISMO, DISOBBEDIENZA AD ORDINI LEGITTIMAMENTE IMPARTITI ED ADDEBITI CONTRA SEXTUM”. [NdR. leggeremo in futuro molti approfondimenti tristissimi: sesso con suora, alieni nostre divinità, ecc …] Si capisce che ciò non si riferisce solo al suo soggiorno in Italia, poiché veniva regolarmente e sistematicamente a Medjugorje, nella sua grande casa, della quale i padri francescani, tramite il parroco di Medjugorje, hanno approvato la costruzione nel 1994, e dove ha guidato esercizi spirituali nei quali non ha solo “manipolato le coscienze”, ma anche invocato gli spiriti! Le prove pervenute alla Curia dalla sua comunità. [Bollettino ufficiale, 2/208, p. 81]

Quinto, fra Slavko desidera continuare l’opera di fra Tomislav, “canalizzare secondo il suo proprio intento. Anche lui, come Vlašić, sarà elogiato dall’“apparizione di Medjugorje”. Anche lui è convinto di essere eletto dalla provvidenza di Dio. E ora: come si può provare a tali fanatici che sono “profeti falsi”!

***

Così termina la prima parte della relazione del Vescovo di Mostar-Duvno così come riportata sul sito ufficiale della diocesi e quindi anche di Medjugorje. [8] Credo che non ci si debba sentire offesi oppure urtati se si racconta la verità.

 Pubblicazione a cura di Carlo Di Pietro (clicca qui per leggere altri studi pubblicati)

Note:
[1] http://radiospada.org/2013/10/tempi-di-apparizioni-e-di-fenomeni-straordinari-medjugorje/
[2] http://radiospada.org/2013/08/tutti-in-pellegrinaggio-nella-cittadina-della-signora-della-pace/
[3] http://radiospada.org/2013/08/pregare-il-santo-rosario-a-medjugorje-la-gospa-con-i-peccatori/
[4] http://radiospada.org/2013/08/5-agosto-buon-compleanno-gospa-di-medjugorje/
[5] http://radiospada.org/2013/10/caso-gnocchi-e-palmaro-2-unanalisi-del-pubblicista-e-scrittore-carlo-di-pietro/
[6] http://radiospada.org/2013/07/sullinfallibilita-nella-canonizzazione/
[7] http://www.marcocorvaglia.com/medjugorje/la-gospa-e-listigazione-allinsubordinazione.html
[8] http://www.cbismo.com/index.php?mod=vijest&vijest=418

9 Commenti a "Messaggi evangelici, credibili e direzione spirituale esemplare a Medjugorje?"

  1. #Grazia   19 ottobre 2013 at 10:37 am

    quel che disse Giovanni Paolo secondo su Medjugorie esiste anche un libro alle edizioni paoline:
    LE DICHIARAZIONI DI PAPA GIOVANNI PAOLO II SU MEDJUGORJE

    Queste dichiarazioni non recano il sigillo papale e non sono state firmate, ma sono state riferite da testimoni affidabili. Proprio per questo motivo le inseriamo tra i “Documenti”.

    Durante un colloquio privato il Papa ha detto a Mirjana Soldo: “Se non fossi il Papa, sarei già a Medjugorje a confessare”.
    Monsignor Maurillo Krieger, ex vescovo di Florianopolis (Brasile) è stato a Medjugorje quattro volte, la prima nel 1986. Egli scrive: “Nel 1988 insieme a otto altri vescovi e trentatrè sacerdoti sono stato in Vaticano per gli esercizi spirituali. Il Papa sapeva che dopo gli esercizi molti di noi si sarebbero recati a Medjugorje. Prima che lasciassimo Roma, dopo una Santa Messa privata con il Papa, egli ci disse, sebbene nessuno glielo avesse chiesto: “Pregate per me a Medjugorje.” In un’altra occasione dissi al Papa: “Vado a Medjugorje per la quarta volta.” Il Papa meditò per un po’ e poi disse: “Medjugorje, Medjugorje. E’ il centro spirituale del mondo.” Lo stesso giorno parlai con altri vescovi brasiliani e con il Papa durante il pranzo e gli dissi: “Santità, posso dire ai veggenti di Medjugorje che Lei invia loro la Sua benedizione?” Ed egli rispose: “Sì, sì” e mi abbracciò.
    Ad un gruppo di medici che si occupano soprattutto della tutela delle vite non nate l’1 agosto 1989 il Papa disse: “Sì, oggi il mondo ha perso il significato del soprannaturale. A Medjugorje molti hanno cercato e trovato questo senso nella preghiera, nel digiuno e nella confessione.”
    Il settimanale cattolico coreano “Notizie cattoliche” l’11 novembre 1990 ha pubblicato un articolo scritto dal Presidente della Conferenza Episcopale Coreana, Monsignor Angelo Kim: “Al termine dell’ultimo sinodo dei vescovi a Roma, i vescovi coreani furono invitati a colazione dal Papa. In quella occasione Monsignor Kim si rivolse al Papa con le seguenti parole: “Grazie a Lei la Polonia si è liberata del comunismo.” Il Papa replicò dicendo: “Non sono stato io. E’ opera della Vergine Maria, come Ella aveva annunciato a Fatima ed a Medjugorje”. L’arcivescovo Kwanyj poi disse: “In Corea, nella città di Nadje, c’è una Vergine che piange.” Ed il Papa: “…Ci sono dei vescovi, come quelli in Jugoslavia, che sono contrari… ma bisogna anche guardare alla moltitudine di persone che sono sicure di questo, alle numerose conversioni… tutto ciò è conforme al Vangelo; tutti questi fatti devono essere seriamente esaminati.” La sopra citata rivista riporta quanto segue: “Questa non è una decisione della Chiesa. Questa è un’indicazione in nome del nostro comune Padre. Senza esagerare, non bisogna trascurare tutto ciò…”
    (Dalla rivista “L’homme nouveau”, 3 febbraio 1991).
    (Nasa ognjista, XXI, 3, Tomislavgrad, anno 1991, pag. 11).
    L’arcivescovo Kwangju gli disse: “In Corea, nella città di Nadje, la Vergine piange…. Il Papa gli rispose: “Ci sono dei vescovi, come in Jugoslavia, che sono contrari…, ma bisogna guardare il numero delle persone che rispondono all’appello, le numerose conversioni… Tutto questo è nei piani del Vangelo, tutti questi eventi devono essere esaminati seriamente.” (L’Homme Nouveau, 3 febbraio 1991).
    Il Papa ha detto a Fra Jozo Zovko il 20 luglio 1992: “Occupatevi di Medjugorje, proteggete Medjugorje, non vi stancate, tenete duro. Coraggio, io sono con voi. Difendete, seguite Medjugorje.”
    L’arcivescovo del Paraguay Monsignor Felipe Santiago Benetez nel novembre 1994 ha chiesto al Santo Padre se era giusto accettare che i credenti si raccogliessero nello spirito di Medjugorje e soprattutto con un sacerdote di Medjugorje. Il Santo Padre gli ha risposto: “Approva tutto quello che riguarda Medjugorje.”
    Durante la parte non ufficiale dell’incontro tra Papa Giovanni Paolo II ed una delegazione religiosa e statale croata, tenutosi a Roma il 7 aprile 1995, il Santo Padre tra le altre cose ha detto che c’è la possibilità di una sua visita in Croazia. Ha parlato della possibilità di una sua visita a Spalato, al santuario mariano di Marija Bistrica e a Medjugorje (Slobodna Dalmacija, 8 aprile 1995, pagina 3).

    Tra le altre cose io stessa ho conosciuto un sacerdote polacco che faceva colazione e pranzava con papa Giovanni Paolo secondo e che mi ha detto del desiderio del papa di andare lì e ha detto al sacerdote polacco di andare lì. Gli ha addirittura consegnato una stola dicendogli che quando sarebbe andato a Medjugorie doveva benedire con quella stola.

    • #ricciotti   19 ottobre 2013 at 11:24 pm

      La Congregazione per la Dottrina della Fede è intervenuta quattro volte tramite due suoi segretari. E significativo anche l’intervento del Cardinale Ratzinger.

      Mons. Alberto Bovone, nel 1985, avverte il segretario della CEI che non si organizzino pellegrinaggi ufficiali a Medjugorje.

      Mons. Tarcisio Bertone, nel 1995, scrive al vescovo di Langres, Mons. Leone Taverdet, e nel 1996 ripete all’arcivescovo di Besançon, Mons. Luciano Daloz, che si interessavano sulla posizione della Santa Sede nei confronti di Medjugorje e lo ripete nel 1998 a Mons. Gilberto Aubry, vescovo di Réunion. In ogni lettera si afferma che i pellegrinaggi – sia privati che ufficiali a Medjugorje, non sono permessi se presuppongono l’autenticità dell’apparizione, in quanto ciò sarebbe contrario alla dichiarazione della Conferenza episcopale iugoslava. Però i sostenitori di Medjugorje si fermano sulla parola “pellegrinaggi” e non leggono più la “conditio sine qua non”, cioè, se presuppongono l’autenticità dell’apparazione.

      “Frei erfunden” del Card. Ratzinger. Quando nel 1998 un tedesco aveva raccolto le diverse affermazioni attribuite al Papa e al cardinale Prefetto e le ha mandate in Vaticano in forma di memorandum, il Cardinale, il 22 luglio 1988, ha risposto per iscritto: “Io posso dire soltanto che le affermazioni attribuite al Santo Padre e a me sono semplici invenzioni” – frei erfunden. [O. P., p. 283.]

      Visita “ad limina” del 2006. Durante la mia visita ad limina ho riferito al Santo Padre Benedetto XVI non solo i miei dubbi ma anche la mia incredulità circa le “apparizioni” di Medjugorje. Il Papa, che precedentemente è stato Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, mi ha risposto con questa riflessione: “Noi nella Congregazione ci siamo sempre chiesti come per un credente possano essere considerate autentiche apparizioni che succedono ogni giorno e per tanti anni?” [Crkva na kamenu, 4/2007, p. 24.]

      Conclusione. Non è che solo le affermazioni attribuite al Santo Padre e al Card. Ratzinger sono “semplici invenzioni”, ma anche i numerosi messaggi di Medjugorje attribuiti alla Madonna sono semplici immaginazioni. Se la nostra fede è obsequium rationabile – servizio razionale a Dio, culto spirituale, sano e vero (Rom 12, 1), allora essa non può essere frutto della fantasia e dell’allucinazione di nessuno. [O. P., p. 84.] La Chiesa è competente nel dirci questo. Essa ha riportato il suo giudizio, dopo che, a suo nome, 30 sacerdoti e medici, scelti come membri di tre commissioni, hanno indagato il caso coscienziosamente e competentemente per 10 anni in più di 30 sessioni. Non uno ma 20 vescovi hanno affermato responsabilmente che non ci sono prove che dimostrano che si possa trattare di apparizioni soprannaturali a Medjugorje. Il cristiano, rispettoso di ambedue i principi – ratio et fides – si attiene a questo atteggiamento, convinto che la Chiesa non lo inganna.

      dal sito della Diocesi. Scritto di pugno dal Vescovo mons. Peric !!!
      maggiori info: http://radiospada.org/2013/10/tempi-di-apparizioni-e-di-fenomeni-straordinari-medjugorje/