Oggi, il “Giorno dei Morti”. Conoscete la Devozione dei Cento Requiem?

kremsmuenster_chasuble

Moltissime grazie si narrano dagli scrittori delle pene del Purgatorio ottenute dai divoti delle sante Anime per mezzo della divozione dei cento Requiem e tra gli altri racconta il giornaletto mensile intitolato l’Eco del Purga­torio, che un associato del medesimo scrisse al direttore di quel periodico quanto segue: Crederei di mancare alla gratitudine verso le benedette Anime del Purgatorio se le tacessi una grazia che testé ho ricevuto per l’inter­cessione delle Anime stesse. Dedito siccome io sono al commercio, mi sono trovato per ben quattro settimane in gravissime angustie, at­tesa la scadenza in ognuna di esse di impegni commerciali, che, per ragioni imprevedute non mi trovava in grado di soddisfare. Agitato, narrai le mie angustie ad una pia persona, la quale mi consigliò di ricorrere all’assistenza delle Anime del Purgatorio, alle quali io aveva molta divozione. Questa persona m’insegnò di recitare ogni giorno cento Requiem alle sante Anime, domandando loro la grazia di essere provveduto. Praticai con grande fervore questa pia divozione; e per vie al tutto insperate, che neppur avrei potuto immaginare, mi sono tro­vato soccorso e provveduto per guisa da poter soddisfare al tempo debito agl’impegni correnti. Io continuo a recitare ogni giorno i cento Re­quiem ed ho tatto celebrare cinque Messe per i morti, e ne farò celebrare altre per attestare a quelle Anime benedette la mia gratitudine. Qualche dotto e pio scrittore dice che moltis­sime volte si ottengono più facilmente le grazie, che desideriamo, per mezzo delle sante Anime penanti che non per l’intercessione dei Santi stessi.

***

Metodo di praticare la pia divozione.

Per questo pio esercizio, ognuno può servirsi di una corona comune di cinque poste o diecine, percorrendola tutta due volte, per formare le dieci diecine, ossia il centinaio di Requiem.

S’incomincia col recitare un Pater noster, e poi una diecina di Requiem sui dieci grani piccoli della corona, infine della quale si dirà sul grano grosso la seguente giaculatoria:

Gesù mio, misericordia delle Anime del Pur­gatorio, e specialmente dell’Anima di N. N. e dell’Anima più abbandonata.

Indi si recita di séguito la seconda e le altre diecine di Requiem sui dieci grani piccoli se­guenti, ripetendo la suddetta giaculatoria invece del Pater noster ad ogni grano grosso, ossia al fine di ogni diecina. Terminate le diecine (ossia il centinaio) di Requiem, si dica il De profundis:

Finita così questa pia pratica, sarebbe molto utile alle sante Anime se si volessero aggiun­gere in loro suffragio le seguenti brevissime preghiere, in memoria delle sette principali ef­fusioni del preziosissimo Sangue di Gesù Cristo.

I. O dolcissimo Gesù, per il sudore di Sangue che patiste nell’Orto di Getsemani abbiate pietà di quelle Anime benedette; e specialmente dell’Anima di N. N. e dell’A­nima più abbandonata. Requiem…

II. O dolcissimo Gesù, per i dolori che soffriste nella vostra crudelissima Flagella­zione, abbiatene pietà, e specialmente del­l’Anima N. N. e dell’Anima più abbandonata. Requiem…

III. O dolcissimo Gesù, per i dolori che soffriste nella vostra dolorosissima Coronazione di spine abbiatene pietà; e special­mente dell’Anima di N. N. e dell’Anima più abbandonata. Requiem…

IV. O dolcissimo Gesù, per i dolori che soffriste in portare la Croce al Calvario, abbiatene pietà; e specialmente dell’Anima di N. N. e dell’Anima più abbandonata. Requiem…

V. O dolcissimo Gesù, per i dolori che provaste nella vostra Crocefissione, abbia­tene pietà; e specialmente dell’Anima di N. N. e dell’Anima più abbandonata. Requiem…

VI. O dolcissimo Gesù, per i dolori che soffriste nell’amarissima agonia che aveste sulla Croce, abbiatene pietà; e specialmente dell’Anima di N. N. e dell’Anima più ab­bandonata. Requiem…

VII. O dolcissimo Gesù, per quel dolore immenso che soffriste quando spiraste l’A­nima vostra benedetta, abbiatene pietà; e specialmente dell’Anima più abbandonata. Requiem…

Raccomandiamoci ora tutti alle Anime del Purgatorio, e diciamo: Anime benedette! noi abbiamo pregato per voi, ma voi che siete sì care a Dio e state sicure di non poterlo più perdere, pre­gatelo per noi miserabili, che stiamo in pe­ricolo di dannarci e di perderlo per sempre.

(Tratto da: “Filotea per i defunti”;  IMPRIMATUR: In Curia Archiep., Mediolani, die 18 octobris 1901. S. A. M. MANTEGAZZA, Ep. Famag., Vic. Gen. [ripreso da preghiereagesuemaria.it]

6 Commenti a "Oggi, il “Giorno dei Morti”. Conoscete la Devozione dei Cento Requiem?"

  1. #Sh Bernays   2 novembre 2013 at 12:17 pm

    Papa Francesco ha riso e disprezzato le centinaia di rosari detti per non so quale nobile causa. Disprezzerebbe anche questi cento Requiem.

    • #Alvise D'Este   2 novembre 2013 at 2:36 pm

      Quando è successo?

  2. #Sh Bernays   2 novembre 2013 at 9:32 pm

    Quando incontrò i rappresentanti di chiese sudamericane, 4 o5 persone tra cui almeno una donna, ricordo la fotografia. La j conversazione privata venne divulgata, strano che me lo chieda,perchè se ne parlò, non tanto a dire il vero. Mi è rimasto impresso che il papa raccontasse agli ospiti di quella catena di rosari detti in tutto il mondo con tono di meraviglia e scandalo,come se dicesse:” pensate un po’ questi qua come perdono il loro tempo”. Come considerazione del proprio gregge è stata scarsa mi sembra, nonostante tutti i discorsi sulla tenerezze.la misericordia ecc. Mi meraviglia che mi si chieda quando è successo, dovrebbe essere impresso sulla propria carne il ricordo del papa che si scandalizza delle pecorelle. Cercheròriferimenti precisi e li aggiungerò

  3. #Sh Bernays   2 novembre 2013 at 9:57 pm

    Non riesco a trovare. Comunque si tratta dell”incontro con i rappresentanti del Consiglio dei religioni dell’Ameica latina e Caraibi. Le rivelazioni sono us ite su un sito cileno e Rorate da tutto il mondo. In quell’incontro, oltre al tono derisorio verso i rosari recitati a centinaia, è saltata fuori anche la faccenda della “lobby gay” in Vaticano che il papa affermava che esiste ed è potente.