VIDEO. Documentario premiato: (atroci) esperimenti israeliani su 100.000 bambini EBREI sefarditi

ringworm

Ha vinto il Best Documentary Film Award all’Haifa International Film Festival ed è stato trasmesso dalla tv israeliana.

“The Ringworm Children” racconta la storia dell’olocausto dei bambini ebrei sefarditi in Israele. Per “tentare di curare” la tricofitosi nella testa dei bambini sefarditi immigrati, per lo più dal Marocco, o rapiti dallo Yemen, il Ministero della Sanità israeliano, sotto la supervisione di Simon Peres, acquistò nel 1951 negli Stati Uniti sette macchine di Raggi X e li adoperò per un esperimento nucleare di massa su un’intera generazione di cavie umane sefardite.

A 100.000 bambini sefarditi vennero sparate in testa e sul corpo (non coperto da protezioni) dosi 35.000 volte superiori alla soglia massima di raggi gamma. Tali da friggergli il cervello. Per avergli risparmiato gli esperimenti, a quel punto ufficialmente proibiti, sui propri detenuti, o malati mentali, il governo USA versò a quello israeliano 300 milioni di sterline israeliane all’anno, per una somma che oggi varrebbe miliardi di dollari. 6000 bambini morirono subito, gli altri svilupparono tumori che hanno continuato a uccidere e uccidono anche oggi.

In vita, le vittime hanno sofferto e soffrono di epilessia, amnesia, Alzheimer, psicosi, emicranie croniche. Essendo stato esposto l’intero corpo, i bambini svilupparono difetti genetici. La generazione che sopravvisse diventò in perpetuo la classe più povera, malata ed emarginata del paese. Uno storico spiega nel documentario che l’operazione era parte di un programma eugenetico mirato a eliminare le componenti deboli o difettose della società. (Fonte:F.Grimaldi su stampalibera)

Prima parte (le altre sono collegate):

http://www.youtube.com/watch?v=8nsOpLcSDFo&noredirect=1

Altri articoli recenti sul tema ebraico:

Il migliore dei non ebrei merita di essere ucciso? Razzismo e rabbinato contemporaneo

“Misuse of the holocaust”, “shoah business”, leggi bavaglio e vittime sparite