[EDIZIONI RADIO SPADA] Prossimamente – con prefazione di Blondet – il nuovo libro di Giacobazzi

994377_191171327741103_1066823976_n

PROSSIMAMENTE PER LE EDIZIONI RADIO SPADA:

«Era il 1952: il primo ministro israeliano Ben Gurion andò a colloquio con rabbi Avrohom Yeshaya Karelitz, l’eminentissimo religioso detto Chazon Ish, «il visionario». Quel dialogo rimase inciso nella storia dell’ebraismo: era un discorso profetico ma tra sordi. Il primo – uomo pragmatico e abile negoziatore – voleva sapere come far convivere nel «nuovo Stato» ebrei religiosi e laici, il secondo si limitava a mettere sul tavolo la sua saggezza e la tradizione che aveva ricevuto. Il rabbino di fronte alle richieste del premier raccontò un episodio narrato nel Talmud. Due cammelli si incrociavano su uno stretto passo tra le montagne e il cammello senza carichi doveva lasciar la precedenza a quello col basto carico. Con una analogia Chazon Ish affermava che la società moderna doveva affidarsi alla società religiosa, che trasportava i pesi della tradizione. Shlomo Sand riferisce che Ben Gurion si offese e rivendicò il diritto degli ebrei laici (la maggioranza) a governare. Con fermezza il rabbino rispose che il parere della maggioranza non era di alcun interesse per chi aveva giurato di sacrificare la propria vita ai comandamenti ebraici. A decenni di distanza dobbiamo dirlo: ha avuto ragione Chazon Ish. Il «giudaismo laico» è rimasto un basto vuoto. Indietreggiano i kibbutzim e avanzano le scuole rabbiniche, le yeshivot. E il sionismo, sempre più, ossequia ed è subalterno alla «tradizione», fino ad identificarsi col messianismo.

Diversi episodi della vita dei due cammelli sono descritti in questa raccolta. Quel basto pieno cosa contiene? È sempre lo stesso? Chi lo ha caricato? E il cammello col basto vuoto come è arrivato al passo? Cosa è successo ai due cammelli? Nelle pagine che seguono, il giudaismo e la sua teologia politica non sono i soli temi: si accompagnano a riflessioni geopolitiche sul Vicino Oriente e ad alcune analisi di storia contemporanea. Parafrasando Peter Pan possiamo dire che il lettore si troverà di fronte a L’Israele che non c’è»  (Estratto della prefazione di Maurizio Blondet)

Andrea Giacobazzi (1985), già docente del Master Universitario «Enrico Mattei» in Vicino e Medio Oriente (Università di Teramo), è collaboratore di Radio Spada e del quotidiano Rinascita. Ha pubblicato L’Asse Roma-Berlino-Tel Aviv (Il Cerchio, 2010), Il fez e la kippah (Edizioni all’insegna del Veltro, 2012) e il saggio introduttivo alla riedizione di Sionismo Bifronte (Anteo, 2013).

http://www.edizioniradiospada.com/home.html

10 Commenti a "[EDIZIONI RADIO SPADA] Prossimamente – con prefazione di Blondet – il nuovo libro di Giacobazzi"

  1. #ricciotti   12 dicembre 2013 at 1:01 am

    Complimenti Andrea.
    Prenoto una copia.

    Rispondi
  2. #andrea   14 dicembre 2013 at 7:31 pm

    come si fa per ordinarlo? grazie.

    Rispondi
    • #sertillanges   15 dicembre 2013 at 12:44 pm

      stiamo mettendo in piedi il sito di e-commerce; appena sarà disponibile ne daremo comunicazione!

      Grazie

      il team delle Edizioni Radio Spada

      Rispondi
      • #andrea   15 dicembre 2013 at 2:45 pm

        aspetto una vostra email, nell’attesa, cordialmente vi saluto.

        Rispondi
  3. #Mario Russo   14 dicembre 2013 at 8:50 pm

    Complimenti Andrea! Sempre interessantissimo leggerti.

    Rispondi

Rispondi