SULL’ERESIA DEGLI SCISMATICI “ORTODOSSI” E SULLA VERITA’ ASSOLUTA DEL CATTOLICESIMO ROMANO

1818813886

Una delle nefastissime conseguenze di questo periodo della Chiesa, in cui abbiamo al Soglio di san Pietro personaggi che non compiono responsabilmente la missione che – loro dicono – avere affidata da Dio, che antepongono gli interessi e le necessità politiche agli interessi e alle necessità divine, che vogliono piacer agli uomini anziché a Dio, è che tantissime persone, realmente chiamate alla e dalla Verità, finiscono per essere delusi quando vedono l’attuale stato delle cose e il Nemico, sempre pronto come leone ruggente, ne approfitta per deviarli verso altre vie, erronee o imperfette, comunque deficienti di Verità.

E’ il caso della cosiddetta “ortodossia” orientale, religione che si professa cristiana e già condannata in passato dal magistero cattolico come eretica e scismatica, che per varie ragioni sta attirando in questo periodo l’ammirazione di molti cristiani e conservatori occidentali, indubbiamente anche a causa dell’influenza di Vladimir Putin, presidente della Federazione Russa. Tuttavia bisogna ricordare che noi cristiani integralmente e veracemente cattolici non ammiriamo Putin per la sua fede, poiché sempre d’uno scismatico si tratta, ma per la sua politica conservatrice, in difesa della famiglia e della nazione.

Ciò premesso, andiamo ad analizzare attentamente la religione scismatica dei cristiani orientali, detta “Ortodossia”. Anzitutto a livello linguistico va notato che “cattolici” e “ortodossi” sono due titoli che entrambe le Chiese, sia quella romana sia quelle orientali, si auto-assegnano. Anche l’apostolicità, condizione necessaria per rendere validi i sacramenti[1], è condivisa sia dalla Chiesa romana sia da quelle orientali. Quale è dunque il problema?

Uno scisma per interessi politici.

Non è raro sentire ortodossi orientali (ma dopotutto questo è un leitmotiv tipico degli scismatici) affermare che la Chiesa romana ha perduto la vera ed originaria Fede. Eppure, ad analizzare realmente il processo storico che ha portato alla spaccatura tra Occidente ed Oriente cristiano, si comprende benissimo che la colpa di tale divisione è per lo più esclusivamente degli ortodossi.

Sin dai primi secoli, la Chiesa ha ribadito che il primato nella Chiesa spetta al vescovo di Roma, il Papa. Ne parla il Vangelo, lo ribadirono i Padri della Chiesa, lo affermarono solennemente i Concilii ecumenici. Negli Acta del Concilio di Nicea (325), ad esempio, al canone VI leggiamo, a proposito della precedenza di alcune sedi sulle altre: “In Egitto, nella Libia e nella Pentapoli siano mantenute le antiche consuetudini per cui il vescovo di Alessandria abbia autorità su tutte queste province; anche al vescovo di Roma infatti è riconosciuta una simile autorità. Ugualmente ad Antiochia e nelle altre province siano conservati alle chiese gli antichi privilegi”. La Chiesa poneva il vescovo di Alessandria, il vescovo di Gerusalemme e il vescovo di Antiochia come Patriarchi, ossia vescovi con particolare onore e con particolare potere di giurisdizione su quelle regioni. Il Canone specifica che anche al vescovo di Roma è riconosciuta una simile autorità, segno che i nuovi patriarcati venivano costituiti su modello di quello romano, sebbene esclusivamente il Papa mantenga il primato petrino.

Il primato di Roma non fu mai pienamente tollerato dal potere ecclesiastico e soprattutto politico delle regioni orientali. Già Costantino decise di farsi battezzare come ariano in punto di morte, in segno di disprezzo verso la Chiesa di Roma, Chiesa che insieme a tutte le altre aveva dichiarato – proprio nel Concilio da egli stesso convocato a Nicea – l’arianesimo come eresia. Dieci anni dopo Nicea, infatti, lo stesso Costantino convocò un conciliabolo a Tiro, dove condannò il vescovo patriarca di Alessandria, Sant’Atanasio, ed approvato il credo ariano.

Le prime spaccature con l’Oriente, dunque, sono di natura prettamente politica. Costantino e i successivi imperatori cristiani cercavano di manovrare la Fede per questioni di potere e non di verità religiosa. Fu sotto Teodosio, nel 381, che il Concilio di Costantinopoli I stabilì solennemente valide ed immutate le decisioni del Concilio di Nicea e ribadì la condanna all’arianesimo e alle varie innovazioni teologiche che si stavano diffondendo nell’area orientale, che in quanto innovazioni costituivano di per sé eresie. Fu in occasione di questo Concilio, e non prima, che fu istituita la figura del Patriarca di Costantinopoli, che tuttavia aveva un primato d’onore nella regione orientale ed era sottomesso alle decisioni del Pontefice.

Il primato petrino.

Dunque, impossibilitati a dare fondatezza teologica per praticare l’eresia del cesaropapismo[2], il clero orientale e le autorità imperiali continuarono a cercare pretesti teologici per screditare la Chiesa di Roma. Il primo fu, ovviamente, quello riguardante il primato petrino. Commenterà Sant’Alfonso: “È indubitabile che il Signorecomunicando a Pietro il nome di pietra, gli comunicò la podestà vicaria di capo[3]. E continua dicendo più avanti: “Inoltre disse il Signore a s. PietroPasce agnos meos… pasce oves meas[4]. Per la parola pasce s’intende ogni attopastorale di presederecondurre e ridurre. Per agnos s’intendono tutti i fedeli, che sono i figli; e per oves, che sono le loro madri, s’intendono tutti gli apostoli e i vescovi loro successorisecondo il comun sentimento de’ santi padri con s. Leone[5], che scrisseDe toto mundo unus Petrus eligitur, qui et universarum gentium vocationi et omnibus apostolis, cunctisque ecclesiae patribus praeponatur, ut quamvis in populo Dei multi sacerdotes sint, multique pastores, omnes tamen proprie regat Petrus, quos principaliter regit et Christus[6][7].

Più volte fu ribadito il primato petrino del vescovo romano, più volte uscirono dissensi da parte dell’Impero e del clero bizantino. Ma la Chiesa può piegarsi alle esigenze politiche? Il patriarca di Costantinopoli fu quindi scomunicato nel 1054 da Papa Leone IX, ma questi, invece di ritrattare o ubbidire, senza autorità decise di scomunicare a sua volta il Pontefice romano, compiendo una insanabile frattura fra Occidente ed Oriente, nota più tardi con il nome di Grande Scisma.

Sin dal 1054, le varie chiese orientali (molto differenti al loro interno anche a livello teologico, oltre che liturgico, in quanto autocefale [8]) sono cresciute in funzione della loro ostilità a Roma. Mentre la Chiesa Cattolica ha con il tempo approfondito e chiarito solennemente, attraverso i Concilii e le affermazioni dogmatiche e magisteriali, il deposito della Tradizione ereditata dagli Apostoli, le chiese ortodosse non hanno indetto più alcun concilio ecumenico, per timore di dar ragione alla Chiesa Cattolica anche in un singolo dogma.

L’esistenza del Purgatorio.

Ne è un esempio clamoroso il dibattito sul Purgatorio. Qualsiasi cristiano orientale ortodosso, infatti, negherà l’esistenza del Purgatorio come regno ultraterreno alternativo ad Inferno e Paradiso, in cui sono destinate le anime di coloro che muoiono in stato di grazia ma che non hanno ancora espiato definitivamente le proprie colpe. Eppure, anche gli ortodossi durante le loro celebrazioni pregano per i defunti, tradizione che arriva dall’epoca apostolica e che loro continuano a trasmettere. Tuttavia gli ortodossi non hanno avuto mai il coraggio di chiedersi: perché pregare per i defunti?

Infatti, se le anime dei defunti per cui si prega sono all’inferno, le preghiere sono inutili, perché la dannazione è irrevocabile. Se invece essi sono in paradiso, le preghiere sono parimenti inutili, perché hanno già raggiunto la beatitudine, la mèta della propria esistenza. Perché dunque pregare per i defunti se non per dar loro suffragio, ossia aiutarli a raggiungere la pienezza della santità e della salute eterna?

Paradossalmente, anche le tradizioni degli stessi ortodossi danno ragione ai dogmi cattolici. Gli ortodossi negano a parole il dogma del Purgatorio, ma nei fatti lo affermano. Negare una verità di fede esclusivamente per non concordare con Roma è un mero atto di superbia, nonché esternazione di poca libertà spirituale. Può infatti una chiesa essere veramente libera se è costretta in tutto quello che dice a confrontarsi con un’altra, e scegliere ciò che è vero e ciò che è falso in base a ciò che afferma l’altra chiesa?

Costantino santo?

La Chiesa Cattolica non canonizzò mai l’imperatore Costantino, che pure ebbe grandi meriti per il cristianesimo, perché obiettivamente morì in stato di delitto d’eresia. Non solo non si sottomise mai al giudizio della Chiesa, ma pure si fece battezzare come eretico, da ariano.

Eppure le Chiese orientali ortodosse, che pure accettano i concilii da Nicea a Costantinopoli IV e quindi ufficialmente considerano l’arianesimo una eresia, canonizzarono l’imperatore Costantino, in virtù della sua fiera opposizione alla Chiesa romana. Diversa sorte fu per la madre, l’imperatrice Elena, famosa per aver ritrovato la Santa Croce, che la Chiesa canonizzò giustamente, in quanto morì in stato di grazia e cattolica.

La questione del Filioque.

Un altro pretesto per lo scisma fu la questione del Filioque, o della processione dello Spirito Santo. I teologi occidentali aggiunsero nel Credo niceno-costantinopolitano, per una maggiore chiarezza, che “lo Spirito Santo […] procede dal Padre e dal Figlio”. Essa è dunque la terza persona della Santissima Trinità. I teologi orientali, invece, sostenevano che lo Spirito Santo procedesse solo dal Padre e che fosse dunque la seconda persona trinitaria.

Spiega Padre Dragone nel Catechismo di San Pio X commentato: “Da tutta l’eternità il Padre, per via della conoscenza genera il Figlio in modo perfetto e totale, come un atto unico e puro. Il Figlio è quindi perfetto come il Padre da tutta l’eternità. Il Padre contemplando da tutta l’eternità il Figlio lo ama con un amore infinito, e il Figlio da tutta l’eternità ricambia il Padre con lo stesso amore. Padre e Figlio, con un atto unico e perfettissimo spirano a vicenda un amore eterno, infinito, perfetto, Amore che è la Terza Persona, eguale e distinta dal Padre e dal Figlio, e che riceve tutto il suo essere dal Padre e dal Figlio, come da unico principio o fonte d’amore”[9].

Il Vangelo stesso dichiara che lo Spirito Santo non è la seconda, ma la terza persona della Trinità: “Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo”[10].

La mariologia e il peccato originale.

Gli ortodossi, seppur condividendo con noi cattolici la grandissima venerazione per la Madre di Gesù Maria Santissima, negano il dogma della Immacolata Concezione. Il motivo è sempre lo stesso: sebbene gli ortodossi affermano che Maria è la Tutta Pura e affermano che fu esente dal peccato attuale, si ostinano a negare che Maria non nacque priva del peccato originale per evitare di fornire punti d’unione con la teologia cattolica, la quale non è invenzione di nuovi dogmi, ma approfondimento e chiarimento del deposito della tradizione apostolica – lo ribadiamo. Un altro esempio che riprova paradossalmente nello stesso ambito ortodosso la verità dei dogmi cattolici è che loro stessi credono nella Dormizione di Maria Vergine con successiva Assunzione al Cielo (dogma che la Chiesa Cattolica ha affermato solennemente e dogmaticamente solo nel secolo scorso e che gli ortodossi professano da sempre “senza saperlo”). Ora, come sarebbe possibile l’Assunzione in Cielo del corpo di Maria se fosse macchiato dal peccato originale?

Gli ortodossi rispondono a questo quesito con una dottrina sul peccato originale già condannata dalla Chiesa ben prima del Grande Scisma (e che in teoria dunque loro non dovrebbero accogliere, ma lo fanno comunque). Questa dottrina è nota come semipelagianesimo. Quando l’eretico Pelagio, nel IV secolo, affermò che la libertà umana sarebbe di per sè in grado di realizzare la salvezza attraverso un’autonoma decisione di accogliere o non accogliere la grazia e attraverso la capacità di compiere opere buone, la Chiesa prontamente condannò infallibilmente questa eresia, detta dal nome del suo fondatore pelagianesimo, nel Concilio di Efeso (431) e sant’Agostino di Ippona (santo anche per gli orientali!) emerse come la figura cardine in questa lotta antipelagiana. Successivamente, alcuni teologi marsigliesi elaborarono una nuova dottrina, detta semipelagianesimo, per contrastare quello che a loro avviso era una visione troppo rigida sul peccato originale, spregiativamente chiamata “agostinismo” e che vedevano in Tertulliano e sant’Agostino i principali esponenti. Questi teologi semipelagiani diffusero in Oriente la dottrina secondo la quale Adamo ed Eva commisero il peccato originale, ma i loro discendenti ereditarono solo le conseguenze del peccato e non anche la colpa (la Chiesa invece insegna che l’uomo eredita dai progenitori sia la colpa sia le conseguenze, per questo motivo se uno muore senza valido Battesimo cristiano non può accedere nel regno dei cieli, come anche insegna il Vangelo). Questa dottrina semipelagiana fu condannata infallibilmente nel Concilio di Orange (529 – ben prima del Grande Scisma, e che quindi anche gli ortodossi dovrebbero riconoscere!), eppure continuò ad essere insegnata e creduta presso le chiese orientali.

Per queste ragioni, gli ortodossi oggi insegnano che la Madonna non è definibile come Immacolata Concezione, in quanto tutti gli uomini vengono concepiti “immacolati”, perché non ereditano la colpa originale ma solo le conseguenze del peccato. La Madonna avrebbe mantenuto semplicemente il naturale stato di innocenza per tutta la propria vita, a differenza degli altri uomini, e quindi considerata degna di essere assunta in cielo dopo la Dormizione.

La Theosis

Un concetto che affascina molto da noi in Occidente è quello della theosis, letteralmente “divinizzazione”, ma che è per lo più male interpretato.

L’interpretazione che si tende a dare, da noi in Occidente, infatti, della theosis ortodossa è di stampo indo-gnostico, tradendo quindi l’autentico significato che esso ha presso le comunità cristiane orientali.

Lo stesso concetto è presente nel cattolicesimo, se non più approfondito addirittura, dato che è in Occidente che questo concetto è nato, per opera di San Cirillo d’Alessandria e di Sant’Agostino di Ippona, due dottori della Chiesa. Ne parla in maniera eminente anche San Tommaso d’Aquino, e ricordiamo che la teologia tomista ha carattere vincolante.

La theosis non è divinizzazione nel senso che l’Uomo deve divenire uguale a Dio. Questa falsa interpretazione è di matrice gnostica, rifacendosi alla falsa promessa del serpente in Eden, allorquando disse: “Mangiate dell’albero della vita e sarete come Dio”.

L’uomo sarà divino nel senso che sarà perfetto in sé dopo il Giudizio Universale e questo è un concetto base non solo della teologia ortodossa, ma anche di quella cattolica. Chi afferma il contrario lo fa per ignoranza.

Scrive l’Aquinate: “L’Unigenito Figlio di Dio, volendo che noi fossimo partecipi della sua divinità, assunse la nostra natura, affinché, fatto uomo, facesse gli uomini dèi”[11]. Questo logicamente non significa che noi diverremo parte integrante della Trinità o assumeremo gli attributi perfettissimi di Dio. L’uomo è corrotto dal peccato originale, egli è per il momento incline (ma non in maniera inesorabile) al male, tuttavia la sua vera natura è quella di amare Dio e compiere il bene. Dunque in questo senso il termine divinizzazione è da intendere come “restaurazione della natura primigenia dell’uomo”, natura perfetta e non perfettissima (che ha invece solo Dio).

La difficile diffusione dell’ortodossia nel mondo.

A causa della grande ostilità delle chiese ortodosse verso la Chiesa di Roma, della sua disunità e mancanza di coesione apostolica, la fede orientale non si è largamente diffusa nel mondo come quella cattolica. Un corpo unito, infatti, con un capo sano e costante è un corpo che funziona. Le chiese ortodosse sono autocefale, cioè ogni singolo vescovo è un capo a sé stante, autonomo nella propria giurisdizione. Non c’è unità.

Per questo motivo, l’ortodossia si è diffusa nell’oriente eurasiatico solo per occasioni politiche. Le chiese ortodosse rappresentavano chiese nazionali, non universali (catholikòs in greco significa “universale”, eppure le chiese ortodosse si definiscono anche cattoliche, senza di fatto esserlo). Nel 1589, era sorto il patriarcato di Mosca come ultimo atto di una serie di prese di posizione da parte dei granduchi di Moscovia che avevano progressivamente accentuato il loro distacco dalla Chiesa ortodossa greca. La conseguenza immediata fu che nel 1448 il sinodo dei vescovi russi elesse autonomamente il metropolita di Mosca staccandosi in questo modo da ogni residuo di soggezione gerarchica nei confronti di Costantinopoli. Un atto illecito, ovviamente, come tutti i sinodi ortodossi.

Monofisismo, miafisismo o  difisismo?

In ultimo, le chiese orientali ortodosse sono divise anche a livello cristologico. La Chiesa Cattolica dichiarò solennemente nel Concilio di Calcedonia (451) che in Cristo vi sono due nature, quella umana e quella divina, non mescolate e non rappresentando però in Lui due persone distinte.

La gran parte delle chiese ortodosse orientali accetta la definizione di Calcedonia sulla natura di Cristo, ma altre si sono divise ulteriormente e sono dette “non-calcedonesi”. Una di queste è la chiesa difisista, detta anche nestoriana per il fondatore di questa cristologia eretica, Nestorio, che sosteneva che in Gesù Cristo le due natura umana e divina formavano due persone distinte e poneva come conseguenza il fatto che Maria non fosse Madre di Dio, ma solo dell’Uomo Gesù.

Le chiese monofisiste si oppongono alle chiese ariane (ormai scomparse). Mentre le seconde proclamavano unicamente la natura umana di Cristo, le prime proclamano unicamente la natura divina. Gesù Cristo – dicono loro – non è vero uomo, ma solo vero Dio. Così facendo, accettarono eresie di matrice gnostica quale il Docetismo e spianarono la strada ad alcune correnti eretiche successive, quale il Catarismo, e in seguito influenzarono uno dei cardini dell’Islam:  sia docetisti che catari, infatti, sostenendo solo la divinità di Cristo, affermavano anche che Egli non poteva soffrire, né avere un genere sessuale proprio, né morire, e quindi la morte in croce fu solo apparente, né ovviamente avere Maria per Madre, in quanto Gesù è solo vero Dio, perché fu generato direttamente dal Padre e Maria fu solo il mezzo per manifestare il Verbo al mondo, ma in alcun modo concorse alla procreazione del Corpo.

Le chiese miafisite sostengono che la natura di Cristo è solo una, dovuta al mescolamento di quella umana e quella divina. Divinità e umanità, dunque, in Gesù Cristo sono confuse, non nettamente distinte, come invece sostiene il Concilio di Calcedonia. Costituiscono queste alcune delle chiese ortodossi più influenti, come quella copta, quella etiopica e quella armena.

Gaetano Masciullo, clicca qui per altri articoli e studi.

 

[1] L’apostolicità è la diretta discendenza episcopale dagli apostoli ai vescovi attuali. Senza apostolicità, non c’è Ordinazione sacerdotale, ergo tutti i Sacramenti – eccetto il Battesimo – non possono essere amministrati. Per questo motivo, ad esempio, i protestanti che negano il sacramento dell’Ordine Sacerdotale e l’esistenza stessa del Sacerdozio particolare, celebrano messe nulle, invalide. La consacrazione del pane e del vino da parte di un laico o di un pastore luterano o di un monaco buddista non si trasformerà mai nel Corpo e nel Sangue di Cristo.

[2] Eresia che sostiene l’unità nella figura dell’imperatore del potere temporale sullo Stato e spirituale sulla Chiesa Universale, Papa incluso. Già Costantino usò l’arianesimo per difendere questa eresia. Il Papa possiede primato spirituale su tutta la Chiesa ed è infallibile nel suo Magistero.

[3] Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, La Verità della Fede, Parte III, Cap. VII

[4] “Pasci i miei agnelli… pasci le mie pecore”

[5] La testimonianza di San Leone Magno risale al V secolo, dopo Nicea e Costantinopoli I

[6] “Da tutto il mondo fu eletto Pietro, per essere preposto alla vocazione di tutte le genti e a tutti gli Apostoli e Padri della Chiesa, cosicché, benché nel popolo di Dio vi siano molti Sacerdoti e molti pastori, tuttavia Pietro governi con potere proprio tutti quelli che in primo luogo governa anche il Cristo”

[7] Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, ivi

[8] Nelle chiese ortodosse orientali il Patriarca di Costantinopoli ha solo un primato d’onore, non di giurisdizione, come invece è per il Papa romano nella Chiesa Cattolica. Il Patriarca è unus inter pares. La massoneria e i modernisti, per distruggere definitivamente il potere papale, vogliono introdurre anche nella Chiesa Cattolica il collegialismo, che ridurrebbe la figura del Pontefice ad un ruolo del tutto simile a quello che occupa il Patriarca di Costantinopoli nelle chiese orientali.

[9] Padre Dragone, Spiegazione del Catechismo di San Pio X, Ed. Sodalitium, pag. 70

[10] Matteo 28,19

[11] San Tommaso d’Aquino, Opusculum 57 in festo Corporis Christi, 1

 

8 Commenti a "SULL’ERESIA DEGLI SCISMATICI “ORTODOSSI” E SULLA VERITA’ ASSOLUTA DEL CATTOLICESIMO ROMANO"

  1. #Impastato   6 gennaio 2014 at 9:49 pm

    Potreste stare piu’ attenti alla formattazione del testo? Sarebbe stato gradibile e piu’ facile leggere il post se ben formattato

    Rispondi
  2. #Teo   6 gennaio 2014 at 11:55 pm

    Se possibile vorrei sapere da dove è stata presa la notizia ( ma soprattutto da chi) nella quale si dice che Costantino (dopo essere stato Battezzato e quindi convertito al Cristianesimo)…. si sia fatto ariano….. a me non risulta…. Grazie.

    Per il resto sono d’accordo con l’articolo che descrive l’eresia degli ortodossi.

    Rispondi
    • #Teo   8 gennaio 2014 at 2:55 pm

      Se possibile, vorrei una risposta circa la domanda che ho posto nel commento precedente, ossia, chi sia l’autore e da quale testo risulti che Costantino sia divenuto ariano.

      Poichè, conosco una storia molto diversa….. vieppiù da dire che, se Costantino divenne ariano e quindi nemico della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, come mai i suoi successori (imperatori) lasciarono che la stessa Chiesa Apostolica Romana, continuasse a beneficiare di quanto Costantino lasciò ad Essa?

      Le leggende nere contro Costantino sono di vecchissima data…. ad esempio quella in cui, si avrebbe ricevuto il Battesimo Cattolico in punto di morte e la ‘falsità’ della Donazione di Costantino …. una balla storica, che ancora gira….Costantino divenne Cattolico prima di fondare Costantinopoli e la Donazione fu vera eccome!!!

      Rispondi
      • #Gaetano Masciullo   21 gennaio 2014 at 12:28 pm

        Costantino fu battezzato in punto di morte nell’anno 337 da Eusebio di Nicomedia, vescovo ariano e discepolo dell’eretico libico, nonché parente dell’imperatore. Costantino non è mai stato canonizzato da Roma, mentre dagli ortodossi è considerato santo.

        Rispondi
      • #Aq   20 marzo 2016 at 2:15 am

        Se e’ ignorante taccia dunque.

        Rispondi
  3. Pingback: Byzanteens e filortodossi: a state of mind. Qualche notarella alle convizioni dei più giovani e ganzi. | Radio Spada

  4. Pingback: La strana sindrome di nonno Basilio: 19 – Exsurgatdeus.org

  5. Pingback: La strana sindrome di nonno Basilio: 20 – Exsurgatdeus.org

Rispondi