Riflessioni a margine dell’urlo di dolore del prof. Roberto de Mattei. Lettera aperta al medesimo!

Riflessioni a margine dell’urlo di dolore del prof. Roberto de Mattei. Lettera aperta al medesimo!

Leggo il “grido di dolore” del prof. R. De Mattei, noto storico e cronista contemporaneo, diffuso dalla testata on-line Corrispondenza Romana il giorno 11 febbraio 2014, con titolo: «2013-2014: Motus in fine velocior». Questo scritto – che verosimilmente è costato al De Mattei l’allontanamento da Radio Maria, come in passato era già accaduto ai signori Gnocchi e Palmaro – credo possa essere riassunto secondo il seguente …

SCHEMA

1) Rinuncia (ovverosia abdicazione, la Chiesa è monarchica) di JA Ratzinger (Benedetto XVI), quale «fulmine a ciel sereno», così dice parafrasando il Sodano;

2) Designazione di JM Bergoglio (Francesco) il quale vuol distinguersi ed essere gradito a tutti i costi (Confr. Gal. 1,10 par.), esordisce difatti con un inadeguato “buona sera”, si presenta solamente come “vescovo di Roma” (sarebbe invece Vicario di Cristo, successore di san Pietro, monarca, colonna, pietra, ecc…), sceglie il nome Francesco «quasi a voler rappresentare un unicum» (basterebbe conoscere il breve contenuto della «Sacra Propediem» di Benedetto XV per comparare il vero volto di san Francesco con le odierne offensive sue “parodie”);

3) Dichiarata consapevolezza da parte dello stimato prof. De Mattei, diversamente dal passato, che affermazioni verbali come “chi sono io per giudicare” (Confr. Mt. 16,19), “la notte, quando si chiudono le porte […] Maria apre la porta del Paradiso e fa entrare tutti [i peccatori, NdA]” [1], “la Madonna […] forse aveva la voglia di dire [a Dio, NdA]: Bugie! Sono stata ingannata![2], l’equiparazione[3] fatta nella sua predicazione, ed in spregio a N.S.G.C., fra fede di Abramo (che invece era cristiano in voto) e Giudaismo del Talmud (Confr. con Catechismo san Pio X, n° 124, 126, 131, 132), le famose «lettera a Scalfari e intervista a Civiltà Cattolica», ecc… tutto ciò e molto altro oggi, per il prof. De Mattei, ha questa ricaduta pratica: «[…] si disse che non erano atti di magistero, ma tutto ciò che da allora sta accadendo nella Chiesa, deriva soprattutto da quelle interviste che ebbero carattere magisteriale di fatto se non di principio»;

4) Scontro fra la destra (Müller) e la sinistra (Maradiaga) all’interno della chiesa conciliare;

5) Basilare ed insindacabile, poiché di fede rivelata, promemoria: «[…] la Chiesa accoglie tutti coloro che si pentono dei propri errori e peccati e si propongono di uscire dalla situazione di disordine morale in cui si trovano, ma non può legittimare, in alcun modo, lo status di peccatore» (approfondimenti in nota [4]);

6) Constatazione che: «[…] nel primo anno di pontificato di Papa Francesco, la Chiesa ha rinunciato ad uno dei suoi divini attributi, quello della giustizia, per presentarsi al mondo [solamente, NdA] misericordiosa e benedicente» (bisognerebbe dire “buonista” o anticattolica continuando a rinunciare, di fatto, ad unità e santità della fede, del governo e del culto, alcune delle note distintive della vera e visibile Chiesa fondata da Cristo)[5];

7) Citazione tendente – è evidente senza alcuna mala fede o pretesa profetica – al millenarismo mitigato: «[…] viviamo un’ora storica che non è  necessariamente la fine dei tempi, ma è certamente il tramonto di una civiltà e la fine di un’epoca nella vita della Chiesa. Se al chiudersi di quest’epoca  il clero e il laicato cattolico non assumeranno fino in fondo le loro responsabilità, si avvererà inevitabilmente il destino che la veggente di Fatima ha visto svelarsi davanti ai propri occhi […]»;

8) Riflessione conclusiva: «[…] la drammatica visione del 13 maggio [a Fatima, NdA] dovrebbe essere più che sufficiente per spingerci a meditare, pregare ed agire. La città è già in rovina e i soldati nemici sono alle porte. Chi ama la Chiesa la difenda, per affrettare il trionfo del Cuore Immacolato di Maria».

PS: questa mia personale e schematica interpretazione (che potrebbe essere anche sbagliata) non può e non deve sostituirsi allo scritto del prof. De Mattei. Pertanto ne consiglio vivamente la lettura!

RIFLESSIONI A MARGINE DI TUTTO CIÒ

Esprimo la mia vicinanza morale (e nella garantita preghiera) al prof. Roberto De Mattei, mentore di molti storici e cronisti cattolici  contemporanei, sebbene non di teologi e/o di canonisti. È davvero affliggente l’essere esclusi, il sentirsi non più accettati. Accadde anche a me, quando mi permisi di confutare pubblicamente la teologia del “padre di Erba”, e fui invitato da un editore a ritrattare oppure a scegliere la porta («stretta», Cf. Mt. 7,13). E la scelsi!

Caro professore non se ne dolga più del dovuto, guardi all’insegnamento propedeutico di questo presunto “castigo”, si rilegga casomai il suo celebre editoriale: «I castighi di Dio nella Fede cattolica: il Professor de Mattei risponde a Padre Mucci s.j.», dove confutava il panteismo di alcuni noti predicatori conciliari contemporanei (Cf. Sillabo, § I). A parer mio Radio Maria perde, di minuto in minuto, quella parvenza di credibilità che proprio studiosi come lei, Gnocchi, Palmaro ed altri le avevate dato (si legga la nota del 2005, Bertone).

Nel suo «2013-2014: Motus in fine velocior» lei dice: «[…] se questa è la strada che si vuole percorrere, è il momento di dire che si tratta di una strada verso lo scisma e l’eresia, perché si negherebbe la fede divina e naturale che nei suoi comandamenti non solo afferma l’indissolubilità del matrimonio, ma proibisce gli atti sessuali al di fuori di esso, tanto più se commessi contro natura».  Facendo seguito a questa sua riflessione, secondo alcuni tardiva, mi permetto di domandarle e, auspico, di farle solo ora presente:

1) Ma perché, nel documento dottrinale e di docenza, dato per pastorale, «Dignitatis Humanae»[6] non è forse scritto: «Il diritto alla libertà religiosa non si fonda quindi su una disposizione soggettiva della persona, ma sulla sua stessa natura. Per cui il diritto ad una tale immunità perdura anche in coloro che non soddisfano l’obbligo di cercare la verità e di aderire ad essa, e il suo esercizio»; con ciò consentendo pure agli Stati, quindi in «foro esterno», di promulgare presunte leggi a garanzia di presunte libertà che in realtà «vanno dietro alla carne e disprezzano il Signore» (2Pt. 2,10). Tutto ciò si contrappone apertis verbis al Magistero solenne, universale e ordinario della Chiesa fondata da Cristo (Cf. Pio IX, «Quanta cura» e «Sillabo» ai n° 15, 55, 77, 78 e 79;  Leone XIII, «Libertas» e «Immortale Dei»; Pio XII, allocuzione «Ci riesce» del 6 dicembre 1953; Pio VII (1814), «Lettera al Vescovo di Troyes»; Gregorio XVI, «Mirari Vos»; ecc… approfondimenti in nota [7]).

2) Potrei proseguire per ore, senza alcuna pretesa ed assolutamente senza volermi moralmente (e nel giudizio) sostituire alla Chiesa! Mi limito solo a farle presente, per evitare di calcare troppo la mano in una circostanza così raccapricciante, che nel 2002 (trad. 2005) JA. Ratzinger in «Pilgrim Fellowship of Faith» concludeva che «[…] l’anafora di Addai e Mari, la più usata dai Siriani, non include il racconto dell’istituzione […]», eppure – facendo seguito alle imposizioni universali della «Unitatis redintegratio» – nel 2001 approvava il documento «Orientamenti per l’ammissione all’eucaristia fra la chiesa Caldea e la chiesa Assira dell’oriente», dove è scritto che nelle citate «chiese particolari» è stata invece preservata «[…] la piena fede eucaristica nella presenza di nostro Signore sotto le specie del pane e del vino e nel carattere sacrificale dell’Eucaristia» ed esse hanno «[…] veri sacramenti, soprattutto, in forza della successione apostolica, il sacerdozio e l’Eucaristia». Tutto ciò chiaramente in opposizione al santo ed ecumenico Concilio di Trento, Sessione VII del 3 marzo 1547, Canoni sui sacramenti, in genere  (approfondimenti in nota [8]).

GUARDIAMO CATTOLICAMENTE AL MAGISTERO ED AL PONTEFICE

Estrapolo da varie pagine (con relative note) del volume APOLOGIA DEL PAPATO che, a Dio piacendo, sarà pubblicato a mia firma da EffediEffe in aprile/maggio 2014.

Brevemente introduco dei concetti di Magistero attingendo alla nota «Enciclopedia del Papato»[9]. Si legge sull’obbedienza che si deve al Papa (ed al Magistero): «[…] Di fronte a una parola o a un Documento pontificio il cristiano dovrà regolare la sua sottomissione e il suo assenso non tanto tenendo conto dell’argomento trattato, cioè dell’oggetto materiale che esso tocca, quanto dell’autorità, delle intenzioni che esso manifesta».

Sotto quali forme e da quali segni si riconosce l’autorità pontificia nell’esercizio della funzione dottrinale? «[…] le definizioni ex cathedra non sono le sole manifestazioni del Magistero apostolico che s’impongono al rispetto, all’obbedienza, al religioso assenso o alla fede esplicita dei fedeli. I Padri del Concilio Vaticano [I] lo hanno voluto ricordare, e lo stesso fa il Codice di Diritto Canonico[10]: “Evitare la depravazione eretica non basta; bisogna anche evitare coscienziosamente gli errori che sono più o meno legati ad essa; e per questo tutti devono osservare anche le Costituzioni e i Decreti con cui la Santa Sede condanna e interdice questo genere di false opinioni” (Can. 1324)».

Quali sono le caratteristiche per riconoscere un autentico insegnamento pontificio? «Innanzitutto deve provenire direttamente dal Sommo Pontefice oppure deve essere approvato dal Papa che se ne assume personalmente la responsabilità. […] Il Sovrano Pontefice può far suo [anche, NdA] un decreto del Sant’Ufficio[11] o di una Congregazione, mediante un’approvazione speciale, in forma specifica, indicata dalla formula “motu proprio […]” o da una equivalente. […] Perché un atto del Magistero pontificio sia autentico basta che il Sommo Pontefice parli, insegni, dichiari, approvi o condanni a viva voce o per iscritto, con l’intenzione manifesta di esercitare le funzioni di dottore della Chiesa universale, di essere ascoltato, capito e obbedito da tutti coloro che egli ha la missione di istruire, illuminare e preservare dall’errore. […] [Per capire la forma di un atto di Magistero], la “forma estrinseca”[12] importa poco. Per insegnare alla Chiesa il Sommo Pontefice può affidare il suo pensiero [ad un Documento], può anche farlo oralmente in una Allocuzione concistoriale al Sacro Collegio o in un Discorso d’udienza solenne. Insomma, l’insegnamento autentico del Papa si può trovare in tutti i Documenti che esprimono il concetto di comunicazione autentica della parola magisteriale. Non bisogna tanto preoccuparsi della “forma estrinseca” del documento: se cioè il Papa ha parlato con una Enciclica oppure con Lettere dirette ad alcuni vescovi oppure con un’Allocuzione […] ciò che distingue i Documenti tra loro e permette di misurare il loro esatto valore dogmatico, legislativo o disciplinare, non è tanto la loro “forma estrinseca” quanto l’intenzione di definire o semplicemente di avvertire, di condannare o mettere in guardia, di comandare, di consigliare, di suggerire»[13].

Non è quindi la «tipologia» o la «denominazione» di Documento – o come esso viene definito e chiamato da terzi – che ci consente di «misurare l’esatto valore dogmatico, legislativo o disciplinare» dello stesso, poiché «il Sommo Pontefice può avere e manifestare la volontà di proporre definitivamente una dottrina come norma da adottarsi e seguirsi da tutti i fedeli [in qualsiasi “maniera”, NdA]; al contrario, ci possono essere Encicliche di esortazione o di ammonizione senza che vi appaia l’intenzione di definire qualche verità»[14].

Quali sono, quindi, quei Documenti che possono indirettamente manifestare l’«insegnamento autentico» della Chiesa?  Sempre secondo la prestigiosa «Enciclopedia del Papato» già citata, ma anche secondo la rara e oggi ben nascosta «Enciclopedia Cattolica» (Vaticano, imprimatur 1951, vol. VI v. Infallibilità e vol. VII v. Magistero): «D’altronde l’insegnamento diretto della verità non è l’unico che impegna l’autorità, anzi l’infallibilità del Sommo Pontefice. C’è pure un insegnamento indiretto, “implicito”, ma efficacissimo, della fede e della morale cristiana. Con le leggi che impone ai fedeli e che reggono i loro costumi; con le preghiere liturgiche che approva o prescrive; con le canonizzazioni che offrono al popolo cristiano esempi concreti e normativi di autentica santità; con l’approvazione delle regole monastiche che fissano ai religiosi una via autentica e sicura per raggiungere la perfezione cristiana; con tutto quest’insieme di regole pratiche e di istituzioni educative, la Chiesa e il Sommo Pontefice contribuiscono potentemente a creare nelle anime modi di pensare, opinioni, una mentalità. Si pensa come si vive e si crede come si prega. “Lex orandi, lex credendi”. E tutto questo influisce tanto sulla conservazione e sull’intelligenza del dogma rivelato, sulla fede collettiva della Chiesa, che è impossibile credere che questo insegnamento indiretto, “implicito” ma efficacissimo, sia sprovvisto dell’assistenza promessa da Cristo al suo Vicario e alla sua Chiesa per illuminare e confermare la fede di quelli che credono in lui. Perciò, tra i Documenti che possono manifestare indirettamente l’insegnamento autentico del Sommo Pontefice nelle sue funzioni di Pastore e dottore supremo della Chiesa universale, bisogna includere le leggi di cui egli è veramente l’autore responsabile (o Codice di Diritto Canonico). […] Bisogna annoverare anche le Bolle di canonizzazione e quelle di approvazione e di conferma degli Ordini religiosi»[15].

Il Papa è vero successore di san Pietro, è pertanto risparmiato da ogni errore nel suo insegnamento (talvolta anche solo verbale[16]), perché la sua mis­sione è di continuare l’insegnamento stesso di Gesù Cristo, e perché Dio non può permettere al suo Rappresentante in terra di condurre le anime all’errore[17]. Credere in Gesù Redentore è credere nella Chiesa, e credere nel­la Chiesa è credere nel Papa. Ecco perché lei dice finalmente: «[…] si disse che non erano atti di magistero, ma tutto ciò che da allora sta accadendo nella Chiesa, deriva soprattutto da quelle interviste che ebbero carattere magisteriale di fatto se non di principio».

ALTRE PREMESSE

Posto tutto quanto su scritto e confermato anche dal «Denzinger», v. Canonizzazione, Chiesa, ConvergenzaDogma, Infallibilità, Magistero, PerpetuitàPontefice, ecc… e dalle circa 200 fonti  garantite da imprimatur preconciliare che uso in APOLOGIA DEL PAPATO

Posto che, documenti di Magistero alla mano[18], la resistenza è lecita (quale delegittimazione morale)  contro l’eretico, il violento e l’usurpatore, ma non contro il Papato, e mai abitualmente; posto che le armi oggi usate per fomentare (auspico involontariamente) alcune ribellioni sono rispettivamente condannate e confutate già da tempo da Pontefici e Dottori: a) san Paolo vs san Pietro[19]; b) Caifa sacerdote[20]. Posto che “Resistere in faccia davanti a tutti” passa la misura della correzione fraterna[21]; posto che la resistenza del popolo vs Nestorio è assolutamente non accomunabile alla presente (diversi sono storia, materia, circoscrizione e manifestazione). Posto che la simonia non invalida la designazione, mentre l’eresia formale (che teologicamente presuppone la pertinacia) si[22]. Posto che, per esempio, insegna san Bonaventura[23] nel testo «La perfezione evangelica»:

«Inoltre, Papa Stefano V, nella stessa distinzione, dice: “In realtà, poiché la santa Romana Chiesa, alla quale Cristo ha voluto che noi presiedessimo, è stata costituita come specchio e modello per tutti, è fatto obbligo di osservare per sempre e irrefragabilmente ogni suo ordine”[24]. Inoltre, Papa Gregorio, nella stessa distinzione, dice: “A nessuno è consentito di esercitare la volontà o la possibilità di trasgredire i precetti della Sede  apostolica”[25]. E poi aggiunge: “Pertanto, sia prostrato dal dolore della propria rovina chiunque avrà voluto opporsi ai decreti della Sede apostolica; poiché nessuno ignora che costui è stato già condannato dal santo Sinodo e dalla Chiesa apostolica per la sua disobbedienza e presunzione” […] Inoltre, Papa Ilario, nella Causa vigesimaquinta, questione prima, dice: “A nessuno sia consentito, senza rischio del suo stato, violare le costituzioni divine o i decreti della Sede apostolica”[26]. Inoltre, Papa Adriano, nella medesima causa, dice: “Stabiliamo mediante un generale decreto che sia maledetto con la scomunica e presentato sempre come prevaricatore della fede cattolica e come colpevole al cospetto di Dio chiunque tra i re o i vescovi o i potenti avrà creduto o permesso che sia in seguito violata in qualcosa la censura dei decreti dei pontefici romani”»[27].

Posto che i casi Liberio, Vigilio, Onorio, ecc.. non sono accostabili neanche lontanamente (se non per fantasia) alla situazione che lei, caro professore, denuncia nel suo scritto, come fa notare sant’Alfonso Maria de Liguori, Dottore della Chiesa, nel suo mirabile «Verità della fede», parte III, cap. X, 20,ss., testo che «Obscura insuper dilucidavit dubiaque declaravit, cum inter implexas theologorum sive laxiores sive rigidiores sententias tutam straverit viam, per quam Christi fidelium moderatores inoffenso pede incedere possent»[28].

Posto che Giovanni XXII, pur avendo proferito eresia (materiale) in omelie e dissertazione, restò Papa poiché accettò che una commissione CARDINALIZIA analizzasse il caso e si esprimesse, dietro sollecitazione del re Filippo VI di Francia, il quale domandò a sua volta un esame dall’Inquisizione alla Chiesa stessa. Ne derivò che il Pontefice restò tale, quindi non perse la Potestà di giurisdizione. Successivamente ritrattò con la bolla «Ne super his» (datata 3 dicembre 1334), pur degente nel letto di morte. 

LE VARIE VIE?

Gentile e stimato professore, le domando (senza alcuna ironia), lei come crederà di vivere questo suo invito pubblico: «Chi ama la Chiesa la difenda, per affrettare il trionfo del Cuore Immacolato di Maria»?

1) Forse all’uso della teologia gherardiniana[29], che, nella piena emulazione del Congar[30], insegna: «Troppo spesso, però, si fa dello strumento [il Magistero, NdA] un valore a sé e si fa appello ad esso [al Magistero, NdA] per troncare sul nascere ogni discussione, come se esso [il Magistero, NdA] fosse al di sopra della Chiesa e come se davanti a sé non avesse la mole enorme della Tradizione da accoglier interpretar e ritrasmettere nella sua integrità e fedeltà.  E proprio qui s’evidenziano quei limiti che lo salvaguardano dal pericolo dell’elefantiasi e dalla tentazione assolutistica». Contesto la proposizione, poiché questa può essere il preludio al relativismo dogmatico (approfondimenti in nota [31]). In verità «la mole enorme della Tradizione» è già «accolta, interpretata e ritrasmessa nella sua integrità e fedeltà» proprio dal Magistero e, come insegna la Chiesa, qualora – e solo se allora – dovessero sorgere «discussioni» attorno a questioni di «integrità e fedeltà» della dottrina già definita, è solamente perché qualcuno vuol rifiutare parimenti sia il Magistero che la Tradizione, poiché il primo già acclude la seconda. Ecco perché la «Humani generis», Lettera Enciclica di Papa Pio XII, del 12 agosto 1950: «[…] Quanto viene esposto nelle Encicliche dei Sommi Pontefici circa il carattere e la costituzione della Chiesa, viene da certuni, di proposito e abitualmente, trascurato con lo scopo di far prevalere un concetto vago che essi dicono preso dagli antichi Padri, specialmente greci. I Pontefici infatti – essi vanno dicendo – non intendono dare un giudizio sulle questioni che sono oggetto di disputa tra i teologi; è quindi necessario ritornare alle fonti primitive, e con gli scritti degli antichi si devono spiegare le costituzioni e i decreti del Magistero. Queste affermazioni vengono fatte forse con eleganza di stile; però esse non mancano di falsità. Infatti è vero che generalmente i Pontefici lasciano liberi i teologi in quelle questioni che, in vario senso, sono soggette a discussioni fra i dotti di miglior fama; però la storia insegna che parecchie questioni, che prima erano oggetto di libera disputa, in seguito non potevano più essere discusse». Inoltre la filosofia deve sottomettersi all’autorità[32];

2) Forse all’uso della teologia detta volgarmente lefebriana[33], che, pur riconoscendo piena autorità a Pontefice e Gerarchia attuali [ed ai predecessori a partire da Montini (Paolo VI)], considera il Papa un eretico/scismatico[34], considera l’ecumenico Concilio Vaticano [II] promulgatore di nuovi dogmi contrari a quelli della Chiesa[35], considera fallibili le definizioni di Magistero ordinario e le prescrizioni di Diritto divino contenute nel Codex Juris Canonici (qui un esempio grottesco), le canonizzazioni, le promulgazioni universali di culto che si deve a Dio, ecc… (approfondimenti e confronti con il Magistero della Chiesa). Per capire l’illogicità di questa posizione basta aprire anche solo un dizionario di teologia e confrontare le voci Chiesa, Infallibilità, Magistero, san Pietro, Verità e Virtù con le voci Eresia, Errore, Lutero, Peccato, Vizio e Scisma. Con tutto il bene che possa personalmente volere a molti sacerdoti e fedeli della FSSPX; con tutto il rispetto che si deve alla rumorosa e determinante denuncia di mons. Lefebvre presso il Concilio, la Pallavicini ed altrove; con tutta la gratitudine che si deve anche (ed in parte) a mons. Lefebvre per aver presumibilmente salvato la successione; con tutta la bontà e la buona volontà possibili … mi risulta tuttavia impossibile collimare le verità di fede rivelata e definita e di fede implicitamente rivelata e definita con la posizione teologica qui brevemente accennata e rimandata allo studio approfondito delle note e dei link. Aggiungo che questa è una mia personale riflessione che non rispecchia quella di Radio Spada nella sua totalità. Radio Spada ospita pluralità di opinioni e gradisce repliche.

3) Forse all’uso della teologia del fallibilismo pastorale, che, ignorando la «Orientalis Ecclesiæ»[36] di Pio XII e finanche la definizione e la finalità stessa di teologia pastorale[37], fa finta di non conoscere nemmeno san Giacomo, quando dice «Apud quem non est transmutatio, nec vicissitudinis obumbratio», traduco e completo «Non andate fuori strada, fratelli miei carissimi; ogni buon regalo e ogni dono perfetto viene dall’alto e discende dal Padre della luce, nel quale non c’è variazione né ombra di cambiamento»[38]; attribuisce fallibilità alla teologia pratica, all’azione. Eppure la vera «teologia pastorale», ossia quella della Chiesa cattolica, NON  sacrifica affatto l’«oggetto materiale della fede» altrimenti saremmo perduti, non avremmo più il «buon pastore», il quale ci edifica. Il Billot[39], commentando Scrittura e Magistero, riassume in tre parti l’«oggetto materiale della fede»: a) Oggetto primario: Dio stesso; b) Oggetto secondario: le verità intorno alla fede o ai costumi che servono per la nostra edificazione e santificazione; c) Oggetto accidentale: ciò che accompagna la Rivelazione, senza che abbia direttamente una connessione con la cristiana edificazione[40]. Immaginiamoci un san Paolo con le sue lettere pastorali, ma eretiche! È fantateologia;

4) Forse all’uso della teologia ratzingeriana[41], che, scartando l’«Auctorem Fidei»[42] di Pio VI, arriva a sostenere che «[…] se noi siamo in grado di leggere e interpretare il suo messaggio [del Concilio Vaticano (II), NdA] all’interno della tradizione della Chiesa e nel solco del suo magistero […] il Concilio si rivelerà anche ai giorni nostri una grande forza per il futuro della Chiesa». Solco della tradizione? Interpretare il Magistero? Stando a N.S.G.C., a tutti i Pontefici da san Pietro fino a Pio XII, alla retta ragione, al dizionario della lingua italiana[43], ecc… la docenza della Chiesa (o Magistero solenne, universale e ordinario, ecc…) non necessita (e non deve necessitare) di alcuna interpretazione, poiché è essa stessa che già interpreta e comunica la Tradizione (o Depositum Fidei) alla Chiesa discente. Sostenere che bisogna interpretare le parole della Chiesa e del Papa in linea tradizionale è teologicamente sconclusionato (dato l’esempio citato), non ha alcuna base né nella Rivelazione e né nel dogma detto implicitamente rivelato. Il Magistero è definito tale (es. Tt. 1,9) proprio perché differisce dall’opinione (Cf. Gal. 1,8) e ne impedisce il contrario (Cf. 2Tm. 4,1-5). Chi dovrebbe dire al fedele cosa è giusto e cosa è sbagliato se non la Chiesa, dunque il Papa? La Chiesa discente, inoltre, non ha alcun diritto di interpretazione, ma solo di comparazione. E che fine fa la guida sicura se si avalla l’arbitrio interpretativo? Dice san Paolo: «[…] casa di Dio, che è la Chiesa del Dio vivente, colonna e sostegno della verità» (1Tm. 3,15; Cf. 1Pt. 2,4-9; Colonna e sostegno – o base – ovverosia infallibile e visibile, che si innalza in alto alla vista di tutti, commenta mons. Garofalo). In san Matteo si legge: «Se poi non ascolterà neppure costoro, dillo alla Chiesa» (18,17) (PS: nella versione conciliare «Chiesa» diventa «assemblea» nella riduttiva accezione veterotestamentaria). L’esposizione usata dai Padri del Concilio Vaticano [II], probabilmente al pari di quella usata nel Sinodo di Pistoia, lascia un margine di interpretazione molto ampio, ed è proprio questo il problema: «Se questa involuta e fallace maniera di dissertare è viziosa in qualsiasi manifestazione oratoria, in nessun modo è da praticare in un Sinodo, il cui primo merito deve consistere nell’adottare nell’insegnamento un’espressione talmente chiara e limpida che non lasci spazio al pericolo di contrasti [alias interpretazioni, NdA]». Con questa espressione Pio VI condannava le proposizioni perniciose del Sinodo e «l’arte maliziosa propria degli innovatori, i quali, temendo di offendere le orecchie dei cattolici, si adoperano per coprire sotto fraudolenti giri di parole i lacci delle loro astuzie, affinché l’errore, nascosto fra senso e senso (Cf. san Leone M., Lettera 129 dell’edizione Baller), s’insinui negli animi più facilmente e avvenga che – alterata la verità della sentenza per mezzo di una brevissima aggiunta o variante – la testimonianza che doveva portare la salute, a seguito di una certa sottile modifica, conduca alla morte».

COSA CI RIMANE?

Esclusa presumibilmente da lei stesso, gentile prof. De Mattei, (e credo anche dalla retta ragione – antisentimentalista) l’opzione JM. Bergoglio (Francesco), ed escluse dal Magistero le altre, cosa ci rimane? O la posizione di mons. Sanborn o quella di mons. Pivarunas (che sono rispettivamente tesista e sedevacantista, contro ogni conclavismo) ed altri vescovi che hanno le medesime posizioni. Con tutto ciò che ne consegue, sapendo certamente che «[…] non importa se si è talvolta protratta per mesi ed anche per anni l’elezione di un nuovo Papa, o se sorsero antipapi; l’intervallo non distrugge la successione, perché allora il clero ed il corpo dei vescovi sussiste tuttavia nella Chiesa, con intenzione di dare un successore al defunto Pontefice non appena le circostanze lo permettano»[44].

Gentile professor De Mattei, anzitutto grazie per l’attenzione; è palesemente chiaro che se mi sono permesso di scriverle questa pubblica lettera, è perché la ritengo un punto di riferimento, una voce importante, una cassa di risonanza così utile alla causa che da ogni sua parola o posizione probabilmente possono dipendere le scelte di molte altre anime.

Distinti saluti. San Michele la protegga.

PS: Chiedo la cortesia al lettore di valutare questo scritto rispettando anche il Comandamento VIII adeguatamente commentato, spesso dimenticato. Sono gradite repliche, meglio se in numero elevato! Ogni replica sarà presa in considerazione, e ci saranno speculazioni, solamente se supportata da Magistero, poiché l’argomento esclude – di suo – i personalismi, le presunte veggenze e le invenzioni di fantasia. Io credo di non aver inventato, quantomeno ho pregato, studiato e domandato a Dio di farmi onorale il Suo santo Nome. Ogni correzione è ben gradita.

Pubblicazione a cura di Carlo Di Pietro (clicca qui per leggere altri studi pubblicati)
Riproduzione Riservata (C) 2014 Edizioni Radio Spada per lo scritto – Edizioni EffediEffe per le citazioni tratte da APOLOGIA DEL PAPATO


[1] http://radiospada.org/2013/12/bergoglio-e-cantalamessa-gli-ultimi-miasmi-pestiferi-della-chiesa-conciliare/
[2] Ivi.
[3] http://radiospada.org/2013/06/il-papa-emerito-il-vescovo-di-roma-e-il-giudaismo/ ; http://radiospada.org/2013/12/scoop-rev-kramer-bergoglio-deve-dimettersi-il-vero-papa-e-benedetto-xvi-e-stato-obbligato-alle-dimissioni/
[4] http://radiospada.org/2013/09/la-tremenda-frase-degli-edicolanti-la-chiesa-apre-a/ ; http://radiospada.org/2013/09/contro-i-falsi-profeti-il-cielo-e-la-terra-passeranno-ma-le-mie-parole-non-passeranno/
[5] http://radiospada.org/2014/02/breve-commento-critico-al-significato-pratico-delleditoriale-contro-rivoluzione-liturgica-il-caso-silenziato-di-padre-calmel/
[6] Il Documento, del 7 dicembre 1965, si conclude così, manifestando l’intenzione di «definire universalmente» la dottrina contenuta ed espressa: «Tutte e singole le cose stabilite in questo Decreto sono piaciute ai Padri del Sacro Concilio. E Noi, in virtù della potestà Apostolica conferitaci da Cristo, unitamente ai Venerabili Padri, nello Spirito Santo le approviamo, le decretiamo e le stabiliamo; e quanto stato così sinodalmente deciso, comandiamo che sia promulgato a gloria di Dio». Per dire il vero il Documento fu approvato da 2308 voti favorevoli, contro 70 vescovi contrari. 
[7] http://radiospada.org/2013/08/sulla-liberta-religiosa-e-sulla-dignitatis-humanae/
[8] http://radiospada.org/2013/06/j-ratzinger-leucaristia-e-il-racconto-dellistituzione/
[9] «Multiformis sapientia», collana universitaria diretta da Giacomo Alberione, 7, Ed. Paoline, Catania, 1961, vol. I, «Poteri generali del Papato», p. 36 ss..
[10]Il riferimento è al «Codice di Diritto Canonico» del 1917, detto «Pio-Benedettino». In seguito se ne parlerà.
[11] «E che dire allora delle decisioni delle Congregazioni romane: Sant’Ufficio, Congregazione del Concilio, dei Sacramenti, ecc…? Certo, le Congregazioni sono un organo ufficiale della Chiesa; “per mezzo di esse il Romano Pontefice usa sbrigare gli affari della Chiesa universale” (Can. 7); esse agiscono per delega dell’autorità pontificia, e per questo le loro decisioni disciplinari obbligano né più né meno di quelle di un vescovo nella sua diocesi; creano degli obblighi certi nell’ordine del pensiero e dell’azione. Però, esse non sono il Papa. Anche approvati da lui nella forma ordinaria e comune, in forma communi, i decreti delle Congregazioni restano un operato dei cardinali che li hanno elaborati, e impegnano solamente la loro autorità, che, pur essendo reale, non è però né infallibile né suprema né senza appello. Se un errore, un vizio di forma o di sostanza li rendesse nulli, la conferma in forma communi non servirebbe a renderli validi, perché questa li approva sotto condizione, “si juste, canonice aut provide facta sint, et dummodo sacris canonibus, Tridentini Concila decretis et constitutionihus apostolicis non adversantur” […]. Il decreto del Sant’Ufficio che condannò alcune proposizioni di Galilei non ebbe altra approvazione pontificia che questa» (Op cit., p. 46).
[12] Il Magistero Pontificio «in forma estrinseca» riguarda tutti i Documenti pontifici, ossia i testi scritti e/o firmati dai Papi. Tra questi, si distinguono in modo particolare: le Bolle pontificie, i Brevi apostolici, le Costituzioni apostoliche, le Encicliche, le Esortazioni apostoliche, le Esortazioni apostoliche post-sinodali, le Lettere apostoliche, i Motu proprio. Il  Magistero Conciliare riguarda tutti i Documenti e i Canoni approvati dai Concili Ecumenici (con il Papa) riconosciuti dalla Chiesa cattolica.
[13]Op cit., p. 47 e 48.
[14]Ivi.
[15]Ivi.
[16]Quale estensione della predicazione della Tradizione apostolica.
[17] Il dogma dell’infallibilità non si comprende se non viene inquadrato nell’economia generale della Redenzione. Il successore di san Pietro prosegue la missione redentrice di Cristo Redentore perpetuandone l’insegnamento.
[18] Vedi anche Resistenza ad abusi e violenze, «Denzinger», EDB, 2009, (a si sconsiglia o condanna la sollevazione, b viene respinto il tirannicidio), n° b1235, a3132, a3170, 3252s, 3775s.
[19] Cf. Giuseppe Ricciotti, «Paolo Apostolo», Scuola Salesiana del Libro, 1946, § 368; Tertulliano «De præscriptione hæreticorum», n° 23
[20] San Tommaso D’Aquino, «Catena Aurea in quatuor Evangelia», Expositio in Matthaeum, cap. 26, lez. 16, Taurini, 1953: «Hieronymus. Per hoc autem quod scidit vestimenta sua, ostendit Iudaeos sacerdotalem gloriam perdidisse, et vacuam sedem habere pontificis»; F. Spadafora, «Gesù e la fine di Gerusalemme», Rovigo 1950, pp. 17 ss., 61 ss., 93-96; Cf. «Dizionario Biblico», Ed. Studium, Roma, 1955, p. 146; Cf. «Dizionario di Teologia Biblica», X. Leon-Dufour …, Ed. Marietti, Torino, 1965, pp.146 ss, III Fondazione della Chiesa.
[21] Cf. «Summa Theologiæ», IIª-IIae q. 33 a. 4 ad 2.; IIª-IIae q. 33 a. 3 co.; IIª-IIae q. 33 a. 4 ad 2.; IIª-IIae q. 33 a. 6 ad 2.
[22] Cf. «Vacante Sede Apostolica», san Pio X, 25 dicembre 1904; «Enciclopedia del Papato», Ed. Paoline, Catania, 1961, vol. II, pp. 1401 e 1402; Cf. «Acta Apostolicæ Sedis», 38, 1946, p. 94.
[23]«La perfezione evangelica», quest. IV, art. III.13.
[24]Cita can. «Enimvero quia», 4.
[25]Cita can. «Nulli fas est», 5.
[26] Cita can. «Nulli fas est», 1.
[27]Cita can. «Generali decreto», 11.
[28] Cf. «Denzinger», EDB, 2009, pp. 974 ss.
[29] Cf. «Mons. Gherardini sull’importanza e i limiti del Magistero autentico», del 7 dicembre 2011, su «Disputationes Theologicæ»; Cf. «Chiesa-Tradizione-Magistero» di mons. Brunero Gherardini, Ivi., capoverso VII (ver. dig. http://disputationes-theologicae.blogspot.it/)
[30] Cf. «Uber den rechten Gebrauch del “Denzinger”», in «Situation und Aufgabe der Theologie heute», 1971, pp. 125-150 (p. 141)
[31] http://radiospada.org/2014/02/breve-commento-critico-al-significato-pratico-delleditoriale-contro-rivoluzione-liturgica-il-caso-silenziato-di-padre-calmel/
[32] Cf. «Sillabo», Papa Pio IX, n° VIII-XIV
[33] http://www.cmri.org/ital-102prog3.html
[34] http://www.instoria.it/home/lefebvre_diritti_dio.htm
[35] «Alla difesa dei diritti di Dio? Lefebvre e la Fraternità san Pio X», Lawrence M.F. Sudbury, n° 28, aprile 2010, anno LIX
[36]«Denzinger», EDB, 2009, n° 41393.
[37] G. Casali, «Somma di teologia dogmatica», Ed. II, Regnum Christi, Lucca, 1956, p. 10, 56, ecc…
[38] Gc 1,16-17
[39]Citato in Op. cit. dal Casali, p. 111.
[40] «Per esempio la genealogia dei Patriarchi; alcuni fatti storici narrati per inquadrare avvenimenti o personaggi senza che di per sé siano legati a verità religiose» (Ivi.).
[41] http://radiospada.org/2013/07/bendetto-xvi-rileggere-i-documenti-del-concilio-alla-luce-della-tradizione/
[42] http://digilander.libero.it/magistero/p6auctor.htm
[43] Magistèro (letter. magistèrio) s. m. (dal lat. magisterium, der. di magister «maestro»), Insegnamento alto, nobile, autorevole, quasi sempre in senso fig.: l’infallibile m. della Chiesa; il m. della virtù, del bene, dell’esempio. Autorità e opera di maestro; la professione stessa dell’insegnare: darsi al m.; esercitare il m.; riconoscere l’indiscusso m. di uno studioso nel suo settore specialistico; m. proficuo e illuminato. Ecc… http://www.treccani.it/vocabolario/magistero/
[44] http://radiospada.org/2013/09/sulla-perpetuita-ed-invariabilita-della-chiesa-anche-in-caso-di-sede-vacante/

22 Commenti a "Riflessioni a margine dell’urlo di dolore del prof. Roberto de Mattei. Lettera aperta al medesimo!"

  1. #cesare ferrara   15 febbraio 2014 at 7:32 am

    In definitiva io, povero fedele ignorante cosa devo fare?
    Devo seguire i dettati di Papa Francesco: “Chi sono io per giudicare?” e tutte le direttive e posizioni di vari Cardinali e vescovi e una moltitudine di sacerdoti in merito alla nuova liturgia voluta e scaturita dal Vaticano II e praticata in larga maggioranza dai sacerdoti, e molte volte in mniera aberrante e personale?
    Questa lettera aperta a De Mattei dice tanto ma in un linguaggio (teologico?) tale che lascia il lettore ingenuo e ignorante piu’ confuso che mai.
    Quando sara’ possibile ricevere un parere, semplice chiaro cosi’ che tutti possano capire senza malintesi o errori di interpretazione per l’uso di un linguaggio a livello Scolastico e non a livello del poppolo comune di cui la maggioranza dei fedeli fa’ parte?
    Gesu’ soleva spiegare al popolo misteri ben piu’ profondi in maniera tale che tutti lo comprendevano e avevano la possibilita’ di seguirlo se volevano dopo averlo ascoltato e capito.
    Oggi i fedeli sono soli perche’ nessuno, proprio NESSUNO si perita di spiegare a loro apertamente cosa sta succedendo e quale via si dovrebbe seguire.
    Questa e’ una mancanza, un errore e una colpa che ricade sulle spalle della gerarchia clericale e dei saputi, e di cui ndovranno rispondere quando arrivera’ anche per loro il momento del giudizio.

    Rispondi
    • #ricciotti   15 febbraio 2014 at 5:39 pm

      Gentile CESARE FERRARA,
      grazie per aver commentato.
      Lei dice: “In definitiva io, povero fedele ignorante cosa devo fare?”
      Io non sono il suo padre spirituale, il suo sacerdote o il vescovo della sua diocesi.
      Il mio status di giornalista e scrittore cresimato mi impone il vincolo morale di raccontare il vero e , se opportuno , di non tacere.
      Il dato qui discusso poggia sulla fede rivelata e definita, partendo da:

      2Corinzi 11,4
      Se infatti il primo venuto vi predica un Gesù diverso da quello che vi abbiamo predicato noi o se si tratta di ricevere uno spirito diverso da quello che avete ricevuto o un altro vangelo che non avete ancora sentito, voi siete ben disposti ad accettarlo.

      Galati 1,8
      Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema!

      In riferimento a:
      Luca 22,32
      ma io ho pregato per te, che non venga meno la tua fede; e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli».

      Giovanni 21,15
      Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone di Giovanni, mi ami tu più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti amo». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».

      Giovanni 21,17
      Gli disse per la terza volta: «Simone di Giovanni, mi ami?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli dicesse: Mi ami?, e gli disse: «Signore, tu sai tutto; tu sai che ti amo». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecorelle.

      Matteo 16,18
      E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa.

      e molto altro!

      Sarebbe opportuno rendersi conto che tutto quanto i presunti “tradizionalisti” oggi condannano arbitrariamente (in quanto Chiesa discente), la loro stessa Chiesa, invece, lo approva (in quanto Chiesa docente). La deduzione di retta ragione è già in questo concetto.

      Devo dire che tecnicamente, e solo sotto questo aspetto, il “neopelagianesimo autoreferenziale” di cui parla Bergoglio non è affatto evocato fuori luogo. Dice Bergoglio (e gli altri prima di lui): “tu credi nella mia autorità, ma non credi in ciò che la mia autorità scioglie e lega, conferma e condanna”, ed ha teologicamente perfettamente ragione!

      La fede rivelata, poi celebrata nel dogma, insegna proprio questo: governo universale e docenza solenne, universale e ordinaria, sono insindacabili poiché assistiti (su fede, costume, culto, legge, canonizzazioni, riconoscimento ordini religiosi, ecc …).

      Al cattolico è dato di comparare, anzi è esplicitamente consigliato da molti documenti di Magistero.
      Lei studi il Catechismo di san Pio X, possibilmente commentato da padre Dragone, poi lo compari con le pezze attuali e si faccia un’idea!

      Dio la guidi nello studio e nel discernimento.
      Io non posso andare oltre, sconfinerei i limiti dei miei doveri!

      Buona giornata!

      Rispondi
  2. #Baronio   15 febbraio 2014 at 9:34 am

    Mi par di comprendere che:

    – posto che non è possibile criticare il Magistero;
    – né che sia lecito restringerlo a questo o quel documento per salvare l’infallibilità pontificia laddove l’insegnamento di un Papa appaia in contraddizione con quello di altri Predecessori;
    – che un Papa non può insegnare l’errore;

    l’unica risposta che se ne trae è che l’attuale Pontefice, e con lui i recenti Predecessori da Paolo VI in poi, non sono Papi.

    Ho frainteso o è questo il succo dell’articolo?

    Rispondi
    • #Fabio Angius   15 febbraio 2014 at 11:39 am

      Bell’articolo. Sono d’accordo con lei! Sono un semplice fedele ma mi pare chiaro che se uno aderisce a qualcuna delle idee moderniste, ad esempio l’agnosticismo – come Ratzinger – cioè ha il dubbio come metodo non solo non è papa ma neanche prete e neanche fedele: non è cattolico, ha un’altra religione.
      Invece la FSSPX vuole a tutti i costi fare papi personaggi che manifestano non solo di non volerlo essere ma anche di voler eliminare Pietro. Salvo poi disubbidirlo il che è il colmo della contraddizione della fsspx! Alla fine il magistero della chiesa sarebbero loro pur se riconoscono la validità e l’assistenza di Dio a questi infiltrati modernisti.

      Devo riconoscere però che se non fosse stato per i convegni di studi cattolici della fsspx non avrei capito niente della crisi della Chiesa. Poi ho accettato le ragioni che spiega don Ricossa e altri. Cioè il papa deve agire da PAPA anche esteriormente e procurare concretamente il bene che il fine della Chiesa: la salvezza delle anime. I conciliari vanno in senso contrario a vele spiegate e hanno creato un simulacro di chiesa ecumenica con una filosofia illogica.

      Stessa cosa vale per tutti i papi-simulacro modernisti, modernizzanti ecc: non sono FEDELI cattolici come potrebbero essere “Pietro”? Non sono neanche “Simoni” che per paura di essere uccisi, in un momento di debolezza umana, negano di conoscere il Signore ma poi si fanno martirizzare per Lui. Questi invece amano gli applausi del mondo e basta. Se non fosse che il Modernismo era già infiltrato quando costoro frequentavano il seminario sarebbero stati esclusi dal sacerdozio.

      Comunque se dopo tutto il dispiegamento di forze e denaro che la potenza massonico satanica mondialista ha impiegato usando tutti i rami dello scibile umano, potenza di inganno a cui siamo stati sottoposti e in cui siamo praticamente nati (io ho 36 anni non so lei) siamo qui a fare queste considerazioni significa che il Cuore Immacolato della Madre del Signore forse ha già trionfato.
      Modernisti, massoni e gli altri che non si possono dire sono dei falliti e la Verità ha vinto. Poi può darsi che ci facciano morire di fame o con le bombe atomiche…però chi se ne frega: sappiamo da dove veniamo, sappiamo perché, e dove andiamo. Anzi se mi martirizzano mi rinvergino l’anima così non devo scontare chissà quanto Purgatorio.

      Saluti

      Rispondi
      • #ricciotti   15 febbraio 2014 at 5:43 pm

        Gentile FABIO,
        grazie! Dio sia lodato.
        Condivido:

        “Sono un semplice fedele ma mi pare chiaro che se uno aderisce a qualcuna delle idee moderniste, ad esempio l’agnosticismo – come Ratzinger – cioè ha il dubbio come metodo non solo non è papa ma neanche prete e neanche fedele: non è cattolico, ha un’altra religione.
        Invece la FSSPX vuole a tutti i costi fare papi personaggi che manifestano non solo di non volerlo essere ma anche di voler eliminare Pietro. Salvo poi disubbidirlo il che è il colmo della contraddizione della fsspx! Alla fine il magistero della chiesa sarebbero loro pur se riconoscono la validità e l’assistenza di Dio a questi infiltrati modernisti.

        Devo riconoscere però che se non fosse stato per i convegni di studi cattolici della fsspx non avrei capito niente della crisi della Chiesa. Poi ho accettato le ragioni che spiega don Ricossa e altri. Cioè il papa deve agire da PAPA anche esteriormente e procurare concretamente il bene che il fine della Chiesa: la salvezza delle anime. I conciliari vanno in senso contrario a vele spiegate e hanno creato un simulacro di chiesa ecumenica con una filosofia illogica.”

        Preghiamo.

        Rispondi
    • #ricciotti   15 febbraio 2014 at 5:41 pm

      REPLICO CON LA STESSA RISPOSTA GIA’ DATA AD UN ALTRO LETTORE:

      Gentile BARONIO,
      grazie per aver commentato.
      Lei dice: “In definitiva io, povero fedele ignorante cosa devo fare?”
      Io non sono il suo padre spirituale, il suo sacerdote o il vescovo della sua diocesi.
      Il mio status di giornalista e scrittore cresimato mi impone il vincolo morale di raccontare il vero e , se opportuno , di non tacere.
      Il dato qui discusso poggia sulla fede rivelata e definita, partendo da:

      2Corinzi 11,4
      Se infatti il primo venuto vi predica un Gesù diverso da quello che vi abbiamo predicato noi o se si tratta di ricevere uno spirito diverso da quello che avete ricevuto o un altro vangelo che non avete ancora sentito, voi siete ben disposti ad accettarlo.

      Galati 1,8
      Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema!

      In riferimento a:
      Luca 22,32
      ma io ho pregato per te, che non venga meno la tua fede; e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli».

      Giovanni 21,15
      Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone di Giovanni, mi ami tu più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti amo». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».

      Giovanni 21,17
      Gli disse per la terza volta: «Simone di Giovanni, mi ami?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli dicesse: Mi ami?, e gli disse: «Signore, tu sai tutto; tu sai che ti amo». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecorelle.

      Matteo 16,18
      E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa.

      e molto altro!

      Sarebbe opportuno rendersi conto che tutto quanto i presunti “tradizionalisti” oggi condannano arbitrariamente (in quanto Chiesa discente), la loro stessa Chiesa, invece, lo approva (in quanto Chiesa docente). La deduzione di retta ragione è già in questo concetto.

      Devo dire che tecnicamente, e solo sotto questo aspetto, il “neopelagianesimo autoreferenziale” di cui parla Bergoglio non è affatto evocato fuori luogo. Dice Bergoglio (e gli altri prima di lui): “tu credi nella mia autorità, ma non credi in ciò che la mia autorità scioglie e lega, conferma e condanna”, ed ha teologicamente perfettamente ragione!

      La fede rivelata, poi celebrata nel dogma, insegna proprio questo: governo universale e docenza solenne, universale e ordinaria, sono insindacabili poiché assistiti (su fede, costume, culto, legge, canonizzazioni, riconoscimento ordini religiosi, ecc …).

      Al cattolico è dato di comparare, anzi è esplicitamente consigliato da molti documenti di Magistero.
      Lei studi il Catechismo di san Pio X, possibilmente commentato da padre Dragone, poi lo compari con le pezze attuali e si faccia un’idea!

      Dio la guidi nello studio e nel discernimento.
      Io non posso andare oltre, sconfinerei i limiti dei miei doveri!

      Buona giornata!

      Rispondi
  3. #MaryG   15 febbraio 2014 at 2:21 pm

    Interessantissime considerazioni che lasciano riflettere molto ma soprattutto lasciano ben sperare un futuro più limpido e veritiero per la Chiesa???
    La mia critica si basa esclusivamente su quanto espresso dall’autore Carlo , le cui riflessioni le ritengo portatrici di valutazioni e verità oggettive condotte sulla base di studi sensati ed approfonditi in chiave lineare e tutt’altro che confusionaria come espresso dal sig. Ferrara. Credo che l’VIII comandamento fa da garante allo scritto accurato e desideroso di approdare ad una verità assoluta, purtroppo…l’errore ed il conseguente fallimento papale al fine di impugnare con determinazione una verità, nella coscienza chiara, che dev’essere rivelata, proposta e , per giunta, messa in gara. Un impatto prorompente di chi, giustamente, sfida le contestualizzazioni eretiche e le patacche stravaganti moderniste, per arrivare ad una sola ed importante verità : che la Tradizione penetri le sue radici nel Vangelo autentico. È questa la grande forza per il futuro della Chiesa! Un esorto ai “grandi” (pastori) di non pascere, per se stessi e gli altri, idee e guide partorite dall’eresia modernista, vicina ai valori della rivoluzione francese bensì di essere i “veri-nuovi-autentici” successori di San Pietro! Un bravissimo particolare all’autore.

    Rispondi
    • #Cesare Ferrara   15 febbraio 2014 at 4:34 pm

      Io vivo in Australia da piu’ di 40 anni, nel frattempo la lingua Italiana si e’ evoluta o meglio devouta per cui vengono usati termini e parole, come anche una fraseologia che non e’ piu’ quella dell’Italiano che io ricordo e ancora parlo.
      Non tutti hanno il grado di istruzione suo o la conoscenza dell’Italiano attuale, quindi per persone come me il linguaggio usato e’ tale che rende il senso, per me per persone come me, di difficile interpretazione.
      La mia critica sta solo nel chiedere di usare un linguaggio piu’ semplice e con concetti di facile interpretazione cosi’ che tutti i fedeli istruiti o no possono comprendere ed eventualmente seguire.
      l’uso del linguaggio, in qualsiasi lingua si parli deve essere tale che la comunicazione tra le parti avvenga senza che esso, (la lingua) diventi una barriera alla comunicazione.
      Dal noto Aristotele, a Chomsky e Bertrand Russell, attraverso molti altri filosofi e lingusti vi e’ un costante ammonire acche’ la lingua sia un “tool fo communication” e nient’altro.

      Rispondi
      • #ricciotti   15 febbraio 2014 at 5:47 pm

        Gentile CESARE FERRARA,
        grazie per l’amicizia su FB.
        Cercherò di scrivere un qualcosa di più comprensibile.
        Mi scuso per la prolissità e per l’eccessivo tecnicismo.
        Saluti.
        dio sia lodato!

        Rispondi
    • #ricciotti   15 febbraio 2014 at 5:45 pm

      Gentile MARYG.
      condivido!
      Dio sia lodato e grazie per aver commentato!

      Rispondi
      • #MaryG   16 febbraio 2014 at 9:52 am

        Grazie a te per i chiarimenti che offri a tutti noi…è bene conoscere la verità soprattutto da quando la Chiesa e tutte le sue rappresentanze sono finite in un cono d’ombra!!!
        Pertanto, chi studia, a fondo, questa piaga è solo da ammirare, specialmente se si espone per salvaguardare l’istituzione più importante. Continua il tuo lavoro e che Dio ti benedica!
        Buona domenica…

        Rispondi
  4. #Matteo   16 febbraio 2014 at 7:46 am

    Io sinceramente propendo ampiamente per la opzione 1 di Gherardini. Abbiamo già affrontato la questione altrove partendo da spunti “liturgici”, ma la mia sottolineatura anche là era di matrice teologica.

    E’ anche doveroso rimarcare che Mons. Gherardini può vantare una limpida e specifica preparazione accademica, un ministero sacerdotale irreprensibile
    e ad oggi non è mai incorso nè in richiami nè in censure quanto piuttosto in premi e riconoscimenti anche da parte del Magistero (Congar è altro personaggio già abbondantemente caduto in modernismi ed “operaismi” che gli valsero le giuste censure del magistero ed accomunarlo al Gherardini è tentativo ingrato).

    Gherardini (che non è Congar di sicuro) fa riflessioni più che condivisibili
    e le orienta in assoluto ossequio con la Tradizione ed il Magistero, ma d’altro canto pure mette in evidenza che l’ontologia specifica del Magistero è differente da Cristo Dio e Verità perchè mentre il primo riceve dal secondo la Verità in forma ridotta e non esaustiva o totale (ovvero immobile), il secondo E’ la “VERITA ASSOLUTA” perenne, ferma e definitiva.

    E su questa differenza che può sembrare per alcuni fumosa e per altri marginale che bisogna dipanare la questione senza ovviamente scadere in protestantismi di grossolana grana nè in bizantinismi o fariseismi ma neppure
    rassegnandosi a dover sospendere il giudizio ogni qualvolta (è un esempio) il Bergoglio pronuncia una enormità su spiaggie o voli di linea a basso costo. Sulla patetica e squallida propensione poi di alcuni a voler ogni volta reinterpretare in vece del vescovo di roma le sue parole e le sue intenzioni per farle sembrare quel che non sono o per ammantarle di una ortodossia che non possiedono preferisco glissare, anche perchè illustri esempi tra qui il De Mattei, restando all’articolo o Gnocchi e Palmaro
    per restare all’ambito delle epurazioni del pessimo Fanzaga, ma pure di altri validissimi come il Blondet o Dal Bosco hanno già e più volte messo in evidenza tali ipocrisie inconciliabili col dovere di servizio alla verità a cui è chiamato ognuno di noi.

    Il lungimirante e saggio tentativo fatto da Ratzingher di readdomesticare
    le problematiche innegabili del Vaticano II e della riforma liturgica del Montini in una “ermeneutica della continuità” per il primo ed in una restaurazione liturgica per la seconda, se pure attuabile è rimasto allo stato embrionale e poteva persino avere successo se invece di sterzare
    sulle dimissioni il pontefice avesse orientato a maggiore fermezza e incisività il suo agire, ma ormai è solo latte versato.

    L’elezione di bergoglio rompe tutto (il tanto o poco non spetta a me) il ben fatto e mette di fronte alla questione sollevata dal De Mattei tutti i cattolici (che non possono scendere a compromessi col modernismo ideologico e di prassi inaugurato nel concilio e col concilio da montini e ripotenziato dal bergoglio).

    Rispondi
    • #ricciotti   16 febbraio 2014 at 4:23 pm

      Gentile Matteo,
      io non posso permettermi di consigliare l’opzione 1 poiché, comparandola con il Magistero della Chiesa, ho trovato grosse incongruenze, addirittura definizioni che esplicitamente condannano tali proposizioni, come qui dimostro brevemente citando la Humani Generis.

      Sulla specifica questione, il parallelismo con la teologia del Congar è oltremodo evidentissimo comparando i due scritti:

      Cf. «Mons. Gherardini sull’importanza e i limiti del Magistero autentico», del 7 dicembre 2011, su «Disputationes Theologicæ»; Cf. «Chiesa-Tradizione-Magistero» di mons. Brunero Gherardini, Ivi., capoverso VII (ver. dig. http://disputationes-theologicae.blogspot.it/)

      Cf. «Uber den rechten Gebrauch del “Denzinger”», in «Situation und Aufgabe der Theologie heute», 1971, pp. 125-150 (p. 141)

      E’ possibile leggere le affermazioni del Congar anche nell’introduzione al Denzinger del 2009.

      Per concludere la invito a leggere lo scritto: La tigre di carta del sedeplenismo: Brunero Gherardini
      Da Sodalitium n° 64, Anno XXVI n. 3/2010
      Recensione
      Mons. Gherardini, Vaticano II ed ermeneutica della continuità

      qui disponibile in versione digitale: http://forum.termometropolitico.it/96983-la-tigre-di-carta-del-sedeplenismo-brunero-gherardini.html

      Quanto all’ermeneutica della continuità, Magistero alla mano per comparazione, credo che il cattolico non possa affatto aderire a tale tipologia di speculazione teologica. Lo dimostro ampiamente qui:

      http://radiospada.org/2013/07/bendetto-xvi-rileggere-i-documenti-del-concilio-alla-luce-della-tradizione/

      Buona serata!
      Dio sia lodato.

      Rispondi
      • #Matteo   19 febbraio 2014 at 1:41 pm

        I limiti esposti da Gherardini sul magistero autentico nei suoi scritti mi sembrano del tutto ortodossi, d’altro canto va aggiunto che oltre a Gherardini è possibile che anche altri teologi tra cui persino il Congar possano aver evidenziato tali limiti che ci sono realmente.

        Congar però non fu condannato quando espresse valutazioni teologiche coerenti ma quando usci dal seminato.

        Gherardini invece non è mai uscito dal seminato e le incongruenze che Lei dice di aver riscontrato col Magistero non avendo prodotto alcuna specifica censura o intervento
        dello stesso fino a prova contraria sono ricadenti nella libertà della attività di studio e riflessione teologica, dovrebbe essere Lei a spiegarlo a me
        vista la sua attenzione alla canonistica.

        Posso rispettare la Sue convinzioni ed orientamenti ma anche altri di altro genere ricadenti nella ampia circoscrizione della ortodossia debbono essere parimenti
        valutate.

        Se si va a pescare tra tutti gli scritti di un teologo e quelli di un altro prima o poi qualcosa di simile si trova, ma questo non autorizza ad assimilare tra loro le teologie che i due propongono.

        Detto questo ritengo incongruo sostenere similitudini di orientamento tra la teologia di Congar e quella di Gherardini che sono praticamente agli antipodi e liquidare le questioni che Gherardini solleva come “congarismi” è pressocchè impossibile.
        Buona giornata a Lei.

        Rispondi
      • #Matteo   19 febbraio 2014 at 1:47 pm

        L’Ermeneutica della continuità è un orientamento proposto dal Papa Benedetto XVI e non certo da me o da Gherardini, se Lei sostiene che non è cattolico il magistero ordinario di Benedetto XVI non vedo come non possa convenire poi con Gherardini né come possa salvare il papato di Bergoglio seppur ripeto: è latte versato oramai.

        Rispondi
      • #ricciotti   19 febbraio 2014 at 4:17 pm

        Gentile Matteo. Lei dice: “I limiti esposti da Gherardini sul magistero autentico nei suoi scritti mi sembrano del tutto ortodossi, d’altro canto va aggiunto che oltre a Gherardini è possibile che anche altri teologi tra cui persino il Congar possano aver evidenziato tali limiti che ci sono realmente.”.
        Io le ho dimostrato il contrario citando, per esempio, la HUMANI GENERIS.
        Lei pensi o creda ciò che vuole.
        Il mio compito è terminato.
        La esorto da tempo a surrogare le sue ipotesi personali con citazioni di Magistero (parlo di definizioni dal valore ex cathedra), lei non lo fa, pertanto io non posso insistere.
        Saluti.

        Rispondi
  5. #Matteo   20 febbraio 2014 at 4:36 pm

    Non ho capito bene: lei intende sostenere forse che il magistero autentico è privo di limiti??
    Non sarà certo citando la Humani Generis che potrà avvalorare tale assurdità.

    Cosa dovrei o potrei poi citare di “ex cathedra” per avvalorare una tesi (o ipotesi) teologica su cui non vi sono ancora dichiarazioni ex cathedra di sorta?

    Dovrà ben rassegnarsi al fatto che la teologia esprime la sua attività indagativa della verità rivelata anche facendo a meno dei pronunciamenti ex cathedra, vieppiù dove mancano è giocoforza, anzi a volte è necessario procedere così proprio per poterli poi formalizzare tali pronunciamenti.

    Se Sant’Agostino per riflettere teologicamente sulla Vergine Immacolata avesse dovuto attendere il dogma dell’Immacolata Concezione staremmo freschi no?

    Anche io la esorto da tempo a prendere atto che non tutto quello che ricade nella retta ed ortodossa speculazione teologica è formalizzato nella canonistica e/o nella dogmatica e certo non ancora, ma Lei non vuole.

    Farò come Lei, smetterò di insistere.

    Saluti a lei.

    Rispondi
    • #ricciotti   20 febbraio 2014 at 11:15 pm

      Come già ampiamente ed esaustivamente dimostrato, il Magistero inoltre (o in aggiunta) si esprime in maniera solenne, straordinaria quando vuole contrastare errori con maggiore effetto o vuole presentare punti dottrinali più chiaramente e distintamente. (Cf. «Denzinger», EDB, 2009, n° 3683). Ciò non significa che nelle definizioni di Magistero ordinario e universale il Pontefice non sia assistito dallo Spirito Santo. (Cf. «Denzinger», EDB, 2009, n° 2879, 2922, 3011 e [3885]). Una volta conosciute le definizioni, per rimanere cattolici non è più possibile negare questo dato certissimo, facilmente comprensibile usando pure la retta ragione.

      Rispondi
      • #Matteo   20 marzo 2014 at 7:06 pm

        Il Papa è sempre assistito dallo Spirito Santo, ma non è MAI obbligato ad obbedire al medesimo. Ne decade per retta ragione che anche il papa è libero di peccare o sbagliare come chiunque altro. Ora siccome il papa può sbagliare e infatti sbaglia quando ad esempio dice che il ramadan dà frutti spirituali, il punto è: quando lo dice è papa? La risposta è si.
        Ora o si nega che il papa a Lampedusa era impegnato nel suo magistero ordinario (cosa assai ardita) o si deve ammettere che pur se assistiito dallo Spirito Santo può errare senza ricadere nelle more della decadenza dal papato.

        Questa è la questione.

        Lei che soluzione propone?

        (e non mi venga a dire che bisogna farsi tradurre bergoglio che è sudamericano, né mi dica che il ramadan che è culto anticristico dà frutti spirituali ovvero grazie divine).

        Se poi mi risponde con qualche passo del DZ 2009 come ha fatto già allora mi ritengo soddisfatto, significa che è incastrato nel “cortocircuito normalista” anche Lei e prima o poi ne uscirà non per mia azione ma puramente per l’ennesima “bergogliata”.

        La saluto cordialmente.

        Rispondi
    • #ricciotti   22 febbraio 2014 at 3:41 pm

      Inoltre:

      Si reclama per la Sede di san Pietro l’intatta tutela della fede (Cf. «Denzinger», EDB, 2009, n° 363, 775, 1064, 1807 ss., 2329, 2923 e 3006). Al Papa, difatti, spetta l’infallibilità ogni qual volta esercita la sua Autorità come maestro di tutti i credenti, ovvero definisce ex cathedra, ovvero prende decisioni circa questioni di fede e costume, come anche l’infallibilità è promessa nel definire tutto ciò (dottrina, interpretazione, legge, culto, ecc…), senza il quale verrebbe compromesso (o non sarebbe presentato in maniera corretta) il Deposito della fede (Cf. «Denzinger», EDB, 2009, n° [221 353], 2329 ss., 2539, 2781 3069 ss. e 3074). Il Papa, se lo ritiene opportuno, può comunque antecedentemente avvalersi anche del consiglio o delle riflessioni di terzi (Cf. «Denzinger», EDB, 2009, n° 2020, 2390, 2875-2880, 3020, 3625, 3884 ss.).

      da APOLOGIA DEL PAPATO. nota 55 p. 28

      Rispondi
  6. #ricciotti   21 marzo 2014 at 1:13 am

    Salve Matteo.
    Non ho capito la domanda.
    Si potrebbe sintetizzare il tutto in una chiara domanda di poche righe?
    Notte.

    Rispondi
  7. Pingback: Si confutano, usando il Magistero della Chiesa, i sofismi dei fallibilisti e dei sedeplenisti sul “Papa eretico” | Radio Spada

Rispondi