Francesco Agnoli replica a Elisabetta Frezza

agnoli

In risposta a questo commento, pervenutoci dall’Avv. Frezza dei Giuristi per la Vita. 

Premetto che mi dispiace dover rincorrere così le polemiche gratuite, che fanno solo del male alla causa della vita, e prometto che sarà la mia ultima risposta.
Conosco bene Elisabetta Frezza, dal principio del suo impegno pro life. Fu lei infatti a chiedere al mio e suo amico Bruno Mozzanega un aiuto per il primo ed unico convegno di In Punto di Vita, di cui Frezza e Mozzanega erano cofondatori. Poi tutto si ruppe, e Frezza deve aver giurato la sua inimiciza al vecchio compagno di strada. Fui io, dopo questo, a chiedere ad Elisabetta di entrare nel Mevd, ma dopo una sola seduta Elisabetta diede le sue dimissioni. Era già in urto con il presidente, appena conosciuto, ma già da lei giudicato e catalogato come un vigliacco e un ignavo. Cosa davvero falsa. Avrei dovuto accorgermi che il soggetto non è dei più tranquilli e dei più equilibrati. Eppure fui sempre io a proporle di entrare nei Giuristi per la vita. Ora vedo che emette comunicati arbitrari a nome di quell’associazione: si tratta di qualcosa di molto scorretto. Soprattutto perchè Elisabetta dice il falso. Con un po’ di buona volontà la Signora Frezza potrà trovare le relazioni tecniche di Renzo Puccetti, nientemeno che sul sito dei Giuristi per la Vita. Qui se ne trova una:

http://www.giuristiperlavita.org/joomla/PDF-DOCUMENTI/Impact%20of%20conscientious%20objection%20on%20access%20to%20abortion%20in%20Italy.pdf

Anche le relazioni a firma “Promed Galileo” sono di Puccetti, essendo egli il responsabile bioetica di questa associazione di medici.
distinti saluti
Francesco Agnoli

Rispondi