Ucraina: rotta la tregua pasquale, cinque morti a Slavyansk

Cinque vittime in una sparatoria notturna scoppiata presso un posto di blocco stradale dei separatisti filorussi, nella città di Slavyansk (Ucraina orientale): tre manifestanti e due degli sconosciuti aggressori.

Il posto di blocco era controllato da 26 civili, dotati di semplici mazze. La mancanza di armi da fuoco era dovuta ad una “tregua pasquale” presa di comune accordo con il governo di Kiev per allentare la tensione; dopo che gli sconosciuti, rifiutata l’identificazione, hanno aperto il fuoco, sono arrivati in rinforzo 20 manifestanti armati e gli assalitori sono stati uccisi o messi in fuga.

Gli inquirenti non hanno fatto ipotesi sull’identità degli aggressori, ma in un video girato dai manifestanti si può notare che, tra gli oggetti loro sottratti, vi è una medaglietta (v. sotto) con i simboli di Pravy Sektor.

Un portavoce di Pravy Sektor smentisce però seccamente, affermando che il “blasfemo attacco” (in quanto perpetrato nella notte di Pasqua) è stato “chiaramente” recato da forze speciali russe.

 

pravyi

 

[fonte: rt.com]
 

10006379_430518220417126_2587056461275187067_n