Fratelli d’Italia? Ha votato ‘Sì’ al divorzio breve. Alla faccia della Tradizione.

10409408_879937298702607_5612286079338916270_n

 

Sì al divorzio breve. Sei mesi in caso di “scioglimento” consensuale. Al termine della votazione è partito in Aula un applauso. A sostenere il passaggio della legge: Movimento 5 Stelle, Pd, Scelta Civica, Forza Italia, Sel e Fratelli d’Italia.

Quando abbiamo preparato le nostre pagelle elettorali (Pagelle. Vi facciamo arrabbiare ma vi consigliamo chi (NON) votare alle europee) avevamo messo Fratelli d’Italia sotto la Lega. Voto: 5½. In seguito abbiamo deciso di abbassare anche la valutazione della Lega per il ridicolo appoggio al Gay Pride ([OMOFOLLIE] Patrocinio al Milano Pride, gravissimo voto della Lega Nord).

Ora siamo al 5+ per il partito della Meloni.

 

Al termine della votazione è scoppiato in Aula un applauso. A sostenere il passaggio della legge sia deputati del Movimento 5 Stelle che del Pd, Scelta Civica e Forza Italia, Sel e Fratelli d’Italia. – See more at: http://italia-24news.it/2014/05/29/la-camera-dice-si-passa-la-proposta-di-legge-sul-divorzio-breve-80043-16632/#sthash.NFkkKRqo.dpuf

8 Commenti a "Fratelli d’Italia? Ha votato ‘Sì’ al divorzio breve. Alla faccia della Tradizione."

  1. #VecchiaSola   29 maggio 2014 at 5:01 pm

    sono tutti allineati e schiavi del pensiero dominante. non c’è differenza tra i politici perchè sono tutti imbonitori per i diversi babbei che li votano. in apparenza diversi, nella sostanza uguali. la democrazia NON esiste, è solo una forma per abbindolare il popolino, il bestiame e condurlo al macello…

    Rispondi
  2. #Martino Mora   29 maggio 2014 at 7:19 pm

    C’è una differenza importante, però. Di cui non mi sembra teniate conto. Il folle voto del leghista Cecchetti in regione Lombardia era l’unico voto leghista per il patrocinio del gay pride (altri esponenti della Lega votarono in modo opposto) anche se purtroppo si è rivelato decisivo. Qui invece FdI ha votato all’unanimità. Sembrano sfumature, ma invece fanno la differenza. Un rincoglionito del politically correct lo si trova ovunque, purtroppo. Magari anche due. Cosa diversa è quando tutto un gruppo politico decide di votare in un determinato modo. Lì la cosa ha una valenza politica ben più forte. Non mi sembra che il commentatore abbia colto questa differenza.

    Rispondi
    • #PensieroAlternativo   29 maggio 2014 at 7:54 pm

      mancava un voto e la lega glielo ha dato… questo basta. Nessuno della LEga ha poi sconfessato od espulso il “dissidente”. Per me non c’é molta differenza, basta vedere cosa ha fatto SAlvini al Parlamento europeo : NIENTE! l’unico poveraccio che cerca di opporsi é Borghezio che, infatti, é dileggiato da tutti. Ridicolizzare quelli che dicono la verità é uno dei tanti metodi di menzogna del sistema…

      Rispondi
      • #Martino Mora   30 maggio 2014 at 1:25 pm

        MI risulta che Salvini e i suoi al parlamento europeo abbiano votato compatti contro il rapporto Estrela ed il rapporto Lunacek. A differenza del Pdl che si divise. Se vi sembra che sia niente….Ma non è il mio compito difendere la Lega, che non è un partito cattolico o che si dichiara tale. Mi limito a sostenere che c’è differenza tra il voto a titolo personale e il voto che invece impegna tutto un gruppo. E’ chiaro che nella Lega il cattolicesimo tradizionalista è presente in modo minoritario. Ma sostanzialmente la maggior parte dei leghisti conserva una sorta di “decenza comune” che è abbastanza estranea al politically correct dominante. Se poi vogliamo negare l’evidenza, neghiamo pure l’evidenza.

        Rispondi
  3. #tander   30 maggio 2014 at 11:58 am

    Al netto dell’ipocrisia dei partiti, anche in questa occasione la Lega si è comportata eglio di Fratelli d?italia, e lo dico con rammarico da uomo di destra. Infatti, se proprio non si voleva votare contro, bastava dare libertà di coscienza e poi chi si interessa di queste cose avrebbe capito quali deputati sono corretti e quali no. Almirante fece un garnde sacrificio quando schierò il Msi contro il divorzio, e si comportò da garnde politico. Qui neanche si riesce ad avere libertà di voto.

    Rispondi

Rispondi