[ALLO STADIO] Sarabanda carismatica

Aggiungiamo immagini senza commento della sarabanda carasmatica tenuta allo stadio Olimpico di Roma domenica 1 giugno 2014: presente Francesco (Jorge Mario Bergoglio).

Immagini raccolte a cura di Piergiorgio Seveso

(Radio Spada) 

 

 

1

 

 

 

3

4

5

6

7

8

9

 

12 Commenti a "[ALLO STADIO] Sarabanda carismatica"

  1. #Matteo   4 giugno 2014 at 11:10 am

    azz.. l’uomo giusto al posto giusto…. quando si dice l’infallibilità….

    ahahahahaha

    http://www.youtube.com/watch?v=yv_E8eBbaOs

    Bergoglio assomiglia a Belushi, Jack… ci manca Elwood e siamo a posto….
    …i protestanti sono più seri…… e poi cantano e ballano meglio …..

    ahahahahahaha che cialtronata… siamo alla frutta….

  2. #Vera   4 giugno 2014 at 1:30 pm

    Interessante nella quinta foto il leggio coperto dallo scialle di preghiera ebraico, il talleth.

  3. #andrea   4 giugno 2014 at 4:02 pm

    Una scena veramente penosa! Come è caduta in basso la Chiesa di Roma! C’è poco da ridere!

  4. #Marco   4 giugno 2014 at 6:46 pm

    Non erano accusati di essere ubriachi di prima mattina gli apostoli? E tutte le guarigioni che avvengono silenziosamente durante le messe del Rns?

    • #Piero   5 giugno 2014 at 2:42 pm

      Credo che voi del RnS dobbiate smetterla di rispondere come dei robottini programmati e cominciare a usare tanto la testa, quanto l’insegnamento tradizionale della Chiesa, liturgia inclusa.
      Davanti all’accusa facile facile di “pagliacciate” che una Chiesa in grave crisi vi consente di esibire per ogni festa comandata risposndete sempre con la mdesiam risposta: “Non erano accusati di essere ubriachi di prima mattina gli apostoli?”. E con quella vi sentite appagati. Se poi qualcosa non torno ci si mette sempre una spruzzatina di “Spirito” che è così etereo nel vostro caso da essere inconsistente, informe e deformabile a vostro piacimento ma che difficilmente sembra corrispondere a quello che procede dal Padre e dal Figlio e che sarebbe Dio, la terza persona della Trinità.
      Detto questo, per riporre definitivamente quell’obiezione sull’accusa agli apostoli di “essere ubriachi” che sembrerebbe autorizzarvi a fare altrettanto solo che invece di ubriachi l’accusa diventa quella di essere dei “pagliacci” basta leggere il passo in questione degli Atti degli Apostoli: ” [6]Venuto quel fragore, la folla si radunò e rimase sbigottita perché ciascuno li sentiva parlare la propria lingua. [7]Erano stupefatti e fuori di sé per lo stupore dicevano: «Costoro che parlano non sono forse tutti Galilei? [8]E com’è che li sentiamo ciascuno parlare la nostra lingua nativa? [9]Siamo Parti, Medi, Elamìti e abitanti della Mesopotamia, della Giudea, della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, [10]della Frigia e della Panfilia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirène, stranieri di Roma, [11]Ebrei e prosèliti, Cretesi e Arabi e li udiamo annunziare nelle nostre lingue le grandi opere di Dio». [12]Tutti erano stupiti e perplessi, chiedendosi l’un l’altro: «Che significa questo?».
      Cioé sembrano ubriachi perchè parlano lingue sconosciute, ignote e incomprensibili per i più, i quali pensano così ad uan ubriacatuta. Ma i Parti che ascoltano l’annuncio nella loro lingua, e così i Medi, e così gli elamiti e così via … non li rpendono epr ubriachi ma per persone che, miracolosamente, aprlano la loro lingua e annunciano la Risurrezione di Cristo e il messaggio evangelico.
      Cioè: lo Spirito Santo ha compiuto una operazione razionale con il suo miracolo. Ha consentito di annunciare il Vangelo agli apostoli nelle lingue dei loro ascoltatori. Non li ha resi deficienti e ha consentito loro di fare pagliacci, altrimenti non avrebbe annunciato la grandezza di io, ma la stupidità di un Dio che rende stupidi.
      Quanto alle presunte guarigioni andate a Lourdes invece di credere ai miracoli sugli psicolabili.

      • #Marco   6 giugno 2014 at 11:09 am

        oh Piero :),
        quanto al rispondere come robottini programmati, credo che sia una malattia comune sia a noi carismatici post conciliari, sia a quelli pre-conciliari (e dovresti sapere che di carismatici nella storia della Chiesa ce ne sono migliaia).Quanto all’accusa di pagliacciate, ti rispondo che esse sono solo una parte del tutto. Il Rinnovamento nello Spirito Santo e, più in generale, il Rinnovamento Carismatico Cattolico, hanno fatto e fanno molto per la Chiesa: riportano le persone a vivere di più e meglio i Sacramenti, portano guarigioni dell’anima, alias conversioni, in moltissime persone, aiutano a risvegliare la grazia dei Sacramenti dell’Iniziazione Cristiana in altrettante persone. E non è tutto:questi pagliacci, come li chiami tu, queste persone, questi fratelli in Cristo, come li chiamo io, vanno ad operare in vario modo per le persone che soffrono sia durante l’anno, sia in momenti particolari com’è accaduto 5 anni fa qui in Abruzzo in occasione della cosiddetta, quando moltissimi di noi si sono portati negli alberghi sulla costa a far passare una giornata migliore alle tante persone che avevano vissuto il terremoto del 6 aprile; ci sono altrettante persone che si sono mobilitate per l’emergenza di Lampedusa (su entrambi i fronti, sia verso gli immigrati clandestini che verso i lampedusani stessi); ci sono persone che portano l’annuncio del Vangelo di Cristo nelle carceri, portando al pentimento e alla conversione diverse persone che hanno subito condanne (sia adulte, sia soprattutto minorenni) (sbaglio o diverse persone, che poi sono state riconosciute sante hanno fatto lo stesso?), e allo stesso tempo portano le famiglie delle vittime della delinquenza a perdonare (direttamente e indirettamente) chi ha fatto loro del male. Non sono forse queste, perlomeno alcune, delle diverse lingue che esistono oggi nel mondo. Gli Apostoli si fecero capire a chi veniva da lontano, noi ci facciamo capire a persone che pensano in maniera molto lontana dalla Chiesa. Tu parli di agire come pagliacci ….. ma San Giovanni Bosco, prima di diventare sacerdote e, poi, iniziare l’opera salesiana, non usava l’essere un po pagliaccio per attirare a se le persone e poter loro annunciare Cristo? Ti chiedo, per favore, di cercare tutti i filmati di questa due giorni all’Olimpico in particolare quelli in cui si vedono quelle stesse persone che tu hai definito pagliacci pregare in COMPLETO e PERFETTO SILENZIO per diversi minuti. Un’altra domanda, credi che 50.000 persone (e anche più) siano capaci di restare in un posto non certo comodo come lo stadio Olimpico (quantomeno non le curve) per quasi una giornata intera, solo per la prospettiva di far baldoria? mi permetto di nutrire qualche dubbio.
        Quanto ai miracoli, a Lourdes ci andiamo, così come a Fatima e, meglio ancora, in Terra Santa, ma siamo anche fermamente convinti che se Dio vuole, per intercessione delle nostre preghiere e dei Santi, i miracoli di guarigione (fisica e spirituale) li può operare anche nelle nostre assemblee; e quanto alla psicolabilità …… ai medici psichiatri l’ardua sentenza, non credi?
        Una domanda a te, Piero (ma anche agli amministratori di questo blog). quanto fanno le vostre associazioni nel campo dell’assistenza ai malati, ai poveri, ai carcerati, perché non lo mettete bene in vista qui o su altri siti simili, così come mettete in vista ciò che nella Chiesa attuale non è pienamente secondo Parola, Magistero e Tradizione?

        Un pagliaccio spilungone

    • #Paolo   4 giugno 2015 at 12:19 pm

      Pace e bene.

      Mi chiamo Paolo è ho fatto parte dei carismatici per 10 anni. Non è polemica la mia ma solo voler esprimere quanto mi è accaduto e se vogliamo una possibilità. Nel mondo carismatico tutto è molto bello. Potrei raccontare infinite cose, 10 anni sono tanti e sono stato anche responsabile di gruppo. Ora però da qualche tempo, mettendo da parte la buona fede, inteso che cerco di essere credente e non un credulone, ho deciso che l’unica cosa da fare per un cattolico è esserlo davvero. Nel movimento purtroppo non è così, non si è cattolici se non a parole, infatti innegabile che studiando la provenienza del movimento, chi lo ha portato nella chiesa cattolica – un cardinale massone – cosa pensano e fanno, e confrontandolo con la vita dei veri “carismatici” termine questo comunque non proprio appropriato, preferisco chiamarli come è giusto che sia, i santi di Dio, ebbene vi sono abissali differenze. La ricerca del sensazionalismo è fortissima nei carismatici, la ricerca del miracoloso,anche dove non vi è. Del resto controllore e controllato è la stessa persona. Racconto questo episodio, un anno in un convegno una ragazza che era sulla sedia a rotelle si alzo e camminò anche se a molta fatica, l’anno dopo, quando la rividi, era di nuovo sulla sedia a rotelle e subiva una pressione – imposizioni delle mani – fortissima affinchè ripetesse quanto dell’anno prima, senza successo, ma anzi preda di una forma di disperazione, infatti piangeva a singhiozzo. Questa non è una bugia ma verità.
      Può sembrare non umile, ma la conversione vera, porta a svuotarsi di se e riempirsi di Dio e non la ricerca del miracolo o cose del genere a tutti i costi, che ne sono conseguenza al limite, non si antepone il prodigio a Dio. Un vero cattolico sa che Dio è Immutabile e Verità Assoluta, allora come conciliare l’ingresso nella chiesa cattolica di questi movimenti che nascono dai protestanti? Sappiamo che le differenze sono abissali, moltissime, per esempio l’annullamento del sacerdozio nel mondo protestante, cosa che sotto, sotto vi è anche nei carismatici, infatti,comanda il responsabile e non il sacerdote, sul palco la preghiera la guida un laico e non il sacerdote, ecc.. Altro esempio, le regole dei neocatecumenali sono chiarissime. Cosa centrano i neocatecumenali con i carismatici? Semplice hanno i stessi “carismi”, Kiko, ne fa l’elenco ed è infinito, profeta, guaritore, musicista, parla in lingue, pittore, musicista, ecc,. Affermano che solo loro hanno la verità, che la chiesa è finita nel III secolo per riapparire solo con il Concilio Vaticano II e che il Concilio di Trento a sbagliato tutto , per chi non sapesse è il Concilio dove si difese la dottrina cattolica dall’eresia luterana, dove si difendeva la Presenza Reale, cosa questa che Kiko , al pari dei protestanti non crede, e si definisce cattolico, sic!. Allora diamo voce ad un grande santo, san padre Pio che confidava, poco prima che morisse ,ad una persona piissima, padre Zoffoli, ebbene diceva che costoro erano frutto di satana. Padre Zoffoli, ha scritto un libro smascherando ed evidenziano gli innumerevoli errori di queste persone carismatiche. Ricordiamo che san padre Pio era intransigente sulla dottrina e non ammetteva il non rispetto pieno della Tradizione, così come condannava i protestanti.
      Purtroppo i carismatici e parlo di prima persona, perché ripeto per oltre 10 anni ne ho fatto parte, credono di essere infallibili e questo è il loro errore grandissimo, per questo non riescono a vedere la Verità. Anche il commento di Marco, ha delle falle, infatti se da una parte è lodevole – anche doverose – fare delle iniziative caritatevoli, comunque:non sappia la mano sinistra cosa fa la mano destra. Inoltre le stesse cose le possono fare e le fanno, anche gli atei e tante altre associazioni che di religioso non hanno nulla, anzi. Poi esistono anche le 7 opere di Misericordia Spirituali, oltre a quelle Corporali, non va dimenticato, per cui guidare alla verità rientra in queste – Spirituali -.
      Il cattolico deve anche e soprattutto difendere la Verità e i santi, lo hanno fatto fino a dar ela vita. Non carismatici come li si vuole intendere in questo periodo, nessuno santo ha avuto l’atteggiamento dei attuali carismatici, basta studiare bene le cose come stanno. Anzi è da dire che alcuni grandi santi e dottori della chiesa ( san Giovanni Crisostomo ), hanno condannato persone che avevano atteggiamento simile, come mettersi a profetizzare 10 minuti dopo aver iniziato a pregare? Egli affermava che è assurdo che costoro, neanche iniziano a pregare che affermano che Dio gli parla dicendo questo e quell’altro. Risulta anche patetico la forzatura di trovare prove in santi che convaliderebbero certi metodi, perché non vi sono, anzi, per esempio spiegano benissimo cosa è il vero dono delle lingue e san Cirillo spiega anche a cosa serviva e perché era sparito. La chiesa oramai universale parlava già le lingue del mondo.
      Se si considerano le affermazioni di padre Raniero Cantalamessa, che arriva a dire , come i neocatecumenali e i protestanti, che lo Spirito Santo, per 1500 anni ha divorziato dalla chiesa, è tutto dire, veramente impossibile per un cattolico accettare questa affermazione, totalmente protestante, e ben più grave perché accusano direttamente Gesù di essere bugiardo, perché se Egli aveva assicurato l’assistenza sempre alla sua Chiesa, come mai era venuto meno alla Sua Promessa? Come relazionare le affermazioni di padre Raniero e anche altri leader carismatici? Sono assurde queste affermazioni. E che dire del Credo? Credo la chiesa UNA SANTA CATTOLICA E APOSTOLICA. Come conformarsi con il mondo protestante dove sono oltre 32.000 le confessioni religiose e sono in continuo aumento, spesso molto diverse tra loro, c’è chi non crede nella Santissima Trinità, chi afferma che Gesù non è Dio, ecc., Vi è una ubriacatura generale, e attenzione non è la prima volta che accade, basta conoscere la storia di sant’Atanasio per scoprire che in alcuni periodi la vera Fede era presente in poche persone, addirittura sparita nei vertici ecclesiali. Poi se qualcosa non torna basta vedere la situazione nelle chiesa dell’ America Latina, uno sfacelo il 40% dei cattolici si è fatto pentecostale e molti altri lo stanno continuando a fare, perché attirati dai presunti “carismi”. Già la religione trasformata in partito politico, e cosa peggiore che la chiesa ufficiale si mette ad inseguire colore che dovrebbero essere combattuti perche eretici. San Giovanni Bosco – anche lui aveva il vero dono delle lingue – aveva tolleranza zero verso valdesi, protestanti, simpatico quando i protestanti gli contestavano che era da leggersi i testi in greco e non in latino, per verificare le verità e san Giovanni prese i testi in greco, li porse a costoro,ma i protestanti provavano a leggerlo ma a rovescio, non sapevano neanche il verso di come aprire quel libro. Fu tanto avverso e li combatté tanto è che i protestanti provarono ad ucciderlo, come mai questa inversione ad U nella chiesa docente? Qualcosa non ha funzionato se si passa dalla pienezza ( cattolica ) alla incompletezza ( protestante ), questa è apostasia. Cosa che non si rendono conto i carismatici, incompletezza che affermano corretta, per il semplice fatto che sono una proiezione del mondo protestante nella chiesa cattolica. Sempre san Giovanni Crisostomo, affermava che il diavolo concede belle cose, per gettare poi nello scandalo. Immaginiamo cosa accadrebbe, se fra qualche anno si riconoscesse che nel Concilio Vaticano II, effettivamente si commisero degli errori. Scandalo, scandalo che è imperdonato da Gesù Cristo. Infatti il beneficio dato da una serie di cose ritenute bellissime, si trasformerebbero in un danno che annulla tutti i vantaggi e ancor molto peggio. Per essere pratico, quando la chiesa annuncerà, o meglio ribadirà ufficialmente che il dono delle lingue è frainteso e che il vero dono è quello spiegato dai padri della chiesa, quali per esempio san Agostino, cosa accadrà nei fedeli che si sono lasciati trasportare? E cosa diranno gli “avversari” , che la chiesa è fallibile? Non ci si rende dei danni devastanti. La beata Caterina Emmerich, affermò in una sua visione di vedere a partire dalla metà del XX secolo, una chiesa fatta di soli uomini, senza assistenza dall’Alto.
      Vi sarebbe molto da dire, ma se un carismatico non è disposto a credere che è nell’errore, tutto è inutile, infatti siccome credono di essere ispirati direttamente da Dio, non hanno bisogno di correggersi, è la stessa cosa che dicono i pentecostali, sono sempre gli altri che devono cambiare, e così anche il Magistero di sempre e la Tradizione. Ebbene questo è un pensiero solo protestante e niente affatto cattolico. Sappiamo che è volontà di molti di protestantizzare la chiesa cattolica, è un’azione partita molto tempo fa, cosa denunciata da don Giussani e non solo, il quale profetizzò l’arrivo di un tempo che i cattolici devoti alla Tradizione saranno perseguitati anche dagli altri cattolici, per il solo fatto di essere fedeli alla dottrina immutabile della chiesa di sempre. I miracoli, sono prova di veridicità? No, le sacre Scritture ci avvisano, anche a la Mecca accadono miracoli. Al di la della cantonata sul vero parlare nelle lingue, ( vedesi san Vincenzo Ferrer, san Padre Pio, san Domenico che parlavano e scrivevano lingue mai studiate. Molto interessante era il confessare di Padre Pio, persone tedesche, inglesi, francesi, ebbene san padre Pio parlava precisamente queste lingue anche non avendole mai apprese umanamente, questo è il vero dono) quindi il parlare nelle lingue? Lo fanno anche i musulmani in Alessandria di Egitto e lo facevano i pagani. E che dire della benedizione santa di Toronto, dove nasce questo carisma di ridere sfrenatamente rotolandosi a terra ? San Paolo non ne fa menzione, eppure qualcuno – molti – lo ha. Che cosa facciamo per quelle religiose che per decenni – una in particolare 38 anni – hanno profetizzato, fatto miracoli e cose straordinarie poi hanno ammesso di operare per conto del demonio? Eppure avevano un seguito spaventoso e ingannavano, sacerdoti, vescovi, teologi, cardinali. Il caso eclatante della religiosa smascherata da san Filippo Neri?
      Sorgeranno falsi profeti e faranno grandi miracoli e prodigi e se possibile confonderanno anche gli eletti. San Paolo parla di apostasia anella chiesa, forse ci siamo? Fatima parla di apostasia e perdita della fede nelle alte sfere ecclesiastiche? Bisogna a volte ammettere di essere stati vittima, magari in buona fede propria e altrui, io lo ho fatto. Anche se molte cose sembrano buone, nascondono pericoli devastanti, mille litri di acqua purissima, per avvelenarla, basta una goccia di veleno che non si vede, ma vi è, rendendola inutile.
      Può accadere che per edificazione personale, anche in contesti non cattolici avvenga un’azione di Dio, ma in questo caso ha solo uno scopo personale e lo scopo principale di condurre alla Verità Integrale, non avvelenata da eresie e non ha come finalità l’approvazione di quella religione e o movimento, perché l’unica vera religione è quella cattolica, assicurata da Gesù stesso, una sola chiesa un solo pastore un solo ovile. Non tante frazioni eterogenee e diversissime tra loro, come poter affermare che la verità non è un ma tante? Ciò non può essere in Dio, Unico e Immutabile. L’ infallibilità del papa? Ci aiuta un dottore della chiesa e grande santo, sant’Alfonso Maria de Liquori, che affermava che non può esistere un papa eretico, per il semplice fatto che un papa che affermi cose eretiche automaticamente per azione dell’Alto non è più papa ,a che se costui si veste da papa, vive da papa, parla da papa, e lo chiamano papa, lo è per gli uomini ma non per Dio. Infatti, il Concilio Vaticano I – dimenticato da tutti perché scomodo – affermò: che lo Spirito Santo non è dato ad un pontefice perché costui lo usi per giustificare varianti o fondare una nuova dottrina, ma solo perché la custodisca integra e immutabile, questo è il compito di Pietro.
      Mi scuso per la lunghezza.

      Sia Lodato Gesù Cristo

  5. #andrea   4 giugno 2014 at 8:25 pm

    L’operato degli apostoli era assai diverso dall’atteggiamento di questi pagliacci ecumenisti, filoprotestanti traditori di Cristo! Gli apostoli costruivano la chiesa di Cristo, questi la stanno smantellando, Bergoglio osa mettere in dubbio i comandamenti di Dio per accondiscendenza allo spirito del mondo, ribelle a Cristo come lo è Satana!

  6. #bbruno   4 giugno 2014 at 10:34 pm

    PAGLIACCI – e a guidarli il Re dei Pagliacci!

  7. #Gianni.lo   4 giugno 2015 at 10:21 am

    Macellai!