Elezioni Siria. Miliziani cristiani: Croce al braccio, Messa all’alba, voto per Assad e stima per Hezbollah

assad-salute

In Siria si vota per il rinnovo (7 anni) dell’amministrazione nazionale. Oggi su La Repubblica si parla dei miliziani cristiani pronti a difendere il loro Paese dai terroristi stranieri.

“Con la Croce di Cristo tatuata sul braccio”, svegli alle 5 per la giornata elettorale, alle 6 sono a Messa. Rispettano Hezbollah che con il suo intervento ha contribuito a liberare Maalula (villaggio cristiano in cui si parla ancora l’aramaico) dai nemici della Siria.

Presidiano i seggi, votano Assad, girano con scarponi, mimetica e AK-47. Non hanno per parroci il Card. Bertone o Mons. Galantino.

8 Commenti a "Elezioni Siria. Miliziani cristiani: Croce al braccio, Messa all’alba, voto per Assad e stima per Hezbollah"

  1. #Marco   4 giugno 2014 at 6:43 pm

    Perché il Signore girava con mitra sotto il braccio??!?!

    Rispondi
    • #amen   4 giugno 2014 at 6:57 pm

      Il mitra non era stato inventato, gli apostoli però portavano le spade. Dia una ripassatina in proposito al vangelo di Luca.

      Rispondi
  2. #bbruno   4 giugno 2014 at 10:40 pm

    ma purtroppo hanno anche loro Bergoglio ( ma per fortuna se ne fottono) !

    Rispondi
    • #amen   9 giugno 2014 at 9:28 am

      Un conto è usarla per ferire un altro è usarla per difendersi. Smetta di fare il finto tonto.

      Rispondi
    • #bbruno   9 giugno 2014 at 1:19 pm

      non credo proprio che @amen abbia risposto a me…. i finti tonti sono quelli alla Bergoglio, e per fortuna che i cristiani siriani non sanno che farsene dei finti-tonti! O solo i cari di Maometto hanno il diritto esclusivo non dico di difendersi – e dove lo fanno dagli americani e alleati di questi fanno benissimo – ma di aggredire gli altri per stabilire nel mondo il Regno di Allah ( leggete le sacre carte loro….) ?” Che cosa era la Siria, e la Palestina e l’ Africa settrentrionale e l’Asia Minore e la Spagna e la Sicilia prima che vi arrivassero loro??? Che vergogna e che offesa per la pace – che la Spagna abbia intrapreso la riconquista e l’abbia compiuta! (quanto alla Sicilia, se gli sta bene ritornare sotto il sacro segno dell’ Islam – come tutta l’ Italia del resto – affari suoi/ loro : BUON PRO GLI FACCIA, CON GRANDE GIOIA DEI BERGOGLIO..

      Rispondi
  3. #Marco   5 giugno 2014 at 1:24 pm

    @amen: Gesù disse infatti che chi ferisce di spada…di spada perirà!

    Rispondi
  4. #doroteo77   5 giugno 2014 at 3:51 pm

    Il pacifismo e la non violenza sono concetti estranei al cattolicesimo. Cristo Gesù non abolisce la vecchia legge del taglione ma la perfeziona. Mi pare fu sant’Agostino a dire che tutto è riconducibile a limitare i danni dell’ira di chi riceve violenza. Insomma, evitare un eccesso di vendetta. Anche il dottore Angelico si spese su questo argomento. Pertanto, finiamola con questa baggianata da figli dei fiori: la Chiesa ha abolito la pena di morte solo con GP-II.

    Rispondi

Rispondi