Il cattocomunista Matteo Renzi apre alle unioni omosessualiste

Il cattocomunista Matteo Renzi apre alle unioni omosessualiste

Il cattocomunista Matteo Renzi apre alle unioni omosessualiste. È una delle ultime news rilanciate dall’Huffington Post. Si legge: «Non chiamatele nozze gay ma civil partnership. Il modello è quello tedesco: le coppie omosessuali potranno iscriversi all’ufficio dello stato civile in un apposito registro dedicato ai ‘matrimoni’ tra persone dello stesso sesso», dunque un riconoscimento, de facto, delle ‘unioni’ invise a Dio: «Sicut Sodoma et Gomorra et finitimae civitates, simili modo exfornicatae et abeuntes post carnem alteram, factae sunt exemplum, ignis aeterni poenam sustinentes» (Epistula Iudae, 7).

L’articolista prosegue spiegando di cosa si tratta: «in questo modo potranno usufruire degli stessi diritti e doveri delle coppie eterosessuali sposate: reversibilità della pensione, diritto alla successione in caso di morte e la possibilità di assistenza negli ospedali e nelle carceri nonché di partecipare ai bandi per le case popolari»; aggiunge una postilla: «non potranno chiedere un bambino in adozione, ma un partner potrà adottare il figlio dell’altro per garantire una continuità relazionale».

Il testo di legge è stato anticipato all’Unità. Durante la recente assemblea nazionale del Pd a Roma, il premier Matteo Renzi ha annunciato che a settembre il governo varerà una legge sulle ‘unioni’ civili, ciò lo apprendiamo dal sito gay.it: «Renzi: “A settembre le unioni civili”. Arcigay: “Nessuna mediazione”» (qui maggiori info).

Sostanzialmente il cattocomunista Renzi, evidentemente figlio del modernismo e del paganesimo, insieme con gli altri movimenti “sovversivi” (contro la natura e contro la retta ragione) presenti in Parlamento, assesterà il colpo di grazia al già lordo equilibrio nazionale, fra guide massoniche e persecuzioni finanziarie ed ideologiche.

Attuali più che mai, così, le monizioni di san Paolo: «Propterea tradidit illos Deus in passiones ignominiae. Nam et feminae eorum immutaverunt naturalem usum in eum, qui est contra naturam; similiter et masculi, relicto naturali usu feminae, exarserunt in desideriis suis in invicem, masculi in masculos turpitudinem operantes et mercedem, quam oportuit, erroris sui in semetipsis recipientes. Et sicut non probaverunt Deum habere in notitia, tradidit eos Deus in reprobum sensum, ut faciant, quae non conveniunt, repletos omni iniquitate, malitia, avaritia, nequitia, plenos invidia, homicidio, contentione, dolo, malignitate, susurrones, detractores, Deo odibiles, contumeliosos, superbos, elatos, inventores malorum, parentibus non oboedientes, insipientes, incompositos, sine affectione, sine misericordia. Qui cum iudicium Dei cognovissent, quoniam qui talia agunt, digni sunt morte, non solum ea faciunt, sed et consentiunt facientibus» (Apostoli ad Romanos Epistula Sancti Pauli 1,26 ss.).

Sarà un’ottima occasione, colta al volo dalla Chiesa occupata dai modernisti, per opporre qualche flebile voce di resistenza, così da far gridare all’illuso: «… c’è tradizionalismo …».

Fin dalle origini, la Chiesa, vista la maledizione esplicita presente nelle Sacre Scritture, ha condannato la pratica omosessuale per bocca dei Papi e Padri, riconosciuti come testimoni della Tradizione Divina. Il sommo sant’Agostino (354-430), vescovo d’Ippona e Dottore della Chiesa, insegnava: “I delitti che vanno contro natura, ad esempio quelli compiuti dai sodomiti, devono essere condannati e puniti ovunque e sempre. Quand’anche tutti gli uomini li commettessero, verrebbero tutti coinvolti nella stessa condanna divina: Dio infatti non ha creato gli uomini perché commettessero un tale abuso di loro stessi. Quando, mossi da una perversa passione, si profana la natura stessa che Dio ha creato, è la stessa unione che deve esistere fra Dio e noi a venire violata” (Sant’Agostino, Confessioni, c. III, p. 8).

Se ne facciano una ragione i “cattolici” che offendono Dio votando quelle organizzazioni agnostiche di consorteria nichilista, europeiste che si fanno chiamare partiti di centro sinistra.

Foto da (clicca qui)

slide_352829_3828097_free

slide_352829_3828105_free

slide_352829_3828099_free

slide_352829_3828095_free

11 Commenti a "Il cattocomunista Matteo Renzi apre alle unioni omosessualiste"

  1. #bbruno   17 giugno 2014 at 12:20 pm

    sì, però va a messa tutte le domenichie, con consorte e figli, vuoi dire? E farà anche la comunione… sì, la comunione col corpo di satana, che in quella messa bastarda si ingrassa…

    • #ricciotti   17 giugno 2014 at 4:13 pm

      Il problema è di chi lo fa entrare in chiesa, anzitutto …

      • #bbruno   17 giugno 2014 at 4:24 pm

        nessun problema: chi lo fa entrare in ‘chiesa’ è della sua stessa pasta, ben felice della messa in scena….! Io da un bel po’ mi guardo bene dal prendere parte alle ‘cerimonie’ di questi cattolici ‘bastardi’ – preti o fedeli che si dicano (salva sempre la buona fede – ma non devono i cristiani aver chiare le ragioni della loro fede???), e mi guarderò bene dall’averne intorno nell’ultima ora – quando Dio vorrà- per non avere disturbi di sorta in quel gran momento….)

  2. #Martino Mora   17 giugno 2014 at 1:26 pm

    Non è catto e nemmeno comunista. E’ il Nulla. Nichilismo incarnato.

  3. #HEctor Hammond   17 giugno 2014 at 1:44 pm

    Il Nulla potrebbe prendersela ad essere accostato a lui, almeno possiede un’importanza filosofica che il renzi non ha 🙂 ,ma è purtroppo lo specchio di un mondo cattobuonista che cerca di congiungere Cristianità e mondanità.Assieme a bergoglio macinerà quel che resta del cattolicesimo post conciliare.Mi chiedo se non sia voluto questo binomio.

  4. #Planescisco   17 giugno 2014 at 3:47 pm

    Visitando bettole e bar-sport toscane se ne trovano a dozzine di giovanotti come il Renzi: faccia tosta e simpatica logorrea. Però di li ed essere “uomo di stato” ne passa. E di uno Stato tra i più importanti del mondo e certamente quello più difficile da gestire come è quello italiano.

  5. #antonio   17 giugno 2014 at 9:35 pm

    ok, è la volta buona che mi sposo mia zia, così anche io potrò usufruire di una piccola parte della sua misera pensione. ( sempre che l’inps non sia già fallita per pagare le pensioni ai sodomiti)

    • #ruggero romani   18 giugno 2014 at 2:52 pm

      basta una semplice dispensa episcopale…

  6. #Marco   18 giugno 2014 at 10:47 am

    Tanto qui la pensione tra poco non ce l’avrà più nessuno!

    • #bbruno   19 giugno 2014 at 8:29 am

      ma avremo gli 80 euri, e in più la felicità dei generi…

  7. #bbruno   19 giugno 2014 at 8:30 am

    ma avremo pur sempre gli 80 euri, e la felicità dei generi….