Palermo: Via l’altare, chiese/dormitorio

***Avevo già anticipato qualcosa qui, spiegando la differenza fra la vera carità e la filantropia massonica. Notizia di ieri: “Abbiamo sostituito l’altare con i letti – dice il parroco di San Luigi Gonzaga Rosario Francolino, che da domenica coordina l’accoglienza di 700 africani -. Penso che sia la più bella Messa che la comunità poteva celebrare. La comunità di Palermo sta partecipando a questo evento con grande attenzione” (fonte).***

Alcune foto

chiesa04

201705910-68369421-930d-4ef5-a322-2db8e97a01f2

download

10384032_705250526202931_5970299763857772131_n

Via l’altare, Chiese/dormitorio. Già da qualche giorno ormai le Chiese siciliane sono diventate dei dormitori per gli immigrati (ne avevamo parlato qui). In molte parrocchie di Palermo le panche sono state spostate per essere sostituite con dei letti. Ma da altre parti succede qualcosa ancor più sconcertante, o per meglio dire spaventoso: “Abbiamo sostituito l’altare con i letti “(si presuppone ovviamente che si parli dell’altare maggiore) spiega il parroco di San Luigi Gonzaga, Rosario Francolino. Il parroco in questione da qualche giorno si occupa dell’accoglienza di alcune centinaia di africani. Aggiunge don Francolino: “Penso che sia la più bella Messa che la comunità poteva celebrare. La comunità di Palermo sta partecipando a questo evento con grande attenzione”. In queste settimane la Sicilia è in stato di emergenza, gli sbarchi avvengono sempre più spesso. Solo in questi giorni sono arrivate quasi mille persone.

Video

Breve approfondimento (l’opinione del filantropo vicino ai Pentecostali Raniero Cantalamessa)

Raniero

IL BATTESIMO DI SANGUE DIPENDE DAL CONTO IN BANCA

Cantalamessa dice: «[…] tutti i poveri del mondo, siano essi battezzati o meno, appartengono alla Chiesa. La loro povertà e sofferenza è il loro battesimo di sangue» (2013-12-20 da Radio Vaticana, ultima predica d’Avvento, Cappella Redemptoris Mater in Vaticano).

CHIESA CATTOLICA (Cat. san Pio X): n° 105. Che cos’è la Chiesa? «La Chiesa è la società dei veri cristiani, cioè dei battezzati che professano la fede e dottrina di Gesù Cristo […]». Secondo Cantalamessa invece «tutti i poveri del mondo, siano essi battezzati o meno, appartengono alla Chiesa» = sentimentalismo = filantropia ≠ fede e retta ragione.

CHIESA CATTOLICA (Cat. san Pio X): n° 280. «[…] il Battesimo di sangue [è] il martirio sofferto per Gesù Cristo […]». Secondo Cantalamessa invece «la loro [dei poveri non battezzati] povertà e sofferenza è il loro battesimo di sangue». Secondo Cantalamessa, quindi, il «battesimo di sangue» o «martirio» dipenderebbe dagli emolumenti transitati sul conto in banca o dai depositi postali/bancari/titoli/azioni, ecc … al di sotto di un certo patrimonio scatterebbe, sempre secondo Cantalamessa, il «battesimo di sangue» al pari delle esenzioni fiscali. Secondo Cantalamessa il «battesimo di sangue» dipenderebbe in alternativa dalla sofferenza, indipendentemente da come uno soffra, perché e per chi. A questo punto i dannati nell’Inferno che sono coloro che soffrono di più, oppure anche noi uomini che veniamo castigati da Dio per la nostra empietà con la sofferenza, riceveremmo tutti il «battesimo di sangue». (Evviva !!!)

Leone XIII, Humanum genus ricorda: «occorre togliere la maschera filantropica alla massoneria». (qui maggiori info)

 

9 Commenti a "Palermo: Via l’altare, chiese/dormitorio"

  1. #Matteo   19 giugno 2014 at 12:08 pm

    Col gallo che pianta alberelli in vaticano *** sedere *** e camicia con gli infedeli, i polli in turbante come questo possono schiamazzare quello che vogliono. Intanto nelle chiese ci fanno i ricoveri per le mandrie di clandestini che hanno raccolto la “pubblicità” di Lampedusa e con l’acqua benedetta ci lavano i calzini.

    Questa non è la Chiesa Cattolica, ma solo una “onlus pietosa” (quando non lucra, perché sempre più spesso è solo una OL esosa).

    La Chiesa di Cristo al momento è afflitta da impostori e millantatori eretici ed apostati che si sono incistati come zecche.

    Preghiamo perché presto ci si possa liberare di questa zavorra, magari già ad ottobre col sinodo sciagurato con cui si proclamerà formalmente l’apostasia delle alte gerarchie eretiche e corrotte.

    Rispondi
  2. #andrea   19 giugno 2014 at 12:36 pm

    E’ vera la profezia di San Francesco d’Assisi? Secondo quanto si dice a proposito, San Francesco in punto di morte convocò i fratelli e li avverti di grandi tribolazioni future, disse:”nel momento decisivo di questa crisi un personaggio NON CANONICAMENTE ELETTO, elevato al soglio pontificio, si adopererà a propinare sagacemente a molti il veleno del suo errore”Mentre gli SCANDALI si moltiplicheranno, la nostra congregazione religiosa sarà divisa tra altre che saranno completamente distrutte, perchè i loro membri non si opporranno ma consentiranno l’errore. Ci saranno così tante e tali opinioni e divisioni tra la gente e tra i religiosi e i chierici che se quei giorni malefici non fossero abbreviati, come annunciato dal Vangelo, anche gli eletti cadrebbero nell’errore, se in tale uragano non fossero protetti dall’immensa misericordia di Dio. Così le nostre regole e il nostro modo di vita saranno attaccati violentemente da alcuni”……….Sul secolo XIX a gennaio è comparso l’articolo: “Francesco sfratta i francescani”, “Cacciati dai conventi del ponente ligure i frati più tradizionalisti, una vera e propria epurazione voluta da Bergoglio! San Francesco annunciò l’arrivo sul trono di Pietro di un distruttore della Chiesa; esattamente l’opposto del Santo che invece arricchì di grazie la Chiesa di Cristo.
    Ma Bergoglio lo disse sin dall’inizio: “la mia idea di Chiesa e quella di un grande ospedale da campo!….Preferisco una Chiesa incidentata…..che legata alla tradizione”
    Sembrerebbe una profezia in fase di svolgimento.

    Rispondi
  3. #Vera   19 giugno 2014 at 3:18 pm

    Il prete è proprio una persona insensibile. Perchè non ha pensato che tra i suoi ospiti ci poteva essere qualche mussulmano che poteva offendersi dalla presenza della croce? Velare,nascondere,far sparire crocefissi, immagini e simboli cristiani: così doveva fare!

    Rispondi
  4. #bbruno   19 giugno 2014 at 4:52 pm

    I Musulmani per la loro incredulità sono destinati all’inferno: a loro a nulla giova avere dormito nelle nostre chiese i.. .Lo afferma lo stesso Corano, in un versetto sfuggito all’epurazione dei califfi nel sec. VIII) operata sul Corano originale: “Allah dice: O Gesù, Io eleverò coloro che Ti hanno seguito al dissopra dei non-credenti, fino al Giorno della Resurrezione. Il Vostro ritorno si farà verso di me. Quanto a quelli che non credono [in Lui], io li castigherò con un terribile castigo in questo mondo e nella vita futura”- Cor 3,48 (55).

    E con loro vanno al’inferno per la loro incredulità questi bastardi di ‘papi’ e di ‘cristiani’ divenuti profanatori delle nostre chiese, invece che utilizzarle come luoghi di santificazione e preghiera al Dio di Gesù Cristo! ( E perché, Bergoglio, non una bella tendopoli sotto il Cupolone, nei Giardini Vaticani, intorno a Santa Marta???. No, si vuole rendere provocatoria al massimo l’azione di tradimento e irrisione della nostra fede e del nostro popolo. Bastardi! )

    Rispondi
  5. #Flo   19 giugno 2014 at 6:54 pm

    andrea on
    ci sono tante altre profezie dei Santi che pero’ non so se siano vere e parlano di un grande monarca francese della stirpe di Pipino il breve del casato d’Orleans il quale dovrebbe istituire una sorta di nuovo Sacro Romano Impero su tutto l’occidente di cui sara’ Imperatore con l’aiuto di altri Re cattolici di altri paesi. In pratica secondo le profezie dovrebbero tornare le monarchie cattoliche in occidente a difesa della Chiesa cattolica dopo che le repubbliche saranno distrutte. Le eresie secondo le profezie saranno demolite con un nuovo grande concilio ecumenico. Il grande monarca francese sara’ affiancato da un Papa Santo ed egli stesso sara’ un Re Santo.
    Paesi oggi ancora protestanti torneranno cattolici. E tutto questo dovrebbe dare inizio al sesto periodo della Chiesa.

    Tali profezie non si sa se siano vere quindi attenzione vanno accolte con la dovuta prudenza come la stessa Chiesa ci insegna da secoli.

    Rispondi
  6. #bbruno   19 giugno 2014 at 11:21 pm

    alcune domande:

    – quanto prendono i preti per questa lor accoglienza?
    -dopo questo uso fatto dai preti delle chiese, c’è ancora qualche fedele che osa mettere piede in chiesa? Oppure: perché non fanno i preti di queste chiese i centri di accoglienza permanenti ? Reddito sicuro!

    -a Padre Cantalamessa: se la povertà e sofferenza sono il battesimo di sangue che apre le porte del paradiso, Gesù che è venuto a farci? ( Cantalamessa Cantalamessa…ma quale messa ci vai cantando!!!!)

    Rispondi
  7. #bbruno   20 giugno 2014 at 9:58 am

    “La loro povertà e sofferenza è il loro battesimo di sangue”… ma questa Cantalamessa non so se ci è o ci fa…Se per i “poveri del mondo” la loro povertà e sofferenza è il loro battesimo, per qesto cantalamessa qual’ è il battesimo? La stupidità? Capisco ora perché a forza di cantare tali scempiate sia diventato il predicatore dei Sacri Palazzi! Buffoni hanno bisogno di Buffoni!

    Rispondi
  8. #Tradizionalista ligure   23 giugno 2014 at 10:11 pm

    La miglior forma di protesta e non frequentre piú le parrocchie che fanno simili scempi

    Rispondi

Rispondi