Silvio “presidente di sezione PD”. Altro che Senato: aziende e incarichi. Italia consegnata a Renzi, ecco perché:

renziebe

“Una intesa di massima tra i numeri uno del Pd e di FI sarebbe stata trovata anche sulle nomine alla Consulta e al Csm di indicazione parlamentare: per i giudici della Consulta, prevede un giudice al Pd e uno a Forza Italia; degli otto membri “laici” del Csm in votazione in questi giorni, quattro andranno al Pd e quattro agli altri partiti. Berlusconi ha poi chiesto al premier precise garanzie circa il destino delle sue aziende e cercato rassicurazioni rispetto al timore che il governo possa recepire qualche direttiva europea relativa al tetto della pubblicità”. La fonte che lo riferisce non è sospetta, è Libero.

*

Insomma, aggiungiamo noi, un’Italia consegnata al PD in cambio di determinate garanzie. Inutile dire che il nuovo Senato “delle rappresentanze locali” sarebbe PD-centrico (data la forza – da sempre maggioritaria – della cosiddetta “sinistra” nelle amministrazioni comunali e regionali), la Consulta continuerebbe ad essere una roccaforte gauchista e, come visto, anche al CSM varrebbe il principio “metà al PD e il resto diviso tra gli altri”. Sembrano gli accordi sulla divisione delle monete d’oro nei film western.

Berlusconi vuole salvare il salvabile. Ormai è pronto a quasi tutto. Dopo essersi fatto fotografare in mezzo a libri massonici, dopo aver fatto il paladino omossessualista, ora è pronto a fare l’opposto di ciò per cui era sceso in campo: regalare l’Italia al PD. E in tutto questo il M5S è poco più di un fantasma: tra Grillo che gira per il Consolato statunitense e la coppola di Casaleggio.

Parliamoci chiaro: le uniche riforme necessarie sono quelle di cui non si parla. Riguardano l’idea generale di Stato e di popolo, per non parlare della moneta e delle stesse tasse. Mai come ora il popolo italiano è trafitto da una fiscalità che istiga apertamente al suicidio attraverso i suoi plotoni di tassazione. La “riforma” del Senato proposta è insensata, si tratterebbe del tipico carrozzone all’italiana. Una medaglietta per Renzi, che potrebbe dire: “Sono quello che ha cambiato l’Italia”. Sì ma in modo gattopardesco: cambiare tutto per non cambiare nulla.

Le parti più disincantate di PD e Forza Italia, l’hanno capito. Non ci voleva molto. “Se Forza Italia diventa una corrente di Renzi, come sta accadendo, allora liberi tutti” è il commento di un frondista. Minzolini vede ancora più in là: “Non vi sembra strana questa fretta di Renzi? Quello ci porta a elezioni anticipate in primavera”. Anche qui non ci voleva molto.
Guido Crosetto  – Fratelli d’Italia – definisce Silvio Berlusconi “presidente di una sezione del Pd”.

Insomma, il gioco è chiaro. 

5 Commenti a "Silvio “presidente di sezione PD”. Altro che Senato: aziende e incarichi. Italia consegnata a Renzi, ecco perché:"

  1. #bbruno   4 luglio 2014 at 11:04 am

    e allora aver sperato in un addetto alle logge, non importa di quale P…., è stata daverro una speranza disperata…La scelta del minore male è solo illusione: il ‘minore male’ è solo la porta di ingesso di tutto il male! E allora? Abbiamo voluto la democrazia? Allora godiamocela! Abbiamo avuto a noia il potere del Trono e dell’ Altare? Allora subiamoci i Poteri Forti, tutti insieme coalizzati, dal Vaticano a Wall Street!

  2. #Attilio Licora   4 luglio 2014 at 12:00 pm

    lo avete votato per vent’anni, ha fatto quello che ha voluto facendo leggi ad persanam e stravolgendone altre; ora cera l’opportunità di votare Beppe Grillo che avrebbe cambiato tutto ma avete avuto PAURA!!! Di che non so e mo’ ce dobbiamo tenere tutti e purtroppo anch’io. Continuate a pensare al calcio , al ciclismo, ai nani e ballerini e vedrete dove andremo a finire

    • #Angheran   5 luglio 2014 at 12:54 pm

      Lo abbiamo votato quando c’era da votarlo. Lei continui la ricerca del karma

    • #bbruno   5 luglio 2014 at 10:14 pm

      non sarà che abbiamo pagato tutti il biglietto per vedere lo stesso film, ciascuno credendo di vedere un film diverso solo perché ciascuno faceva il tifo per i suoi attori preferiti? Questa è la BELLEZZA della ‘democrazia’: darci l’illusione di essere liberi solo perché ci scanniamo sulle nostre preferenze….E nemmeno ci accorgiamo che il film segue inesorabile il suo intreccio pre-stabilito, senza curarsi delle nostre sorprese per i colpi di scena inaspettati….