FOLKLORE KATTOLICO: IL BUON COSTUME

 


Caro Fratello e Sorella,  con questo componimento

vorrei farti riflettere per un momento,

sul tuo modo affannoso di seguire

mode e gesti con cui apparire.

 

Da molti anni infatti ormai,

questa società è preda sai,

di uno stile inadeguato

e di un linguaggio inappropriato.

 

E seppur in apparenza

Poco conta l’irriverenza,                                                            

 tatuaggi, piercing e indumenti

 del  demonio diventan strumenti

 

per corrompere la generazione

che del 68 ancor vive l’illusione

di poter viver contenti

senza DIO e i Comandamenti.


Abbandona dunque la convinzione

che l’edonismo sia la soluzione,

chè ad un irrefrenabile apparire

uno stile sobrio è da preferire.

 

Volgi dunque l’attenzione

A san Paolo e alla sua lezione

che morigeratezza raccomandava

a chi beltà e santa virtù agognava.


Ritorniamo dunque con fermezza

Al Signore e alla certezza

Che a viver con pudore

Non si pecca a tutte le ore!

 

E con questa prece pia

Caro fratello e sorella mia,

con cuor sincero e alma[1] retta

ti auguro viver, vita e letizia perfetta!

 

 

[1] Alma:anima in spagnolo

                                                                                                                                                                                 Simone Petrus Basileus I.G

 

Rispondi