Breve su K. Wojtyla ed il Corano

papa20bacia20corano

Recentemente ho letto su internet un articolo dove si sostiene che nel 1999 K. Wojtyla NON baciò il Corano e che la foto, se osservata da un’altra prospettiva, dimostrerebbe ciò.

Nessun bacio al Corano, dunque, secondo il giovane blog in questione.

FALSO!!! 1) La notizia è stata confermata dai vaticanisti dell’epoca ed è storicamente certa; 2) Il sedente polacco non era nuovo a determinate esternazioni di apostasia; 3) Dunque qualsivoglia recente “diatriba” web è ininfluente.

K. Wojtyla già baciò il Corano nel 1985 a Casablanca, si guardino i filmati di repertorio TV INA.FR e si leggano le principali testate giornalistiche del mondo.

Un esempio a caso: “… siamo a Casablanca durante la visita in Marocco del 1985. Prima di parlare alla folla di giovani che lo attende nello stadio, Giovanni Paolo II saluta i capi dell’Islam e bacia una copia preziosa del Corano”

Link: http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=anteprima&codid=22.0.1640671145&chId=14

Del bacio apostata del 1999, già mi occupai molti anni fa. L’articolo fu riportato in digitale da Agere Contra, dietro mia segnalazione a Matteo Castagna, solo 4 anni fa (se non ricordo male). 

La notizia è leggibile qui: http://www.agerecontra.it/public/press/?p=9234

1179831903945

Probabilmente per occultare il gesto di ingorda apostasia, fu addirittura il Vaticano a far sparire dal bollettino ufficiale del 14 maggio 1999 i nomi dei rappresentanti maomettani che erano invece presenti. I nomi censurati solo: l’imam sciita della moschea di Kadum, Hussein Ismail Hayder Al-Sadr (col copricapo nero), il presidente sunnita del Consiglio di amministrazione della Iraqi Islamic Bank, Abdul Latif Hemin Mohammed (col copricapo bianco), ed il rappresentante del Ministero del Culto (in giacca). Link qui http://www.30giorni.it/in_breve_id_numero_349_id_arg_32125_l1.htm (ultima notizia breve a fondo pagina); cui si aggiunge la testimonianza del Patriarca caldeo Raphaël I BiDawid, presente in udienza, pubblicata su Fides a giugno del ’99 e tanto altro (da Le Monde a La Vie, ecc…).

Non sarà comunque un bacio a dover dimostrare ciò che è noto agli studiosi della materia. Concentriamoci adesso sulla dottrina.

Dal discorso di K. Wojtyla ai giovani maomettani a Casablanca, Marocco – Lunedì, 19 agosto 1985 (nella stessa occasione baciò il Corano – erano presenti numerose emittenti TV): 

“Cristiani e musulmani, abbiamo molte cose in comune, come credenti e come uomini. Viviamo nello stesso mondo, solcato da numerosi segni di speranza, ma anche da molteplici segni di angoscia. Abramo è per noi uno stesso modello di fede in Dio, di sottomissione alla sua volontà e di fiducia nella sua bontà. Noi crediamo nello stesso Dio, l’unico Dio, il Dio vivente, il Dio che crea i mondi e porta le sue creature alla loro perfezione”.

Link: http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/speeches/1985/august/documents/hf_jp-ii_spe_19850819_giovani-stadio-casablanca_it.html

Altra “perla” di K. Wojtyla: “È con grande gioia che vi rivolgo il mio saluto, a voi Mussulmani, nostri fratelli nella fede in un unico Dio“, dal discorso con i rappresentanti della comunità maomettana in Francia (Parigi, 31 maggio 1980).

Link: http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/speeches/1980/may/documents/hf_jp-ii_spe_19800531_mussulmani-francia_it.html

Ogni ulteriore commento sarebbe superfluo.

CdP Ricciotti

36 Commenti a "Breve su K. Wojtyla ed il Corano"

  1. #bbruno   22 settembre 2014 at 3:31 pm

    questo beato santo subito della chiesa d’ inferno – Imperador Lucifero – ha dato questo bacio al Corano nell ‘impossibilità di darselo nel … deretano: sarebbe stata una scena meno disgustosa! ( questi difensori ad ogni costo, e a prescindere, delle oscenità della loro chiesa e dei suoi papi si fa per dire, quando sono a mal partito che ti fanno? Mettono la testa (quell’ imbroglio della loro ) nella sabbia, per non vedere le loro vergogne, e pretendono che tutti siano sprovvisti della capacità di vedere!

    Rispondi
  2. #fabio   22 settembre 2014 at 4:38 pm

    e bhe… ha detto la verità .. Per la religone islamica.Dio è uno e cambiano i Profeti. wojtila ha detto cose compatibili con il cristianesimo, mica ha detto che si converte o che ‘islam è meglio dellle altre religioni.

    Rispondi
    • #bbruno   25 settembre 2014 at 10:32 pm

      cose compatibili con la piena apostasia, certo! E che significa che “per l’islam Dio è uno e cambiano i profeti”? Per il cristianesimo Dio è Uno nella trinità delle Persone, e Gesù il Compimento delle Profezie: cose che nell ‘ Islam vengono negate e combattute. Dove sarebbe, come sosteneva Woitila e i suoi soci in pontificato fasullo, l’unità della fede in Dio tra cristiani e musulmani, cfr. Nostra Aetate)??? In che cosa il Corano era libro sacro come la Bibbia (discorso del woitila apostata in Belgio ), così da indurlo all’oscenità del bacio di quel libro???

      Rispondi
  3. #ricciotti   22 settembre 2014 at 5:37 pm

    Il nostro Dio è Uno e Trino.
    I maomettani non sono nostri fratelli nella fede poiché hanno una fede diversa.
    Abramo era cristiano in voto.
    Saluti.

    Ps. Almeno i 10 Comandamenti ….

    Rispondi
  4. #enzo bassi   22 settembre 2014 at 6:28 pm

    commentare Wojtyla è sempre disgustoso, poi è sempre possibile che prima di morire abbia chiesto perdone per queste oscenità

    Rispondi
  5. #Pietro   22 settembre 2014 at 8:01 pm

    Signor Ricciotti.. lei potrà comprensibilmente disapprovare alcune iniziative di Giovanni Paolo II.. non si rende conto però che i suoi errori sono stati solo di ordine formale, non avendo affatto intaccato la sostanza della dottrina cattolica. Quindi, con buona pace dei suoi innumerevoli giri di parole, citazioni e appigli vari (che vertono solo nel dimostrare la distorsione della forma, e che mai dimostreranno la sovversione della natura della fede cristiana).. che le piaccia o no, quel Papa rimane pienamente cattolico e giustamente santo!
    PetrusLXXVII

    Rispondi
    • #ricciotti   22 settembre 2014 at 8:07 pm

      io non approvo e non disapprovo.
      la fede cattolica insegna CHIARAMENTE cose differenti da quelle che blaterava il sedente polacco.
      negarlo sarebbe come negare che l’erba è verde.
      la fede cattolica non è stata sovvertita?
      dove?
      io ho studiato in seminario e posso garantire per esperienza personale che è stata sovvertita.

      Rispondi
    • #bbruno   25 settembre 2014 at 10:50 pm

      Pietro, errori formali quelli di woitila? mai intaccata la sostanza delle dottrina cristiana? Già quel gesto del bacio la dice lunga, come i suoi discorsi sul tema Corano- Islam- Cristiani in belgio e a casablanca. Non parliamo poi della sua sdoganatura della religiosità voodoo in africa- Benin?)!!! E la lista di simili intraprese sarebbe da paginate…Solo gesti formali?!? E l’ enciclica Redemptor Hominis, nella quale distribuisce la salvezza automaticamente a tutti, per il solo fatto che tutti siamo tutti partecipi della umanità di Gesù? La salvezza divina operazione biologica, invece che conversione a Cristo??? In realtà, i giri di parole e i giri di valzer per il mondo, a ossequiare per altro le piu strambe espressioni religiose, erano una prerogativa di woiytila ( come, del resto, di tutti i suoi compari in pontificato fasullo…) per darla da bere agli sprovveduti, e rallegrare e compiacere gli interessati alla sua ( alla loro ) opera di demolizione della fede cristiana!

      Rispondi
      • #ricciotti   25 settembre 2014 at 11:25 pm

        Bbruno lascia perdere.
        Secondo me c’è gente che vuol solo provocare.
        Ad un certo punto sono obbligato a pensare questo.
        Buona serata.

        Rispondi
  6. #Pietro   22 settembre 2014 at 8:38 pm

    Sotto il nome di Giovanni Paolo II è stato elaborato un catechismo della Chiesa cattolica, ratificato dal cardinal Ratzinger. Immagino che non abbia difficoltà ad accettare che il Papa sotto il cui nome questo catechismo é stato ratificato, lo accettasse pienamente! Dunque, perché le si possa dar retta, mi citi qualche incongruenza in questo catechismo che contrasti con la retta dottrina.. ogni eventuale altra osservazione, con tutto il rispetto per le sue conoscenze, francamente ritengo che sarebbero solo chiacchiere!

    Rispondi
    • #ricciotti   22 settembre 2014 at 8:44 pm

      Ne posso citare decine e decine.
      Tutti i riferimenti alla DH ed alla libertà religiosa vanno contro il Syllabo e la Quanta Cura.
      Per esempio.
      Tutti i riferimenti al falso ecumenismo presi dalla UR ecc … vanno contro la Mortalium Animos.
      Per esempio.
      Tutta la falsa dottrina sul limbo va contro la Tradizione, l’insegnamento di numerosi Papi (v. Denzinger Limbo) ed apre a forme di salvezza NON ammesse prima dalla Chiesa.
      Devo continuare?
      Saluti e buona cena.

      Rispondi
  7. #Pietro   22 settembre 2014 at 10:05 pm

    Lei non comprende signor Ricciotti, che quei documenti magisteriali che lei vede contraddetti oggi, sono la miglior risposta che la Chiesa potesse dare al mondo nel tempo in cui furono pronunciati. In ogni tempo il mondo recepisce in modo diverso perchè la sensibilità umana cambia nel tempo e la Chiesa é tenuta ad intercettarne il linguaggio. Questo, diversamente da come intende lei, non significa assecondare i “pruriti” del mondo, ma prestarsi nel migliore dei modi possibile in ogni determinato momento storico ad educare il mondo secondo gli immutabili dettami della Rivelazione divina. La sua logica fossilizzata le impedisce di comprendere che le apparenti contraddizioni tra la Chiesa di ieri e quella di oggi sono solo il frutto di una certa interpretazione delle “novità” come sovvertimenti della natura della fede, piuttosto che come una forma per presentarla in modo più comprensibile ad un mondo che cambia continuamente volto, salvandone l’immutabile fine..!
    Purtroppo ciò che davvero è da temere, é il nuovo corso che sembra voler imprimere alla Chiesa l’attuale pontefice.. le prospettive che sembrano profilarsi, queste si che sono inquietanti!

    Rispondi
  8. #ricciotti   22 settembre 2014 at 10:21 pm

    Grazie, preferisco essere un fossile e non un eretico.
    A casa mia 1+1=2, sempre e comunque.
    Lo si può dire con rose o con crisantemi, ma il risultato della somma non cambia.
    Abramo era cristiano in voto ed è una bestemmia dire che è padre nella fede dei talmudisti e dei maomettani.
    I tagliagola non sono miei fratelli nella fede.
    Se il mio Dio fosse lo stesso dei maomettani, sarei obbligato a diventare ateo.
    Saluti.

    Rispondi
  9. #Pietro   22 settembre 2014 at 10:43 pm

    …lei confonde l’atto di fede con quello che fu semplicemente un atto politico di Giovanni Paolo II. Se lei nelle parole del Papa vede una dichiarazione di fratellanza con i musulmani mentre io non ce la vedo, evidentemente trattasi semplicemente di una divergenza interpretativa.. la sua logica imprigionata in illogici schematismi, le impedisce di scorgere la giusta chiave di lettura. Quel bacio, quelle frasi e quelle iniziative del o dei pontefici che lei contesta, sono stati solo atti “politici” (in senso lato), magari non condivisibili nella forma (a volte addirittura infelici), ma che hanno salvato la vita a migliaia di cristiani che vivono in terre ostili per esempio. La contraddizione con i pronunciamenti magisteriali dei pontefici pre-conciliari sono solo apparenti, poiché é cambiato solo il metodo di approcciare l’uomo per condurlo all’Ovile, mentre non é cambiata nè la sostanza, nè il fine. Dunque vi é una identità che và sapientemente individuata nell’ermeneutica della continuità.. quel concetto che il grande Benedetto XVI si é ben sforzato di illustrare!

    Rispondi
  10. #PetrusLXXVII   23 settembre 2014 at 12:56 am

    Lei dovrebbe dimostrare che l’intenzione dei pontefici che cita coincida esattamente con l’interpretazione che voi ne date dei loro pronunciamenti, per risultare credibile.. e purtroppo per lei non può farlo! Si rende conto che lei confonde una differenza di linguaggio con una differenza di concetti, lì dove invece c’è una sovrapposizione di concetti? E’ sicuro che quei santi uomini che cita, catapultati nell’era moderna utilizzerebbero ancora la lingua di Dante (é un eufemismo) piuttosto che il più comprensibile e più consono, nel diverso contesto storico, linguaggio cybernetico (é sempre un eufemismo) per esprimere i medesimi concetti, come hanno opportunamente fatto i loro successori?! Arrogandovi il ruolo di rivestire i loro panni con l’applicazione delle loro parole, decontestualizzate in situazioni che loro non hanno vissuto, vi rendete conto che non fate altro che adottare un’ermeneutica nel senso opposto? Mi rincresce, ma quando leggo questi discorsi, non sono i documenti del magistero che leggo ma la loro strumentalizzazione..
    Le auguro buonanotte 😉

    Rispondi
    • #ricciotti   23 settembre 2014 at 1:09 am

      non si capisce a chi è rivolto il commento.
      buona notte

      PS: l’intenzione (foro interno) si desume dal foro esterno (scritto, discorso, atto o fatto)
      allora può variare il tipo di eresia, se formale o materiale, ma esiste e non ci si può sbagliare.

      Rispondi
  11. #Lorenz   23 settembre 2014 at 9:36 pm

    Dalla foto nessuno può dire con certezza che stia baciando il corano. Che poi qualcuno dentro nel Vaticano abbia confermato…mah… visto che ci sarebbe in Vaticano pure una lobby gay non mi meraviglierei che qualcuno confermasse un falso. Personalmente la prospettiva indicherebbe che il viso di Woytila sia si vicino ma non abbastanza per poter affermare con certezza che lo stia baciando. Il naso ad esempio che dovrebbe essere la prima cosa che tocca il libro dovrebbe sembrare un pò schiacciato. Senza poi considerare cosa si possa fare oggi con il fotoritocco. Inoltre dire che abbiamo lo stesso Dio con i mussulmani mi sembra che sia una deduzione logica. Se per noi cattolici e per i mussulmani esiste un unico Dio e presumiamo che entrambi abbiano ragione, questo Dio deve per forza coincidere. Se affermassimo che non abbiamo lo stesso Dio ammetteremmo l’ esistenza di due Dei e quindi entrambe le religioni sarebbero false.

    Mi pare che sia più che altro logica matematica.

    Rispondi
    • #ricciotti   23 settembre 2014 at 10:40 pm

      1) è il corano, basta che stampi la foto e la fai vedere ad un qualsiasi arabo e riceverai conferma;
      2) il polacco lo aveva già fatto in diretta tv a Casablanca negli anni 80;
      3) se anche fossero tutte invenzioni, a noi interessa la sua dottrina filoislamica eretica.
      I documenti ci sono e sono numerosi, pubblicati anche su vatican.va.
      Ps. Ma hai letto l’articolo prima di commentare?
      Saluti.

      Rispondi
    • #ricciotti   23 settembre 2014 at 10:43 pm

      Per quanto riguarda “lo stesso Dio”, abbiamo il corretto insegnamento da san Pietro a Pio XII. Quello che dice Wojtyla è già stato condannato.
      Buona notte.

      Rispondi
    • #Lorenz   23 settembre 2014 at 11:51 pm

      1) deduco che abbia fatto vedere la foto ad un “qualsiasi” arabo e ha avuto conferma
      2) l’ ideale sarebbe poterlo vedere questo benedetto filmato
      3) se anche fossero invenzioni…

      ok buona la terza

      Rispondi
      • #ricciotti   25 settembre 2014 at 11:23 pm

        Deve lei dimostrare il contrario.
        La storia dimostra ciò che dico io.
        Ha tutti i riferimenti per informarsi.
        Io non sono il suo inserviente.
        Si dia da fare.
        Saluti

        Rispondi
    • #bbruno   25 settembre 2014 at 11:28 pm

      “Certo, sono miscredenti quelli che dicono : il Messia, il figlio di Maria, è Dio” or. 5,72)

      “Allah non si è preso figlio alcuno e non esiste alcun dio al Suo fianco” (Cor. 23:91) ( Bella idea della fede cristiana in un Dio che si rivela AMORE “non nell’unità di una sola persona, ma nella Trinità di una sola sostanza- che AMORE sarebbe mai quel Dio che non avesse RELAZIONE inter-personale???]

      “Di’: «Egli Allah è Unico,Allah è l’Assoluto*. Non ha generato, non è stato generato, e nessuno è eguale a Lui». (Corano 112:1-4)

      — Qui non si discute della unicità di Dio ( “Credo in unum Deum”, è il primo articolo della professione ristiana) ), ma della unicità della fede tra cristiani e musulmani: tra noi e loro nessuna fede in comune, e le frasi qui sopra lo dimostrano- ex parte eorum! Non ci dicono loro stessi, i musulmani, che noi siamo miscredenti-kuffar, e che quindi dobbiamo essere eliminati dalla faccia dalla terra???

      – Non capisco proprio con quale logica ‘matematica’ lei ragioni…La impari almeno dai suoi ‘fratelli’ musulmani, che di simili confusioni mentali non sono certo imputabili! Ha mai visto il bacio della Bibbia da parte di un musulmano??? E noi ci intestiamo a dire e dimostrare che siamo ‘uniti’… O siamo già diventati come loro, parte di loro, col nostro woitila papa fasullo in testa???

      Rispondi
    • #fabio   27 settembre 2014 at 1:00 am

      APPUNTO. se un ebreo va da un cristiano e gli dice “” io e te abbiamo lo stesso Dio ma profeti diversi,, “” dice una cosa ovvia. E allora se un cristiano va da un monoteista islamico e gli dice “” crediamo nello stesso Dio””, dice una cosa vera. Anche perchè sono proprio i mussulmani che dicono di credere nel Dio dei Cristiani che è lo stesso Dio degli Ebrei . loro però dicono che il profeta piu importante è Maometto. e vabbè che credano quello che gli pare, ma Islam e Cristianesimo non sono così distanti e siamo veramente tutti figlio dello stesso Dio. secondo me un ateo o un buddista sono piu distanti da un cristiano. è l’immaturità o l’avidità di certi califfi e prelati che nei secoli hanno accresciuto il divario tra le due religioni,

      Rispondi
      • #ricciotti   27 settembre 2014 at 1:36 am

        116. Il Papa, da solo, può errare nell’insegnarci le verità rivelate da Dio?

        Il Papa, da solo, non può errare nell’insegnarci le verità rivelate da Dio, ossia è infallibile come la Chiesa, quando da Pastore e Maestro di tutti i cristiani, definisce dottrine circa la fede e i costumi.

        117. Può altra Chiesa, fuori della Cattolica-Romana, essere la Chiesa di Gesù Cristo, o almeno parte di essa?

        Nessuna Chiesa, fuori della Cattolica-Romana, può essere la Chiesa di Gesù Cristo o parte di essa, perchè non può averne insieme con quella le singolari distintive qualità, una, santa, cattolica e apostolica; come difatti non le ha nessuna delle altre Chiese che si dicono cristiane.

        118. Perchè Gesù Cristo istituì la Chiesa?

        Gesù Cristo istituì la Chiesa, perchè gli uomini trovassero in essa la guida sicura e i mezzi di santità e di salute eterna.

        119. Quali sono i mezzi di santità e di salute eterna che si trovano nella Chiesa?

        I mezzi di santità e di salute eterna che si trovano nella Chiesa, sono la vera fede, il sacrificio e i sacramenti, e gli aiuti spirituali scambievoli, come la preghiera, il consiglio, l’esempio

        120. I mezzi di santità e di salute eterna sono comuni a tutti gli uomini?

        I mezzi di santità e di salute eterna sono comuni a tutti gli uomini che appartengono alla Chiesa, cioè ai fedeli, i quali negli scritti apostolici son detti santi; perciò l’unione e partecipazione loro a quei mezzi è comunione di santi in cose sante.

        121. Perchè sono detti santi i fedeli che si trovano nella Chiesa?

        I fedeli che si trovano nella Chiesa sono detti santi, perchè consacrati a Dio, giustificati o santificati dai sacramenti, e obbligati a vivere da santi.

        122. Che significa ” comunione dei santi ” ?

        Comunione dei santi significa che tutti i fedeli, formando un solo corpo in Gesù Cristo, profittano di tutto il bene che è e si fa nel corpo stesso, ossia nella Chiesa universale, purché non ne siano impediti dall’affetto al peccato.

        123. I beati del Paradiso e le anime del purgatorio sono nella comunione dei santi?

        I beati del paradiso e le anime del purgatorio sono anch’essi nella comunione dei santi, perché congiunti tra loro e con noi dalla carità, ricevono gli uni le nostre preghiere e le altre i nostri suffragi, e tutti ci ricambiano con la loro intercessione presso Dio.

        124. Chi è fuori della comunione dei santi?

        E’ fuori della comunione dei santi chi é fuori della Chiesa, ossia i dannati, gl’infedeli, gli ebrei, gli eretici, gli apostati, gli scismatici e gli scomunicati.

        125. Chi sono gl’infedeli?

        Gl’infedeli sono i non battezzati che non credono in alcun modo nel Salvatore promesso, cioè nel Messia o Cristo, come gl’idolatri e i maomettani.

        126. Chi sono gli ebrei?

        Gli ebrei sono i non battezzati che professano la legge di Mosè e non credono che Gesù è il Messia o Cristo promesso.

        127. Chi sono gli eretici?

        Gli eretici sono i battezzati che si ostinano a non credere qualche verità rivelata dà Dio e insegnata dalla Chiesa, per esempio, i protestanti.

        128. Chi sono gli apostati?

        Gli apostati sono i battezzati che rinnegano, con atto esterno, la fede cattolica già professata.

        129. Chi sono gli scismatici?

        Gli scismatici sono i battezzati che ricusano ostinatamente di sottostare ai legittimi Pastori, e perciò sono separati dalla Chiesa, anche se non neghino alcuna verità di fede.

        130. Chi sono gli scomunicati?

        Gli scomunicati sono i battezzati esclusi per colpe gravissime dalla comunione della Chiesa, affinchè non pervertano gli altri e siano puniti e corretti con questo estremo rimedio.

        131. E’ grave danno esser fuori della Chiesa?

        Esser fuori della Chiesa è danno gravissimo, perchè fuori non si hanno nè i mezzi stabiliti nè la guida sicura alla salute eterna, la quale per l’uomo è l’unica cosa veramente necessaria.

        132. Chi è fuori della Chiesa si salva?

        Chi è fuori della Chiesa per propria colpa e muore senza dolore perfetto, non si salva; ma chi ci si trovi senza propria colpa e viva bene, può salvarsi con l’amor di carità, che unisce a Dio, e, in spirito, anche alla Chiesa, cioè all’anima di lei.

        CATECHISMO SAN PIO X

        Ora, per cortesia, cerchiamo di finirla con queste discussioni assurde.
        Grazie.

        Rispondi
      • #bbruno   27 settembre 2014 at 9:07 am

        melensaggini…di successo, purtroppo!

        Rispondi
  12. #Lorenz   23 settembre 2014 at 9:46 pm

    E poi sinceramente non so se quello che ha in mano il papa è il Corano. Bisognerebbe chiederlo ad un mussulmano (onesto e non di parte naturalmente)

    Rispondi
    • #bbruno   27 settembre 2014 at 10:00 am

      E se lo chiedessimo ai testimoni del bel fatto???

      -In una intervista a ‘FIDES News Service’ del 1 Giugno 1999, il Patriarca cattolico Caldeo Raffaele I affermò di essere stato presente nel momento in cui GP II baciò il “libro santo” del Corano

      ” Il 14 Maggio fui ricevuto dal papa, insieme a una delegazione composta dall’ Imam shiita della moschea di Kadum e dal presidente del Consiglio di amministrazione della Banca Islamica Irakena. C’era anche un rappresentante del ministero irakeno della religione…

      Al termine dell’udienza il papa si inchinò verso il libro santo dei musulmani, il CORANO, che gli era stato presentato dalla delegazione, e lo baciò in segno di rispetto. La foto di quel gesto di reverenza è stata ripetutamente mostrata sulla televisione irakena, a dimostrazione che il papa non solo era consapevole della sofferenza del popolo irakeno, ma che aveva un grande rispetto dell’ Islam…”.

      —Non pare che tale testimonianza sia animata da una intenzione critica nei confronti di tale gesto, come non pare che la TV irakena abbia mostarto ripetutamente uno spettacolo illusorio… con fini di parte, e quindi disonestamente!

      Quando si dice: bersi il cervello…

      Rispondi
  13. #LUCIO   18 gennaio 2015 at 9:55 pm

    DICHIARAZIONE DI GIOVANNI PAOLO II
    “DOMINUS IESUS”
    CIRCA L’UNICITÀ E L’UNIVERSALITÀ SALVIFICA
    DI GESÙ CRISTO E DELLA CHIESA

    Rispondi
  14. #LUCIO   18 gennaio 2015 at 9:57 pm

    LEGGERE E MEDITARE .

    Rispondi
  15. #Elvira Romano   13 luglio 2015 at 4:36 pm

    Bisognerebbe assolutamente provare come stanno le cose, in modo che nessuno possa negare o interpretare le cose secondo una presa di posizione…se è vero che il papa baciò il corano…secondo voi il Signore approverebbe questo gesto?…Il corano non insegna i principi insegnati da Cristo…Secondo voi quando Cristo era in terra avrebbe avallato che i suoi discepoli si recassero rispettosamente in un templio pagano?…La religioni non sono dei partiti…il dialogo e il rispetto si deve avere con ogni persona, di qualsiasi idea, razza e religione…ma che significa il dialogo fra religioni? Non si possono equiparare religioni diverse o addirittura contro Cristo (per chi crede in Lui)…è un pensiero che si sta insinuando in molti ed è diabolico…Cristo disse ai suoi discepoli di andare e predicare…ed essi lo fecero per insegnare la verità a costo della propria vita…Adesso i tempi sono cambiati, però Cristo disse, come è riportato sui vangeli, . passeranno il cielo e la terra ma le mie parole mai…Che piaccia o no.

    Rispondi
  16. Pingback: Bergoglio: «Corano libro di pace». Violenza «colpa degli estremisti». È proprio così? « www.agerecontra.it

  17. Pingback: Bergoglio: «Corano libro di pace». Violenza «colpa degli estremisti». È proprio così? - Radio Spada

  18. #Mardunolbo   4 agosto 2015 at 11:41 pm

    Ohhhh, ma quante discussioni su un abbozzo di bacio….vedete che suscita la stizza e l’incredulità dei papòlatri ad oltranza !
    La mettiamo così, così sono contenti papòfili: Il santo papa GiovanpauloII finge di baciare il corano per rendere felici i musulmani presenti. Il Patriarca presente finse di testimoniare che Woityla baciò il corano solo per seminare zizzania tra i fedeli cattolici. Perchè è cattolico,sì, ma caldeo…
    I pezzi dove si legge di questo bacio sono stati artefatti dai giornalisti per dare idea dell’umanità meravigliosa di Woityla (papa GiovanpauloII)che politicamente voleva abbracciare tutti le creature umane (stesso Creatore, quindi stesso Dio).
    E così la confusione è pronta, il catechismo è messo sotto i piedi, la democrazia e la libertà trionfano ed i modernisti son contenti come pasque….ebraiche !

    Rispondi
  19. Pingback: [VIDEO] Norvegia, summit “Islam moderato” in 4.000: tutti vogliono la sharia nel mondo | Radio Spada

  20. Pingback: “Credi in Dio o in Allah?”. Dall’apostasia del “vaticanosecondo” ai fatti di Vignola (MO) | Radio Spada

Rispondi