Fisichella: di unioni gay si deve parlare “attraverso un confronto parlamentare senza isolare nessuna posizione che meriti ascolto”

Child-cartoon-font-b-mask-b-font-ball-of-hard-font-b-plastic-b-font-font

 

da Avvenire (qui):

[…] Sollecitato da una domanda sull’argomento delle “unioni gay” il presule italiano [mons. Fisichella, ndr] ha osservato che «in una società quando si devono affrontare tematiche di questo genere si deve farlo attraverso un confronto parlamentare senza isolare nessuna posizione che meriti ascolto nel “common understanding”, il problema è che tipo di scelta dovrà essere fatta nella legislazione dei singoli Paesi, cioè le soluzioni, che poi potranno trovare una dimensione positiva o di critica».

Riguardo alla parte della Relatio relativa alla persone omosessuali Fisichella ha poi riferito che nel suo circolo è stato suggerito da una parte che «la questione dell’omosessualità andrebbe affrontata in riferimento alla famiglia, dove in famiglie ci sono figli e figlie omosessuali bisogna manifestare accoglienza e accompagnamento». E dall’altra che «i figli delle coppie omosessuali che vogliono ricevere i sacramenti devono trovare nella Chiesa un contesto di accoglienza, senza discriminazioni, anzi con attenzione ulteriore». Fisichella ha anche spiegato che in merito alle «convivenze» bisogna distinguere tra quelle che si caratterizzano per essere «aperte al matrimonio» e con elementi di «stabilità e fedeltà», e convivenze invece «chiuse» che non hanno questa dimensione di «cammino».

 

 

9 Commenti a "Fisichella: di unioni gay si deve parlare “attraverso un confronto parlamentare senza isolare nessuna posizione che meriti ascolto”"

  1. #Tradizionalista ligure   17 ottobre 2014 at 3:53 pm

    Ma che idiozie sono? Ma cosa hanno sfornato i seminari negli ultimi decenni?

    Rispondi
  2. #jane   17 ottobre 2014 at 4:11 pm

    ma che razzi di preti e monsignori abbiamo nella chiesa cattolica . dovrebbero essere mandati in ritiro permanente a emendarsi .

    Rispondi
  3. #susanna   17 ottobre 2014 at 5:20 pm

    una volta si dividevano in “mortali e veniali”…stanno scomparendo-o son già scomparsi?!?- i mortali e restano solo i veniali…beh!, allora, tutto più facile no?Odia l’uno -il peccato, ispirato dal demonio-e soccorri l’altro -il peccatore ; dovrebbe essere la regola del buon fare cristiano, invece oggi pare che si voglia salvare il peccatore insieme al suo peccato, così entrambi se ne van beati alla felicità eterna!!,in barba alla “strada stretta” di cui nel Vangelo…Di questo passo grideranno le pietre, ma non sarà un bel vedere.

    Rispondi
  4. #Matteo   17 ottobre 2014 at 5:58 pm

    Di Fisichella e del suo filo-omosessualismo si deve parlare attraverso un confronto
    col magistero della Chiesa Cattolica che insegna:

    CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE
    CONSIDERAZIONI CIRCA I PROGETTIDI RICONOSCIMENTO LEGALE
    DELLE UNIONI TRA PERSONE OMOSESSUALI.

    Punto 11.
    La Chiesa insegna che il rispetto verso le persone omosessuali non può portare in nessun modo all’approvazione del comportamento omosessuale oppure al riconoscimento legale delle unioni omosessuali.

    Da questo possiamo dedurre senza violare quanto la Chiesa ci insegna che Fisichella
    ha cambiato religione (e non è il solo).

    Rispondi
    • #susanna   17 ottobre 2014 at 6:09 pm

      preferisco la “vendita delle indulgenze” alla “svendita del vangelo”, il male minore!

      Rispondi
  5. #susanna   17 ottobre 2014 at 6:17 pm

    “Ma sia invece il vostro parlare: sì, sì, no, no; poichè il di più viene dal maligno” Mt 5:37-4….dal maligno, no dico io, dal maligno ! Forse parliamo troppo e preghiamo poco?

    Rispondi
  6. #susanna   17 ottobre 2014 at 8:15 pm

    Scusate la mia ignoranza, ma come fanno le coppie omo a presentare i loro figli per i sacramenti, dato che “maschio e femmina li creò”? Sarà mica la bazzecolina dell’eterologa? Oppure il figlio avuto da una precedente “sana” relazione? In tal caso andrà il solo genitore biologico perchè la coppia NON ESISTE, soprattutto a livello spirituale, non c’è un corpo solo ed un’anima sola, perche’ c’è il peccato MORTALE…non prendeteli in giro i Comandamenti, non fingete di non vederli perchè ci sono…Scusate, io sono madre di sei figli di un unico padre..io voglio proprio bene a tutti ma se mi si presenta in chiesa alla Prima Comunione una coppia omo con un figlio io vado giù di testa, cosa gli racconto a mio figlio che chiede spiegazioni, che “così va il mondo”?O così va, purtroppo la chiesa? Che caos, mi manca di vedere anche questo, come madre mi sento offesa, e che le offese vengano da una chiesa che sembra non avere più regole è ancora più doloroso!!LA SANTA FAMIGLIA DI NAZARET CI AIUTI A METTERE IN ORDINE LE COSE ALMENO DENTRO LA CHIESA…fuori, si sa, c’è il mondo!Ditemi,, sono così brutta, sporca e cattiva a pensarla così?? Scusate, ma sogno o son desta?

    Rispondi
  7. #massimo trevia   17 ottobre 2014 at 9:11 pm

    peccato…mi sembrava,negli anni scorsi,che “avesse il fisico”….era in vece solo “fisichella”!

    Rispondi

Rispondi