Rino Fisichella al “sinodo”: Gesù un legalista? La Chiesa preconciliare non possedeva la verità?

mgr-rino-fisichella

L’imbarazzante “sinodo” sforna, giorno dopo giorno, un campionario di modernismo da far arrossire perfino Martin Lutero.

Oggi è il turno di Rino Fisichella, stipendiato come presidente del fumettistico“Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione”.

«Avrei un’idea per uscire dall’impasse…», dice l’“arcivescovo teologo”.

In epoche gloriose per la Chiesa, quando un arcivescovo aveva un’idea solitamente si poteva gioire ancor prima di sentirla. Oggi non è più così, non lo è quasi sicuramente almeno dal giorno 7 dicembre 1965, data della promulgazione del documento Dignitatis Humanae (la dignità dell’uomo ed il primato della libertà di culto e di coscienza), capolavoro di modernismo; testo in odore di eresia che fu rigettato, con parere negativo, da una settantina di vescovi, i quali si rifiutarono di firmarlo (qui maggiori informazioni).

Secondo Fisichella: «I lavori si svolgono in un clima positivo, si percepisce la cattolicità della Chiesa, entrando in aula bisogna dimenticare la propria nazionalità altrimenti non ci si sintonizza con gli altri». A dire il vero la Chiesa, nelle sue note distintive che le danno riconoscibilità, una – santa – cattolica ed apostolica, sembra essere assente quasi del tutto. L’universalità è di dottrina non solo in base alla diversità dei paesi di provenienza dei presenti. Allora alle riunioni mondiali dei protestanti si respira cattolicità? Questo intende dire Fisichella. E’ evidente!

C’è di più, Fisichella denigra la Chiesa che va da san Pietro a Pio XII con questa affermazione: «La Chiesa non è estranea ai problemi che vivono uomini e donne del nostro tempo. Questo cammino è il frutto di decenni, è un atteggiamento che risale al Concilio Vaticano II, poi ripreso da Paolo VI e da Giovanni Paolo II, il quale nell’enciclica “Redemptor hominis” ha detto la Chiesa nel cammino verso l’uomo non può essere fermata da niente e da nessuno. Francesco non fa che portare alle più immediate e visibili conseguenze quello che è il sentire della Chiesa». Secondo Fisichella, dunque, prima del CVII (“conciliabolo”) la Chiesa  sarebbe stata estranea ai problemi che vivono uomini e donne, si sarebbe fatta fermare, avrebbe avuto un “sentire” non cattolico. La diffamazione è evidente, mi si perdoni la semplice ma automatica riflessione. Se oggi è così, prima non lo era, è chiaro cosa intende sostenere Fisichella. Menomale che sono arrivati loro adesso!

I modernisti riuniti nel “sinodo” sembrano essersi ben organizzati per occultare l’eresia con sofismi ed eleganza di stile. Dice difatti il “monsignore”: «Non ho ascoltato neanche un intervento in aula che mettesse in dubbio la dottrina sull’indissolubilità. Questo Sinodo è chiamato a dare delle prime risposte in vista del cammino che porterà al Sinodo ordinario, sullo stesso tema della famiglia, in programma per l’ottobre 2015».

A questo punto scopre le carte aprendo anch’egli alla fantomatica pastorale (eretica) che, a detta di molti, sarebbe possibile (in chiave ermeneutica) e non arrecherebbe alcun danno alla dottrina. Si legge nelle sue dichiarazioni: «La vera preoccupazione è pastorale: come dare il segno dell’accoglienza, di una Chiesa che è chiamata a camminare accompagnando gli uomini e le donne di oggi, senza escludere nessuno, rimanendo nell’insegnamento di Gesù? Questa è la vera sfida. Tutti abbiamo chiara consapevolezza dei principi fondamentali, ma dobbiamo essere capaci di trovare dei linguaggi, delle forme, delle espressioni e dei comportamenti che siano più possibile segno di vicinanza della Chiesa e non di esclusione. Tutti percepiamo il grande divario che intercorre tra la proposta culturale maggioritaria presente nel mondo globalizzato di oggi, e la proposta cristiana sul matrimonio e la famiglia».

Fisichella evidentemente non ha mai letto un documento di Magistero e/o di evangelizzazione che va da san Pietro a Pio XII. Tutti scritti chiari, con un linguaggio comprensibile, aperti alla condivisione ed appunto di grande evangelizzazione. Faccio presente al monsignore, dall’etimologia antica del termine stesso, che non è la Chiesa che esclude, bensì è chi la rigetta che si esclude volontariamente, proprio come fece Lutero l’eresiarca dopo la Exsurge Domine di Leone X.

Probabilmente auto-compiacendosi, ribadisce le sue competenze ed il suo ruolo, per di più alterando il significato delle parole di san Vincenzo: «Nella mia vita ho fatto il teologo e faccio il pastore, e cerco di coniugare la mia azione pastorale con l’intelligenza della fede. Vivo della dimensione espressa da un principio che è quello di Vincenzo da Lerίns, che nel V secolo affermava: chi potrebbe non amare la chiesa a tal punto da non vedere uno sviluppo nella sua dottrina?». Quindi Fisichella come san Vincenzo. Complimenti, si è auto canonizzato.

Prosegue negando il dogma come la Chiesa lo ha sempre insegnato, elogiando il CV2 che sarebbe alla base di questo mutamento. Afferma: «Il progresso, lo sviluppo non è l’alterazione dei contenuti della fede. Spiegava anche che bisogna preoccuparsi perché sia conservato ciò che in ogni luogo, sempre e da tutti è stato creduto. Questo è il criterio fondamentale non per cambiare ma per creare il progresso, per non alterare ma per evidenziare lo sviluppo della dottrina. Certo se noi pensiamo al cammino compiuto dalla Chiesa sul tema della coscienza, o su quello della libertà religiosa – che ancora oggi crea non pochi problemi in alcuni settori della stessa Chiesa – è ovvio che il Concilio Vaticano II ha fatto fare un balzo in avanti».

Noi cattolici, invece, sappiamo che Pio XII nella Humani Generis, ultimo documento antimodernista che conosciamo, dice: «Si aggiunge a ciò un falso “storicismo” che si attiene solo agli eventi della vita umana e rovina le fondamenta di qualsiasi verità e legge assoluta sia nel campo della filosofia, sia in quello dei dogmi cristiani […]Noi sappiamo bene che gli insegnanti e i dotti cattolici in genere si guardano da tali errori, è noto però che non mancano nemmeno oggi, come ai tempi apostolici, coloro che, amanti più del conveniente delle novità e timorosi di essere ritenuti ignoranti delle scoperte fatte dalla scienza in quest’epoca di progresso, cercano di sottrarsi alla direzione del sacro Magistero […] Si nota poi un altro pericolo, e tanto più grave, perché si copre maggiormente con l’apparenza della virtù. Molti, deplorando la discordia e la confusione che regna nelle menti umane, mossi da uno zelo imprudente e spinti da uno slancio e da un grande desiderio di rompere i confini con cui sono fra loro divisi i buoni e gli onesti; essi abbracciano perciò una specie di “irenismo” […] E come un tempo vi furono coloro che si domandavano se l’apologetica tradizionale della Chiesa costituisse più un ostacolo che un aiuto per guadagnare le anime a Cristo, cosi oggi non mancano coloro che osano arrivare fino al punto di proporre seriamente la questione […]affinché si possa propagare con più efficacia il regno di Cristo in tutto il mondo, fra gli uomini di qualsiasi cultura o di qualsiasi opinione religiosa. […] Questo Magistero viene da costoro fatto apparire come un impedimento al progresso e un ostacolo per la scienza; da alcuni acattolici poi viene considerato come un freno, ormai ingiusto […] Queste affermazioni vengono fatte forse con eleganza di stile; però esse non mancano di falsità [difatti] parecchie questioni, che prima erano oggetto di libera disputa, in seguito non potevano più essere discusse».

Altro che «pastorale per evidenziare lo sviluppo della dottrina». Davanti alle questioni dogmatiche, una pastorale che si discosta dal Magistero è un’inaccettabile eresia che non può avere come autore la Chiesa (cf. Orientalis Ecclesiae, Pio XII, 9 aprile 1944). Se ne facciano una ragione sia Fisichella che i divulgatori di dottrine varie, vaghe (“concilio” pastorale non dogmatico – sic!) e di presunta ermeneutica.

Sempre noi cattolici abbiamo come punto di riferimento sulla specifica questione la cost. dogm. Dei Filius che così termina: «La dottrina della fede che Dio rivelò non è proposta alle menti umane come una invenzione filosofica da perfezionare, ma è stata consegnata alla Sposa di Cristo come divino deposito perché la custodisca fedelmente e la insegni con magistero infallibile. Quindi deve essere approvato in perpetuo quel significato dei sacri dogmi che la Santa Madre Chiesa ha dichiarato, né mai si deve recedere da quel significato con il pretesto o con le apparenze di una più completa intelligenza. Crescano dunque e gagliardamente progrediscano, lungo il corso delle età e dei secoli, l’intelligenza e la sapienza, sia dei secoli, sia degli uomini, come di tutta la Chiesa, ma nel proprio settore soltanto, cioè nel medesimo dogma, nel medesimo significato, nella medesima affermazione». (Pio IX, Concilio Vaticano, 24 aprile 1870)

Altro che «balzo in avanti» fatto dal CV2 e «criterio fondamentale non per cambiare ma per creare il progresso». Fisichella con le sue parole evidentemente vuol promanare dottrine eretiche riesumate dal modernismo (già esplicitamente condannate dalla Chiesa, es. Quanta cura, Pascendi, Mortalium animos, ecc…) e che ormai sembrano prevaricare nella mente della maggior parte dei cattolici (soggetti poco informati). Persone che con l’8×1000 continuano a stipendiare questi presunti usurpatori, i quali si accreditano perché dicono ciò che piace ad un mondo prossimo all’agnosticismo di massa.

Fisichella apre al peccato mortale legittimando ciò che è vietato da Dio: «Bisogna verificare, ad esempio, se chi vive in un’unione di fatto, la considera un punto di partenza o il punto di arrivo. Se è il punto di partenza, ovvio che c’è lo sguardo di accompagnamento e dialogo, se è solo il punto d’arrivo dobbiamo far comprendere a queste persone conviventi che questa non è la tappa finale». Pertanto l’unione civile che si accompagna normalmente con la convivenza, sarebbe un buon «punto di partenza».  Egli sostiene inoltre che «oggi noi siamo dinnanzi a una tale pluralità di proposte che è difficile riportarle ad unità. Il matrimonio civile non è la convivenza, sono due realtà differenti». Si presume, leggendo le sue elucubrazioni, che esiste una convivenza buona ed una cattiva. Lui e quelli come lui dovranno decidere se tale convivenza sarà buona o cattiva. Andiamo bene! Un mio conoscente play boy ha fatto esperienza in decine di convivenze ed unioni (talvolta civili), sempre con buone intenzioni. Può stare tranquillo, pertanto, le sue intenzioni erano buone, non ha commesso alcun peccato, non c’è bisogno che si confessi, prosegua così. Scemo io che cercavo di fargli cambiare approccio alla vita coniugale.

La «mia teologia», dice «non è figlia della casistica», «la ha superata». Poi la stoccata: «Io penso che il matrimonio abbia subito un eccesso di accentuazione canonistica, e quindi legale, cadendo molte volte nel legalismo, che ha adombrato invece la dimensione sacramentale. Un recupero di quest’ultima dimensione credo potrebbe favorire l’individuazione di soluzioni differenti, pur in continuità con la dottrina originaria». Pertanto il sacramento del matrimonio come noi lo conosciamo (dall’AT al NT), con Gesù, poi san Pietro e così via fino a Pio XII, avrebbe «accentuazioni canonisti che», Gesù e la Chiesa sarebbero caduti «molte volte nel legalismo», proprio come i farisei. Peccato che il matrimonio è uno dei due sacramenti che richiede necessariamente la giurisdizione (oggi supplita), proprio perché la Chiesa si fa giudice del legame, così come è sin dal principio. Proprio Pio XII avvertiva che sulla base di «un concetto vago che essi dicono preso dagli antichi», i modernisti riducendo «in tali condizioni la dottrina cattolica, pensano di aprire cosi la via attraverso la quale arrivare, dando soddisfazione alle odierne necessità, a poter esprimere i dogmi con le categorie della filosofia odierna, sia dell’immanentismo, sia dell’idealismo, sia dell’esistenzialismo o di qualsiasi altro sistema» (Cf. Humani Generis).

Proprio di immanentismo si tratta, lo apprendiamo dalle successive dichiarazioni di Rino Fisichella: «allora torniamo al primato della coscienza, sulla quale niente e nessuno può intervenire».

Usa la Scrittura a suo piacimento: «Gesù dice che i peccati contro il Figlio dell’Uomo saranno perdonati […] Credo che […] si tratti dei peccati di ignoranza […] nella seconda Lettera ai Corinzi, l’apostolo ritorna sul caso [dell’incestuoso] e dice a quella comunità: voi lo dovete perdonare, lo dovete accogliere nuovamente». Dimenticandosi di avvisare i popolani che esiste un’ignoranza vincibile o colpevole ed una invincibile. Nel caso degli adulteri (oggi li chiamano “divorziati risposati”) non c’è invincibilità che tenga, poiché il dato è chiaro e chi dovesse trascurare di informarsi è ugualmente colpevole. Inoltre la Scrittura insegna che la Chiesa accoglie chi riconosce l’errore e, convertendosi, lo rigetta rimediando allo scandalo (soddisfazione). Come scrissi molti mesi fa, apprese indiscrezioni sul “sinodo”, con la logica dei “padri sinodali” si finirà col devastare 3 sacramenti: penitenza, matrimonio, eucaristia. Grazie a Dio gli scritti degli eretici non fanno Magistero e chi li promulga non è papa. La Chiesa è stata sempre molto esplicita a riguardo (cf. Pastor Aeternus, Pio IX). Se la Chiesa dovesse macchiare la sua immacolata dottrina approvando e divulgando documenti eretici, le porte degli inferi avrebbero prevalso. Possiamo quindi stare sereni: tutto ciò che è eretico, non proviene dalla Chiesa e non è promulgato da autorità in atto, bensì solo da usurpatori in attesa di giudizio canonico.

La Chiesa, secondo Fisichella, non sarebbe neanche giudice nei casi gravi di sodomia e di coppie contro natura. Sull’esperienza della coppia gay: «Non facciamo dietrologie e soprattutto non roviniamo la bellezza di una testimonianza di vita vissuta nella quotidianità […] la Chiesa accoglie tutti come una madre e non come un giudice». La penitenza, altro sacramento che richiede la giurisdizione (oggi supplita), vuole invece proprio che la Chiesa sia giudice del reo.

Contro Gesù Cristo (Via Verità Vita), contro la Chiesa (Magistero infallibile e verità immacolata da credersi)  Fisichella chiude in questo modo: «nessuno tra di noi pretenda di avere la verità in tasca». Rilancia così K. Wojtyla (Fides et ratio): «la verità raggiunta è sempre una tappa che spinge oltre e quindi che ci spinge a ricercare ancora di più quello la dimensione di una coerente presenza nella Chiesa nel mondo di oggi».

Quindi Gesù sarebbe un legalista, la Chiesa non avrebbe custodito la verità per quasi 2000 anni e dovevano arrivare lui, Bergoglio e Wojtyla per farci capire che «nessuno tra di noi pretenda di avere la verità in tasca». Possiamo, secondo questa logica, stracciare tutti i costosi testi di Magistero ed i Catechismi preconciliari che abbiamo, nonché tutta la letteratura dei Santi e dei Dottori, dei teologi cattolici e così via. Quanto denaro sprecato!

Sono veramente rammaricato per il dolore che provano tanti amici che, pur comprendendo la gravità della situazione con evidenza estrema e piena consapevolezza, probabilmente per conservare alcuni privilegi o per testardo principio preso (o per altri motivi di foro interno che solo Dio e loro conoscono), si ostinano a vivere “una cum” (in comunione di fede e governo) con tali soggetti. Credo che non sia felice una vita di contraddizione.

Intervista estrapolata da Vatican Insider

CdP Ricciotti

27 Commenti a "Rino Fisichella al “sinodo”: Gesù un legalista? La Chiesa preconciliare non possedeva la verità?"

  1. #bbruno   9 ottobre 2014 at 11:04 pm

    A parte la stonatura dell’ appellativo di entrata – basta e avanza dire Bergoglio…), non si poteva dire più chiaro in poche parole: questo Bergoglio-jorge-mario, abusivo inquilino della Sede di Pietro, davvero senza più pudore alcuno e ritegno, non fa che portare alle sue estreme conseguenze il sentire della Nuova Setta Vaticansecondista, abusivamente chiamata chiesa. Dopo decenni di demolizione sistematica della fede, tutto ora può essere detto impunemente… Un po’ come avvenuto per il comune senso del pudore…
    2- E difatti. Tutti, in questa orgia di aggiornamento e di adeguamento al sentire moderno, parlano del cammino della chiesa ( la loro) “verso l’uomo”, della necessità di accompagnare gli uomini ( e le donne, ci mancava la precisazione!) nel loro cammino…
    Che mancanza di rispetto del comune sentire umano nella pretesa di un tempo di volere incamminare gli uomini ( e certo, le donne! ) VERSO la Chiesa, a segno e anticipazione del cammino verso il Cielo! E che fondamentalismo integralista in quella pretesa di volere distogliere gli uomini ( e le donne…) dal loro “cammino perverso” (Zac. 1,4), per non farli incorrere nella “strage e nella rovina” che fatalmente vi si incontra (Rom3)!

    E di quel Tale che voleva costringere gli uomini sulla Sua via, per giunta talmente “angusta” che “pochi son quelli che la trovano”, mettendoli in guardia dalla “via spaziosa” troppo facile da percorrere e che porta alla perdizione (Mt 7), che diremo??? E questi Bergogli e questi Fisichella ci vogliono fare credere che di Costui essi loro sono gli autentici interpreti!!!

    • #bbruno   10 ottobre 2014 at 10:12 pm

      tra quel: “IO sono LA VIA ” – e quindi IL CAMMINO obbligato per accedere alla VITA , e il CAMMINARE sulla VIA degli uomini… c’è una qualche differenza??? Il richiamo alla novità dei tempi è una ragione sufficiente? E allora che dire, ad ogni tempo la sua dottrina, e Cristo per il suo???

  2. #Stella   9 ottobre 2014 at 11:35 pm

    Mi meraviglia assai che certe affermazioni provengano da un Arcivescovo che dovrebbe conoscere alla perfezione non solo gli insegnamenti e le direttive date da Gesù Cristo ai suoi Pastori, ma anche la Legge di Dio data nei dieci comandamenti. Mi domando con timore quali interessi stanno curando? Quelli di Dio o quelli del Demonio?

    • #cattolico   11 ottobre 2014 at 2:39 pm

      Sicuramente quelli di Satana, cara Stella. Questi modernisti purtroppo ormai hanno completamente perduto la fede, e vorrebbero farcela perdere anche a noi. Ma ci hanno già messi in guardia NSGC, S. Paolo e, ultimamente, anche S. Pio X e PIo XII. Perciò la nostra risposta, sulla base delle loro raccomandazioni, non può essere che una: ANATEMA!!!
      Ben fa Fisichella a mettere uno spartiacque tra il 1958 e tutta la precedente storia della Chiesa, così sappiamo da cosa guardarci ed a quali insegnamenti attingere. . Laudatur Jesus Christus !!!

  3. #antonio   10 ottobre 2014 at 12:26 am

    dobbiamo pregare profondamente per la SACRALITA’ della CHIESA e perchè la fede, non trovi tubamento .Tutte queste esternazioni ,piene di laicismo basate su pretestuosità d’amore DIVINO non esprimono la chiamata alla verità che CRISTO SIGNORE presenta ad un popolo doi dura cervice.UNA conoscenza della SACRALITA’ molto incerta , piena IO che nulla ha che vedere con la verità che pensado di andare verso l’uomo lo esclude dai doni DIVINI .QUANTA GRAVE RESPONSABILITA’ custodiscono queste anime elette che si stanno allontanando dal giusto cammino di VERITA’ E VITA CRISTO SIGNORE. Divisioni del passato che con grande traascinamento stanno ritornando, per travolgere cuori indeboliti dalla miseria. La CHIESA accoglie ma come il figliol prodigo bisogna rendersi conto della propria indigente ,con il desiderio di ritornare al padre .IUL PADRE attende il figlio e gli v’ incontro quando questo desidera ritornare alla casa del PADRE.. non copriamo e non giustifichiamo l’abbandono della retta via dei><<<<<>>>>>>>. , non facciamo sperare cose false che la verità evangelica non insegna.

  4. #Matteo   10 ottobre 2014 at 7:57 am

    Che cialtronata ipocrita, degna di un cortigiano d’altri tempi.

    “La «mia teologia», dice «non è figlia della casistica», «la ha superata».”

    E come no… la ha superata talmente bene che poi ci viene a raccontare cose tipo:

    “Bisogna verificare, ad esempio, se chi vive in un’unione di fatto, la considera un punto di partenza o il punto di arrivo. Se è il punto di partenza, ovvio che c’è lo sguardo di accompagnamento e dialogo, se è solo il punto d’arrivo dobbiamo far comprendere a queste persone conviventi che questa non è la tappa finale». Pertanto l’unione civile che si accompagna normalmente con la convivenza, sarebbe un buon «punto di partenza». Egli sostiene inoltre che «oggi noi siamo dinnanzi a una tale pluralità di proposte che è difficile riportarle ad unità. Il matrimonio civile non è la convivenza, sono due realtà differenti»”

    Cosa è questa differenziazione se non casistica chiedo a questo “teologo pastore”????

    La sua casistica è superata a corrente alternata e quando fa comodo per esprimere
    meglio il proprio ruolo di cortigiano al potente di turno?

    Io mi ricordo anche un’altra affermazione del Fisichello riguardo un noto divorziato
    risposato un tal Silvio da Arcore meglio conosciuto negli ambienti del gossip da trivio
    col nomignolo di Bunga Bunga.

    Queste le parole testuali del teologo pastore su caso di Bunga riportata sul Messaggero
    del 21 Aprile 2010 :”Il presidente Berlusconi essendosi separato dalla seconda moglie, la signora Veronica, con la quale era sposato civilmente, è tornato ad una situazione, diciamo così, ex ante. Il primo matrimonio era un matrimonio religioso. È il secondo matrimonio, da un punto di vista canonico, che creava problemi. È solo al fedele separato e risposato che è vietato comunicarsi, poiché sussiste uno stato di permanenza nel peccato. A meno che, ovviamente, il primo matrimonio non venga annullato dalla Sacra Rota. Ma se l’ostacolo viene rimosso, nulla osta”.

    Per uno che ha superato con la sua teologia la casistica mi pare una posizione
    a dir poco “forzata” anche tenendo conto che già a Febbraio 2010 il Bunga si intrattenava
    in festini assai poco consoni con la morale cattolica e con i doveri di stato comuni sia ad uno scapolo che ad uno che si è sposato sacramentalmente, ma per Fisichella non c’era la permanenza dello stato di peccato (forse intendeva dire che i festini orgiastici erano solo settimanali e non giornalieri?).La separazione poi tra Bunga e la Lario
    c’è stata nel 2012 e fino ad allora Berlusconi era legalmente e pubblicamente vincolato
    civilmente alla Lario e sempre sacramentalmente alla Dall’Oglio, prima e unica moglie vera.

    Il percorso che Fisichella poi propone di approvare per questa demenziale ipocrisia su unione di fatto e matrimonio civile intesi come punto di partenza nel caso di Bunga quale sarebbe? L’unione di fatto con miss Pascale? Nota velina iscritta all’arcigay sostenitrice del matrimonio omosessuale e già allegra “calippara” della prima ora??? Oppure il matrimonio civile con donna Veronica che è finito come è finito ??? Col vero matrimonio di Bunga mai dichiarato nullo come la mettiamo?

    Come si fa a consentire a gente del genere la Comunione presumendo coi criteri di Fisichella
    che costoro stiano avviandosi dove non si sa e si trovino “al punto di partenza”?

    Ma questa gente il cervello dove lo ha rottamato?

    Bagnasco comunica Luxuria e la sua ganga di travestiti in diretta tv, Fisichella autorizza Bunga, pubblicamente mentre lui se la spassa con la nipotina di mubarak e con la sua tristemente nota igienista dentale, poi vanno in sinodo e se ne escono col superamento della casistica????

    Questi non hanno superato la casistica, questi hanno superato il limite della decenza e non sono affatto quello che dicono di essere, sono solo impostori travestiti e falsi pastori e capo di questa pletora di lupi travestiti da agnelli c’è il sudamericano dalla telefonata facile, tifoso della teologia in ginocchio dell’eretico tedesco travestito da cardinale, che tra una bolletta alla vecchiarella e una intervista eretica spiega alla pubblica concubina che può fare la comunione a ruota libera, basta andare dove non ti conoscono…. alla faccia di quell’ormai superata vicenda in cui il figlio del falegname ordinò alla samaritana del pozzo di non peccare più…
    roba vecchia no??? Casistica superata no????

    Eccolo quà il superamento della casistica…. e la pastorale teologica in ginocchio di questi cialtroni…. che non si vergognano di insultare con la loro ipocrisia mondana la retta ragione
    nè hanno timore di contraddire persino il Vangelo di Cristo.

    C’è solo una conclusione plausibile:

    Fanno schifo!!!!!

    • #ricciotti   10 ottobre 2014 at 8:06 am

      Non hanno timore di contraddire il Vangelo perché sono agnostici.
      Per loro è un libro come un altro.
      È solo il passaporto per il loro stipendio.

    • #bbruno   10 ottobre 2014 at 8:47 am

      Matteo, lasciamo stare il Berlusconi di Arcore: qui – in Vaticano con annessi e connessi – c’è ben di peggio, una chiesa divenuta ormai tutta un Bunga-Bunga.. ( e un circo di buffoni )!

      • #Matteo   10 ottobre 2014 at 11:48 am

        Ho riportato le vicende di Berlusconi solo come esempio palese e noto a tutti in termini di cronaca, per far capire che se una concessione basata “sulle intenzioni” portasse ad accedere al Sacramento chi permane in una condizione di peccato mortale si giungerebbe ad una assurdità sul piano della ragione e ad una bestemmia sacrilega in termini di fede.

        Il caso esemplificativo di Berlusconi su cui Fisichella ha già in passato fatto la figura che ha fatto è emblematico, ma è solo un esempio ovviamente… per fare schifo gli uomini trovano sempre vie nuove, ci manca gente come fisichella che apre alla profanazione sistematica con il suoi “processi alle intenzioni”…. (stessa scusa di chi assolve Bagnasco che comunica il travesta buddista) ma che andassero a pascere le pecore
        vere invece di fare i pastori-teologi che imperversano in sinodi a vuoto.

  5. #Marco   10 ottobre 2014 at 9:54 am

    La Dignitatis Humanae è un documento veramente sapienziale e illuminante…come tutti i documenti del Concilio del resto.

    • #ricciotti   10 ottobre 2014 at 10:43 am

      Può essere ciò che vuoi, ma non è un documento cattolico.
      Tanto ci basta per capire che fu promulgato da un non papa.

    • #bbruno   10 ottobre 2014 at 11:08 am

      “sapienziale e illuminante”? Direi piuttosto di sapienza ILLUMINATA, di una luce che non è proprio quella di Cristo ma quella portata da Satana, LUCIFERO appunto!….

    • #Matteo   10 ottobre 2014 at 11:37 am

      E’ un documento specificatamente pastorale (come tutto il concilio), che non ha prodotto
      nulla di buono, essendo per altro vecchio di decenni e non essendo né dogma nè a contenuto dogmatico il suo valore attuale è prossimo allo zero ed è tempo che venga rottamato come la massima parte del “concilione” oramai abbondantemente scaduto.

      • #ricciotti   10 ottobre 2014 at 12:30 pm

        Documento pastorale?
        Scusa mi citi un solo documento della Chiesa da san Pietro a Pio XII che ammetta l’esistenza di tali documenti, privandoli di qualsivoglia infallibilita’ e obbedienza?
        Non ha contenuto dogmatico?
        A si?
        E la nuova dottrina che la DH definisce sulla libertà di coscienza?
        Documento di concilio universale, promulgato dalla Chiesa universale, approvato dal Pontefice, con invocazione dello Spirito Santo, viene citata ed interpretata la Scrittura, definisce la nuova dottrina su fede e costume, vincola esplicitamente all’obbedienza ….
        … eppure secondo te non ha carattere dogmatico, non è dogma, non ha contenuto dogmatico.
        Scusami ma sai cos’è un documento dogmatico?
        Cominci a preoccuparmi.
        Forse ti sei bevuto le chiacchiere moderniste di Montini, quando inventa di sana pianta l’esistenza di questo presunto concilio pastorale non dogmatico?
        Andiamo bene.

      • #bbruno   10 ottobre 2014 at 10:02 pm

        caro matteo, come si fa a definire pastorale un concilio per dichirarne l’ inattendibilità? sarebbe come dire che la Chiesa è inattendibile quando si cura di ‘pascolare’ il suo gregge… Ma non è compito primario della Chiesa quello di pascolare il suo gregge sui sentieri della verità (cfr Gv. 21 )? La Chiesa potrebbe allora avvelenare il suo gregge per i pascoli avvelenati dell’errore e non ne sarebbe intaccata la sua essenza???

  6. #Marco   10 ottobre 2014 at 12:20 pm

    Se non si accettano i testi conciliari tanto vale andare con quegli scismatici della S.Pio X.

    Lo disse anche Ratzinger che indietro non si torna.

    • #jeannedarc   10 ottobre 2014 at 8:15 pm

      ma quali scismatici? ma per favore…

    • #bbruno   10 ottobre 2014 at 9:47 pm

      il classico caso del bue che dà del cornuto all’asino: chiamare ‘scismatici’ quelli che non comunicano cogli eretici! Che meraviglia che nella lor pertinacia gli eretici affermino che non torneranno più indietro! Ne avete mai visto qualcuno farlo?

    • #cattolico   11 ottobre 2014 at 2:51 pm

      Caro Marco, i veri scismatici siete voi modernisti, i sacerdoti della FSSPX sono Santi Padri, voi non sapete più cos’è la versa santità. Ma ridete ora, ché presto verrete taravolti da quello stesso mondo a cui aprite le braccia, che non userà la vostra falsa misericordia, ma quella dura legge che Bergoglio sta usando con i FFI. Viva S. Pio X, viva Mons. Léfébvre !!!

      • #ricciotti   11 ottobre 2014 at 3:37 pm

        Scismatico = colui che si separa dal governo della Chiesa (del Papa).
        Come ci si separa dal governo?
        Ci si separa dal governo disobbedendo agli atti legislativi e disciplinari della chiesa (del Papa).
        Pertanto Marco ha ragione.
        A prescindere da tutto, non posso dargli torto perché la FSSPX insegna la disobbedienza ordinaria.
        Questo insegna la Chiesa, basta prendere un’enciclopedia cattolica e cercare la voce: scismatico.

      • #bbruno   11 ottobre 2014 at 10:02 pm

        ecco il frutto dell’incongrunza: da una parte tacciare di scisma chi mai ha inteso separarsi, dall’ altra pretendere di criticare chi si riconosce come autorità – che nella fattispecie è per definizione al di sopra di ogni critica: “Prima Sede a nemine judicatur”

        Scisma è infatti separazione: e qui dove è la separazione della FSSPX dalla Sede di Roma??? Ci sarà stata ribellione, ma questa va punita con la scomunica: come infatti (scomunica, in questo caso, come dichiarazione solenne di cessata comunione con una chiesa eretica: un gran complimento, in verità…)

        Ben altra cosa sarebbe stato se dal primo principio ci fosse stata denuncia della falsa chiesa che dal concilio veniva formandosi… Denucia con assunzione chiara di responsabilità, cioè RIFIUTO RADICALE della nuova chiesa, la MERETRICE, per fedeltà alla VERA SPOSA di Cristo. Altro che abboccamenti per aggiustamenti impossibili!

        E tutto ciò mai si sarebbe potuto chiamare scisma: ma RIFIUTO di far parte di una ASSOCIAZIONE A DELINQUERE…

      • #ricciotti   11 ottobre 2014 at 10:21 pm

        Hai ragione, mi sono espresso male.
        Atteggiamento scismatico.

  7. #bbruno   10 ottobre 2014 at 9:38 pm

    Oh la Hunziker sposata in Chiesa: non aspettavamo altro! Una ‘cristiana’ come si deve, che sa bene che il “matrimonio non è una fiction”, e infatti sa altrettanto bene che il suo reality può finire quando vuole, che ci sarà subito il buon Bergoglio a benedirgliene un altro…