Berlino: parte il progetto ‘House of One’. Chiesa ebraico-cristiana-musulmana

Drei Religionen unter einem Dach vereint

Per ora è un progetto edilizio “protestante” – “ebraico progressista” – “islamico liberale”, un luogo di culto “ecumenico” nella zona trendy di Berlino. Ma pare che – data l’ampia enfasi mediatica – non si tratterà solo di un progetto.

La struttura prevede tre spazi che si congiungono in una grande sala comune:

the_house_of_one_2706_840_473_100

Gli organizzatori (un rabbino, un pastore ed un imam), con un sito molto “grafico” (house-of-one.org), hanno già raccolto 92.000 Euro:

auf-einen-blick-d

Circa la condanna dell’ecumenismo interreligioso ricordiamo:

VIDEO: il booktrailer di “Sed Gladium – Dottrina e Sacra Scrittura contro l’ecumenismo”

 

 

9 Commenti a "Berlino: parte il progetto ‘House of One’. Chiesa ebraico-cristiana-musulmana"

  1. #raier   2 dicembre 2014 at 11:49 am

    notate che non ci sono ingressi per le singole cappelle, quindi si è obbligati a passare per la stanza ecumenica centrale

    Rispondi
  2. #amen   2 dicembre 2014 at 10:28 pm

    Per le altre due religioni hanno previsto un antibagno, per la cristiana neppure quello. Inoltre il vano dedicato al culto cristiano da l’idea di essere un edificio esterno separato dal blocco principale, quasi fosse solo provvisorio e in attesa di essere demolito.

    Rispondi
  3. #Mardunolbo   3 dicembre 2014 at 12:24 pm

    Amen, nota giusto !
    Del resto come non sapere che islam ed ebraismo se la ridono dei cattolici che dicono “Dio unico” !!! Certo, per loro “Dio Unico” nel senso che non c’è nè Figlio, nè Spirito Santo. Noi siamo bestemmiatori per loro e loro sono bestemmiatori per noi !….

    Rispondi
  4. #massimo trevia   4 dicembre 2014 at 2:53 pm

    e anche che non si ha,ovviamente e coerentemente,il coraggio ,tramite l’architettura(per esempio di adottare la forma a croce latina o altra tipologia),per proclamare la regalità di Cristo.ma,ripeto,è nella logica di tale progetto….solo,che è una omissione e una bestemmia!!!e a berlino quante chiese hanno chiuso o islamizzato?che crolli appena edificata!

    Rispondi
  5. #bbruno   7 dicembre 2014 at 9:45 pm

    a inaugurarla, questa “Casa dell’ Uno”, ci andrà il Bergoglio nostro! E chi meglio di lui, il meglio allenato all’ inchino fraterno, lui che è uno e tutti nello stesso tempo???

    Rispondi
  6. #Antonmio Diano   18 maggio 2015 at 4:45 pm

    C’era già stato qualche precedente di luoghi di “culto” interreligiosi (non semplicemente interconfessionali, che già sarebbe pauroso). Qualche anno fa a Pistoia, e credo anche a Lourdes. Questo “progetto” reca un di più, una pseudolegittimazione di tipo antropoligo-religioso al disperato ecumenismo, che deriva da Assisi e appare un sigillo della nuova religione globale.

    Rispondi
    • #bbruno   18 maggio 2015 at 8:57 pm

      ma c’è qualche bell’ anima che resiste imperterrita: fino a quando la la “religione globale” non sarà definita ‘ex cathedra’ , tranquilli…La sede non deve essere vacante. che importa se a occuparla c’è anche una incarnazione di satana!

      Rispondi
      • #antonio diano   19 maggio 2015 at 10:23 am

        Beh, spero che mi sarà concessa almeno una battuta: importa, importa!!!!!!

        Rispondi
  7. Pingback: La strategia dei nemici di Cristo « www.agerecontra.it

Rispondi