È stata nominata la prima ‘vescovessa’ della ‘chiesa’ d’Inghilterra

10846320_797511313643518_1948295023833791226_n (1)

 

È stata nominata la prima “vescovessa” della “chiesa” d’Inghilterra. Si tratta del “reverendo” Libby Lane che da oggi sarà chiamata “vescovo” di Stockport  (nella zona di Manchester) e creduta tale.

Riferisce l’ANSA: Lane, 48 anni, verrà consacrata come ottavo vescovo della città nella diocesi di Chester in una cerimonia nella cattedrale di York il 26 gennaio. Era stata ordinata sacerdote nel 1994 e ha servito in diversi ruoli nel nord dell’Inghilterra. Dal 2007 è parroco di St Peter’s Hale and St Elizabeth’s Ashley nel Cheshire. Lane si è detta “molto emozionata” per questa nomina “inattesa”, ha ringraziato quanti, uomini e donne, hanno a lungo sperato in questo momento, e ha rivolto una preghiera a Dio. Il premier David Cameron ha subito fatto le sue congratulazioni, sottolineando come questo sia “un giorno importante per l’eguaglianza fra i sessi”.

Secondo la Chiesa cattolica: le ordinazioni anglicane sono assolutamente invalide (Bolla  “Apostolicae curae” del 18 settembre 1896, Papa Leone XIII). Gli Anglicani, difatti, non solo sono eretici e scismatici, secondo la Chiesa cattolica, ma non sono né sacerdoti e né vescovi … come potrebbero mai esserlo?

Il 16 giugno 2014, Bergoglio si era fatto benedire da Justin Welby, il quale pretende di essere arcivescovo di Canterbury. Prosegue il teatrino protestante con la complicità della setta vaticanosecondista che occupa i Sacri Palazzi.

CdP (Ricciotti)

 

12 Commenti a "È stata nominata la prima ‘vescovessa’ della ‘chiesa’ d’Inghilterra"

  1. #Matteo   18 dicembre 2014 at 8:48 am

    Ecco come finiscono i tentativi di conciliazione e dialogo con le eresie.

    O si è cattolici o quale che sia la setta protestante o ortodossa, i risultati sono sempre gli stessi: donne prete, preti uxorati, divorzio e concubinato libero, nozze tra invertiti.

    E’ questa la “nuova via” della ganga di Kasper, Forte e del loro dante causa oriundo che già si affaccenda allo scellerato sinodo eretico prossimo venturo.

    • #A n o n i m o   22 dicembre 2014 at 2:06 pm

      Uhm… beh, i preti uxorati li ha anche la Chiesa cattolica nei riti orientali – che, per la precisazione, non sono tutti “uniati” ma alcuni sono da sempre cattolici.

  2. #bbruno   18 dicembre 2014 at 8:59 am

    per questa pagliacciata di ‘ eucarestia’ vanno bene anche le pagliacce femmine! ( da concludersi con un bel tango avvinghiati insieme, “teneramente”????

    • #Roberto Martelli   19 dicembre 2014 at 8:23 am

      casquet!

      • #bbruno   19 dicembre 2014 at 11:37 am

        certo, ora ci sta benissimo il casquet: Obama e Castro, maestro di ballo Bergoglio!

  3. #Massimo   21 dicembre 2014 at 11:50 pm

    Si possono accettare altre confessioni cristiane,ma quella Anglicana non segue neppure l’ordine della scrittura…perciò diventa inaccettabile una nomina di una donna Vescovo.

    • #bbruno   22 dicembre 2014 at 6:52 pm

      si può accettare solo la confessione cristiana/cattolica perché è l’unica che confessi il Cristo Signore nella sua integrità. Non si danno confessioni parziali. Bonum ex INTEGRA causa, malum ex QUOCUMQUE defectu. Nella confessione anglicana che la donna diventi vescovo o prete è indifferente: in essa si è negato l’ Ordine Sacro (il Sacramento ) fin dal principio….( stessa sorte sta toccando anche la NOVA chiesa cattolica de Roma…INVALIDATO il Sacramento dell’ Ordine è annullato il Sacerdozio, e quindi avanti oves et boves, e chisseneimporta…

  4. #Mardunolbo   22 dicembre 2014 at 8:07 pm

    Avanti oves, boves et scrofae et vacae; tutti avanti verso la “uguaglianza fra i sessi” come sottolinea Cameron che guida una nazione ove la sharia è accettata e l’islamico ha diritto al suo esclusivo tribunale ….Non sa il Cameròn che tra pochi anni le sacerdotesse anglae saranno oggetto di “grandi”attenzioni particolari da parte dell’islamica Britannia felix.
    Basta aspettare e tutti i nodi verranno al pettine, ahinoi ed ahiloro !
    Intanto nella ex-cattolica si continuano a rimuovere ostacoli alla “democrazia” dei pluripensanti alla demo(n)-religione sorridendo compiaciuti ai tanghi ostentati sul sagrato di San Pietro.
    Gli angli-cani sono poi già tutelati ed accolti a braccia aperte dalle disposizioni del Ratzingo poco prima delle sue originali dimissioni pontificali. Chissà che il Bergoglio non ci metta anche del suo accogliendo anche le sacerdotesse del rito “nuovo ed accettato” !
    Avrebbe il plauso di tante suorelle suffragette che ribollono nei conventi in attesa di espandere i loro diritti ecclesiali , oltrechè fare balli francescanamente scalze ,in pubblico, ed ugolare in giro per il mondo…
    Perbacco, pari dignità ed autorità anche alle suorelle ; vedrete che arriveremo anche a questo, Bergoglio regnante,ma non imperante e nemmeno sedente !

    • #bbruno   22 dicembre 2014 at 8:25 pm

      detto benissimo, mardunolbo.

      E a riprova di quanto detto, vista la stizza rabbiosa del non-sedente per gli ostacoli che gli vengono frapposti sul cammino del definitivo assestamento ( se ancora qualcosa di definitivo può essere aggiunto….) della sua demo(n)-religione ior-massonica? Lui ha il coraggio di dichiarare affetti da “alzheimer spirituale” quelli che gli sono pari per malattia, ma almeno un po’ più guardinghi per quanto riguarda le apparenze: ma lui affetto da utentico psicopatismo comatoso, anche le apparenze gli danno fastidio…E giu a enumerare le quindici piagne degli altri:lui che farebbe nbene a riguardarsi allo specchio per vedersi tutto una piaga vergognosa…

  5. #Sergio Letizia   12 febbraio 2015 at 7:39 pm

    Perchè l’inghilterra ha una chiesa tutta sua? E di quale religione o Dio? Su richiesta di quale dio pagano? Fondata da chi? Ma fatemi il piacere!!!!!

    • #bbruno   13 febbraio 2015 at 10:58 am

      era ora che avessero sacerdotesse e vescovesse quelli che si riconoscono nella religione della dea Cinthia, o dea Diana, alias Elizabeth the First! E tra un po’ avranno come tali anche le Conchite, che ora la parità dei sessi è superata: progredisce quella dei gender!