‘Le religioni’ in Vaticano per i diritti umani? Il commento di S.S. Pio X.

Senzanome

 

Le parole di S. Pio X ben si attagliano anche ad altri recenti episodi, quali il discorso di Francesco a Strasburgo (un discorso molto bello ma molto poco “pontificio”) e il suo incontro con i movimenti popolari (qui l’allocuzione).

 

“In altri ambienti è di moda, quando si tocca la questione sociale, mettere anzitutto da parte la Divinità di Gesù Cristo, e poi parlare soltanto della sua sovrana mansuetudine, della sua compassione per tutte le miserie umane, delle sue pressanti esortazioni all’amore del prossimo e alla fraternità. Certo, Gesù ci ha amati di un amore immenso, infinito, ed è venuto sulla terra a soffrire e a morire affinché, riuniti attorno a Lui nella giustizia e nell’amore, animati dai medesimi sentimenti di carità reciproca, tutti gli uomini vivano nella pace e nella felicità. Ma, per la realizzazione di questa felicità temporale ed eterna, Egli ha posto, con un’autorità sovrana, la condizione che si faccia parte del suo gregge, che si accetti la sua dottrina, che si pratichi la virtù e che ci si lasci ammaestrare e guidare da Pietro e dai suoi successori. Inoltre, se Gesù è stato buono con gli smarriti e con i peccatori, non ha rispettato le loro convinzioni erronee, per quanto sincere sembrassero; li ha tutti amati per istruirli, per convertirli e per salvarli. Se ha chiamato a Sé, per consolarli, quanti piangono e soffrono, non è stato per predicare loro l’invidia di un’uguaglianza chimerica. Se ha sollevato gli umili, non è stato per ispirare loro il sentimento di una dignità indipendente e ribelle all’ubbidienza. Se il suo Cuore traboccava di mansuetudine per le anime di buona volontà, ha saputo ugualmente armarsi di una santa indignazione contro i profanatori della casa di Dio, contro i miserabili che scandalizzano i piccoli, contro le autorità che opprimono il popolo sotto il carico di pesanti fardelli, senza muovere un dito per sollevarli. Egli è stato tanto forte quanto dolce; ha rimproverato, minacciato, castigato, sapendo e insegnandoci che spesso il timore è l’inizio della saggezza e che a volte conviene tagliare un membro per salvare il corpo. Infine, non ha annunciato per la società futura il regno di una felicità ideale, da cui sarebbe bandita la sofferenza; ma, con le sue lezioni e i suoi esempi, ha tracciato il cammino della felicità possibile sulla terra e della felicità perfetta in Cielo: la via regale della Croce. Sono insegnamenti che si avrebbe torto ad applicare soltanto alla vita individuale in vista della salvezza eterna; sono insegnamenti eminentemente sociali e ci mostrano in Nostro Signore Gesù Cristo una realtà ben diversa da un umanitarismo senza consistenza e senz’autorità.”

[San Pio X, Notre Charge Apostolique (42)]

 

Sul tema si veda anche:

Fede e giustizia sociale. Il problema del “socialismo cristiano”

2 Commenti a "‘Le religioni’ in Vaticano per i diritti umani? Il commento di S.S. Pio X."

  1. #cattolico   2 dicembre 2014 at 9:03 pm

    Ma vogliamo spedirgliela a Bergoglio una lettera con queste parole di un santo papa ? vogliamo fargli sapere che noi amiamo questo Papa, che lo consideriamo guida dei cristiani e non accettiamo assolutamente quello ce Bergoglio fa adesso. ? sarebbe valida la sua scomunica ? ma non è già lui Extra Ecclesia ? almenoa se si parla della Chiesa di san Pio , d Pio XII, e di tutti i papi pre roncaliani.

    Rispondi

Rispondi