Ci toccherà un vecchio arnese democristiano?

mattarella

 

Nel momento in cui, dopo un comunista (?!) amico dell’Amerika e del Unione (sovietica) europea, un vecchio democristiano sembra profilarsi all’orizzonte come nuovo inquilino (abusivo) del Quirinale, ci sembra giusto ricordare ai nostri lettori i gravi errori dottrinali e morali che hanno contraddistinto la storia dell’empia “setta bianca” nella storia del Novecento italiano ed europeo. Lo facciamo riportando una citazione di padre Julio Meinvielle contro il pensiero di Jacques Maritain, uno dei cattivi maestri del democratismo cristiano europeo ed italiano, uno degli ispiratori di Aldo Moro e Giovan Battista Montini, i padri, tra l’altro della “repubblica conciliare”.  

“[…]

Per l’elaborazione della sua città, Maritain inizia separando – dico separare e non semplicemente distinguere – il piano della città temporale dal piano della Chiesa o città spirituale. La città temporale non si sottomette, come esige la concezione tradizionale insegnata da Leone XIII nella Immortale Dei, alla Chiesa, ma si muove con principi interamente propri e indipendenti che cercano di soddisfare ugualmente le persone umane che la integrano, qualsiasi sia il loro credo o se manchi del tutto di un credo.

 

Chi non crede in Dio, insegna Maritain, o non professa il cristianesimo, può, comunque, se crede nella dignità della persona umana, nella giustizia, nella libertà, nell’amore verso il prossimo, cooperare alla realizzazione di tale concezione della società (vitalmente cristiana) e cooperare al bene comune, anche non sapendo arrivare ai primi principi delle sue convinzioni pratiche o cercando di fondarle su principi deficienti.

 

Nell’impostazione di Maritain ci sono vari errori sommamente gravi. Il primo, qualificare come cristiana una società che non riesce ad essere teista. Non riesce ad essere teista perché la società, in quanto tale, non professa la credenza in Dio. E non potrà confessarla, per non esercitare pressione sui possibili atei che racchiuderebbe nel suo seno.

Il secondo, alterare il concetto di cristiano. Per essere cristiano non basta credere nella dignità della persona e in altri valori umani; c’è bisogno di credere, con fede soprannaturale, nel mistero di Cristo e della Chiesa. E una società cristiana è quella che nella propria legislazione e nella sua vita vissuta accetta le norme della legge naturale e della legge evangelica, sostenute dalla Chiesa.

Terzo, sminuire lo sforzo dei cattolici che lavorano nella vita civica. I cattolici che lavorano nella vita civica delle nostre città scristianizzate non si devono accontentare di lavorare ad un ideale puramente illuministico di una città fraterna o umanista, ma, seguendo il comandamento espresso da Cristo, devono “prima cercare il regno di Dio e la sua giustizia, perché il resto gli verrà dato in aggiunta” (Mt 6,33). I cattolici, se amano i loro fratelli smarriti, devono tendere verso la città cattolica, perché soltanto questa è la soluzione ai gravissimi problemi nei quali sono abboccate le società moderne.

Quarto, il fatto che oggi nelle società prima totalmente cristiane ci sia divisione di credi, non deve essere ostacolo perché si lavori per una città conformata cattolicamente. La prudenza dovrà indicare il grado di tolleranza che si dovrà adottare nei confronti dei diversi errori e smarrimenti. Quel che non si dovrà ammettere è il consolidamento di una città fraterna illuminista, dove tutti gli errori abbiano gli stessi diritti della verità.

Quinto, la città cattolica esige non solo che la società sia conformata ad una concezione soprannaturale della vita, l’unica che merita di chiamarsi effettivamente cristiana, ma che in modo, ma che in modo particolare il potere pubblico si metta al servizio del regno di Dio. E’ un errore sommamente grave insinuare, come fa Maritain, che il potere politico debba restare neutro rispetto ai diritti di Dio. Precisamente la grande dignità di cui è dotato il potere pubblico e l’efficacia che possiede gli impongono di promuovere il bene comune della città, che non sarà tale se non muoverà i cittadini verso il suo ultimo fine, Dio, che in realtà è l’unico e assoluto bene comune.”

 

Tratto da Concezione Cattolica della Politica di Padre Julio Meinvielle, capitolo “La Città Fraternale” di Maritain, pag. 354-356 

Citazioni raccolte a cura di Piergiorgio Seveso

2 Commenti a "Ci toccherà un vecchio arnese democristiano?"

  1. #bbruno   29 gennaio 2015 at 8:34 pm

    dopo un vecchio arnese comunista, per giunta *******, che venga pure questo vecchio arnese democristiano, di quelli da sempre utili idioti dei loro referenti maggiori…Ci hanno tolto le case regnanti per darci in pasto alle caste fameliche, che sanno bene come fare i loro giochi…