Il bazooka di Draghi e la questione monetaria

0726_mario_draghi_630x420

 

“Draghi allenta i cordoni della borsa, ma il malloppo è sempre suo, usurpato ai popoli e agli Stati europei da quando l’euro è diventata realtà, anno 2002, dieci anni dopo il Trattato di Maastricht.

Si potrebbe sintetizzare così la Quantitive Easing decisa dal governatore della Banca centrale europea: i commenti sulla svolta di Strasburgo hanno evidenziato già in queste ore i difetti ‘di superficie’ dell’operazione: l’80% dei rischi a carico degli Stati membri dell’Unione, attraverso l’emissione di Titoli di stato acquistati appunto dalla Banca centrale. Una condivisione dei pericoli a tutto vantaggio della Germania, che su questo mercato si presenta più forte. Non so come valutare l’affermazione dell’economista tedesco Hans Werner Sinn – “le misure della BCE ‘sono uguali al finanziamento illegale di un governo attraverso la stampa di moneta” (perché finanziamento illegale, se è il governo, cioè il gestore dello Stato, a emettere moneta?) – ma una cosa è certa: la svolta della BCE non cambia nulla della sostanza delle cose: l’indebitamento degli Stati continuerà ad aumentare, l’emissione monetaria resta in mani private.

La vera svolta sarebbe: gli Stati devono stampare moneta e devono rinegoziare il debito nella direzione della defalcazione dell’anatocismo, il che vuol dire o avere la forza di cambiare la situazione europea sottoponendo la BCE al controllo degli Stati membri – e cioè riformare alla radice i Trattati di Maastricht e di Lisbona – o uscire dall’euro. Ma anche qui bisogna essere chiari negli obbiettivi: uscire dall’euro e non nazionalizzare l’emissione monetaria vuol dire riproporre il problema a livello nazionale, magari giocando sulla svalutazione della nuova moneta per rilanciare le esportazioni. Non basta, come diceva Auriti il problema è fare dell’emissione monetaria da parte dello Stato un principio costituzionale, da implementare o attraverso la statizzazione della Banca centrale attuale, o creando una nuova Banca centrale controllata dallo Stato, oppure affidando direttamente alla Zecca l’emissione decisa dal governo.”

 

Claudio Moffa

 

Noi di Radio Spada abbiamo trattato in modo approfondito l’argomento ne “La questione monetaria” di Pietro Ferrari, disponibile nel nostro e-commerce ->La questione monetaria – Edizioni Radio Spada

Rispondi