‘Libertà’ a tutti i costi. Charlie e altre boiate affini.

10924703_10204640684211261_293099220636957702_n
Altri ‘Charlie’ della storia francese

 

Conoscete qualcuno che in queste ore si sta sperticando per la “libertà d’espressione” a tutti i costi e in ogni caso?

Chiedetegli cosa pensa dei reati d’opinione puniti in Europa, delle proposte anti-omofobia che farebbero condannare anche San Paolo, delle accuse a pioggia fatte a chiunque esca dal politicamente corretto.

Poi, nel caso in cui fosse a favore della libertà di offesa – come quella usata della penosa rivista francese tanto citata in questi giorni – chiedetegli cosa direbbe se la stessa libertà fosse esercitata ironicamente sulle abitudini di sua madre.

Il terrorismo fa schifo, ma l’ipocrisia non è da meno.

PS: I buonisti e gli ecumenisti “per la fratellanza delle religioni” non li prendiamo nemmeno in considerazione.

 

8 Commenti a "‘Libertà’ a tutti i costi. Charlie e altre boiate affini."

  1. #bbruno   9 gennaio 2015 at 4:04 pm

    appunto, IPOCRITI e SFACCIATI ! Libertà di espressione e di indottrinamente SOLO per i loro dogmi: quelli che fondano il melting-pot politico e religioso che sta imperversando!!! Infami Grembiuli Cazzuolati, che a tanto sono riusciti da mettere i loro ‘simili’ – seppure in sottanone e con sgorbio di croce – al Vertice del Vaticano stesso, a insozzare la Sede stessa del Beatissimo Pietro (cfr. Leone XIII), i quali allo stesso modo parlano, per quanto li compete, di LIBERTÀ religiosa e LIBERTÀ di coscienza – a condizione che non si parli di LIBERTÀ di professare l’ UNICA E VERA e INCONTAMINATA religione di Cristo!

    Ma i nodi pare stanno arrivando al pettine! Allegria!

    E I vigliacchi che tradiscono e vogliono ingraziarsi il Nemico, non pare abbiano avuto mai buona sorte presso i fratelli loro in Maometto’: hanno almeno la dignità di disprezzare questo tipo di gent-e/-aglia!

    Rispondi
  2. #bbruno   9 gennaio 2015 at 4:21 pm

    ma non chiamiamoli charlie! I salvatori della civiltà europea – quella degli studi, delle cattedrali, della dignità del lavoro, delle corporazioni, delle arti, della musica, della letteratura, di quella civiltà che ha creato l’unica forma decente di convivenza sociale qui in terra, mentre teneva fisso lo sguardo al Cielo …- hanno ben altri nomi e non ridicoli, nomi da fumetto: si chiamano Carlo Martello (appunto) Goffredo di Buglione Giovanni Castriota Scanderberg il Primaldo Giovanni d’ Austria Giovanni Sobiesky Eugenio di Savoia: con questi campioni l’Europa è cresciuta libera: quel luogo che tutti i ‘disgraziati’ (seconda volgata mondialista ) della terra hanno cercato e riempito, e che ora stanno distruggendo – come vuole l’Alto Comando della Loggia…. altra cosa da questo ridicolo e insolente CHARLIE!!

    Rispondi
  3. #Massimo Valentini   10 gennaio 2015 at 1:43 pm

    E’ assurdo essere per la libertà di espressione QUALSIASI cosa o boiata venga detta

    Personalmente sono invece a favore della libertà di satira

    Rispondi
    • #bbruno   10 gennaio 2015 at 3:09 pm

      che distinzione caprina è questa? la libertà di espressione NON DEVE mai scadere nella volgarità e maleducazione, punto! E deve essere consentita a TUTTI, anche a quelli che dicono contro natura l’ amore gay, o contro natura l’abolizione delle frontiere e delle patrie, e un crimine il genocidio dei popoli europei per via di meticciamento forzato!

      Rispondi
  4. #Andre Breton   10 gennaio 2015 at 11:06 pm

    ma sono operazioni psicologiche mediatiche , su cui M5S e Sel qui sono a capo essendo il Pd al governo e fa finta di essere super partes, Berlusconi e’bollito gia dalla guerra fatta a Gaddafi

    Rispondi
  5. #Massimo Valentini   11 gennaio 2015 at 2:04 pm

    bbbruno : io mi riferivo a tutte le forme di apologia di reato – i tuoi esempi non costituiscono apologia di reato e quindi sono pienamemnte e liberamente esprimibili (a mio parere personale : non prenderlo come un parere legale)

    Rispondi
    • #bbruno   11 gennaio 2015 at 2:42 pm

      Massimo Valentini: non è reato l’ OMOFOBIA? non è reato il REVISIONISMO OLOCAUSTICO? Non è reato la difesa dell’integrità del proprio popolo, fatta passare come XENOFOBIA RAZZISMO ANTISEMITISMO , e via esemplificando ? Tutto è reato e tutto è motivo di esclusione sociale quello che contraddice i dettami del POLITICAMENTE CORRETTO (da accettare e ZITTI)…

      E il bello è – per stare alla cronaca tragica di questi giorni- che, fatto salvo il rispetto di questi dettami (CHARLIE HEBDO non erano certamente critici del POTERE IMPERANTE e del PENSIERO UNICO ), possono benissimo entrare nel dimenticatoio le regole del RISPETTO del prossimo che pensa – o crede – come a te non piace ( senza dire che uno dei propugnatori di tale regole è un padre della moderna società illuminata: VOLTAIRE!)

      Rispondi
  6. #Mardunolbo   11 gennaio 2015 at 8:10 pm

    Proprio prima di Natale, tanto per dare un colpo al cerchio, la magistratura italiana ha ficcato in cella almeno 25 giovani perchè “avevano un programma eversivo” ….Ovviamente questi giovani esagitati o meno,sono tutti di destra, tanto per ricordare a chi non era ancora nato che: “trama nera,trama nera sol con te si fa carriera….!”
    E questo è solo uno dei tanti assaggi di randellate alla libertà d’espressione , specialmente quella sana, cristiana , antimeticcia ed a favore dell’integrazione reale di poveri scampati.
    Randellate ad italiani onorati di esserlo ed orgogliosi dei loro avi, tanto da supporre di smuovere le masse impigrite di una nazione in collasso globale.
    Ma pronti servi del potere sono scesi in campo a difendere le sacre istituzioni serve di altri poteri, per eliminare e devastare psicologicamente (perquisizioni e detenzioni alle 3 del mattino non possono essere chiamati “rastrellamenti” ?) degli idealisti un po’ confusi.
    Questa è la realtà europea ed italiana ! Aprire gli occhi ….

    Rispondi

Rispondi