Alexey Y. Komov sul GENDER: la linea suicida che pretende di cambiare la natura umana

Alexey Y. Komov sul GENDER: la linea suicida che pretende di cambiare la natura umana

 

della Redazione RS.

“Fuochi verranno attizzati per testimoniare che due più due fa quattro. Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate. Noi ci ritroveremo a difendere non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile”.

Questa frase di Gilbert Keith Chesterton ha segnato l’epilogo dell’incontro istituzionale con Alexey Y. Komov che si è tenuto il 29.3.2015 a Potenza presso il Palazzo del Consiglio Regionale di Basilicata, in un clima di emancipato dibattito e di condanna a violenze e discriminazioni. Il dott. Komov, Ambasciatore alle Nazioni Unite del World Congress of Families, invitato dall’Associazione Culturale “Spina nel Fianco” (PZ), si è recato in Meridione con l’obiettivo di promuovere la “cultura della famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna: luogo naturale, in cui nascono e crescono i cittadini di domani”.

Titolo dell’appuntamento: L’AGGRESSIONE DELLA TEORIA DEL GENDER ALLA FAMIGLIA. Era presente il nostro Carlo Di Pietro (giornalista e scrittore) che ha richiesto al dott. Komov copia del suo suggestivo discorso, già tenuto a Torino il 12 novembre 2014, suddividendolo per argomenti. Riportiamo le parti salienti:

La direzione spirituale e la missione.

Oggi coordino le attività internazionali della Commissione patriarcale per la Famiglia, e la tutela della maternità e dell’infanzia, sotto la guida di mio padre spirituale, l’arciprete Dmitri Smirnov, capo di questo dipartimento della Chiesa ortodossa. Padre Dimitri Smirnov è stato il primo ad alzare la voce contro l’aborto e per la difesa dei valori della famiglia in Russia, anche nei giorni dell’Unione Sovietica,  25 anni fa. È un po il padrino del movimento pro-vita e pro-famiglia russo, e uno dei predicatori più popolari della Chiesa ortodossa russa. Quattro anni fa mi ha dato la sua benedizione in modo che io stabilissi contatti con il resto dei cristiani d’Occidente, che resistono oggi alle ideologie neoliberiste atee del gender e dei diritti  degli LGBT.

La rinascita cristiana in Russia dopo la massonica e violenta dittatura comunista.

Da allora, molti contatti sono stati sviluppati in 80 paesi e dal 10 al 12 settembre scorso si è tenuto a Mosca il principale forum internazionale su “La famiglia numerosa e il futuro dell’umanità” al cuore stesso del Cremlino e della cattedrale principale della Russia, la Cattedrale di Cristo Salvatore. Costruita con donazioni di persone per commemorare la vittoria su Napoleone, poi distrutta dai comunisti atei nel 1930, si vide costruire sulle rovine della cattedrale una grande piscina all’aperto. Ma il Signore non ha permesso che venisse a compimento il progetto comunista su quei luoghi di creare un gigantesco palazzo dei congressi comunista in cima al quale sarebbe stata intronizzata una gigantesca statua di Lenin. Dal 1994 al 1997, la Cattedrale di Cristo Salvatore fu ricostruita in modo da superare la prima in bellezza. Questa cattedrale è un simbolo della rinascita spirituale della Russia, nel corso degli ultimi 20 anni, quando sono stati aperti più di 30.000 chiese e 800 monasteri, e milioni di giovani sono venuti in chiesa. Questo è un miracolo evidente dopo 70 anni di ateismo militante dell’Unione Sovietica, e milioni di martiri, ed è una realtà molto incoraggiante per i moderni cristiani occidentali.

L’Occidente vittima del delirio ateo ed apostata di movimenti dittatoriali e mondialisti.

Ciò dimostra che questa rinascita miracolosa del cristianesimo è anche possibile per l’Occidente, che è attualmente oggetto di una pesante ondata di propaganda anti-cristiana e di apostasia. Oggi assistiamo a queste iniziative per imporre a tutte le società nuove e radicali  ideologie rivoluzionarie, in particolare la teoria di genere che dice che il sesso di una persona non è dato da Dio, ma è piuttosto una sorta di costruzione sociale . Secondo alcune versioni ci sono cinque, o anche più, generi diversi (LGBTQI) che ognuno ha il diritto di scegliere liberamente. Si tratta di un attacco contro l’uomo stesso, contro le basi stesse della natura umana. Tutte queste teorie artificiali non hanno alcun seria base scientifica e sono solo una manipolazione ideologica dei fatti. Ma questo non preoccupa nessuno e troviamo che le élite internazionali diffondono queste strane idee mediante le Nazioni Unite, l’UNICEF e altre organizzazioni internazionali.

La Scuola di Francoforte.

Perché tutto questo? Penso che in passato molta energia è stata spesa per combattere la “guerra fredda” tra i paesi capitalisti e paesi socialisti. 20 anni fa il mondo si è trovato ideologicamente unito e le élite globali hanno iniziato a diffondere la loro agenda in tutto il mondo. Possiamo vedere la loro ostinazione a imporre idee rivoluzionarie, molti delle quali hanno chiare radici neo-marxiste. E questo è in gran parte dovuto alle attività della scuola di pensiero conosciuta come la “Scuola di Francoforte” molto attiva negli anni ‘20 fino agli anni ‘40. I teorici di questa scuola -Marcuse, Adorno, Horkheimer, Fromm, eccetera- fusero le idee di Karl Marx e di Sigmund Freud dando alla luce il concetto di rivoluzione sessuale degli anni ‘60, droghe, cultura psichedelica e altre “rivoluzioni” e “emancipazioni”.

Le fanatiche ideologie dei nuovi “comunisti”, ulteriormente degenerati.

Da qui nasce anche l’ideologia del movimento radicale “verde”, il movimento per i diritti degli animali (a scapito dei diritti delle persone), l’alta incidenza di aborti e -più recentemente- l’ideologia di genere e la rivoluzione omosessuale, che non fa che sviluppare le idee del femminismo radicale e così via. Le loro radici si trovano nel neo-marxismo, cioè nel desiderio di trasformare la società in un modo rivoluzionario. Da lì, questa ideologia ha alimentato un potente movimento globale per la riduzione della popolazione (neo-malthusianesimo), per controllare il mercato alimentare (piante geneticamente modificate che non sono in grado di riprodursi da un anno all’altro, e il controllo nelle mani di giganti come la “Monsanto”).

Il lavaggio del cervello.

Considerando la storia di questo problema, vedremo che quando non venne questa rivoluzione globale, sognata dai bolscevichi, guidati da Lenin e Trotsky, i marxisti cominciarono ad analizzare il “perché” di questo fallimento e conclusero che i cervelli del proletariato dovevano essere stati “lavati” dell’ideologia prevalentemente cristiana e borghese e che dunque il cristianesimo doveva essere distrutto. In una nuova fase storica si sono prefissati lo scopo del “lavaggio del cervello” degli europei per eliminare i valori cristiani e della famiglia. Ad esempio, c’è stato un marxista ungherese, Georg Lukacs, che, sotto la Repubblica sovietica ungherese di Bela Kun, ha introdotto per primo le lezioni di liberazione sessuale a scuola, per espandere le basi “borghesi” della società. Si rese conto che il modo più semplice per raggiungere i giovani era l’educazione sessuale. Lukacs fu ministro dell’istruzione in quel paese, che ebbe breve esistenza nel periodo 1919-1920.

Lo sdoganamento delle perversioni attraverso i media. Le perversioni diventano un “diritto”.

Così l’educazione sessuale, che è ormai imposta dalle Nazioni Unite e dalla Family Planning Association, è puro marxismo, diretto a produrre la decomposizione della società e la promozione della rivoluzione mondiale. Per diversi motivi molti marxisti stranieri sono stati costretti a lasciare l’Unione Sovietica tra il 1920 e il 1930, si stabilirono a Francoforte sul Meno. Al termine delle loro discussioni hanno concluso che la nuova fase storica non doveva essere quella in cui si catturano stazioni e telegrafi, come i bolscevichi in Russia nel 1917, ma doveva essere, in accordo con il Comunista Italiano Antonio Gramsci, “una lunga marcia attraverso le istituzioni”, vale a dire il controllo delle istituzioni di base come il cinema, la televisione, i media, le università, e attraverso di esse, diffondere le loro idee, rivoluzionando la società. E dopo questo cambiamento culturale progressista e questo “lavaggio del cervello”, il potere politico sarebbe dovuto cadere ai piedi dei marxisti, portando la vittoria della rivoluzione mondiale. Molti leader sono andati oltre questa teoria, utilizzando le idee di Freud. Sono arrivati alla conclusione che il proletariato è stato precedentemente represso dalla mentalità borghese cristiana, nella zona del matrimonio, così come è stato represso il sesso, e tutte quelle cose che apparentemente impediscono alle persone di essere felici, al punto che i desideri segreti,  le fantasie (libido) non possono raggiungere il loro pieno potenziale.

La delirante teoria della “felicità globale”.

E nel XX secolo, nella stessa ottica di distruzione, abbiamo sentito queste chiamate interminabili a utilizzare la droga, l’alcool, ad ascoltare la musica, che dovrebbe aiutare a liberare le pulsioni interiori, chiamate peccati nel cristianesimo. Abbiamo sentito che la rivoluzione mondiale sarebbe la felicità globale, l’umanità sarebbe tornata alla sua età dell’oro. Tale teoria, che è ormai quasi una sociologia “mainstream” in Occidente, è priva di qualsiasi base scientifica. È , infatti, una teoria puramente religiosa, anche se favorita da alcune persone rispettabili, filosofi e altri. L’età dell’oro dell’umanità è considerata uno stato primitivo, quando la persona non era separata dalla natura e ne faceva parte.  Quando gli esseri umani cominciano a deviare, a staccarsi dalla natura, i problemi sarebbero iniziati: ci fu la proprietà privata, la divisione tra l’”io” e il “non io” e tutte le altre disgrazie, ed è necessario, dicono, ritornare allo stato primitivo di liberazione totale e alla distruzione della individualità (come ha ben scritto Shafarevich un giorno nel suo libro “il socialismo come fenomeno nella storia del mondo “). George Soros, per esempio, sostiene il movimento globale per la legalizzazione della droga e della prostituzione, e si considera un seguace di questa nuova ideologia.

L’ ideologia rivoluzionaria per invertire l’ordine delle cose stabilite da Dio.

Inoltre, questi rivoluzionari pensano che una volta che la donna e l’uomo siano stati soppressi, la liberazione comincerà. Quindi, il movimento femminista, che ha avuto inizio con le suffragette, il movimento per l’uguaglianza di genere / sesso, ciò a cui assistiamo oggi. Anche i bambini, dicono, dovrebbero avere ulteriori diritti, poiché hanno, nell’intenzione, eliminato i genitori. Vediamo pubblicità per i vari “hot line” per i bambini, e i giovani possono lamentarsi dei loro genitori alla minima provocazione. Anche questa è una parte dell’ideologia rivoluzionaria per invertire l’ordine delle cose stabilite da Dio, per eliminare l’autorità del padre e portare alla distruzione della famiglia.

I pruriti di dominazione e le degenerazioni dei lobbisti americani.

Secondo le teorie neo-marxiste, coloro che guidano l’ideologia rivoluzionaria nel nuovo contesto non sono i proletari, ma piuttosto le varie minoranze: immigrati, studenti, minoranze nazionali e religiose, e specialmente le minoranze sessuali . Vediamo che gli attivisti omosessuali hanno un ruolo centrale nel rovesciamento dell’ordine sociale esistente e sono “sul piede di guerra”. Se si guarda il mondo di oggi, troviamo che la questione del matrimonio gay è diventato un “punto critico” nella politica mondiale. Ad esempio, quando la Russia ha approvato una legge che vieta la promozione dell’omosessualità tra i bambini, una grande campagna internazionale cominciò a promuovere un boicottaggio delle Olimpiadi di Sochi nel 2014: sembra che questo sia più importante del petrolio, del gas, eccetera. Le Élites globali erano molto deluse e hanno esercitato pressioni sulla Russia. Allo stesso tempo però, per esempio, in Arabia Saudita (dove c’è abbondanza di petrolio e molte basi militari americane), la punizione per l’omosessualità è molto più grave che in Russia. Ma per qualche ragione, non è assolutamente un problema per Barack Obama e le sue controparti in Europa occidentale. Vediamo così come i valori della famiglia sono diventati uno strumento geopolitico.

I “diritti” alla depravazione di pochissimi. Il resto del mondo deve obbedire.

È su questa base che le società sono ora divise in Occidente. Ricordiamo le recenti manifestazioni di milioni di persone in Francia contro la legalizzazione del “matrimonio gay”. Allo stesso modo, la maggioranza della popolazione americana è contro questo istituto (come dimostrato dai vari referendum su questi temi). Ma qui si situa il fronte della battaglia di oggi contro i grandi valori tradizionali.

La strategia del caos socio-politico. L’avvento dei “catto-comunisti”.

Oggi, Hollywood e le principali università negli Stati Uniti e in Europa sono dominati dai marxisti culturali. Al contrario, la sinistra moderna e i “comunisti” in Russia, sono paradossalmente conservatori sulle questioni sociali. In Russia, nello spettro socio-politico degli ultimi 20 anni c’è stata molta confusione: non è chiaro chi è effettivamente di sinistra e chi è di destra. Qui dobbiamo tenere a mente che l’Unione Sovietica non ha subito nessuna delle rivoluzioni occidentali basate sul sesso e sulla droga, dal 1960-1970, perché era dietro la “cortina di ferro”.

La storia delle ideologie della morte in Russia. Brevi cenni.

Noi abbiamo avuto questa ondata distruttiva molto prima (nel 1920) sotto Trotsky (l’Unione Sovietica è stato il primo paese a legalizzare l’aborto e il divorzio. Il concetto di amore libero è stato predicato e praticato dalla signora Kollontai, e l’omosessualità è stata depenalizzata allo stesso tempo). Ma sotto Stalin, tutte queste cose sono state rimosse e il buon senso (su queste tamtiche) e il pragmatismo hanno nuovamente prevalso. Dopo la seconda guerra mondiale fino alla fine dell’Unione Sovietica nei primi anni novanta, c’è stato un ritorno ai valori della famiglia. Così Zyuganov e altri leader attuali di “sinistra” in Russia lodano i “bei vecchi tempi”, con i valori normali che hanno dominato negli anni 1970-1980 nell’Unione Sovietica. Questo è il paradosso dello spettro socio-politico della Russia moderna.

Le tante menzogne dei media occidentali.

Ma va notato che la Russia non è più un paese comunista, già da 23 anni; Il comunismo non ha alcuna possibilità di rinnovarsi, perché i russi hanno sofferto più di qualsiasi altra nazione al mondo dall’oppressione di questo sistema. Le molte bugie e la disinformazione sulla Russia nei media liberali occidentali, ahimè, tengono nascosto questo fatto. I media seguono altri obiettivi.

Russia patria dei conservatori e collante nel mondo pro-life.

In generale, possiamo dire che i liberali occidentali (vorrebbero essere) socialisti e (sono) atei, mentre i conservatori favoriscono l’iniziativa privata e i valori cristiani e della famiglia. Quest’ultimo aspetto potrebbe diventare una piattaforma comune capace di unire tutti i conservatori del pianeta. In questo contesto, la Russia ha la reale opportunità storica di diventare una delle principali guide pro-life a livello internazionale. In Russia, molte leggi in favore delle famiglie sono state attuate negli ultimi anni. La pubblicità dell’aborto è ora vietata. La propaganda aggressiva dello stile di vita LGBT tra i minori è ugualmente vietata. Per ogni secondo figlio che nasce, lo Stato dà ora 10.000 dollari, e un pezzo di terra per la nascita del terzo figlio.

La strategia geopolitica della destabilizzazione. Il mondo può diventare il miglior alleato della Russia.

Inoltre, stiamo assistendo a un fenomeno molto interessante: l’America e la Russia negli ultimi 30 anni hanno completamente scambiato i loro ruoli nel mondo. Se in precedenza l’Unione Sovietica ha sostenuto il movimento rivoluzionario e di liberazione nazionale in tutto il mondo (mentre l’America conservatrice ha cercato di limitare questo processo), ora è la Russia che funge da moderatore e tenta di stabilizzare la situazione in Siria, in Medio Oriente, in Ucraina e in altre regioni ora destabilizzate dal sostegno degli Stati Uniti alle “rivoluzioni colorate” e alla “primavera araba” (che si è trasformata in “inverno anti-cristiano”). Così il mondo è cambiato radicalmente, ed è molto importante per la Russia recuperare il suo ruolo storico nel mondo, affinché il mondo capisca ciò che rappresenta l’idea nazionale russa, e che il mondo costruisca insieme alla Russia, la sua intera politica. Il pragmatismo puro non è sufficiente qui, perché è importante combattere a livello delle idee e dei significati. Se la Russia adotta una posizione forte in difesa dei valori della famiglia, del diritto del bambino di avere un padre e una madre, allora la maggior parte del mondo diventerebbe improvvisamente il nostro alleato dal punto di vista ideologico. Prego perché questa consapevolezza diventi una priorità nel nostro Paese.

La linea suicida che pretende di cambiare la natura umana.

Allo stesso tempo, dobbiamo essere consapevoli che le élite moderne spesso non hanno cittadinanza. Anche se la maggior parte dei loro rappresentanti sono ormai ben consolidati in America e in Gran Bretagna, vi è ancora una comunità transnazionale, che comprende persone provenienti da diverse nazioni e diverse tradizioni. La parte più influente dell’elite ritiene necessario perseguire una politica di liberalizzazione, in particolare il riconoscimento dei matrimoni omosessuali in tutto il mondo. La maggior parte dei popoli d’Occidente resistono su questo punto. Conosciamo i milioni di persone che hanno manifestato in Francia contro la legge sul cosiddetto “matrimonio gay”, l’anno scorso e ancora di recente. Ma nonostante questa protesta popolare, le leggi sono imposte ai francesi, perché c’è questa linea suicida che pretende di cambiare la natura umana. Le élite stanno fissando obiettivi anocora più grandi: vogliono cambiare la struttura della società, al fine di invertire il concetto di bene e di male, e la natura stessa dell’uomo. Per loro, questo compito occulto e “religioso” sembra essere più importante che gli interessi nazionali di nazioni sovrane.

La filantropia dei massoni. Gli sponsor dell’illogicità, della depravazione e della morte.

La maggior parte della ricchezza finanziaria ed economica del mondo è legata al sistema della Federal Reserve degli Stati Uniti, che è una società privata con il monopolio sulla stampa di denaro, il quale viene prestato, con interessi, agli Stati Uniti. Le élite che controllano le riserve auree, i flussi finanziari, i mass media e la politica del paese, non cercano l’interesse del popolo americano. Queste persone al potere hanno l’obiettivo di cambiare il mondo, di costruire una nuova società basata sulla ideologia che comprende uno specifico insieme di punti di vista. Tuttavia, ci sono diversi gruppi tra le élite che sono a loro volta in concorrenza tra loro. Ma la parte più conservatrice è molto più debole. Ad esempio, la quota di fondazioni e progetti conservatori rappresentano meno del 5% dei 300 miliardi di dollari in transito ogni anno negli Stati Uniti, come donazioni. Il restante 95% va ai vari progetti di tendenza liberale, attivamente sostenuta dai grandi filantropi, come la Bill e Melinda Gates Foundation, la Ford Foundation, i Rockefeller, George Soros, Hewlett e Packard, ecc. Questi mirano a ridurre la popolazione mondiale in nome della lotta contro il “riscaldamento globale” (che non è supportato da prove scientifiche) e sotto la copertura della pianificazione familiare, ci servono la contraccezione e l’aborto, la promozione dei diritti LGBT, la legalizzazione delle droghe e della prostituzione, e in futuro forse la pedofilia. E tutto questo viene fatto in nome di un “benessere dell’umanità” incompreso che deve essere liberato dall’ “opprimente oscurantismo religioso.”

La religione luciferina.

L’élite globale effettivamente persegue finalità religiose (Luciferiane) e occulte. Sappiamo dell’esistenza, in quasi tutta la storia dell’umanità, di varie società segrete che professano la gnosi, la conoscenza occulta, che sono una parodia della Chiesa o una anti-Chiesa. Sono ancora vive e fiorenti oggi.

La potenza di Dio contro i panteisti.

Ma qui voglio mettere in guardia su qualcosa di importante. Tutto quello che ho detto sopra potrebbe dare l’impressione che le forze del male sono talmente dominanti nel mondo, che lo scopo di ogni singolo individuo si orienterebbe nella direzione sbagliata. In realtà, un Dio onnipotente e giusto controlla tutto ciò che accade nel mondo, e anche i malvagi sono utilizzati da Lui per realizzare delle buone cose.

La resistenza cristiana.

Sappiamo come finirà il mondo – l’ultimo libro della Bibbia, l’Apocalisse di Giovanni, ce lo dice. Una concentrazione eccessiva sul male è dannosa per l’anima umana, perché mina la lotta contro il peccato che è in tutti noi. Ma chiudere un occhio a questo, non voler sapere chi c’è dietro molte delle cose cattive nel mondo – è un auto-inganno. Dobbiamo ovviamente distinguere i fatti, dalle fantasie e dalla finzione. Ma piaccia o no, tutte queste società segrete hanno davvero un grande impatto.

La democrazia diventa tirannia gay.

Molte cose sono ovvie, senza dover entrare nella “teoria del complotto”. Ad esempio, qualsiasi persona normale sa che un bambino ha bisogno di una mamma e un papà. Tuttavia, questa normalità è ora messa in discussione, mentre allo stesso tempo il fenomeno anormale e malsano dell’omosessualità è celebrato dai “gay pride”. In realtà, non più del 3 al 5% della popolazione (e forse anche meno) sono LGBT, ma impongono il loro stile di vita malsano alla stragrande maggioranza dei cittadini. Dov’è la democrazia e il rispetto dei diritti della maggioranza? Senza il sostegno delle élite e delle potenti lobbies tutto questo sarebbe assolutamente impossibile.

L’abortismo.

Ad esempio, il diritto di uccidere un feto innocente. Che ne dite invece del diritto umano fondamentale di vivere? Ora, un minuto prima che il bambino sia nato, non è considerato un essere umano e può essere legalmente ucciso, fatto a pezzi e gettato nella spazzatura.

Preparano i nostri figli ad una vita nell’inferno.

Oppure guardiamo quali tipi di giocattoli sono venduti per i bambini in un negozio moderno: circa il 70% sono orribili mostri per i ragazzi o bambole di prostitute e di streghe per le ragazze. E ‘come se una mano invisibile stesse preparando per i nostri figli una vita nell’inferno, e volesse introdurli in anticipo ai suoi abitanti.

Il cinema e la celebrazione della perversione.

O, infine, la maggior parte del contenuto di film o programmi televisivi è anti-cristiana, e i film più perversi ricevono spesso i premi più prestigiosi nei festival cinematografici. È necessario essere consapevoli che la maggior parte delle più grandi aziende nell’ambito dei media e del cinema in tutto il mondo, è di proprietà di soli cinque grandi imprese: AOL Time Warner, Walt Disney Company, Sony, Viacom, Vivendi Universal. Quindi, in realtà, vi è un rigoroso controllo di tutti i principali media da parte di un piccolo gruppo di élite che esegue l’ordine del giorno.

I nuovi “educatori”.

Secondo le statistiche, i mass media e Internet sono i principali educatori dei bambini e dei giovani. Dalla nascita fino ai 17 anni, lui o lei consumerà un totale di oltre 60.000 ore sotto l’influenza dei mass media (televisione, cinema, internet, ecc). Questo è 6 volte di più rispetto al tempo trascorso a scuola, 30 volte più che il tempo trascorso a comunicare con i genitori, e 60 volte di più rispetto al tempo speso dai giovani in chiesa, in moschea o in sinagoga. E quale è la moralità e l’etica che i media moderni insegnano ai nostri figli? Sapete voi stessi la risposta …

La vittoria di Cristo contro le forze delle tenebre.

Sappiamo tutti che vi è ora una lotta disperata contro il cristianesimo. Non c’è bisogno di dare esempi: essi abbondano. Vi è infatti una politica globale da parte di alcuni circoli potenti, tanto distruttiva quanto chiaramente anti-cristiana. Tuttavia, sappiamo anche che dobbiamo restare vigili e coraggiosi, perché la vittoria sarà nostra, perché Cristo “ha già conquistato il mondo.”

In foto da sinistra: Alexey Y. Komov, Toni Brandi e Carlo Di Pietro

6 Commenti a "Alexey Y. Komov sul GENDER: la linea suicida che pretende di cambiare la natura umana"

  1. #Antonmio Diano   7 aprile 2015 at 12:03 pm

    Analisi più che condivisibile, tuttavia storicamente mi pare che ai tempi della cd. “guerra fredda” USA e URSS siano stati nemici apparenti ma sostanzialmente piegati allo stesso progetto: l’eliminazione dell’idea stessa del Dio trascendente e trinitario. Chi finanziò Lenin se non le grandi banche americane? E la Chiesa non aveva già condannato la follia pragmatistica, edonistica e – alla fin dei conti – satanica dell’americanismo?
    Dopo la caduta del muro (che significò un’enorme ristrutturazione dei sistemi statuali ma non certo l’inversione di tendenza rispetto alle politiche del socialismo reale che in realtà furono sussunte dal liberalismo selvaggio) il mondo senza Dio e quello guidato da Dio (o meglio, quello che accetta di essere guidato da Dio che è onnipotente e in sé non subisce limitazione alcuna) continuano ad essere contrapposti, anzi più di prima. E non mi pare che stare con Putin possa significare essere “conservatori”, perché conservatorismo oggi significa esattamente difendere il liberalisimo, la libertà religiosa e tutte le altre pesti rivoluzionarie raccolte dalla cloaca vaticanosecondista. Putin invece, GRAZIE ALLA SUA CONVERSIONE E AL RIPRISTINO DELLA PRATICA RELIGIOSA NELL’EX URSS, rappresenta per ora la miglior alleanza politica, geo-politica e strategica, stipulata in nome di Dio (certo, ancora da perfezionare!) contro lo strapotere massonico usraeliano.

    • #ricciotti   7 aprile 2015 at 7:10 pm

      Commento utile al dibattito.
      Io, come si capisce, ho solamente riportato il discorso di Komov.
      Con questo, ovviamente, non dico di condividerlo integralmente.
      Buona serata.
      C.