E Pisapia assunse i toni degli ‘xenofobi’: ‘Gli immigrati li ospitate a Sky?’

La presidente della Camera Laura Boldrini (S) e il sindaco di Milano Giuliano Pisapia partecipano alla manifestazione per la Festa della Liberazione a Milano, 25 aprile 2013. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO
La presidente della Camera Laura Boldrini (S) e il sindaco di Milano Giuliano Pisapia partecipano alla manifestazione per la Festa della Liberazione a Milano, 25 aprile 2013. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

 

Cantava vittoria dentro al stazione di Milano, il sindaco “rosso” Pisapia.

Parlava di poco riscontrabili “dignità ritrovate”, in riferimento agli accampamenti vicino alla partenza dei treni.

Fattogli notare che il problema era solo spostato nel piazzale, ha sbroccato con una giornalista: “Cosa facciamo? Li ospitate voi a Sky?”.

Ridiamoci su: http://video.corriere.it/pisapia-nervoso-la-giornalista-allora-migranti-li-ospitate-voi-sky/d14b2322-11b4-11e5-8b3a-62b7e966c494

Un commento a "E Pisapia assunse i toni degli ‘xenofobi’: ‘Gli immigrati li ospitate a Sky?’"

  1. #anonimo   17 giugno 2015 at 10:55 am

    Il cosidetto !Piano B “ di Renzi terrorizza gli alleati dell’Unione Europea: Hollande è pronto alla mobilitazione generale, la Merkel predispone una nuova “linea Sigfrido”, Austria e Slovenia rafforzano le difese alle frontiere…..
    Quest’ultima boutade del piazzista fiorentino mi ricorda tanto quella storiella di quel tale che, nel far west, uscendo dal Saloon si accorge che gli hanno rubato il cavallo. Ebbene, rientrato dentro, si rivolge ai presenti dicendo “adesso vado dal barbiere, se quando torno non ritrovo il mio cavallo dove l’avevo lasciato, farò come fece mio nonno 40 anni fa” e se ne va. I cow boys sono terrorizzati, parlottano tra loro: “ma qualcuno si ricorda cosa fece suo nonno?”, chiede uno di loro, ma nessuno se lo ricorda.” Chissà, forse avrà fatto una strage”, commenta un altro; “mi sembra di ricordare un tremenda sparatoria, di cui mi parlava mio nonno da piccolo”, aggiunge un terzo. Terrorizzati, i cow boys decidono di cercare uno sbandato, solito a fare queste ruberie e, trovatolo, lo convincono a riportare il cavallo al saloon.
    Al rientro, il nostro ritrova il suo cavallo e, soddisfatto, si rivolge ai presenti “bene, vedo che avete messo giudizio”. Nessuno osa ribattere, ma il solito vecchietto del far west (che all’occorrenza funge anche da pianista) prende il coraggio a 4 mani e gli domanda “scusi, ma ci potrebbe dire che cosa fece suo nonno 40 anni fa quando gli rubarono il cavallo ?” Un silenzio di tomba scende nel saloon, un brivido gelido corre lungo la schiena dei cow boys, in attesa della risposta. “Ebbene, si, ve lo dirò”, risponde il nostro, “tornò a casa a piedi !”
    Così è anche per Renzi e le sue minacce all’UE di passa al “piano B”. “Se voi non ci aiutate, sarò costretto a passare al piano B”, dice Renzi-Fonzie a Merkel ed Hollande. “Si, ma in cosa consiste il tuo piano B?” ribattono loro. “Ma è semplice”, risponde Renzi “faremo da soli” (come volevasi dimostrare)