Per cosa si batte un satanista oggi? «Per la sovranità personale e la giustizia» (ovvero «diritti gay» e aborto libero)

statua-satana-oklahoma

Niente sedute spiritiche, nessuno pazzo indemoniato né omicidi rituali. Non c’è nulla di tutto questo nell’intervista concessa qualche giorno fa al quotidiano di Detroit Metro Times dal portavoce del gruppo satanista più chiacchierato degli Stati Uniti, “The Satanic Temple”. Anzi, Lucien Greaves si presenta il suo movimento come un club di brave persone impegnate a diffondere tra la gente «benevolenza», «empatia» «buon senso pratico e giustizia» e a guidare le coscienze al perseguimento di «obiettivi nobili». Quali? Per esempio «i diritti gay» e l’aborto libero.

IL SATANISTA MODERNO. Nato a Detroit con il nome di Doug Mesner, il portavoce della setta spiega al giornale della sua città di essersi avvicinato agli adoratori del diavolo quasi per reazione al «panico» che si respirava negli anni Ottanta, quando la gente immaginava i satanisti come «orde vaganti» di «un’enorme setta criminale omicida» e «i gruppi ecclesiali cercavano di vietare l’heavy metal e Dungeons & Dragons». Secondo Greaves fu «di fatto una caccia alla streghe» alimentata da «bugie». Proprio «quelle bugie hanno contribuito a creare i satanisti di oggi». Che magari hanno l’aria insospettabile e sono laureati nelle università americane più prestigiose, come lo stesso Greaves. E magari sono capaci di strappare vittorie un tempo inimmaginabili. Il gruppo rappresentato da Greaves, The Satanic Temple, per esempio, recentemente ha ottenuto – sfruttando la confusione che esiste intorno al concetto di libertà religiosa – il permesso di costruire una statua di Satana davanti al parlamento dell’Oklahoma, ed è riuscito a organizzare una messa nera all’interno del campus di Harvard, facendola passare per «una performance a scopo educativo».

L’ETERNO RIBELLE. Ma cosa ci trova di affascinante nel Maligno, uno come Greaves? Il diavolo, spiega lui a Metro Times, «simboleggia l’eterno ribelle, l’opposizione all’autorità arbitraria, e difende la sovranità personale, anche di fronte a disuguaglianze insormontabili». Quanto ai suoi adepti, rivela Greaves, «noi abbracciamo la ricerca razionale purificata dal soprannaturalismo e dalle superstizioni arcaiche fondate sulla tradizione. Lavoriamo attivamente per affinare il nostro pensiero critico ed esercitare l’agnosticismo ragionevole in ogni cosa».

I DIRITTI GAY. Per The Satanic Temple gli unici comandamenti da seguire riguardano le campagne secolariste. Innanzitutto quella per i «diritti gay», definita da Greaves «una delle cose che ci stanno più a cuore». Su questo fronte, annuncia l’esponente satanista, «c’è stato un grande progresso, ma resta ancora molto da fare». A cominciare proprio dal Michigan, dove il governatore repubblicano Rick Snyder ancora si oppone al matrimonio gay: «Ci piacerebbe insegnare a Snyder cos’è la Costituzione (…) celebrando un matrimonio gay in Michigan. Per noi il matrimonio è un sacramento. Lo riconosciamo e pensiamo che lo Stato debba riconoscere il matrimonio sulla base della libertà religiosa. Chiunque voglia farlo può alzare la mano e avrà il suo matrimonio celebrato da Lucien Graves. Non vediamo l’ora di diffonderci in Michigan sulla questione dei diritti gay, per portarlo nel ventunesimo secolo».

LA DIFESA DELLE DONNE. Il portavoce di The Satanic Temple dice di aver ricevuto tante minacce di morte da essersi stufato. «Quando le persone usano il mio nome (…) è implicito che si tratti di una minaccia». Anche lui tuttavia si congeda dal giornalista di Metro Times rivolgendo una specie di minaccia ai lettori di Detroit: «Dì loro che tornerò. Che Detroit tornerà indietro. E cose terribili accadranno. So che il governatore è un idiota. Ma faremo di più per la giustizia sociale (…). So anche che Snyder ha cercato di rendere insostenibile per le donne terminare una gravidanza: noi sentiamo di dover proteggere le donne da procedure superflue come l’ecografia (pratica che in diversi stati americani molti politici pro-life stanno cercando di rendere obbligatoria prima di ogni aborto, ndr)», naturalmente «con esenzione religiosa».

 

 Fonte

7 Commenti a "Per cosa si batte un satanista oggi? «Per la sovranità personale e la giustizia» (ovvero «diritti gay» e aborto libero)"

  1. #bbruno   24 giugno 2015 at 7:46 pm

    e allora che venga a Roma, che qualcuno lo aspetta per abbracciarlo come fratello….

    Rispondi
    • #algophagitis   24 giugno 2015 at 8:48 pm

      Certi preti (“cattolici”) e pastori (valdesi) mediatici di sicuro esalterebbero e difenderebbero questi satanisti e sarebbero anche capaci di presentarli come esempio di veri cristiani.

      Rispondi
      • #Serena   3 luglio 2015 at 1:04 pm

        Sì se specifichi il discorso sulla massoneria infiltrata nella chiesa cattolica. Infiltrata proprio per cercare di distruggerla, e sta lavorando molto bene, ma sti cornuti non vinceranno…

        Rispondi
  2. #algophagitis   24 giugno 2015 at 8:37 pm

    Questo satanismo “moderno” ateo (satanismo razionalista, ma si potrebbe chiamare anche satanismo modernista) ha una solida tradizione, da LaVey (Church of Satan) fino ai Bambini Di Satana, che hanno forti legami con Democrazia Atea.
    Nel caso non lo si sia capito, per la società illuminata questi satanisti sono i “buoni”, sono i “rispettabili”, sono i “bravi cittadini”: sono quelli che vogliono tutto legale, democratico, pieno di diritti, laico, ecc… Fanno “impressione” solo per i loro simboli ma per il resto sono dei lobotomizzati, zelanti verso il “progressismo”, di cui sono le avanguardie.
    Questi satanisti, certi laicisti e certi preti e fedeli ultraprogressisti hanno la stessa divinità in comune (l’uomo) e la stessa etica.

    Rispondi
  3. #Diego   25 giugno 2015 at 7:37 am

    Meglio sedute spiritiche, indemoniati e omicidi rituali che “i diritti gay” e ” l’aborto libero “!

    Rispondi
  4. #bbruno   25 giugno 2015 at 11:46 am

    Già lo conosciamo il Primo Ribelle ( non certo eterno ma creatura ), il Primo Apostata da Dio, che spinge l’uomo alla stessa ribellione, o apostasia, come per liberarlo dall’angustia della sottomissione allo stesso Creatore, e innalzarlo alla stessa dimensione divina, dalla quale Dio, per gelosia, lo vuole tenere lontano: una ribellione indotta per ragioni umanitarie!

    A Roma c’ è uno che per le stesse ragioni sta liberando l’uomo dai vingoli, dal peso, di ogni Regola: e a quelle ragioni dà il nome di MISERICORDIA! Doug, c’è qualcuno che ti batte!

    Rispondi
  5. #johannes   27 giugno 2015 at 10:03 am

    “…Per noi il matrimonio è un sacramento. Lo riconosciamo e pensiamo che lo Stato debba riconoscere il matrimonio sulla base della libertà religiosa…”. Ma dov’è che le avevo già lette…

    Rispondi

Rispondi