La battaglia finale sarà in campo aperto. Il commento di Danilo Quinto su CEI e ‘male minore’

Madonna dei Palafrenieri,  Caravaggio [fonte: Wiki]
Madonna dei Palafrenieri, Caravaggio [fonte: Wiki]

di Danilo Quinto

 

Vorrei onorare la memoria di un grande principe della Chiesa, il cardinale Giacomo Biffi, deceduto oggi. Lo conoscevo solo attraverso i suoi scritti, ai quali mi sono abbeverato in questi anni di conversione. Mi viene, in particolare, alla mente, quella sua sorta di testamento spirituale, “Memorie e digressioni di un italiano cardinale”, pubblicato da Cantagalli nel 2010. Un testo straordinario, che la Conferenza Episcopale Italiana farebbe bene a distribuire tra i suoi componenti, sollecitandone la meditazione e la comprensione. Sinceramente, non so dire se Mons. Nunzio Galantino sia in grado di comprendere la profondità e la limpidezza del pensiero di Biffi, ma sono certo che con uno sforzo – e aiutato dallo Spirito Santo – potrebbe perlomeno avvicinarsi alla comprensione.

Scriveva l’Arcivescovo Emerito di Bologna: «Riguardo al problema oggi emergente dell’omosessualità, la concezione cristiana ci dice che bisogna sempre distinguere il rispetto dovuto alle persone, che comporta il rifiuto di ogni loro emarginazione sociale e politica (salva la natura inderogabile della realtà matrimoniale e familiare), dal rifiuto di ogni esaltata ‘ideologia dell’omosessualità’, che è doveroso. La parola di Dio, come la conosciamo in una pagina della lettera ai Romani dell’apostolo Paolo, ci offre anzi un’interpretazione teologica del fenomeno della dilagante aberrazione culturale in questa materia: “tale aberrazione”, afferma il testo sacro, “è al tempo stesso la prova e il risultato dell’esclusione di Dio dall’attenzione collettiva e dalla vita sociale, e della renitenza a dargli la gloria che gli spetta (1, 21)”». Aggiungeva: «San Paolo si premura di osservare che l’abiezione estrema si ha quando “gli autori di tali cose… non solo le commettono, ma anche approvano chi le fa” (Rm, 1, 32)». All’ideologia omosessuale, definita  «aggressiva» e «vincente», per Biffi occorre contrapporre quel che la Chiesa ha sempre insegnato: «la caduta comportamentale e teorica nella più completa dissolutezza in conseguenza di un accecamento intellettuale», senza restare intimiditi dalla «persecuzione promossa dagli omosessuali faziosi e dai loro complici ideologici», tacitati dalle accuse di «omofobia», al punto da «passare sotto silenzio» quel brano della Lettera di san Paolo ai Romani dove la «passione infame» è descritta come «retribuzione dovuta al traviamento», cioè come giusta pena per aver abbandonato Dio. Nello stesso testo, Biffi ricordava ai divorziati che sono «in antitesi alla volontà di Cristo» e dunque è meglio che «la smettano di sollecitare pubblicamente la Chiesa» e si acconcino a sopportare «in silenzio sofferto» la loro condizione, «implorando con umiltà la divina misericordia».

Una posizione, quella di Biffi, detta con grande coraggio e forse anche nella consapevolezza che ormai la prassi pastorale – largamente praticata – ammette alla Santa Comunione sia i divorziati risposati sia gli omosessuali. Piaccia o non piaccia a chi se la prende con la senatrice Monica Cirinnà – autrice del disegno di legge sulle unioni civili e secondo diverse fonti commensale di Mons. Galantino nei giorni scorsi –, questo lo fa la “Chiesa Cattolica” di oggi, nel suo tentativo di assecondare i desideri mondani, di dismettere il suo ruolo di guida e di non proclamare i principi della legge divina. Non quelli non negoziabili – espressione ormai priva di senso, vuota e insignificante – ma quelli scritti nelle Tavole della Legge, nel Vangelo, nel Magistero e nella Dottrina, perenni e immutabili.

La Cirinnà fa solo il suo mestiere, come l’ha fatto Elsa Fornero, Ministro del Lavoro del Governo Monti – fortemente voluto e sostenuto da ambienti ecclesiastici che si richiamavano a “Todi1” e “Todi2” – che ha introdotto la teoria del gender nelle scuole italiane. Decisione ratificata negli scorsi giorni da quei parlamentari che si proclamano cattolici, che mentre partecipavano alla manifestazione del “20 giugno”, avevano già preso accordi o – come ha dichiarato il portavoce del Nuovo Centro Destra, Gaetano Quagliariello – “negoziato” con il Ministro Giannini, il “consenso informato” per i genitori dei bambini che vanno all’asilo o alla scuola elementare o a quella media, che dovrebbero giocherellare con il preservativo o con i loro organi sessuali, ammaestrati da persone estranee alla potestà genitoriale ed ai quali si “deve” far intendere la normalità dell’omosessualità.

sommaria
[fonte: blogcamminarenellastoria]
Galantino – che è più realista del suo Re, quasi ammaliato da quella frase amena detta da Bergoglio, “Chi sono io per giudicare?”, che ha fatto più danni, in termini di dannazione delle anime, della seconda guerra mondiale – vorrebbe sconquassare con il compromesso duemila anni di storia della Chiesa, della Dottrina e del Magistero. Per pusillanimità e forse anche per viltà, la stragrande maggioranza dei Vescovi e dei Cardinali, tace. Hanno paura? E’ probabile. Cercano per il Sinodo una soluzione di compromesso – che riguardi ancora la pastorale – rispetto al vicolo cieco nei confronti di Dio nel quale si sono posti? E’ possibile. Credono all’inferno? E’ da escludere. Credono a Satana? Men che meno, altrimenti si renderebbero conto che il loro silenzio fa il gioco del principe di questo mondo.

Qualche settimana prima di morire, Mario Palmaro indirizzò al direttore della Bussola Quotidiana una lunga lettera. La concludeva così: «Io voglio capire che cosa deve ancora accadere in questa Chiesa perché i cattolici si alzino, una buona volta, in piedi. Si alzino in piedi e si mettano a gridare dai tetti tutta la loro indignazione. Attenzione: io mi rivolgo ai singoli cattolici. Non alle associazioni, alle conventicole, ai movimenti, alle sette che da anni stanno cercando di amministrare conto terzi i cervelli dei fedeli, dettando la linea agli adepti. Che mi sembrano messi tutti sotto tutela come dei minus habens, eterodiretti da figure più o meno carismatiche e più o meno affidabili. No, no: qui io faccio appello alle coscienze dei singoli, al loro cuore, alla loro fede, alla loro virilità. Prima che sia troppo tardi».

Queste parole sono profetiche. Ci si prepari, dunque, al tempo della battaglia. Quella finale, tra la Madonna e il Serpente. Il Cuore Immacolato di Maria schiaccerà quella bestia immonda per sempre, ma grande sarà il travaglio. Guai a coloro che si faranno trovare con le braccia conserte e che in attesa dello scontro finale non proclameranno la Verità, in ogni luogo e in ogni circostanza della loro vita.

Per quella battaglia, quello che fanno, dicono, compiono, “i Galantino” di turno – che sono tanti – è assolutamente irrilevante. Sono già morti e non hanno che da seppellire i loro morti. A quella battaglia servono persone vive, ancorate alla Parola, al Verbo che si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi, a coloro che sono disponibili a rinunciare a tutto quello che è di questa terra, per avere gli occhi fissi al Cielo e solo al Cielo.

 

 

8 Commenti a "La battaglia finale sarà in campo aperto. Il commento di Danilo Quinto su CEI e ‘male minore’"

  1. #Diego   11 luglio 2015 at 7:27 pm

    Nessun Cattolico accetterà esiti del Sinodo in contrasto col Magistero Perenne, la Scrittura e la Tradizione…se gli esiti dovessero contraddirLi anche solo su di un punto e solo a livello “pastorale” (MA NON PUÒ ESISTERE VERA PASTORALE IN CONTRASTO CON LA DOTTRINA) quello non sarà un Sinodo ma un CONCILIABOLO, le cui decisioni devono essere trattate e rifiutate per quello che sono: LETAME DI SATANA; vedremo poi se i normalisti di professione (don Ariel, sito UCCR, Cantone, ecc.) apriranno gli occhi o se proveranno a dirci che “se non ne accettiamo gli esiti siamo scismatici”: ci provino pure, gli risponderemo a tono!

    Rispondi
  2. #Mardunolbo   11 luglio 2015 at 8:29 pm

    Danilo Quinto, come al solito parla chiarissimo ! ma quali orecchie intendono ? Non certo le orecchie “galantine” nè quelle di questi porporati nominati, da papi venuti dal conciliabolo, per proseguire la linea di finta continuità tradizionale, ma di reale continuità eretica con le eresie secolari che hanno afflitto la vera Chiesa di Cristo Re !
    Il penultimo “ex”, ma neppure emerito, che ha cercato furbescamente di staccare i cattolici veri dalla messa di Tradizione(la vera messa) è uno dei tanti nominati ad hoc per proseguire la tradizione eretica postconciliare.
    Chi dunque può mai comprendere i più abietti e luridi compromessi attuali degli pseudo-vescovi che o assentono o tacciono ?
    Apriranno gli occhi i cattolici veri, dopo il conciliabolo di ottobre? Ne dubito fortemente, perchè, al pari del VatII usciranno frasi ambigue ed interpretabili in vario modo per far sì che ciascuno possa interpretare secondo la “sua” filosofia di vita.
    E’ proprio quel che cerca colui che fu “omicida fin dal principio” ed i suoi accoliti finti pastori attuali !

    Rispondi
  3. #Francesco   11 luglio 2015 at 8:32 pm

    Diego scrive ” Nessun Cattolico accetterà esiti del Sinodo in contrasto col Magistero Perenne, la Scrittura e la Tradizione…se gli esiti dovessero contraddirLi anche solo su di un punto e solo a livello “pastorale”
    Sicuro che nessun cattolico accetterà tali esiti?, non ne sarei così sicuro, basta vedere quello che sta succedendo ultimamente.
    In merito alla “battaglia finale tra il Cuore Immacolato di Maria ed il serpente”, se tanto mi da tanto, non è che ci manchi molto, anche perché molti cattolici e ancor di più gli ecclesiastici non credono a tale battaglia, interpretandola come un simbolismo.
    Caro Diego, d’altra parte non ci dobbiamo meravigliare più di tanto, nostro Signore ebbe a dire “Quando il Figlio dell’Uomo ritornerà troverà la fede?”, affermazione che dovrebbe far riflettere, esaminarsi, convertirsi, separarsi dalle ideologie del mondo, ma si sa, farlo non è politicamente corretto.
    Ciao

    Rispondi
  4. #Diego   11 luglio 2015 at 10:51 pm

    Caro Francesco, ho scritto “cattolico” con l’iniziale maiuscola (Cattolico) proprio per indicare i VERI cattolici ed escludere modernisti, progressisti, papolatri, ecc.
    Ricambio il saluto con sincera stima.

    Rispondi
  5. #4spitfire9   13 luglio 2015 at 2:58 pm

    Egregio sig.Quinto sul fatto che la parola di Dio si trovi negli scritti di Paolo le consiglio di riflettere : la 2Pt, lettera che nasce CON quelle di Giuda e Giacomo e per gli stessi motivi, dice di far fede ai Profeti mentre per contro bisogna fare attenzione alle lettere di Paolo, dice, che “possono portare alla rovina” chi non ha quelle capacità di CAPIRE che spesso evocava Gesù : “chi può capire capisca”.
    @benadam49

    Rispondi
    • #Diego   14 luglio 2015 at 1:40 am

      Il Magistero della Chiesa NON avrebbe avuto per 2000 anni la capacità di capire le lettere di San Paolo?
      Si ritiene superiore al Magistero? Ritiene che ciò che la Chiesa ha già insegnato per millenni nel Suo Magistero ordinario e universale possa essere validamente riformato da qualcuno? (Un antipapa magari potrebbe provarci ma sul piano del Diritto Divino non cambierebbe niente).
      Rm 1,21 essi sono dunque inescusabili, perché, pur conoscendo Dio, non gli hanno dato gloria né gli hanno reso grazie come a Dio, ma hanno vaneggiato nei loro ragionamenti e si è ottenebrata la loro mente ottusa.
      Gal 1,8 Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema!
      Gal 1,9 L’abbiamo gia detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema!
      Io preferisco non incorrere nell’anatema di San Paolo e lei?

      Rispondi
  6. #Francesco   14 luglio 2015 at 12:07 pm

    essendo d’accordo con Diego, vorrei far riflettere a chi mette in “dubbio” l’interpretazione del Magistero.
    Noi ben sappiamo, o almeno dovremmo sapere che le scritture neotestamentarie non si auto-certificano, noi non abbiamo nulla ne dei detti ne dei fatti di Gesù Cristo, non c’è nessun documento autografo, ma è la Chiesa, Una, Santa Cattolica e Apostolica,la quale ci dice che questi e non altri è “Parola di Dio”, la quale è “Ispirata e Infallibile”, ed è sempre la Chiesa ed il suo Magistero che “Ha” autorità d’interpretazione (almeno fino al pre-concilio vaticano secondo), con buona pace degli eretici protestanti et similia, è vero che alcune verità di fede hanno avuto una gestazione alquanto movimentata, ma che in ultimo lo Spirito Santo ha operato la dove l’uomo lo ha lasciato operare, al contrario del post-concilio con il modernismo, gli adattamenti, l’innovazioni, ecumenismo (radice protestante), buonismo, sincretismo, e tutto ciò che finisce con “ismo”, poiché dal dopo concilio a causa di tutto ciò si predica un vangelo diverso da quello che gli apostolici e la grande Chiesa ci ha trasmesso.

    Rispondi
  7. #Mardunolbo   15 luglio 2015 at 5:01 pm

    Grazie a Diego e Francesco che hanno capito l’arzigogolio dello Spitfire ed hanno risposto a dovere ! Io non avevo capito dove intendeva arrivare….
    Più che uno “sputafuoco” sembra + uno “sputaeresie” !

    Rispondi

Rispondi