[CASAMONICA] Perdono per (quasi) tutti.

11898893_698797590251124_2263648313628978619_n

 

di Alessandro Luciani

 

Faccio finta di non sentire chi fa spallucce e dice “embè” davanti allo spettacolo trash dei funerali di Casamonica; faccio finta di non sentire il “prete” (vestito come il tabaccaio sotto casa mia) che dice che rifarebbe tutto; faccio anche finta di non sentire chi dice che ad un “pubblico peccatore” i funerali non si negano e che quindi va bene così com’è andata, senza dire che per un “pubblico peccatore” come Casamonica ci sono le esequie private; faccio finta pure di non vedere gli infami di professione che si voltano dall’altra parte davanti ad uno spettacolo simile ma che, impugnando la bandiera di uno stato-canaglia come Israele, sono pronti a prendere a calci la bara di un soldato cattolico, morto a 100 anni dopo una vita di emarginazione, di insulti e di bugie; faccio finta di non pensare all’elicottero che lanciava rose sui passanti e che avrebbe potuto lanciare tranquillamente valige di tritolo senza che la DIGOS o Al Fano facessero una piega.

Faccio finta di non sentire e non vedere nulla, ma il Vicariato che fa «Tuttavia il parroco ha valutato in base alle norme del diritto canonico e non poteva rifiutare» fa veramente pena.

Dice il parroco: «Io non mi sono tirato indietro. Cosa dovevo fare? Il perdono c’è per tutti», eppure, il 15 ottobre 2013 davanti ai cancelli del Priorato della FSSPX ad Albano Laziale, di questa indulgenza e di questo “perdono per tutti” non si è vista nemmeno l’ombra, e il Vicariato con il Diritto Canonico ci fece una cerbottana.

L’infamia degli apostati colpisce ancora.

 

 

3 Commenti a "[CASAMONICA] Perdono per (quasi) tutti."

  1. #Rosa   23 agosto 2015 at 9:02 pm

    Non ce lo siamo dimenticato.

  2. #Mah!   24 agosto 2015 at 12:41 pm

    Sono ipocriti e menzogneri come il loro padre che sta all’Inferno. Capisco sempre maggiormente l’utilità che sentivano un tempo di mettere a morte con giusta sentenza, gli eretici e i delinquenti di ogni genere. Vediamo oggi a lasciarli liberi come hanno ridotto la società e come attentano impunemente alle anime, inoltre oggi nella civiltà del buonismo, gli unici uccisi, perseguitati derisi, privati di libertà e dignità sono le persone rette e specialmente le anime innocenti dei piccoli.

  3. #Andrea   25 agosto 2015 at 10:00 am

    Se Priebke fosse stato un assassino comunista, magari mai pentito, il funerale sarebbe stato un diritto.