Questo articolo è per pochi. Ma così deve essere

Oltre-la-maschera

di Andrea Giacobazzi

Sono reduce dalla conferenza riminese della Fraternità San Pio X. Giorni di “boccate d’ossigeno” in cui ritemprarsi (e in cui i più pazienti mi hanno fatto l’onore di ascoltare ciò che volevo dire sulla Siria). Visibilmente aumentata la presenza numerica, innegabilmente accresciuta l’attenzione del pubblico, certamente per il merito degli altri conferenzieri e dei solerti organizzatori ma soprattutto – non me ne vogliano – perché i cosiddetti “tradizionalisti” iniziano a sentire che le cose vanno davvero male, davvero molto male. E quando le cose vanno così male si cerca la roccia su cui costruire la casa.

Sento già l’obiezione: la vita degli uomini “va male” da sempre, è la condizione umana ad esser fragile. Verissimo: dopo il peccato originale non esistono epoche d’oro. La storia è sempre un impasto di buono e di cattivo. Ma le cose ora non vanno solo male, vanno un po’ peggio. Vanno peggio perché chi dovrebbe difendere la Verità, tace. E soprattutto perché chi osa dire che non siamo in un tempo proprio perfetto, viene prontamente accusato di disfattismo ed emarginato.

L’ho scritto nel titolo, questo articolo è per pochi, non necessariamente per i migliori – sia chiaro – ma per quelli che un po’ per stanchezza, un po’ per esasperazione, in rarissimi casi per virtù, sanno che ci son poche illusioni da vendere e ancor meno da comprare. Metà di quelli che hanno iniziato a leggere avranno già cliccato su un altro collegamento.

Il Sinodo? I “conservatori” sono stati sconfitti ma non è il Sinodo il problema. È la conseguenza di un problema. Si vede negli occhi di tanti zelanti “arrampicatori sugli specchi” che nemmeno loro ormai credono a ciò che dicono quando parlano di “dottrina salvata” o di “legge divina tutelata”. Sanno benissimo che la Dottrina non è lì per essere salvata, ma per salvare e che la legge divina non è li per essere tutelata ma per tutelare. Sanno benissimo che non stiamo parlando della protezione del panda dall’estinzione. Su queste pagine già lo abbiamo detto molte  volte: più o meno in buona fede che sia l’interlocutore (ci sono anche molti “genuini”), siamo in una fase in cui il tempo da perdere in sterili chiacchiere sulla lana caprina deve esser necessariamente poco.

Lo dico perché chi – pur avendo qualche elemento per giudicare – non vede la straordinaria crisi che ci investe o è un complice o è un utile idiota. Sì, o un complice (se non in buona fede), o un utile idiota (se in buona fede). Sia chiaro: non esiste persona al mondo, fatte alcune minime eccezioni, che si volti indietro di tanto in tanto e non dica: “quanto sono stato fesso quella volta!”, “come ho potuto non vedere!”, oppure: “forse sapevo e avrei dovuto essere più coraggioso”, “forse ho avuto rispetto umano e ho taciuto”. A me capita e credo di non essere l’unico: anche sulla “crisi nella Chiesa”  ho avuto i miei tempi e dubito che esista una singola persona che dopo aver assistito alla sua prima “Messa di San Pio V” avesse tutto chiaro nei minimi dettagli.

Oggi chi sa come stanno le cose, tace. O per confondere la situazione si abbandona in festeggiamenti improbabili e grotteschi. “Tutto bene! Il Sinodo non si è concluso con il matrimonio in San Pietro di due gay!”. Benissimo, insomma.

C’è sempre una battaglietta moralistica che non si è persa del tutto da sbandierare con discrezione (non troppo, per carità, perché altrimenti si vede che è quasi  insignificante), c’è sempre un decreto legge “contro la famiglia” che rallenta il suo iter per poter cantare una mezza vittoria di fronte a qualche centinaio di illusi semi-volontari, c’è sempre il sollievo gioioso per un vescovo emerito di una remota diocesi dell’Africa che riesce a fare un discorso senza eresie , per un prete in più che dice all’alba la “Messa di sempre” (comunicando al suo vescovo che si tratta di quella di Paolo VI in latino). Ancora: c’è sempre qualche letterina conservatrice che fa tirare un mezzo sospiro sentimentale (poi smentita e dimenticata, ma che importa?), c’è sempre l’illusione – un po’ penosa, un po’ ridicola – di quelli che si senton tosti “perché combattono da dentro”, ne ho visti tanti, tra cui il sottoscritto. Il “combattimento da dentro” abbiamo visto dove ha portato i “cardinaloni conservatori” del Concilio.

Signori, giù la maschera. Giù la maschera, davvero. E non solo sull’attualità ecclesiale. Quando nel gruppo editoriale abbiamo deciso di stampare il libro “L’opposizione magisteriale a fascismo, nazionalsocialismo, liberalismo e comunismo” (con raccolte le encicliche di Pio XI: “Non Abbiamo Bisogno”, “Mit brennender Sorge”, “Quadragesimo Anno”, “Divini Redemptoris”), lo dicemmo: questo libro ci farà odiare perché – Magistero alla mano – andrà a ferire le illusioni di chi vuole credere che siano esistite epoche d’oro in camicia nera. Illusioni umane, certamente comprensibili perché quei tempi – rispetto ad oggi – son tempi di giganti, perché sì, oggi le cose vanno peggio ma, come detto qualche riga fa, le epoche d’oro non esistono e la (pia) finzione in base alla quale oggi o ieri “è (o è stato) tutto a posto”, è una pura falsità. E, si badi, è falsità anche applicata alle lagne nostalgico-monarchiche, tanto riguardanti l’Impero (si pensi a cosa è stato il giuseppinismo) quanto la Francia pre-rivoluzionaria (che, giusto volendo fare un piccolo esempio, per i suoi interessi si alleò con gli ottomani, nemici della Cristianità).

Non esiste nella storia umana una Societas perfecta diversa dalla Chiesa che – per quanto investita da questa o da quella crisi – rimanga indefettibilmente stabile. La falsa dottrina (per quanto edulcorata) non è Dottrina della Chiesa, l’”autorità” che la caratterizza non ha il carisma dell’infallibilità per un visibile impedimento all’uso da parte di chi siede sul Trono di Pietro.

Ed è proprio per questo che non si può tacere sulla “crisi nella Chiesa” (e non “della” Chiesa). Proprio perché peccatore e gravemente imperfetto, invoco la Tradizione e la chiarezza delle Sue regole: se fossi migliore di ciò che sono potrei forse pensarci di meno, ma non è così.

Con tutti i nostri limiti dobbiamo tentare – adesso in particolare – di dire la verità anche se, citando le parole dell’amico Piergiorgio, “la verità fa schifo oggigiorno”.

Ecco perché questo articolo è per pochi.

9 Commenti a "Questo articolo è per pochi. Ma così deve essere"

  1. #Ale   27 ottobre 2015 at 5:42 pm

    Questo articolo mi ricorda molto un passo di Isaia (42; 14-16) :”Per molto tempo, ho taciuto, ho fatto silenzio, mi sono contenuto; ora griderò come una partoriente, mi affannerò e sbufferò insieme. Renderò aridi monti e colli, farò seccare tutta la loro erba; trasformerò i fiumi in stagni e gli stagni farò inaridire. Farò camminare i ciechi per vie che non conoscono, li guiderò per sentieri sconosciuti; trasformerò davanti a loro le tenebre in luce, i luoghi aspri in pianura.”

    Rispondi
  2. #enzo   27 ottobre 2015 at 7:06 pm

    Io che sono approdato alla religione cattolica solo per aver ricevuto una gratia gratis data, mi dispiaccio così tanto quando vedo certi nostalgici di Mussolini del 2000 venire alla Santa Messa o “innamorarsi” della Tradizione perchè lì spinti dalla loro ideologia così umana, così errata, così anticristiana. Quando lo scorso anno andai a Lourdes per il pellegrinaggio della FSSPX vidi tantissimi fedeli, tante belle famiglie cattoliche e NEANCHE un solo giovane in bomberino nero, capelli rasati e basettoni. Quella è la differenza tra la Francia e l’Italia. Quella è la differenza tra un campo dal quale nasce il frutto della conversione anceh consistente nei numeri ed il deserto dal quale nulla può nascere se, come spesso da Rimini in giù, le conversioni avvengono sulla via di Predappio.

    Rispondi
  3. #ricciotti   27 ottobre 2015 at 7:23 pm

    La notizia ovviamente non è: “Tutto bene! Il Sinodo non si è concluso con il matrimonio in San Pietro di due gay!”; ma che i Sinodi della Chiesa, quelli veri, quelli presieduti da vere Autorità, non si riuniscono per decidere se il diritto divino si può cambiare o no (es sodomismo = non più peccato). A Pistoia si riunirono gli eresiarchi per prendere delle decisioni sul nulla, sull’immutabile che avrebbero voluto mutare, difatti Pio VI con l’Auctorem Fidei li mandò tutti in pensione e dichiarò quel Sinodo un CONCILIABOLO. Se consideriamo che hanno sperperato milioni e milioni di euro per riunirsi in un “sinodo” e parlare del nulla, per decidere se Dio cambia, la situazione è anche più grave. 🙂 🙂 🙂

    Rispondi
  4. #Alfonso   27 ottobre 2015 at 8:12 pm

    Credevo di essere eccessivamente critico sulla realtà contemporanea e di essere mosso da passione irragionevole nei confronti di Bergoglio. Questo articolo da speranza ad un semplice fedele cattolico alla ricerca di insegnamenti che mi rendano forte sulle ragioni della mia fede. Ho rivolto lo sguardo in più direzioni e le risposte alle mie domande ho incominciato ad averle seguendo l’insegnamento di Papa Benedetto. Già da prima avevo inquietudine, io cercavo spiritualità e trovavo mondanità. Ma il giorno delle dimissioni di Benedetto XVI, ho tremato e ho provato la sensazione di cadere nel baratro. Prima chiedevo se stavamo sulla via della verità, poi ho smesso perché la pusillanimità e l’incensamento della folla acclamante il nuovo corso mi ha disgustato. Non ho taciuto il mio dolore.
    Il bisogno di essere in comunione con i fedeli in Cristo per rivolgergli il culto divino mi tormenta. Devo trovare una via d’uscita e chiedo una guida.

    Rispondi
  5. #templarisanbernardo   27 ottobre 2015 at 9:47 pm

    Un articolo molto ben fatto. Veramente per pochi!

    Rispondi
  6. #Manuela   28 ottobre 2015 at 8:48 am

    Dice benissimo caro dott. Giacobazzi. Non è più tempo di tacere ma di urlare dai tetti la verità. Verità che più che schifare fa tanta paura e tanto male……… soprattutto a molti vili e indegni sacerdoti.

    Rispondi
  7. #webrex2612   28 ottobre 2015 at 1:16 pm

    Condivido il pensiero di Enzo.

    Rispondi
  8. #Nives   28 ottobre 2015 at 6:45 pm

    Bravo Andrea,

    Rispondi
  9. #Alfredo Raiola   31 ottobre 2015 at 12:01 pm

    Col 2,8 Fate attenzione che nessuno faccia di voi sua preda con la filosofia e con vuoti raggiri ispirati alla tradizione umana, secondo gli elementi del mondo e non secondo Cristo.

    Rispondi

Rispondi