Massoneria: il Grande Oriente d’Italia vuole rientrare nel palazzo del Senato

Riportiamo un interessante articolo apparso sul sito de “Il Fatto Quotidiano” data la sua capitale importanza. Da tenere in considerazione, leggendo questo articolo, sono diversi  fattori. I dati forniti dall’articolista sono in tutto e per tutto un’esclusiva assoluta, ciò che viene riferito ha come fonte il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi, nemmeno il sito del GOI ha rilasciato comunicati ufficiali in merito. Anzi, il portale web del GOI presenta in home page l’articolo sopra citato del FattoQuotidiano da circa dieci giorni, pare quindi ovvio supporre che l’esclusiva di tale esplosiva notizia sia stata riservata all’articolista Giorgio Velardi del Fatto Quotidiano.

Fatto-Quotidiano

Il gran maestro Stefano Bisi ha preparato un dossier. Per indirizzarlo al presidente Grasso. Chiede che siano onorati vecchi accordi. Formalizzati negli anni Novanta dopo una lunga controversia. Per riavere almeno parte dei locali della vecchia sede espropriata dal fascismo. Per allestirci un museo con vecchi cimeli massonici. A cominciare dagli indumenti di Garibaldi. (Giorgio Velardi | 29 ottobre 2015)

2 Commenti a "Massoneria: il Grande Oriente d’Italia vuole rientrare nel palazzo del Senato"

  1. #lister   19 novembre 2015 at 5:49 pm

    Anche la Mafia, pur con i suoi difetti, è un pezzo della Storia d’Italia. 🙂

  2. Pingback: La massoneria invia lettera ai partiti per fare museo nel palazzo del Senato | Radio Spada