Galantino e Boldrini: migranti, risorse economiche e soluzione a problema denatalità. Dobbiamo incentivare invasione islamista

Nunzio Galantino e Boldrini: migranti, risorse economiche e soluzione a problema denatalità. Dobbiamo incentivare invasione islamista

di CdP Ricciotti.

In occasione della “Giornata Internazionale del Migrante” (18.12.2015) istituita dalle Nazioni Unite, a partire dalle 11:00, presso la Sala della Regina della Camera dei Deputati, si è tenuto un dibattito su “Immigrazione: un’opportunità economica” (ANSA).

All’incontro hanno partecipato Laura Boldrini (SEL), Francesco Boccia (PD) ed il Segretario Generale Cei Nunzio Galantino (CATTOCOMUNISMO). Ha moderato Antonio Polito, editorialista del Corriere della Sera.

Possiamo serenamente affermare, secondo me, che, quindi, mancavano esponenti del Cattolicesimo, delle Istituzioni, della Destra e dell’editoria “non sponsorizzata”.

Ma Laura Boldrini non ha una carica istituzionale? Se pure volessimo considerare legittima la sua nomina, tuttavia il video (che vedremo) inizia e prosegue con un intervento tutt’altro che istituzionale, bensì di chiaro indirizzo politico immigrazionista e democratista, della Boldrini in veste di demagoga.

Invito comunque, per correttezza, i lettori a visionare il video al link http://webtv.camera.it/evento/8772 ed fare le proprie valutazioni. Io mi avvalgo, in questa sede, semplicemente del diritto di critica.

Più giovani, più lavoratori, più impresa, più ricchezza nazionale, più contributi per le pensioni“: questi i cinque punti individuati alla conferenza per esaltare l’apporto positivo dell’immigrazione al nostro Paese (link).

Dunque, in poche parole, i clandestini diventerebbero esclusivamente delle “risorse” e darebbero un “forte contributo” nella “soluzione del problema demografico”, inoltre contribuirebbero a “pagare le tasse e le pensioni“.

A noi, invece, risulta chiaramente, dati alla mano, che quantomeno per circa 15 anni le “risorse” saranno, ancora, semplicemente un costo per la collettività (dati Ministero – alcune cifre); che i recenti dati dimostrano una propensione al crimine di circa 8 volte superiore negli stranieri, rispetto agli italiani (link  – qui tutti i dati sul numero degli stranieri in carcere in Italia e sul costo annuale per il loro mantenimento a carico della collettività); che gli eventuali veri problemi demografici si risolverebbero vietando l’aborto, cestinando i contraccettivi, abbassando le tasse ad un livello moralmente accettabile, incentivando il vero matrimonio e varando misure che risolvano i problemi occupazionali, invece delle misure contemporanee che oggettivamente favoriscono la disoccupazione, la tassazione iniqua, l’aborto, la contraccezione ed i “non matrimoni” (Non sono dello stesso parere Boldrini, Padoan e, come vedremo, Galantino).

La vera “opportunità economica”, a noi è chiarissimo, non è l’invasione islamista, ma sono le misure legislative cattoliche delle quali, purtroppo, oramai siamo orfani da un bel pezzo. Un’analisi morale e geopolitica è già stata fatta nello studio: “Cosmopolitismo, crisi economica e distruzione delle identità nazionali”, cui è seguita anche la pubblicazione del libro: “Humanum Genus. Dissertazione su Massoneria, Sette segrete e Cosmopolitismo”.

Cosa ci insegna la Chiesa veramente a proposito dell’accoglienza ce lo spiega san Tommaso d’Aquino.

I “moniti” di “terzomondismo neo-massonico” li promana, invece, Bergoglio: “IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA. L’anatema terzomondista. Riflessioni su massoneria e monito bergogliano”.

Secondo il vaticanosecondista Mogavero: “Chi respinge l’invasione vada via maledetto, lo dice Gesù”. E’ di ieri la seguente notizia: «Ha sottratto 180mila euro». Indagato il vescovo dei migranti. Mazara del Vallo, inchiesta sull’ex sottosegretario della Cei Mogavero.

Di Nunzio Galantino ricordiamo l’affondo agnostico a margine del viaggio di Bergoglio in Calabria. Ve ne avevo parlato qui, nel Giugno del 2014.

Ma cosa ha detto oggi Galantino? Ha parlato di “una società aperta, plurale, composita […] un’opportunità che ci offre il nostro tempo globalizzato”. Ancora: “La Chiesa invita ad invertire la rotta sulla descrizione dei volti dei migranti, dei nuovi cittadini che pur non italiani sostengono l’Italia. La storia italiana è contraddistinta da una tendenza a considerare l’immigrazione solo in termini negativi ed emergenziale. Un’analisi completa deve distinguere tra i segni più di natura economica e quei segni più di natura sociale, che non sono certo meno importanti”.

Prosegue: “In un Paese con un tasso di natalità fra i più bassi del mondo – bacchetta il segretario Cei – gli immigrati portano più bambini e più famiglia: il 19% dei bimbi nascono in famiglie di immigrati e quasi due milioni di famiglie hanno almeno un componente straniero, grazie alle politiche intelligenti adottate in passato sul ricongiungimento familiare […] Gli immigrati immettono nuova linfa in settori tradizionali da cui gli italiani si ritirano”.

Spiega inoltre IlGiornale.it che “Il colpo di scena, però, Galantino lo tiene per un terreno molto spinoso: quello del cosiddetto bonus cultura di cinquecento euro promesso dal governo a tutti i diciottenni. La richiesta della Cei è quello di allargarlo agli stranieri nati o residenti in Italia” (clicca qui)

Cosa ci dice, invece, la Chiesa?

Pio XII in occasione del Giubileo 1950: “Bisogna chiedere a Dio insistentemente che la fedeltà, dovuta al Divin Redentore e alla Chiesa da Lui fondata, sia da tutti mantenuta con spirito inflessibile e con energica volontà; che i diritti della Chiesa siano mantenuti incolumi e integri contro le insidie, gli inganni e le persecuzioni; che tutti coloro che non sono ancora giunti alla luce della verità cattolica ed errano dalla strada giusta, e gli stessi odiatori e negatori di Dio, illuminati dalla superna luce e piegati dalla grazia, siano condotti ad obbedire ai precetti del Vangelo; che dappertutto, ma specialmente in Palestina, ritorni quanto prima la tranquillità, mediante una giusta composizione dei problemi; in modo che le diverse classi sociali, spenti gli odii e sedati i dissensi, si uniscano nella giustizia e nella concordia fraterna; che le moltitudini, infine, dei bisognosi, dal proprio lavoro traggano di che onestamente vivere e dalla liberalità (non nel senso di liberali, NdR) e dalla carità dei più forniti di beni di fortuna ricevano i necessari ed opportuni soccorsi […] Torni finalmente la pace nel cuore di tutti, tra le pareti domestiche, nelle singole Nazioni, nella universale comunità dei popoli. Coloro che soffrono persecuzione per la giustizia abbiano la fortezza, onde la Chiesa è stata ornata, fin dalle sue origini, con il sangue dei Martiri; i profughi, i prigionieri, coloro che sono stati strappati dalle proprie case, tornino quanto prima alla dolcissima loro patria; i sofferenti e gli angosciati siano colmati dalle celesti consolazioni”.

di CdP Ricciotti

10 Commenti a "Galantino e Boldrini: migranti, risorse economiche e soluzione a problema denatalità. Dobbiamo incentivare invasione islamista"

  1. #Catholicus   18 dicembre 2015 at 5:11 pm

    Le foto che ha messo su questo articolo, caro Ricciotti, quasi mi spaventano, specialmente quella della Boldrini. Mi fanno capire la dittatura che stanno tentando di imporci, sia a livello( in)civile che religioso, preti e politici, accomunati da una visione comunista sessantottina, anticattolica ed antieuropea. Ad entrambi, ed al loro sciagurato programma di invasione islamica, va il mio NO pù deciso e risentito, assieme a quello di molti milioni di italiani. Quando la misura sarà colma, spero scendano in piazza, gli italiani dissenzienti da questa gente qua, e richiedano a gran voce le elezioni politiche. Il governo attuale, infatti, è figlio d un vero e proprio colpo di stato, ordito dalla massoneria internazionale ai danni dell’Italia. Per quanto riguarda la dittatura modernista di Bergoglio, Galantino & C., direi di infischiarcene e rimandarla al mittente, Meglio ritirarsi in un eremitaggio a pregare da soli che stare in loro compagnia. Libera nos a malo, Domine !

  2. #bbruno   18 dicembre 2015 at 6:15 pm

    La Boldrini lascaimola perder: è la ciacola dell Assemblea Universale dei Lestofanti, e quindi che cosa può dire di diverso? Ma già, non doveva l’ ONU promuovere lo sviluppo delle nazioni attravesro il rispetto universale dei diritti umani, la concordia tra di esse, la pace lo sviluppo l’armonia la crescita….??? Sancendo “tra i popoli il principio che i rapporti fra i popoli devono essere regolati dalla ragione, dalla giustizia, dal diritto, dalla trattativa, non dalla forza, non dalla violenza, non dalla guerra, e nemmeno dalla paura, né dall’inganno… e blà blà blà???(Paolo VI)Mah: che spettacolo universale!!!!Per fortuna che c’è la Boldrini nostra, vigile come una civetta sul comò del Parlamento nostro!

    Quanto al Galantino vescovo complimenti per non avere pigiato sul tasto religioso..
    Qui si limita a fare il politico, ovviamente corretto, premuroso di ottemperare ai desiderata dei suoi Padroni…E fa appello all’urgenza del bisogno: aiuto, ci mancano i figli! E quindi la grande risposta: fatevi, noi, da parte, che arrivano i sostituti! E che preziosi sostituti; hanno fatto così bene a casa loro, che adesso, dopo che noi abbiamo dato prova di essere morti, morti e schiantati senza figli, finalmente possiamo salutare in tutta tranquillità chi prenderà il nostro posto e farà qui da noi il gran bene che loro hanno fatto a casa loro! E che cosa non abbiamo perso ad averli presi con noi già dai tempi antichi, quandoci intestavamo a respingerli e combatterli con quelle indecenti battaglie terrestri e navali chiamate crociate!!!

    E poi che sollievo per i Galantini nostri: nessun rischio per loro di fallire ancora coi i nuovi arrivati quanto alla politica della famiglia e dei figli: hanno quelli ben altri libri e altri ‘ pastori’ che non si fanno certamente tenere in nessun cale, come successo coi nostri Libri e coi nostri galanti pastori…

    Cosa diceva Pio XII? “i profughi, i prigionieri, coloro che sono stati strappati dalle proprie case, tornino QUANTO PRIMA alla DOLCISSIMA LORO PATRIA!”. Un altro mondo, quando ancora rillava una luce a illumunarci! Ora, abbiamo questi due ghigni: hai ragione, Catholicus!

  3. #Alessio   18 dicembre 2015 at 8:37 pm

    Ottimi commenti da parte di entrambi! Quanto alle foto… che facce odiose!
    Le domande sono quattro :
    1- A tanto sfacelo, qualcuno deciderà di svegliarsi a vorranno quasi tutti rimanere nel loro demente torpore consumo-individualista, come se nulla di tutto ciò li riguardasse?
    2- Dinnanzi a leggi evidentemente inique, anticristiane e antinazionali, qualcuno inizierà a capire che essendo opere del nemico non hanno più alcuna autorità morale che vincoli all’obbligo di rispettarle?
    3- Alle prossime elezioni qualcuno deciderà di cambiare qualcosa o saranno ancora in molti a darsi la zappa sui piedi per poi lamentarsi che i piedi fanno male?
    4- Di cos’hanno bisogno ancora, i cattolici, per rendersi conto che il Grande Riformatore e la sua cricca hanno la chiara intenzione di “ristrutturare” la Chiesa così tanto da farla diventare un’ala del tempio massonico?

    • #Lucius   19 dicembre 2015 at 12:00 am

      Verrebbe la Voglia di dire a queste facce da transatlantico in disarmo(vedi Galantino Boldrini etcetera) per i loro deliri che ci propinano 😮 vi convertite o sprofondate.Non se ne puo’proprio piu’!!!

  4. #Giovanna Viscardi   18 dicembre 2015 at 9:47 pm

    Siamo tragicamente in caduta libera. Impossibile fermare l’abominazione in atto.

    I due soggetti nella foto sono semplicemente degli esecutori (consapevoli di dover ubbidire a ordini superiori) pagati per mettere voce e faccia al posto di chi detiene il vero potere e di cui non conosceremo mai i nomi.

    Il 99% della popolazione italiana e’ talmente stolto e accecato dal fumo di “satana” che prendera’ consapevolezza del grande inganno subito, a opera dei mercenari del clero e della politica, quando sarà troppo tardi.

    SLGC

  5. #bbruno   19 dicembre 2015 at 4:30 pm

    gli stranieri una benedizione? Visto come si sono stabiliti tra noi, visto la protezione di cui godono, il riguardo che usiamo nei loro confronti, attenti noi a non disturbare le loro tradizioni la loro cultura la loro religione, (al punto che noi stessi in casa ‘nostra’ , dove noi li accogliamo, , dobbiamo rendere la nostra presenza sempre meno visibile e ‘ingombrante’……), ma pronti a sovvenzionarli nei loro bisogni, al punto da metterci totalmente al loro servizio, noncuranti persino del grido di bisogno dei nostri stessi un tempo si sarebbero chiamati ‘compatrioti’……viene proprio da dire che essi rappresentino ben altro che una benedizione….Un castigo piuttosto, per il quale, come previsto, “i nostri figli e le nostre figlie saranno alla mercé di un popolo straniero, e i nostri occhi piangeranno e languiranno per loro ogni giorno, senza che nulla possiamo più fare. Perché lo straniero che abbiamo accolto in mezzo a noi si è innalzato sempre più sopra di noi e noi scesi sempre più in basso! (Dt 28).Un castigo certamente per i nostri peccati, una “maledizione”, per esserci ribellati alla voce del Signore”, puniti dalla “peggior gente del mondo “ (Ez 7)…. E abbiamo pastori nostri, che dovrebbero aver cura di noi, tanto Galanti da chiamare una maledizione BENEDIZIONE!

  6. #Alessio   19 dicembre 2015 at 10:50 pm

    Oltre ad identificare il problema occorre anche tentare qualche soluzione, efficace o no che sia, e mi permetto di dare quattro consigli ai cattolici riprendendo le mie quattro domande :

    1- Rendetevi conto che l’attuale situazione riguarda ognuno di noi, ed ancor più riguarderà i vostri figli e nipoti. Non permettiate che paghino caro il prezzo della vostra ignavia ed indolenza morale.
    2- Le “leggi” sono così tanto spesso opera del nemico, della Controchiesa, che non dovete per alcuna ragione sentirvi più vincolati all’obbedienza. Anzi, a meno di un’inversione di rotta iniziate ad abituarvi al pensiero d’ essere dei fuorilegge, ed a sostenere la posizione con coerenza, fede e coraggio.
    3- Andate sempre a votare, e votate più a destra possibile. Da parte mia caldeggio vivamente Forza Nuova, essendo l’unico partito che realmente difende la Tradizione. I capi a Milano li conosco personalmente, e sono pronto a giurare che non si piegherebbero mai al nemico nè mai si farebbero corrompere.
    4- Non fatevi traviare dalle terribile deriva della Chiesa attuale, rimanete fedeli alla Dottrina indipendentemente dalle farneticazioni di Bergoglio e della sua cricca.

    Per cominciare, sarebbe davvero eccellente essere ascoltato su questi quattro punti. Indignarsi non basta.

    • #bbruno   20 dicembre 2015 at 3:55 pm

      Alessio, il guaio grosso degli antipidioti, degli antirenziani degli anti cattocomunisti degli anti nuova-destra che è vecchia-sinistra ecc, ecc, è che siamo divisi, DIVISI, quanto restii aprendere una posizione (astensione al 50%) ..Quelli sopra citati se la ridono,eccome se se la ridono! A noi non restano che le lagrime, e ben meritate. Noi aspettiamo il condottiero ideale, quello senza macchia e senza paura, il Veltro dantesco, perché siamo incontentabili,abbiamo ilnaso delicato, cerchiamo il il meglio e perdiamo il bene, e a quelli basta un pentolaio con la chiacchera svelta per navigare sicuri e tranquilli!

  7. #Alessio   20 dicembre 2015 at 4:28 pm

    Lo so Bruno, purtroppo. Il nemico è comune per tantissimi, ma questi tantissimi non vogliono unirsi e con questa constante divisione diventano indiretti complici del nemico stesso.
    Quello no perchè è troppo fascista, quell’altro no perchè è troppo ortodosso scismatico, quel terzo neppure perchè è troppo turbolento, quell’altro è troppo razzista… come avrai letto, c’è anche stato chi mi ha detto il contrario di quel che dico io, ossia che dobbiamo rispettare questo “stato”, le sue “leggi” ed i suoi rappresentanti, così come che non dobbiamo difenderci perchè sarebbe più cristiano subire. Poveretto, il condottiero ideale, verrebbe sminuzzato in una quantità di giri di parole storico-filosofici per venire poi rifiutato.
    Non vogliono capire che siamo tutti sulla stessa barca, quindi prima evitiamo di affondare poi ci preoccupiamo dell’esatta direzione da prendere. Invece qua si discute tanto di una rotta ideale che non percorreremo mai e nel frattempo imbarchiamo sempre più acqua… ma fagliela capire!

    Dai un’occhiata alla mia diatriba con il lettore che si firma “Cattolico” http://www.radiospada.org/2015/12/su-licio-gelli-fascismo-massoneria-e-funerali-religiosi/ , il quale rifiuta dichiaratamente di schierarsi con FN… speriamo almeno che voti la Lega, perchè continuando solo a dire quanto fosse bello l’Impero Asburgico non si migliorano granchè le cose.

  8. #bbruno   13 gennaio 2017 at 2:46 pm

    DUE FACCE DUE PROGRAMMI: SPAVENTOSI!