Min. Difesa Israele: tra Iran e ISIS, scelgo l’ISIS

722f7f1f-b329-43e2-9f99-a716be03acf3_16x9_788x442

 

traduzione, con adattamenti, dell’originale apparso sull’edizione online del Washington Post. A cura di Ilaria Pisa

 

In una conferenza a Tel Aviv due giorni fa, il ministro israeliano della Difesa Moshe Ya’alon ha reso un’affermazione d’impatto: se dovesse scegliere tra Iran e lo Stato Islamico, sceglierebbe l’ISIS, in quanto l’Iran è fornito di maggiori risorse che lo rendono anche ora la minaccia più grande per Israele. Se la Siria dovesse cadere, egli preferirebbe che fosse in mano all’ISIS piuttosto che all’Iran o a gruppi sostenuti dall’Iran: “crediamo che finalmente l’ISIS sia prossimo alla sconfitta dopo i bombardamenti subiti, e con gli attacchi ricevuti alle sue riserve di petrolio”, ha dichiarato. Pronunciate pochi giorni dopo che gli Stati Uniti hanno rimosso le sanzioni all’Iran, come parte dell’accordo sul nucleare avversato da Netanyahu e Ya’alon, le parole del ministro possono leggersi come ulteriore prova dell’attuale diversità di vedute tra Israele e Washington, ma riflettono anche differenze in seno alle massime cariche israeliane: il Presidente, Reuven Rivlin, ha detto che l’ideologia dello Stato Islamico costituisce per Israele una vera minaccia.

Nella regione mediorientale, secondo Ya’alon, si sta consumando uno scontro di civiltà, nel quale Israele si trova a condividere alcuni interessi con i locali poteri sunniti, anch’essi minacciati dall’Iran sciita. Del resto, come si è notato, Israele ha evitato ogni coinvolgimento nella lotta allo Stato Islamico, ma ha voluto colpire Hezbollah sul territorio siriano. Nel 2014, Ya’alon disse al Washington Post che ISIS era un nuovo fenomeno, scaturito da al Qaeda, e che non costituiva una minaccia per il Paese.

 

6 Commenti a "Min. Difesa Israele: tra Iran e ISIS, scelgo l’ISIS"

  1. #Francesco Retolatto   21 gennaio 2016 at 9:20 am

    Israele e USA sono la cancrena che ammorba il mondo.
    Commento che si riduce ad una massima, che può sembrare semplice e gratuita, ma che è dettata dalla verità e dal riuscire ancora a coglierla e a sostenerla.

    Rispondi
  2. #Ale   21 gennaio 2016 at 10:36 am

    Quale verità ? Forse quella dell’odio e del l’ignoranza

    Rispondi
  3. #Cattolico   21 gennaio 2016 at 3:57 pm

    Mister Ale, forse ha sbagliato sito….
    Quale odio? Non odio verso le persone, magari odio per il male.

    Rispondi
  4. #Alessio   21 gennaio 2016 at 7:59 pm

    Ma quando mai l’Isis potrebbe rappresentare un pericolo per Israele? Israele conta quasi 7 milioni d’abitanti, il Paese è tutt’altro che smilitarizzato oltre che armatissimo, ed in caso di pericolo d’invasione recluterebbe praticamente tutti. Ce li vediamo i fenomeni dell’Isis andare ad affrontare un 2,5 milioni di uomini di cui una parte di militari professionisti (non “soldati di pace”) sostenuti dall’appoggio di altrettante donne? Ma in quale film?
    Ma va, ai fenomeni dell’Isis piace fare i duri gratis, o comunque a poco prezzo. Se avessimo ancora eserciti seri sarebbero durati una settimana, ma oggigiorno, invece, si preferisce bombardare e basta.

    Quanto al Mister Ale, direi che ha proprio sbagliato sito. Riguardo all’odio, è anche verso i rompiballe politicamente corretti ai quali nessuno ha chiesto nulla e dei quali a nessuno gliene frega nulla.

    Rispondi
  5. #Mardunolbo   23 gennaio 2016 at 1:18 am

    Si rivela infine Usisraele ! Mi fa molto piacere che infine si colgano le informazioni dai siti inglesi ed americani che parlano chiaro e divulgano quanto deve essere divulgato a tutti ! Purtroppo nei siti italiani c’è una grossa carenza di informazioni…
    In “veterans today” o in “europe” si parla molto chiaramente di sionismo e di spinte verso la terza guerra mondiale, ma in Italia, abituati ad un buonismo papal-luciferino post-vatican-sessantottino, non si osano termini così “spregiudicati”.
    Era ora, Radio Spada !

    Rispondi
  6. #pacepeace   1 marzo 2016 at 9:58 pm

    Moshe Ya’alon non sorprende nessuno: certamente preferisce ISIS all’Iran!
    ISIS e’ una creazione di USIsrael – ISIS e’ Israel Secret Intelligence Service, associato al micidiale Mossad + CIA, + i soliti “sguatteri” MI5, MI6 inglesi, servizi segreti francesi e di altri paesi europei + stati criminali del Medio Oriente quali S. Arabia, Qatar, UAE, Turchia i cui governi sono solo marionette al servizio degli USA e Israele. ISIS e’ perfettamente funzionale alla politica israeliana di creare Eretz Israel e dominare l’intero MO.

    Oltre a “veterans today” ci sono altri buonissimi siti come: http://www.globalresearch.ca
    http://www.voltairenet.org
    http://www.thetruthseeker.co.uk
    http://www.theuglytruth/wordpress.com

    Rispondi

Rispondi