Дмитрий Тарасов (Локомотив Москва) рискует получить дисквалификацию за майку с Путиным

Дмитрий Тарасов (Локомотив Москва) рискует получить дисквалификацию за майку с Путиным

di CdP Ricciotti – переводчик Гюнай Амирова

Заявление Дмитрия Тарасова (Локомотив Москва)-“Это мой президент я его уважаю и я решил продемонстрировать,что я готов поддержать его во что бы то ни было.на этой майке написано то,что я хотел сказать.”

Во время матча Лиги Европы между Fenerbarce и Локомотив Москва Дмитрий Тарасов одел майку на которой написано-“Самый вежливый президент”и фото президента Путина одетого в форму военно-морского флота.

Дмитрий Тарасов рискует получить дисциплинарное нарушение и ясно что это провокация футболист может быть дисквалифицирован на 10 последующих матчей”

Путин конечно же не Мессия и хочу уточнить это президент которого ненавидят радикальные элиты.

di CdP Ricciotti – переводчик Гюнай Амирова

48 Commenti a "Дмитрий Тарасов (Локомотив Москва) рискует получить дисквалификацию за майку с Путиным"

  1. #Alessio   27 febbraio 2016 at 8:58 pm

    A la sciura

    1) Di santi preti, soli in una nazione, non de ne sono molti altri. Chi mi porteresti, come esempio? Bergoglio?
    E comunque non gli comprato manco un rosarietto di plastica, che di certo non t’avrebbe rovinata.
    Lunga di lingua ma corta di braccio.

    2) Sei tu che dici che sono dei poverini, quindi prenditeli in casa. Da parte mia sono solo da sbattere fuori.
    A parte le tue chiacchiere cosa dai, a questi invasori? Niente, scommetto (e meno male!).
    Lunga di lingua ma corta di braccio.

    3) La PENA DI MORTE? Una gran cosa, una delle quali più si sente la mancanza, nonchè praticata dallo Stato Pontificio per tutta la durata della sua esistenza.
    “Rude e brutto nell’anima Massimo”? Io vorrei l’Italia piena di gente come Massimo!
    “Indottrinamenti eversivi”? Si vede che i Papi (quelli veri) di sempre si sbagliarono tutti.
    Anche quel tal Tommaso d’Aquino, a quanto pare, non aveva le idee chiare.
    Redazione! Prego, censurare secoli di storia della Chiesa per l’Enciclica appena emessa dalla sciura Maria!
    Se c’è qualcuno che andrebbe espulso definitivamente dalla Cristianità sono gli eretici modernisti e vaticanosecondisti, quelli “di questi tempi”, dei quali sembri proprio fare parte.
    Però, dato che sei così innocua, io non ti espellerei. Che tu ci sia o non ci sia fà lo stesso. Anzi, in certi casi fai anche sorridere.

    4) Ma non hai ancora capito che questo sito NON E’ PRO BERGOGLIO NE’ PRO VATICANO SECONDO???
    Cosa ti appelli a fare alla Redazione perchè difenda le apostasie dei modernisti?

  2. #Maria   27 febbraio 2016 at 11:07 pm

    No! Che non si può parlare di pena di morte.Lasciamo questo lugubre pensiero ai senza Dio,no a persone cristiane quale noi ci diciamo di essere.

    Ma vi sembra così complicato capire questo?

  3. #Alessio   28 febbraio 2016 at 12:59 am

    Redazione, per piacere! Cosa state aspettando a dichiarare che tutti i Papi, comprese colonne della Chiesa come San Pio V, furono sempre in errore coltivando “lugubri pensieri da senza Dio”.
    Stesso dicasi per San Tommaso d’Aquino, altro individio con “lugubri pensieri da senza Dio”, evidentemente fatto Santo da altri lugubri individui come lui, senza Dio come lui.
    Ma vi sembra così complicato capire questo?

    Chi lo dice? Ma la sciura Maria!

  4. #massimo trevia   28 febbraio 2016 at 7:16 pm

    ti saluto,alessio.oggi purtroppo nei cristiani manca l’oggettività.non leggono ma poi pretendono di insegnare!leggasi il catechismo.mi pare 2261 o giù di lì.non vi si parla di legittima difesa.ma proprio di pena di morte! quello fa fede.le altre opinioni le butto nel cesso!sono solo opinioni,appunto!

    • #Alessio   29 febbraio 2016 at 12:58 am

      Capito Massimo? Vivi da “cristiano” di oggi, e nell’accezione peggiore del termine, cerca di assomigliare a Galantino. Vedi di essere anche tu un modernista, sincretista, eretico, calabraghe, sinistroso, immigrazionista ecc. , perchè è questo l’invito.
      Taglia i ponti con quei brutti reazionari del passato, e mettiti anche tu a schitarrare con i catto-hippy tipo ‘sta qua. E suvvia, Massimo, ricordati dei “cari fratelli immigrati” che hai il dovere di accogliere… lo dicono anche i “cari fratelli massoni”, cosa vuoi di più?

  5. #Maria   28 febbraio 2016 at 11:37 pm

    Signor Massimo la mia impressione e’ che lei sia una persona buona,e sono sincera nel dirle questo.Non scenda a volgarità!
    Non si addice ad una persona civile e tanto meno cristiana.
    Vede essendo un tradizionalista ,almeno mi sembra di capire,e’ rimasto fermo.Come posso comprenderla? In Italia non esiste la pena di morte! Non vorrà mica dirmi che per la S.Chiesa le cose sono diverse.Ma non ci posso credere! Deve sbloccarsi da dove si trova, deve vivere il presente.Lei è chiamato a vivere da cristiano oggi.La grazia dello Spirito Santo non va a fermarsi, opera nel presente della Storia,quindi si viene continuamente a dover interpretare sotto la luce della Parola la realta’ che si vive.
    Altro non potrei dirle ;veda lei.
    Con questo chiudo definitivamente l’argomento.

  6. #massimo trevia   1 marzo 2016 at 12:44 pm

    tranquillo alessio,io come detto da una vita studio una certa musica(bach e compagnia),faccio sia pur gratis l’organista,mio nonno da bambino mi parlava di ….carnera,mi appassionano la storia dei nostri antenati celto-germanici e liguri(per me,ma ho un fondo rossiccio nella barba…..) ,amo la tradizione migliore,che ha generato il gregoriano,la polifonia,l’arte sacra e non solo,sono un catto-leghista ciellino e da bambino quei pulciosi tipi che amavano il pop li chiamavo capelloni!sarò stato un po’ fascista,ma quando vedevo le varie manifestazioni a pugno teso verso l’alto mi veniva voglia di pestarli,i comunisti! ed ora si sono fatti lo shampoo e (già c’ erano….),continuano a schitarrare nelle chiese,dopo essersi fatti tagliare i capelli….e continuano,stracciosi(visto che petalosi lo hanno inventato….)a schitarrare nella liturgia.il guaio è che certi preti li lasciano fare!

  7. #mario   28 aprile 2016 at 11:15 pm

    I selvaggi invasori andavano respinti in mare, con le buone prime e con la forza dopo; oggi son andato in Romagna: negri dappertutto anche nei piccoli paesi, ed arabi dalla faccia feroce con donne infagottate con tanti marmocchi; mi fanno pena le bambine, pensando al triste destino che le attende, ed a quello più tragico che ci attende come cattolici e come italiani.