Unioni civili, gli scout ‘cattolici’ dicono sì al ddl Cirinnà e no al Family Day

Riportiamo la notizia senza ulteriori commenti, in parte perché non necessari – abbiamo affrontato il tema nei numerosi e dettagliati articoli riportati in calce – in parte per un naturale moto di disgusto di fronte al penoso teatrino di questa melassa iperconformista presentata come “la meglio gioventù”. Non crediamo, peraltro, che l’AGESCI sia in questo un caso isolato. [RS]

 

Gli scout cattolici a sostegno del ddl Cirinnà. O almeno la base del movimento. Nel giorno del Family Day, infatti, 132 capi scout hanno scritto una lettera aperta ai vertici della loro associazione, l’Agesci (Associazione guide e scout cattolici italiani). “Constatiamo con profonda gioia – si legge nella petizione – che l’associazione non prenderà parte all’evento del Family Day ma purtroppo questo non basta”.

I firmatari chiedono infatti che venga presa una posizione forte e condivisa dai responsabili di un movimento che conta oltre 180mila persone: “Si deve iniziare un cammino ed un confronto con lo scopo ultimo di prendere una decisione di coraggio su tale argomento. Interroghiamoci su cosa sia una famiglia, incontriamo le famiglie arcobaleno, confrontiamoci con associazioni quali Nuova Proposta che raggruppano i cattolici omosessuali“.

“Il nostro ruolo educativo nella vita di questi ragazzi e di queste ragazze – continuano i capi scout – ci impone la massima attenzione nei riguardi di quanto accade intorno a noi e non possiamo, quindi, ignorare il forte dibattito odierno nei confronti del ddl Cirinnà attualmente in discussione al Senato. In qualità di educatori, non possiamo diversificare il nostro messaggio educativo a seconda dell’orientamento sessuale del ragazzo o della ragazza che intraprende il cammino scout”.

Non è la prima volta che l’Agesci si occupa di queste tematiche. Nel 2014, infatti, è stata scritta e votata la “Carta del Coraggio” un documento in cui nel capitolo dell’amore 456 capi sollecitavano l’associazione ad “allargare i propri orizzonti affinché tutte le persone indipendentemente dall’orientamento sessuale  possano vivere l’esperienza scout e il ruolo educativo con serenità senza sentirsi emarginati”. La lettera sul ddl Cirinnà si conclude con una speranza: “Non perdiamo, per l’ennesima volta, l’occasione di fare la cosa giusta“.

 

Fonte

 

 


Abbiamo pubblicato sul tema:

 

 

 

37 Commenti a "Unioni civili, gli scout ‘cattolici’ dicono sì al ddl Cirinnà e no al Family Day"

  1. #Alessio   1 febbraio 2016 at 7:42 pm

    In effetti i commenti sono in gran parte superflui, le cicche per non vomitare al contrario vanno tenute bene alla portata.
    “La cosa giusta” che dovrebbero fare sarebbe mettersi una macina al collo e buttarsi in acqua, ma in un punto bello fondo.
    Il nostro caro Bergoglio cosa risponde? “Yo creo en el amor”? O tace del tutto? Magari anche lui, un po’ alla volta, dovrebbe iniziare a prendedre in considerazione l’opzione della macina al collo e dell’acqua profonda.

    Rispondi
  2. #bbruno   1 febbraio 2016 at 9:02 pm

    dove è la meraviglia: nuovi RENZI preparansi… Il caro Bergoglio, come dici tu, Alessio, ripiegherà con questi baldi giovanotti in braghe di tela alla mancanza di candidati alla pretisia in seminario, della quale oggi si è lamentato, sorprendendosi!

    Rispondi
  3. #fransec   1 febbraio 2016 at 10:27 pm

    Grandi scout! Nella chiesa c’è ancora qualcosa di buono per fortuna…

    Rispondi
    • #jeannedarc   1 febbraio 2016 at 11:19 pm

      A parte le altre corbellerie che hai scritto, “Chiesa” vuole la maiuscola.

      Rispondi
      • #Alessio   2 febbraio 2016 at 1:08 am

        A Jeanne

        “Chiesa” vuole la “C” maiuscola quando si tratta di quella vera, quando si tratta della… cosa alla quale si riferisce questo amico dei pederasti se non pederasta egli stesso ci vuole la “k” minuscola.

        Rispondi
    • #bbruno   2 febbraio 2016 at 12:56 pm

      …io l’ho preso il tuo commento come sarcastico…altrimenti, se detto seriamente, niente da stupirsi, capisco a quale chiesa ti riferisci: è il ‘buono’ che c’ è in lei!

      Rispondi
  4. #Diego   1 febbraio 2016 at 11:06 pm

    Concordo con gli ottimi commenti di Alessio e di BBruno!

    Rispondi
  5. #Francesco Retolatto   2 febbraio 2016 at 2:50 am

    Concordo con l’idea della macina al collo.

    Rispondi
  6. #lister   2 febbraio 2016 at 10:50 am

    Un chissenefrega dei “froci scout” gioiosi ed un vaffransec (che gli scout siano parte della sua chiesa, poi…)!!!
    Una definizione degli scout:
    “Sono dei bambini vestiti da cretini, guidati da un cretino vestito da bambino”
    Basta ed avanza…

    Rispondi
    • #Alessio   2 febbraio 2016 at 12:14 pm

      Fascista! Fascista! Lei è un fascista! Si vergogni! Ah la democrazia, ah la libertà, ah il rispetto, ah la tolleranza…
      Ecco, l’ho già detto io così il rompiballe politicamente corretto di turno può sentirsi esentato dall’annoiarci con fregnacce.

      Rispondi
  7. #Marisa   2 febbraio 2016 at 10:58 am

    Povera Agesci, finita anch’essa sul binario morto del nulla…

    Rispondi
  8. #Paolo   2 febbraio 2016 at 1:46 pm

    Sia lodato Gesù Cristo.
    Cari scout e sostenitori, ma a voi interessa Dio, o l’opinione che sia anche dei omosessuali cattolici gay o chi per loro? Di fatto sono opposte, oppure la Sacra Scrittura, cioè la Parola di Dio e la Rivelazione, sono da non intendersi? In merito alla omosessualità è molto chiara, come conciliare posizioni opposte? Il Sacrifico, è opposto al piacere, Gesù Cristo Unica Via, Verità e Vita, con Il Sacrificio ha ri aperto le porte del Paradiso e non con il piacere!Per Amore di Cristo, basta con ragionamenti esclusivamente umani e neanche tanto, il primo comandamento è dovere di ogni persona soprattutto se si professa cattolico.
    “Io sono il Signore Dio tuo, non avrai altro Dio al di fuori di Me”.
    Dio al primo posto solo de esclusivamente Lui, il resto viene dopo e sempre e solo in funzione di Lui, mai in opposizione. Gesù crsito ci dice che iuna sola anima vale il mondo intero, domando, che guadagno è avere il mondo e perdere la propria anima?
    davanti al Signore le opinioni stile tifoserie contano zero.

    Viva Maria

    Rispondi
  9. #bbruno   2 febbraio 2016 at 2:01 pm

    E infatti, Alessio, perché non: Comunista! Comunista! Lei è un Comunista!

    Perché questa dipstarità di trattamento? Perché questa demonizzaziuone a senso unico???Forse perché il fascismo non ha sul groppone l’onore di milioni di morti per la “causa” (cfr “Buio a Mezzogiorno”di Koestler…) e milioni di vittime della Fame, sempre in nome della stessa santa causa??? E dove è la “democrazia”, dove la “libertà”, il”rispetto” e dove la “tolleranza” coi sistemi antifascisti, in nome dei quali si dà la caccia ai Fascisti??????

    Rispondi
    • #Alessio   2 febbraio 2016 at 3:42 pm

      Caro Bruno, ho detto “fascista” perchè sono daccordo col camerata Lister, e per farmi beffe di quell’antifascismo latente cretino per cui ogni tanto c’è il genio di turno che si sente in dovere di additarci come colpevoli e/o cattivi esempi, completamente a vanvera.
      Con i comunisti questo avviene molto meno, con gli islamici si fanno mille distinguo per dire che i cattivi sono solo una parte minima che “travisa il Corano”, per tutti c’è qualche favoletta demo(no)cratica pronta ma per i fascisti no : noi siamo cattivi e colpevoli a priori, anche quando non centriamo assolutamente nulla.
      E purtroppo capita alla volte anche qua in RS, con certi fenomeni del commento.
      C’è gente che direbbe che le porte antincendio sono fasciste perchè riportano la scritta “spingere” invece di lasciare la libera scelta di spingere o tirare, o che sono fasciste le ricariche telefoniche perchè c’è il “gratta quì” invece di lasciare la democratica libertà di grattare dove si vuole.
      Eh, che pizza ‘sta gente!

      Rispondi
  10. #Paolo   2 febbraio 2016 at 2:08 pm

    Sia lodato Gesù Cristo.
    Cari scout e sostenitori, ma a voi interessa Dio, o l’opinione che sia anche dei omosessuali cattolici gay o chi per loro? Di fatto sono opposte, oppure la Sacra Scrittura, cioè la Parola di Dio e la Rivelazione, sono da non intendersi? In merito alla omosessualità è molto chiara, come conciliare posizioni opposte? Il Sacrifico, è opposto al piacere, Gesù Cristo Unica Via, Verità e Vita, con Il Sacrificio ha ri aperto le porte del Paradiso e non con il piacere!Per Amore di Cristo, basta con ragionamenti esclusivamente umani e neanche tanto, il primo comandamento è dovere di ogni persona soprattutto se si professa cattolico.
    “Io sono il Signore Dio tuo, non avrai altro Dio al di fuori di Me”.
    Dio al primo posto solo de esclusivamente Lui, il resto viene dopo e sempre e solo in funzione di Lui, mai in opposizione. Gesù Cristo ci dice che una sola anima vale il mondo intero, domando, che guadagno è avere il mondo e perdere la propria anima?
    davanti al Signore le opinioni stile tifoserie contano zero.

    Viva Maria

    Rispondi
  11. #Manuela   2 febbraio 2016 at 3:10 pm

    Poveri ragazzini, i piu’, fatti cadere inconsapevolmente nella rete del serpente. E con loro genitori e sostenitori, etc. Al peggio non c’e ancora fine.

    Rispondi
  12. #Cattolico   2 febbraio 2016 at 3:36 pm

    Altro che Agesci, scouts fumatori di canne e ora anche ricchioni.
    Ci vorrebbero i Pelayos! – Alessio sa sicuramente di cosa parlo 😉 -.

    http://www.requetes.com/pelayos.html

    Ecco un bel link.

    Rispondi
    • #Alessio   2 febbraio 2016 at 3:46 pm

      A Cattolico (Andreas Hofer?)

      Grazie, ottima pagina! Certo che li conosco! Che differenza, eh? Ma quanto tempo è passato da allora? 20’000 anni?
      Grazie dell’intervento!

      Rispondi
  13. #Maria   2 febbraio 2016 at 3:56 pm

    Ma scusate cari fratelli ma,c’è ne rendiamo conto che cos’è un essere umano creato da Dio per suo infinito amore? Ma se foste voi, al posto di quei fratelli,che si vorrebbero legati ad una macina e gettati nel più profondo di un lago la pensereste alla stessa maniera ?Sono figli !!! In difficoltà,se volete ma,amati incondizionatamente,per quelle che possono essere le loro povertà.Il Signore sta piangendo sapete a sentirci parlate così.Ma voi non sentìte la sua voce,le sue suppliche.
    “Avete occhi e non vedete orecchi e non sentite ……….”
    Che tristezza!!!

    Rispondi
  14. #lister   2 febbraio 2016 at 5:28 pm

    A Mari’ i gay NON sono miei fratelli e nemmeno Lei lo è: la smetta di chiamarci fratelli!!!
    Ha presente quanto “amore incondizionato” ha profuso Dio nei confronti di Sodoma e Gomorra???
    E basta, no?!

    Rispondi
    • #Alessio   2 febbraio 2016 at 9:14 pm

      Camerata,

      non so com’è che di tanto in tanto ci caschiamo a rispondere a ‘sta sciura, anch’io ho fatto qualche altro tentativo ma è come tentare di fare una spremuta con un sasso. La cosa più interessante è stato apprendere che si interessa molto di “sienza”, ossia di “scienza”! Allora non è vera, la storia della fuga dei cervelli all’estero!

      Rispondi
  15. #lister   2 febbraio 2016 at 5:36 pm

    GRANDE Alessio! 🙂
    Ma certo, Bruno: avevo capito perfettamente l’intervento ironico di Alessio. Peraltro, se mi danno del “fascista”, io me ne sento onorato.

    Rispondi
  16. #Alessio   2 febbraio 2016 at 9:21 pm

    A Lister e Bruno, ed a tutti i cattolici (non ai modernisti, i sinistrosi, gli imbecilli et similia)

    Vi annuncio in anteprima che a breve RS dovrebbe pubblicare un articolo finalmente piacevole, su di un mio amico sacerdote che è un vero cattolico d’altri tempi, un vero “defensor fidei”, da solo in una nazione intera. Avete presente i vari Galantino? Ecco, tutto il contrario!
    Ogni tanto anche le buone notizie, per quanto di scarsa rilevanza, ci vogliono.

    Rispondi
  17. #Mardunolbo   3 febbraio 2016 at 12:42 am

    mariuccia la neocatecumenuccia: poverini i “frocini scautini” ! abbiate pietà di questi poveri figli di mamma loro ! Insomma un po’ di dolcezza mariuccesca…sono figli di mariuccia (non di Maria la Nostra Mamma!)

    Rispondi
  18. #Alessio   3 febbraio 2016 at 2:37 am

    Come sempre il buonismo verso l’errore è in realtà “cattivismo” verso la Verità e la Giustizia.

    Dicendo “poverini frocini” non si fà che spianar loro la strada verso l’Inferno, perchè invece di lottare e pregare per correggere le proprie devianze vi sia abbandoneranno, senza freni e senza pentimento. Poi quando pagheranno l’orrido prezzo eterno (perchè ben consapevoli, PIENA AVVERTENZA, e ciononostante impenitenti, DELIBERATO CONSENSO, della propria sodomia, MATERIA GRAVE) ringrazieranno quelli che hanno facilitato tanto la loro rovina.
    La verà Carità sarebbe dire :-Il Demonio ti ha preso di mira in particolare maniera, ma tu puoi batterlo ed all’Inferno mandarci solo lui, lotta, prega, Nostro Signore e la Sua Santissima Madre saranno al tuo fianco in questa lotta! E se il Demonio comunque ti vince, non dare scandalo, e consapevole del tuo peccato pentiti sinceramente e non smettere mai di lottare e pregare per la tua redenzione terrena e la tua Salvezza eterna.-
    Questà sarebbe la vera Carità, ed al malato che intraprendesse questo sacrosanto cammino non si potrebbe che essere solidali in pieno.
    Invece no, c’è la falsa carità liberale modernista :-Poverini frocini, quel che conta è l’amore, se a voi va bene essere così chi mai potrà giudicarvi (magari Dio, un giorno, no?)?-. E dal “poverino frocino” si arriva in poco tempo al frociazzo militante, volgare, strafottente, disgustoso, pernicioso, che si rotola senza sosta nella sua melma e rotolandosi tanto ne schizza addosso anche agli altri.

    Poi perchè no? Ci sono il “povero islamico” che ha i suoi diritti e che non ha nulla a che vedere con i cattivi terroristi che travisano il dolce Corano, c’è il “povero zingarello” che non ha colpa se alcuni (tutti?) che gli assomigliano in tutto sono solo ladri e gentaglia, c’è il “poverino dei centri sociali” che si è lasciato andare a qualche giovanile intemperanza contro un’automobile (gli oggetti sono il loro forte), ma non per questo può essere punito con metodi da fascistacci… la lista dei “poverini da capire” può diventare lunghissima, ed ogni volta che uno di loro viene blandito con ‘ste baggianate, suicide al giorno d’oggi, si crea una vittima innocente o anche molte vittime innocenti.
    Quindi ben vengano le macine al collo se servono a salvare anime e ristabilire l’ordine, la cancrena va amputata per evitare che il paziente muoia.

    Certe dabbeaggini sono purtroppo ancora parecchio diffuse, che le tira fuori ha come unica utilità quella di portarle alla luce in tutta la loro dannosissima stupidità.

    Rispondi
  19. #frank10   3 febbraio 2016 at 9:20 am

    Bravo Alessio!

    Questo è un punto chiave della falsificazione della religione attuale.
    Con la scusa dell’ “amore”, meglio ammmorre, del “volemmose ‘bbene” si manda a picco il vero Amore, la vera Carità. Che per prima cosa deve affermare la Verità, altrimenti si trasforma in qualcosa di irriconoscibile. Prima l’anima, poi il corpo.
    Dato che molti scambiano le due cose, spesso abusando della frase di Sant’Agostino “ama e fai ciò che vuoi”, leggiamo per intero cosa ha scritto (e guarda caso non viene mai citato):

    “Se volete conservare la carità, fratelli, innanzitutto non pensate che essa sia avvilente e noiosa; non pensate che essa si conservi in forza di una certa mansuetudine, anzi di remissività e di negligenza. Non così essa si conserva. Non credere allora di amare il tuo servo, per il fatto che non lo percuoti; oppure che ami tuo figlio, per il fatto che non lo castighi; o che ami il tuo vicino allorquando non lo rimproveri; questa non è carità, ma trascuratezza. Sia fervida la carità nel correggere, nell’emendare…”

    Ovviamente la correzione deve avere i suoi modi giusti e soprattutto l’intento corretto, non di disprezzo.

    Altro che l’attuale falsa chiesa con falsi Pastori che pascono se stessi, blandendo i peccatori con una falsa misericordia solo buonista.

    Per i quali il Santo ha queste parole:
    “Mai dunque succeda che veniamo a dirvi: Vivete come vi pare! State tranquilli! Dio non condannerà nessuno: basta che conserviate la fede cristiana. Egli vi ha redenti, ha sparso per voi il sangue: quindi non vi dannerà. Che se vi viene la voglia d’andarvi a deliziare con gli spettacoli, andateci pure! Alla fin fine che male c’è? E queste feste che si celebrano nell’intera città, con grande tripudio di gente che banchetta e – come essa crede – si esilara, mentre in realtà si rovina, alle mense pubbliche… andateci pure, celebratele tranquilli: tanto la misericordia di Dio è senza limiti e tutto lascerà correre! Coronatevi di rose prima che marciscano! E anche dentro la casa del vostro Dio, quando ve ne venisse la voglia, banchettate pure! Rimpinzatevi di cibi e bevande insieme con i vostri amici. Queste creature infatti ci sono state date proprio affinché ne godiate. O che Dio le avrebbe mai date agli empi e ai pagani, negandole poi a voi? Se vi facessimo di questi discorsi, forse raduneremmo attorno a noi folle più numerose; e, se pur ci fossero alcuni che s’accorgessero come nel nostro parlare diciamo delle cose inesatte, ci inimicheremmo questi pochi, ma guadagneremmo il favore della stragrande maggioranza. Tuttavia, comportandoci in questa maniera, vi annunzieremmo non le parole di Dio o di Cristo, ma le nostre parole; e saremmo pastori che pascono se stessi, non le pecore.”

    Rispondi
    • #Alessio   3 febbraio 2016 at 12:43 pm

      Grazie Frank10!

      In altre parole potremmo dire che la carità verso l’alcolizzato è nell’ indurlo a smettere di bere, non nel dirgli :-Se vuoi bere grappa a colazione fallo pure, sei libero e nessuno può giudicarti.-. Una frase così inopportuna non solo farebbe peggiorare l’alcolizzato, ma ne creerebbe anche di nuovi tra i quali non mancherebbero gli ubriaconi molesti che poi sarebbero solo da prendere a legnate.
      Come si è sempre detto, IL MEDICO PIETOSO FA’ LA PIAGA PUZZOLENTE.

      Rispondi
  20. #Maria   3 febbraio 2016 at 3:34 pm

    Ad Alessio
    Sa che le dico Alessio? Nella mia vita,per come le circostanze mi hanno condotta a ” viverla”,il mio sentire profetico,mi dice che ,le legnate,prima o poi,le prenderà lei,non da chicchessia,da se stesso le prenderà,quando incomincerà a constatare,in altri tempi… che il suo essere interiore non coincide per niente con quello esteriore. Allora,la prova sarà dura! Specialmente quando vedrà che altri parleranno di lei… lei vorrebbe capire ma, non può; il suo cuore nel tempo si e’ troppo indurito.Rifletta prima di rispondere,altrimenti faccia a meno.

    Rispondi
  21. #lister   3 febbraio 2016 at 5:57 pm

    Capito, Alessio?
    Suvvia, ascolti le parole di questa sacerdotessa dal “sentire profetico” prima che Le arrivino addosso delle legnate menate da Lei stesso. E sì, stia attento al Suo essere interiore che, non coincidendo con quello esteriore, dovrà sottostare a prove dure, quando qualcuno parlerà di Lei e Lei non capirà perché il Suo cuore è troppo duro…

    Ma che c@@@o sto dicendo?! 🙂

    Rispondi
    • #Alessio   3 febbraio 2016 at 6:45 pm

      Davvero, che parole profonde… San Tommaso ne rimarrebbe ammirato.
      Sono contento di poter ricevere, qua in RS, delle lezioni di vita così indimenticabili… delle lezioni di vita da una che non sa se grattarsi l’orologio o caricarsi il c.lo.

      Ma solo a me? A Lei non regala saggezza a profusione?

      Rispondi
  22. #lister   3 febbraio 2016 at 7:07 pm

    Spero di no…
    Non esiterei a mandarla a fare in quello che non sa se caricare o no. 🙂

    Rispondi
  23. #Maria   4 febbraio 2016 at 10:53 pm

    Ad Alessio
    No! Signor Alessio lei, si avvalora di troppe certezze.Ma di che verità sta parlando? Della sua? Anche se,compresa dal punto di vista letterale,dovendola incarnare poi, potrebbe prendere significato diverso.La Carita’ non si spiega a parole,o col bastone,la Carità la si vive.Se non si ha capito questo, e’ meglio che le bastonate le diamo in testa a noi, altrimenti saranno gli altri a farlo.

    Rispondi
  24. #Alessandro   5 febbraio 2016 at 12:34 am

    Mi pare di aver già caldamente invitato ai commentatori di questo sito ad ignorare la sig. Maria. Non perché abbia qualcosa contro di lei, ma per il semplice fatto che rispondendole si rischia non solo di alimentare inutili provocazioni e, come avvenuto, di ridursi a ribattere in modo francamente un po’ troppo esagerato!

    Rispondi
    • #Alessio   5 febbraio 2016 at 12:50 am

      Che dire, ha completamente ragione.
      Forse il mio errore è stato invitare costei, o chiunque sia, ad abbonarsi alla “Settimana enigmistica”, rivista intelligente e decisamente fuori della sua portata. Avrei dovuto suggerire “Eva 3000”, cartaccia per donnette che decisamente le si addice di più e che forse è in grado di capire in buona parte.
      Avere qualcosa contro di lei… e come si fà? Non ne ha già avute abbastanza, di sfortune?

      Rispondi
  25. #Maria   5 febbraio 2016 at 3:24 pm

    Ad Alessio Lister Alessandro
    Ma questi tre signori maschietti,cosa hanno trovato di così peccaminoso,o poco intelligente o,provocatorio o……nella suddetta frase: la ” carità” non si spiega a parole,o col bastone,la ” carità ” la si vive !
    Solo se,la si vive,cari fratelli ne possiamo essere di esempio agli altri.Se cerchiamo un “santo “cerchiamolo solo nella “carità “.

    Purtroppo le cose più facili da capire sono poi le più difficili nella messa in pratica provate a dire perché….

    Se volete fare il copia e incolla per mancanza di risposta adeguata,per me non cambia nulla.
    Eviterei linguaggi impropri da parte vostra,per non perdere almeno in dignità.

    Rispondi
  26. #Alessandro   5 febbraio 2016 at 4:55 pm

    @ Alessio

    Faccia il bravo sig. Alessio! Se non fosse per il Signore chiunque di noi potrebbe, se già non lo è, essere messo persino peggio! Ci conviene sopportarci vicendevolmente e nel caso della sig.ra Maria evitare di darle corda! Come vede, anche ricorrere all’ironia, in questo caso, non sortisce i risultati sperati! Cari saluti!

    Rispondi
    • #Alessio   5 febbraio 2016 at 5:57 pm

      Le garantisco una cosa : quando vedo un messaggio da parte di questa poveraccia non lo leggo nemmeno più, così non sono tentato di rispondere, ed infatti anche in questo caso so che si sia rivolta a me perchè ho visto il nome ma non so cos’abbia farneticato dopo.
      Non lo so e non me ne frega niente, non frega niente a me come credo a nessun altro in questo sito. Ci vuole proprio un bel cervello per insistere a scrivere a gente che se ne strafrega (giustissimamente)!
      Ironia… per l’ironia ci vuole almeno uin minimo d’intelligenza.

      Cari saluti anche a Lei.

      Rispondi

Rispondi