Bergoglio eccitato dalla loggia: “Se si aiutano i migranti i peccati diventano bianchi”

Bergoglio eccitato dalla loggia: “Se si aiutano i migranti i peccati diventano bianchi”

di CdP Ricciotti.

Bergoglio, commentando il Profeta Isaia (1,16-18), si è letteralmente scatenato in un’esegesi immigrazionista. Ha preteso di concedere, così, l’ennesima “sanatoria” a Satana, riducendo il Credo cattolico ad una semplice esternazione filantropico-collettivista.

Come abbiamo già ben dimostrato in molteplici occasioni, Bergoglio appare pienamente consapevole di utilizzare la Cattedra per insegnare una fede differente da quella cattolica, per inculcare nei semplici un credo che viene dalla loggia; lo dimostreremo questa volta solo brevemente. Ora spetta solo alla Chiesa dimostrarlo canonicamente a processo.

Aveva già affermato: «So di dire un’eresia, ma la dico lo stesso», estromettendo, di fatto, Dio dalla sua vita. Successivamente aveva derubricato dai Comandamenti e dai Precetti la Santificazione della Festa e la Santa Messa, asserendo: «dai Luterani: nessuna condanna per chi non va a Messa. Dio punisce solo chi “fa muri”».

Ma quali muri vorrebbe abbattere Bergoglio? Appare chiarissimo, dallo stesso insegnamento costante e bimillenario del Magistero della Chiesa, che l’unico muro che intende abbattere il politico argentino, italiano di adozione, è quello della Fede cattolica.

Già Leone XIII nella Humanum Genus insegnava: «[…] sotto mentite sembianze e con l’arte d’una continua simulazione, i Frammassoni […]  Cercano destramente sotterfugi, pigliando sembianze accademiche e scientifiche: hanno sempre in bocca lo zelo della civiltà, l’amore della povera plebe: essere unico intento loro migliorare le condizioni del popolo, e i beni del civile consorzio accomunare il più ch’è possibile a molti. Le quali intenzioni, quando fossero vere, non sono che una parte dei loro disegni […]».

Qual è l’odierno sotterfugio di Bergoglio? Usare il Profeta Isaia presumendo di concedere improbabili indulgenze a chi accoglie i presunti profughi. Noi sappiamo, in contro, che l’indulgenza si ottiene solamente se si soddisfano ben altre condizioni, come abbiamo già ricordato nell’articoletto: «Anno Santo o Giubileo. La vera Misericordia di Dio da Bonifacio VIII a Pio XII».

Indifferente ai numerosi e gravissimi problemi della nazione prodotti dal laicismo sfrenato, il portavoce politico della loggia, il socialisteggiante J. M. Bergoglio, ha nuovamente usato la Cattedra per deturpare la Fede cattolica mediante l’ennesima arbitraria e “parzialistica” esegesi della Scrittura. Leggiamo la sua sentenza: «[….] pensate ai tanti profughi che sbarcano in Europa e non sanno dove andare […] E i nostri peccati diventeranno bianchi come la neve, e candidi come la lana, e i popoli potranno vivere nella pace» (da Il Giornale).

Ancora eresie da Bergoglio, come ci ricorda Pio XI nella Quas Primas e con il suo stesso motto: «Pax Christi in Regno Christi», dunque: «[…] ricordiamo d’aver chiaramente espresso non solo che tanta colluvie di mali imperversava nel mondo perché la maggior parte degli uomini avevano allontanato Gesù Cristo e la sua santa legge dalla pratica della loro vita, dalla famiglia e dalla società, ma altresì che mai poteva esservi speranza di pace duratura fra i popoli, finché gli individui e le nazioni avessero negato e da loro rigettato l’impero di Cristo Salvatore».

L’Impero di Cristo Salvatore, senza cui è impossibile la pace, è proprio quel muro che Bergoglio, minuto dopo minuto, dimostra di voler abbattere. Basti pensare al suo recente video dove afferma «[…] Molti pensano in modo diverso, sentono in modo diverso, cercano Dio o trovano Dio in diversi modi. In questa moltitudine, in questa ampia gamma di religioni, vi è una sola certezza per noi: siamo tutti figli di Dio […]».

Abbiamo capito bene? «Una sola certezza», dice Bergoglio. Secondo lui, la figliolanza da Dio non verrebbe più dalla Grazia divina accordata a chi crede in Gesù Cristo (cf. Gv. 1,12-13), bensì dall’ampia ed empia gamma di religioni, dai diversi modi di pensare (la Fede divina ridotta a pensiero umano) e di sentire (la Fede religiosa ridotta al “sentimento religioso” protestante e modernista). Qui un appropriato commento al video.

Pace senza Cristo, questa è la pretesa inequivocabile di Bergoglio. Follia che lo spinge addirittura a concedere “sanatorie” a Satana: accogliete i migranti così «[…] i nostri peccati diventeranno bianchi come la neve» (da Vatican.va). Un vero tentativo di sostituire il Sacramento della Penitenza con il “sacramento filantropista” della Sinagoga di Satana. Il talebano che lapida le donne a casa nostra dovrebbe essere trattato come la povera vedova e l’orfano di Isaia, questa è in conclusione la nuova “via sacramentale” che Bergoglio propone al popolo.

Queste sono le chiare intenzioni del sedente Bergoglio, colui il quale occupa, evidentemente per proprio tornaconto, la Cattedra che fu di san Pietro e che dovrà, prima o poi, tornare ad essere Seduta da una legittima Autorità “in atto” e non semplicemente “in potenza”, come nel caso di Bergoglio.

L’episodio di oggi aggiunge solo dei diktat personali di politica immigrazionista che Bergoglio, invece, vende al mondo come esegesi della Scrittura. A questo si è ridotto oggi il Vaticano, con la complicità dei media.

Nello stesso contesto, un eccitato Bergoglio proclama finanche il rifiuto dell’elemosina: «[…] Se viene qualche benefattore con un’offerta frutto del sangue di gente sfruttata, maltratta, schiavizzata, con il lavoro mal pagato, io dirò a questa gente, per favore portati indietro il tuo assegno, brucialo […] È necessario avvicinarsi a Dio con mani purificate evitando il male e praticando il bene e la giustizia».

Di che giustizia parla Bergoglio? Lui che ha rigettato la giustizia in favore del misericordismo, che è principio di ogni dissoluzione (cf. San Tommaso).

In questo suo slancio di demagogia, teologia dell’immoralità e “retorica”, il sedicente “papa”: 1° insegna il rifiuto generico dell’elemosina, perché non si sa mai!; 2° taglia semplicisticamente le gambe agli eventuali penitenti, anche a quelli che vorrebbero rimediare ai furti con soddisfazione a beneficio della Chiesa; 3° non si preoccupa, incoerentemente, di affermare che in futuro accetterà l’8×1000 – per stipendiare i suoi tanti modernisti ed efebobili omosessuali – solamente previa esibizione di fedina penale e di tracciabilità della moneta.

Non entro nelle sue intenzione, ma la pochezza intellettuale e morale di questo soggetto emerge senza alcun limite dal suo foro esterno. Oltreché l’ignoranza teologica in lui raggiunge i vertici, e non lo dico io ma fior fiori di Vescovi.

Vorrei chiudere citando alcuni guru del massonismo internazionalista. G. Brock Chisholm (ex direttore WHO): «Ciò che in tutti i luoghi la gente deve fare è praticare la limitazione delle nascite e i matrimoni misti, unioni in cui i coniugi sono di razze diverse, e ciò in vista di creare una sola razza in un mondo unico dipendente da un’autorità centrale» (Usa Magazine, 12.8.1955).

Per non citare Kalergi, le confidenze di M. Caillet e molto altro.

Le vere intenzioni dei politicanti alla Bergoglio sono espletate dal rabbino canadese Abraham Feinberg che a Toronto sulla rivista Maclean’s Review, rivolgendosi a cattolici e protestanti, scriveva: «La soluzione ai conflitti razziali è il matrimonio interraziale [pertanto urge che] la legge incoraggi la mescolanza del sangue […] il richiamo deliberato ai matrimoni interrazziali è il solo modo di accelerare il processo».

A pagina 558 di Massoneria e Sette Segrete si legge: «[…] nel 1974 appariva sul New York Times una pubblicità del Comitato Nazionale per la Promozione e l’istruzione ebraica con su scritto: “I matrimoni misti sono un suicidio nazionale e personale. Il mezzo più sicuro per distruggere un popolo è farlo sposare al di fuori della sua fede […] Uomini e donne hanno la certezza di perdervi la loro identità. I valori e i principi che tanto hanno contribuito alla cultura ed alla civiltà contemporanea scompariranno dalla faccia della terra”».

Non a caso i Sovrani cattolici, nei secoli, per governare i loro Stati e garantire la pace sociale, i muri li hanno sempre alzati e mai abbattuti.

di CdP Ricciotti.

Foto tratta da Non Possumus

57 Commenti a "Bergoglio eccitato dalla loggia: “Se si aiutano i migranti i peccati diventano bianchi”"

  1. #Giacomo   6 marzo 2016 at 2:15 pm

    Il dato inconfutabile è che l’attuale “pontefice”, come i suoi predecessori conciliari, sta dicendo cose contrarie alla dottrina cattolica, questo è innegabile. Non capisco come si possa negare ciò. Il buonismo non sta scritto in nessuna parte del Vangelo.

    Rispondi
  2. #bbruno   6 marzo 2016 at 5:08 pm

    ma questo qui è proprio cioccato in testa coi migranti ( e per favore non chiamatelo papa o pontefice!). ma se li prendesse seco lui tutti, e, beninteso, se li portasse con sé nella pampa argentina, a lavorare.
    Ma ‘sto IDIOTA perché non la smetta di fare il “frocio col culo nostro”.pardon, il buono a carico nostro? IDIOTA o CRIMINALE, come i PUPARI che lo comandano???

    Rispondi
  3. #Giacomo   6 marzo 2016 at 7:13 pm

    Si infatti ho scritto “pontefice ” fra virgolette. So benissimo che non lo è, ma non so come chiamarlo senza essere offensivo

    Rispondi
  4. #Maria   7 marzo 2016 at 12:15 am

    Vuoi vedere che, essendo così puri di cuore,le cose giuste e sante da farsi le vediamo solo noi? Non c’è proprio da augurarcelo! In paradiso ci troveremo solo in quattro gatti.

    E anche la,con il Signore, avremmo ancora qualcosa da mettere a punto.

    Rispondi
  5. #Maria   7 marzo 2016 at 12:29 am

    bbruno, tenga sempre sottomano la lista per annotare tutti i suoi peccatacci; tanti ne avrà da raccontare al suo confessore se eventualmente uno ce l’avesse.
    Lei non si rende conto in questo suo modo parlare quante volte uccide!!!!

    E da tutti,approvato ed applaudito.

    Rispondi
    • #Alessio   7 marzo 2016 at 2:09 am

      Magari, si potesse uccidere con le parole! Riguardo all’approvazione verso Bruno, se c’è qualcuno così scemo da approvare certe follie&eresie di Bergoglio, non vedo perchè non possa esserci anche qualcuno con un po’ più di sale in zucca da approvare Bruno.
      Quanto al suo confessore, magari non sarà un eretico che dice che non c’è problema a tacere volutamente dei peccati, o che questi si lavano aiutando degli invasori (o pitocchi nel caso migliore). Stai attenta tu, piuttosto, a non confessarti da qualche hippy.

      Nel frattempo, stiamo aspettando l’ammissione di colpa da parte tua per le fregnacce dette contro la sacrosanta pena di morte.
      Oppure l’articolo che ti ho anche segnalato ti è per caso sfuggito? Sì? Te lo risegnalo : http://www.radiospada.org/2016/03/due-ecclesiologie-a-confronto-la-dottrina-della-liberta-religiosa-e-quella-delle-due-spade/

      Rispondi
  6. #Maria   7 marzo 2016 at 8:41 am

    Alessio ho trovato molto interessante anche la STORIA ECUNENICA DELLA CHIESA 3o volume: Dalla Rivoluzione francese al 1989
    Kottje-Moeller-kaufmann-Wolf ( edd)

    Rispondi
    • #Alessio   7 marzo 2016 at 6:38 pm

      Bene! Allora non ti sarà certamente sfuggito il fatto che quello della Chiesa si chiama MAGISTERO PERENNE proprio perchè nessuno al mondo ha il potere di cambiarne neppure una virgola. Come commenti riguardo al fatto che costoro lo stiano stravolgendo completamente?
      E della pena di morte cosa ci racconti?

      Rispondi
  7. #giona   7 marzo 2016 at 2:16 pm

    Molto soft e carente da tipico troll il linguaggiio marianbuntiano dei commenti sopra, tipicolinguaggiomassonicovolemosebeneefaiquelchevoichiso’ioper giudicarti… linguaggio della nuiva religione

    Rispondi
  8. Pingback: BERGOGLIO LO DICE: CONFESIONES VÁLIDAS AUNQUE SE CALLEN PECADOS Y NO HAYA PROPÓSITO FIRME – AMOR DE LA VERDAD

  9. #Giacomo   7 marzo 2016 at 8:34 pm

    Caro Alessio, purtroppo la maggioranza di quelli che erano cattolici ha imbracciato la falsa religione vaticanosecondista, quindi non credo tu riesca a farli ragionare…….

    Rispondi
    • #Alessio   8 marzo 2016 at 5:15 pm

      Qua però non si tratta più di Religione o di politica, ma di puro instinto di conservazione e possibilmente d’un minimo di buon senso. O la Destra Identitaria, rappresentata in Italia da FN o al massimo dalla Lega, o la sparizione dalla Storia come civiltà nel prossimo mezzo secolo.

      Rispondi
  10. #Mardunolbo   8 marzo 2016 at 6:17 pm

    Finchè le sciure marie sproloquieranno battendo sulla tastiera, ed aiutando la confusione, vi saranno sempre idioti che voteranno piddì e fozza-talia e la nazione , essendo governata tramite demo-no-crazia, non si risolleverà mai ! A qualcuno è capitato di vedere “dalla parte vostra” o programma analogo del conduttore caciaroso e rmpiblll ?Basta ascoltare le insulsaggini dei deputati di sinistra (votati quantomeno alle europee dello scorso anno) e si capisce che risollevarsi è impresa impossibile. Quando la massa dei votanti si renderà conto di essere stati gabbati per 60 anni, sarà tardi e la rivoluzione sarà su un mare di devastazioni in mezzo alle bande ribelli degli zingari spadroneggianti le città. Questo è quanto vedo io, purtroppo !

    Rispondi
    • #Alessio   8 marzo 2016 at 9:19 pm

      Il punto è che più è critica una situazione e più bisogna essere idioti per sopportarla, e la speranza è che i mentecatti che davvero desiderano il suicidio non siano poi la maggioranza. Si tratta solo di vedere fino a che punto possono arrivare a sopportare, di cosa hanno bisogno per svegliarsi.
      Quanto a ribelli, zingari et similia, non mi preoccuperei troppo. Quelli “spadroneggiano” solo fintanto che li si lascia fare, un minimo di repressione e se la fanno sotto subito.

      Rispondi
  11. #Maria   9 marzo 2016 at 4:42 pm

    Se la repressione la facessero anche a te,forse come loro te la faresti pure te sotto.

    Rispondi
    • #Alessio   29 marzo 2016 at 1:43 am

      Sinceramente me la sono fatta sotto poche volte… ed il momento in cui io inizio a farmela sotto, il tuo maritino ed i tuoi figliolini hanno talmente riempito la casa di cacca che non c’è nemmeno più spazio per farci entrare un islamico.

      Rispondi

Rispondi