Il Fatto Quotidiano: Radio Spada inserita in uno studio sui ‘discorsi d’odio’

il_fatto_quotidiano_logo11

Notizie che fanno sorridere. Il Fatto Quotidiano (ri)lancia l’allarme:

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale Arci, insieme a Cittalia, avvia la campagna per prevenire i discorsi d’odio sui nuovi media che coinvolge diversi Paesi europei. Il fenomeno analizzato in una ricerca contenuta nel volume ‘Discorsi d’odio e social media’

Il “pericolo” sembra, da quanto dicono gli stessi estensori dello studio, più virtuale che reale:

Stando ai dati dell’Ufficio anti-discriminazioni razziali, nel 2013 per la prima volta i casi online hanno superato quelli registrati nella vita pubblica: 354 episodi nei media, la maggior parte sui social. Un fenomeno in crescita: nel 2014 l’Unar ha registrato 347 espressioni razziste sui social network, di cui 185 (oltre il 50%) su Facebook. A cui vanno aggiunte altre 326 nei link che le rilanciano, per un totale di quasi 700 episodi di intolleranza. L’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori del Viminale, dal 2011 al 2014 ha ricevuto 150 segnalazioni su siti e profili internet con contenuti discriminatori e di incitamento all’odio (il 23% delle segnalazioni totali).

Nell’elenco dei siti analizzati in questa pietra miliare della sociologia poteva forse mancare Radio Spada? Ovviamente no. Per il “network cattolico” è stato preso in esame proprio il “proselitismo religioso”. Son gravi colpe, si sa: persino Bergoglio se n’è dissociato.

Che dire? Proponiamo a questi zelanti e acuti analisti un luogo in cui studiarci in gran numero e con grande facilità: il prossimo 25 aprile radiospadista (25/4/16, Reggio Emilia).

 

 

 

 

18 Commenti a "Il Fatto Quotidiano: Radio Spada inserita in uno studio sui ‘discorsi d’odio’"

  1. #lister   22 marzo 2016 at 11:55 am

    Non se n’è solo dissociato: dall’alto della sua cadrega, ha definito il proselitismo “una solenne sciocchezza”, ‘sto …..!
    E comunque, proprio per questo: W Radio Spada!

  2. #Diego   22 marzo 2016 at 4:58 pm

    W Radio spada!
    L’odio del mondo conferma quanto è meritoria la sua opera!

  3. #Alessio Paolo Morrone   22 marzo 2016 at 5:20 pm

    Sono contentissimo che Radio Spada sia finita nelle liste di proscrizione del “Fatto Quotidiano”,che io chiamo affettuosamente il”Fart Quotidiano” (consultare il dizionario d’inglese,please!).Il perché è presto detto.Se il foglietto degli scribi e dei farisei 2.0 si accanisce contro di noi,è evidente che stiamo procedendo per la via giusta.Stretta,ma giusta.E poi,se non ricordo male,un altro notissimo personaggio fu condannato a morte dagli scribi e dai farisei.Come si chiamava!!???…..Non mi viene il nome……..

  4. #Francesco Retolatto   23 marzo 2016 at 1:11 am

    L’essere inseriti nelle liste di proscrizione del ” Fatto quotidiano ” deve essere considerato solo un’altro merito di Radio Spada.

    Uno dei fogliacci megafono della voce del padrone di questo mondo, espressione del più bieco politicamente corretto.

  5. #Alessio   23 marzo 2016 at 3:55 am

    Perfetto, così dev’essere! FORZA RADIO SPADA!!!

  6. #Isidoro   23 marzo 2016 at 5:43 pm

    Da una parte è certamente un bene essere disprezzati dalla società liberal, ma dall’altra stiamo entrando in una fase in cui convertire qualcuno al cattolicesimo è considerata un’azione estremista. Mala tempora currunt.

    • #Alessio   25 marzo 2016 at 3:33 am

      Chiara, Signor Isidoro, la bacchettatina ricevuta dalla Sciura?
      Convertire qualcuno al Cattolicesimo! Ma cosa mai Le viene in mente, egregio Signor Isidoro? Si tratta di un’azione malvagia, e contraria al volere di Cristo!
      Mala tempora currunt… e con i manicomi chiusi.

  7. #Maria   24 marzo 2016 at 11:49 pm

    Signor Isidoro da chi ci è stato conferito l’onore di dover convertire qualcuno al cattolicesimo?
    Se così fosse,sarebbe proprio un’azione estremista.

    Sperimentato! E fallito!
    Il Cristo non ci viene per niente a dire questo! Anzi!

  8. #Maria   25 marzo 2016 at 7:04 pm

    Non si dovrebbe per niente pensare di convertire qualcuno alla nostra religione.Solo con il nostro essere persona,” cristiana cattolica “,sapremo diffondere l’insegnamento di Cristo tanto più delle parole, per non dire con il resto….se poi addirittura vogliamo imporlo….ma, noi non siamo musulmani, per grazia ricevuta,se così invece fosse stato,probabilmente qualcuno di noi avrebbe trovato giusto arruolarsi tra le file di quei disgraziati credendo di onorare il proprio Dio ammazzando creature innocenti. In ogni caso nessuna persona merita di morire per mano di nessuno, se non solo,per legittima difesa.
    Che tristezza!!!

    • #Alessio   25 marzo 2016 at 8:11 pm

      Che tristezza, davvero! Il tuo modo di essere cristianoide eretica modernista, in effetti, non fà altro che invogliare giustamente gli islamici alla conquista dell’Europa ex-cristiana. Il tuo modo, esattamente come quello di Bergoglio e di tutti gli altri eretici modernisti sinistrosi.
      Come giustamente diranno gli islamici, se sono così idioti da voler essere massacrati e schiavizzati allora meritano di esserlo. Sotto, massacriamoli subito col l’intento di schiavizzarli in futuro.
      E voialtri, teste vuote del cavolo, nemmeno in questo ravvisate una necessità di legittima difesa.
      Che tristezza! E che stupidità!

      Quanto all’imposizione del Cristianesimo, evito di parlare di storia della Chiesa ai bei tempi, per parlare di Storia bisogna disporre di un interlocutore con un minimo di cultura e/o cervello.

  9. #Maria   25 marzo 2016 at 8:52 pm

    Alessio, ho l’impressione che si venga a vedere le cose sotto luce diversa più che per l’oggettivita’ dei fatti che veniamo ad incontrare,che per il rapporto con questi, in sintonia con dei nostri caratteri,diciamo particolari.E’ evidente che io non sarei fumantina come te nel rapportarmi con delle ” diversità”.
    Io sono cresciuta in un ambiente famigliare dove sono stata educata all’apertura e a comprendere l’altro. La mia fede poi ha forgiato in maniera più determinante il mio carattere propositivo.Non credo che il Signore mi venga a rimproverare per questo. Quindi, come ho già detto da qualche altra parte, noi cristiani ” diversamente abili” dovremmo pur trovare un denominatore comune per poter collaborare insieme “Alla vigna del Signore” invece di avere sempre in bocca parole offensive per ogni circostanza.
    Non trovi? Adesso cerca qualcosa di saggio da dire.

    • #Alessio   26 marzo 2016 at 1:51 am

      Niente parole offensive, ma pura realtà, e se la trovi offensiva restano affari tuoi.

      1- Il cattolico ha il dovere, quando può, di diffondere il Cattolicesimo. Non il rispetto per il diverso, non il dialogo, non la tolleranza ma la Verità. Solo la Verità ha dei diritti, l’errore non ne ha per niente.
      Convertire al Cattolicesimo è un’azione doverosa, quando possibile. Doverosa!

      2- I “cari terroristini”, contro i quali non vuoi esprimerti perchè nella tua assurda ottica li ritieni probabilmente dei “cari fratelli”, avevano come obbiettivo primario un centrale nucleare. Hai idea di cosa possa succedere se salta una centrale nucleare? Io no, ma si tratta molto probabilmente di milioni di morti, sia in seguito all’esplosione che alle varie leucemie che si diffondono poi al primo buffo d’aria, senza contare le malformazioni gravissime ai nascituri. Che dici, si può parlare di legittima difesa oppure no? Cosa ti sembra più saggio dire? “Sbattiamo fuori questa feccia” oppure “accogliamo i cari fratelli musulmani”?

      Come ho detto, se hai tutta questa voglia di scomparire puoi sempre tagliarti le vene, dopo aver fatto testamento a favore di qualche islamico, ma non tirare fuori balle per sostenere che anche noialtri dovremmo voler sparire a vantaggio di questi invasori schifosi.
      Le vittime innocenti di tutti gli attentanti le avete sulla coscienza voi, che altro non volete che continuare a vedere la Cristianità martoriata in nome del vostro buonismo idiota, in realtà “cattivismo” verso le vittime.

  10. #Mardunolbo   26 marzo 2016 at 12:22 am

    sciura Maria , la sconclusionatezza delle sue frasi è indice di quello che passa nel suo cervello parecchio….ehm, come dire….”confuso” ! Povero marito !penso sia un tranquillo sant’uomo…

    • #Alessio   26 marzo 2016 at 3:27 pm

      Mardunolbo, hai la tua risposta. Questi qua sono coloro che aprono la porta al nemico, sono più perniciosi degli stessi islamici che per lo meno tirano l’acqua al proprio mulino. Grazie a Dio tra te e ‘sti qua vi è una differenza abissale.
      La prossima bomba ed il prossimo stupro vadano pure sul conto morale anche di ‘sta gente, della Sciura, del maritino e dei figli che tanto gli assomigliano.
      Che i figliolini si augurino che nel futuro ci sia qualcuno a difenderli, se no i loro “cari fratelli” islamici li calpesteranno come tanto sembrano meritare.

  11. #Maria   26 marzo 2016 at 10:08 am

    Signor Mardunolbo ha ragione per quello che può pensare su mio marito.Si! È una santa persona.Lei pensa che un matrimonio possa resistere per 48 anni, se non vivesse in perfetta sintonia con i valori cristiani.Anzi,in casa nostra, non esiste nessuna che ben i minima parola offensiva,ne fra di noi,ne verso altri fratelli .Lui è sempre il primo ad accogliere un povero disgraziato che bussa alla nostra porta,e la maggioranza non sono italiani.
    Credo bene che la differenza con lei e’ abissale.Per questo lnon ha esagerato nel definirlo tale.Mio marito e’ una santa persona come pure i nostri figli che tanto gli assomigliano .

  12. #Francesco Retolatto   27 marzo 2016 at 12:25 am

    A Alessio e compagni l’ invito è a non polemizzare con la signora Maria, che tanto si diverte a mettere alla prova e a “sfottere”.
    Ma fare come esortava il poeta ” Non ragioniam di lor, ma guarda e passa”.

  13. #Maria   27 marzo 2016 at 5:20 pm

    Francesco Rotolato
    Le sembra che io mi diverta a raccontare le mie cose ai suoi amici”camerati”sfottendo anche?
    Perché dovrei farlo? Mi dica lei cosa avrebbe scritto al mio posto
    In risposta! Io sono spontanea sa; non mi diverto per niente, anzi, a volte mi fanno arrabbiare,per il loro modo offensivo nei miei confronti che, a mio avviso non merito per niente.

    Non esigo da lei nessuna risposta e’ solo per farle capire

    Ma guarda un po’,tutti voi maschietti contro una donna. Dovresti vergognarvi un pochino o no! È così che ci verreste a difendere?
    Incominciate dalle piccole cose, da aver modo cosi’ ,di porre maggiormente fiduciain in voi prima, e stima poi.

    • #Alessio   27 marzo 2016 at 9:03 pm

      Io direi che ho chiuso con le mie risposte, a me interessa chi vuole che la nostra Civiltà sopravviva.
      Masochisti ed autolesionisti li lascio agli psichiatri. Oggi siete diventati una moltitudine, ma questo non diminuisce la gravità della vostra patoligia.

      Da questo momento per me puoi scrivere quel che ti pare, visto il tuo manifesto desiderio di autodistruizione, coltivato anche tra le mura domestiche, quel che dici non ha per me più alcun peso.

      Passa bene quel che resta della Pasqua.