Florilegio in onore di S.E.R. Monsignor Mark Pivarunas

presentationofpatenandhost

Nota di Radio Spada: Come già annunciato sabato 9 aprile 2016  alle ore 10.30 presso la Domus “Marcel Lefebvre”, in via delle Levade, 9 a Paese (Treviso) S.E.R. Monsignor Mark Pivarunas , superiore della Congregatio Mariae Reginae Immaculatae, celebrerà una Santa Messa e conferirà le Sante Cresime (per le informazioni del caso rivolgersi a Don Floriano Abrahamowicz). In suo onore una parte della redazione rende omaggio a questo presule cattolico romano, nella sua prima visita ufficiale nelle terre italiane, con un florilegio di citazioni tratte da alcuni suoi interventi pubblici. (Collazione di testi a cura di Piergiorgio Seveso)

Fra tali decreti, il più controverso durante il Concilio, e il più distruttivo della Fede Cattolica dopo il Concilio, fu il decreto “Dignitatis Humanae” sulla Libertà Religiosa, promulgato da Paolo VI il 7 dicembre 1965. La ragione per la quale questo decreto fu il più controverso e il più distruttivo è che esso insegna esplicitamente dottrine già condannate in precedenza dai Papi del passato. E questo era così lampante che molti Padri Conciliari conservatori si opposero ad esso fino alla fine; mentre anche i cardinali liberali, vescovi e teologi che promossero gli insegnamenti di “Dignitatis Humanae” dovettero confessare la loro incapacità di conciliare questo decreto con le passate condanne dei Papi. Esaminiamo gli errori dottrinali di questo decreto sulla Libertà Religiosa per vedere cosa causò tutta questa controversia durante il Concilio Vaticano II. Al contorno della questione, consideriamo anzitutto gli importanti principi implicati in questa materia. Il primo principio da considerare è il termine “diritto”. Il diritto è definito come il potere morale residente in una persona – un potere che tutti gli altri sono tenuti a rispettare – di fare, possedere, o richiedere qualcosa. Il diritto si fonda sulla legge, poichè l’esistenza di un diritto in una persona implica un obbligo in tutti gli altri di non impedire o violare quel diritto. Orbene, è solo la legge che può imporre un tale obbligo – sia che sia la legge naturale (nella natura, data da Dio); o la legge positiva [espressa dagli uomini], entrambi le quali si fondano (come ogni vera legge) ultimamente sulla Eterna Legge di Dio. Quindi, la base ultima del diritto è l’Eterna Legge di Dio. C’è molta gente oggi che fa clamore per i suoi “diritti”. Alcuni pretendono di avere il “diritto” di uccidere un bambino non ancor nato nel seno materno; alcuni il “diritto” di vendere pornografia; altri il “diritto” di vendere e promuovere l’uso di contraccettivi; altri ancora il “diritto” di suicidarsi assistiti da un medico. In questo senso, questi cosiddetti “diritti” non sono affatto dei veri diritti. Essi sono contro le leggi di Dio: “Non ammazzare; Non commettere adulterio.” L’uomo può avere la libera volontà di commettere peccato ma non ha il diritto – il potere morale di farlo. Questa è la ragione primaria per la quale la società si trova al presente in un tale triste stato. Questa è la ragione per cui l’immoralità è così rampante e la “fibra morale” della società così lacerata. L’uomo si è allontanato dalle leggi di Dio e segue ciecamente le sue brame e passioni. (da una Lettera Pastorale del 2 febbraio 1995)

Ma la devastazione spirituale del Vaticano II e della Chiesa Conciliare non finisce qui. Come applicazione pratica e culmine attuale del suo indifferentismo religioso e falso ecumenismo, la Chiesa Conciliare ha ripetutamente organizzato assemblee interreligiose nelle quali le varie religioni del mondo vengono incoraggiate a pregare i loro falsi dei per la pace del mondo. Il più infame e blasfemo di questi raduni interreligiosi fu tenuto nel 1986 nelle chiese un tempo cattoliche di Assisi.

Ancora una volta in contrasto, S. Patrizio avrebbe forse invitato i preti druidi nelle chiese cattoliche d’Irlanda, e in uno spirito di falso ecumenismo, li avrebbe incoraggiati a praticarvi il loro falso culto? Certamente no! S. Patrizio era fermamente radicato nella vera fede e nel credere al Primo Comandamento di Dio — “Io sono il Signore, Dio tuo; tu non avrai altri dei davanti a Me.”

Il frutto del falso ecumenismo non è altro che l’indifferentismo religioso: l’erronea credenza che tutte le religioni siano più o meno buone ed apprezzabili. Ciò costituisce una negazione del fatto che non c’è altro che una sola vera religione rivelata da Dio.

La più grande tragedia dei nostri tempi è che la Chiesa Conciliare continua la devastazione spirituale del gregge di Cristo e lo fa, purtroppo, col nome della Chiesa Cattolica.

(da una Lettera Pastorale del 17 marzo 2000)

Seguendo il Concilio, divenne necessario per i novatori liberali sbarazzarsi del Santo Sacrificio della Messa, perché poneva una barriera ai protestanti. Nel nome dell’ecumenismo, sei teologi protestanti rappresentanti il Concilio Mondiale delle Chiese, la Chiesa Luterana, la Chiesa Anglicana e la Chiesa Presbiteriana, parteciparono attivamente alla commissione speciale stabilita da Paolo VI per riscrivere la Messa. Il risultato finale di questa commissione, come sappiamo, fu il Novus Ordo Missae — il Nuovo Ordine della Messa — che in alcun modo rappresenta più il Sacrificio propiziatorio del Calvario, ma invece, come lo definirono con le parole stesse di Lutero, “La Cena del Signore.”

Negli ultimi trentadue anni la gerarchia moderna ha quotidianamente promulgato con i suoi “ordinari ed universali insegnamenti” questi errori marchiani. Con regolarità Giovanni Paolo II ripete più e più volte i principi falsi e massonici della libertà religiosa e pratica il falso ecumenismo, non solo con i protestanti, ma anche con i non-cristiani.

Come può dunque la moderna gerarchia rappresentare il magistero infallibile della Chiesa Cattolica? Come possono i “papi” del Vaticano II rappresentare la roccia su cui Cristo ha fondato la Chiesa? Possono le parole del Concilio Vaticano I “negli insegnamenti della Sede Apostolica la religione cattolica è sempre stata mantenuta senza macchia” e “questa Sede di S. Pietro resta sempre intatta da qualsiasi errore” venire applicate alla moderna gerarchia?

(da una Lettera Pastorale del 29 giugno 1997)

Il sedevacantista riconosce onestamente che la sua fede attualmente non è la stessa di Giovanni Paolo II e della Chiesa Conciliare. Riconosce che non è attualmente soggetto né obbedisce a Giovanni Paolo II. Come cattolico tradizionale, il sedevacantista crede e professa tutti gli insegnamenti della Chiesa Cattolica, e questa professione della vera Fede include il rigetto dei falsi insegnamenti del Vaticano II (“tutti già condannati dalla Chiesa in numerosi documenti, ufficiali e definitivi” — S.E. Mons. Marcel Lefebvre, 29.06.1976).

Durante la prima preghiera del Canone della S.Messa tradizionale, che inizia con Te igitur, il sacerdote in tempi normali dovrebbe recitare una cum papa nostro N. (uno col nostro papa N.). Che significato comporta questa breve frase — una cum, uno con?

Uno nella fede, uno nel governo, uno nella Messa e nei Sacramenti — uniti — questo è il significato! Può un sacerdote tradizionale onestamente recitare nel Canone della Messa che egli è una cum Giovanni Paolo II? In che cosa è una cum Giovanni Paolo II? Negli insegnamenti conciliari, nel governo, nella nuova messa e nei sacramenti ufficiali — è attualmente una cum?

 

 

Perchè infatti, come potrebbe la Chiesa Cattolica fedelmente, coerentemente e infallibilmente insegnare la stessa fede per 1900 anni, e poi improvvisamente proporre, durante il Concilio Vaticano Secondo, false dottrine già condannate dai Papi e Concilii del passato (si vedano ad es., l’ecumenismo e la libertà religiosa)? Come potrebbe la Chiesa Cattolica continuamente rinnovare in modo incruento il Sacrificio del Calvario nella Santa Messa e poi, d’un colpo, sostituirlo con un luterano “memoriale dell’Ultima Cena”? Come potrebbe la Chiesa Cattolica legiferare così fermamente nelle sue disposizioni contro l’interconfessionalismo e l’intercomunione, dato che questi portano all’indifferentismo religioso, e poi all’improvviso abrogare queste leggi e permettere tali faccende?

Dobbiamo forse supporre che lo Spirito Santo, lo Spirito di Verità, abbia improvvisamente cambiato idea e permesso contraddizioni nelle materie della Fede, della S.Messa, e nelle leggi universali della Chiesa? Dobbiamo supporre che Cristo abbia improvvisamente abbandonato la Sua Chiesa e l’abbia lasciata cadere nell’errore e nell’eresia?

Eppure, è principalmente questa questione dell’infallibilità che divide coloro che si dicono cattolici tradizionali. Alcuni cattolici tradizionali rigettano gli errori del falso ecumenismo e della libertà religiosa del Concilio Vaticano Secondo, il nuovo memoriale protestante dell’Ultima Cena — il Novus Ordo Missae — e le eresie del Nuovo Codice di Diritto Canonico (1983) e ciononostante insistono che proprio gli autori di questi errori sarebbero ancora i rappresentanti di Cristo qui sulla terra. In realtà, costoro dicono che il Magistero Vivente della Chiesa ha errato e ha condotto la maggioranza dei Cattolici nell’errore, e continua ad errare. Tale conclusione altro non è che la negazione dell’infallibilità della Chiesa.

(Da una Lettera Pastorale per la Pentecoste 1996)

3 Commenti a "Florilegio in onore di S.E.R. Monsignor Mark Pivarunas"

  1. #bbruno   8 aprile 2016 at 8:54 pm

    Questo è parlare chiaro onesto; questo è dire pane al pane e bastardo al bastardo; qui non c’ è niente del tono polivalente di un Lefebvre o di un Fellay, in cerca ossessiva di una conversione del papa – del loro papa , qui non c’è nessun sentore di ricerca di un accordo— Qui ci sono parole verissime, autenticamentente cattoliche, la denuncia forte e gridata, e coraggiosa ( ahi il coraggio che manca alla mandria dei nostri detti vescovi, se si vuol paralare solo di codardia….),

    -della “devastazione spirituale del gregge di Cristo” compiuta addirittura a nome della Chiesa Cattolica (per incantare i TONTI),
    -della distruzione della Messa Cattolica per far piacere ai “cani”…
    – del tentativo osceno di far passare come dottrina della Chiesa il contrario di quello che essa ha insegnatoper 1900 anni!

    Evviva Mons.Pivarunas: eccola qui la vera visibilità della Chiesa,non quella data dal “monstrum perfidiae” che siede in Vaticano!!

  2. #frank10   9 aprile 2016 at 10:17 am

    Segnalo anche la catechesi di Mons. Pivarunas sulle profezie messianiche del Vecchio Testamento e sui miracoli di Gesù, contro il falso ecumenismo e indifferentismo religioso, tradotta da don Floriano:
    https://www.youtube.com/watch?v=TpFk3lBMVK4

    Un Don Floriano un po’ sulle spine per l’inglese eheh 🙂 , episodi simpatici:
    11:51 Il Messia si manifesta pubblicamente nel 30 PRIMA di Cristo
    A cosa serve il latino oggi?
    12:45 (God almighty = Dio onnipotente) God…? meglio in latino…: Deus omnipotens
    27:40 worship? adoratio, ah sì.

    Un grazie di cuore a Don Floriano e soprattutto a Mons. Pivarunas per la bella catechesi e per la bella testimonianza totalmente cattolica dell’articolo.
    In diretta fra 45′ la S. Messa con le cresime:
    https://www.youtube.com/watch?v=A9eSW7D6sZo

    Mons. Pivarunas, benvenuto in Italia!

  3. #Giovanna Viscardi   9 aprile 2016 at 5:05 pm

    Grazie infinite e di cuore a S.E.R. Mons. Pivarunas e al caro Don Floriano.
    Evviva i veri pastori cattolici romani.