Lettera di Mons. Marcel Lefebvre a Dom Tomás de Aquino (18 agosto 1988)

dom_tomas02
Dom Tomás de Aquino

Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato:

Omelia di Mons. Lefebvre durante la consacrazione dei quattro nuovi Vescovi (obiettivi e motivazioni);

Lettera di Mons. Lefebvre ai futuri Vescovi della Fraternità S. Pio X (consigli e avvertimenti);

Lettera agli amici e benefattori n° 63 (6 gennaio 2003, sul triste destino degli ‘accordisti’);

Gli ultraprogressisti dossettiani tifano per l’accordo Bergoglio-FSSPX: ‘verranno recintati’;

proseguiamo oggi con un altro documento di sicuro valore storico. Dom Tomás de Aquino è stato consacrato vescovo da Mons. Williamson il 19 marzo scorso, la lettera presente fa riferimento all’accordo tra i benedettini di Le Barroux e le autorità vaticane. Grassettature e sottolineature nostre [RS]

Carissimo Dom Tomas de Aquino,

Mi dispiace molto che lei sia dovuto partire prima degli eventi di Le Barroux. Sarebbe stato più facile considerare la situazione derivata dalla disastrosa decisione di Dom Gérard.

Il Padre Tam si è offerto di farle visita di ritorno dal Messico, e le integrerà queste righe.

Dom Gérard, nella sua dichiarazione, espone ciò che gli è stato concesso e accetta di porsi all’obbedienza della Roma modernista, che rimane fondamentalmente antitradizionale, cosa che ha motivato la mia presa di distanza.

Al tempo stesso, egli vorrebbe conservare l’amicizia e il sostegno dei tradizionalisti, cosa che è inconcepibile. Egli ci accusa di ‘resistenzialismo’.

Io lo avevo messo sull’avviso, ma la sua decisione era già stata presa da tempo e non ha voluto ascoltare i nostri consigli.

Adesso le conseguenze sono inevitabili. Non manterremo più alcuna relazione con Le Barroux e stiamo avvisando tutti i nostri fedeli perché non prestino più aiuto ad un’opera che ormai è nelle mani dei nostri nemici, i nemici di Nostro Signore e del Suo Regno universale.

Le suore benedettine sono angosciate. Sono venute a trovarmi. Ho dato loro lo stesso consiglio che do a lei: conservare la propria libertà e rigettare tutti i legami con questa Roma modernista.

Dom Gérard utilizza ogni argomento per paralizzare la resistenza.
Il Padre Tam le dirà a viva voce ciò che non ho scritto qui.

Prego la Santa Vergine che l’aiuti nella difesa dell’onore del suo Divino Figlio.

Che Dio benedica lei e il suo monastero.

Mons. Marcel Lefebvre

Un commento a "Lettera di Mons. Marcel Lefebvre a Dom Tomás de Aquino (18 agosto 1988)"

  1. Pingback: Omelia di Mons. Lefebvre in italiano, a San Simeon Piccolo (7 aprile 1980) | Radio Spada