Niente pace ai siriani: Washington vuole la rivincita

Newly-wed Syrian couple Nada Merhi,18, and Syrian army soldier Hassan Youssef,27, pose for a wedding picture amid heavily damaged buildings in the war ravaged city of Homs on February 5, 2016. A Syrian photographer thought of using the destruction of Homs to take pictures of newly wed couples to show that life is stronger than death.   / AFP / JOSEPH EID        (Photo credit should read JOSEPH EID/AFP/Getty Images)

 

di Maurizio Blondet

 

La grande offensiva di Russia e Siria per la riconquista di Aleppo è sospesa. Mosca sa che i jihadisti sono stati riforniti di armamento  tale da infliggere alle sue forze aeree perdite  insostenibili.   Il Wall Street Journal ha reso noto i tipi di armi ad alta tecnologia che la Cia sta fornendo alle milizie islamiche, in grado di abbattere aerei e di distruggere completamente  l’artiglieria del governo siriano. Già  ai primi d’aprile Al Nusra ha abbattuto un caccia siriano, un vecchio Su-22,con un missile  a spalla MANPAD;  missili che lo stesso ministro della guerra saudita Al-Jubeir s’è vantato di aver consegnato ai terroristi a febbraio.

Altre fonti hanno rivelato le 3 mila tonnellate di armi  che gli Usa hanno cominciato a trasportare dalla Romania ad Aden, per riarmare i terroristi.   Obama ha dispiegato i minacciosi bombardieri B-52  nell’area nella base del Katar, ed è la prima volta in 25 anni: i B-52 sono i bombardieri strategici per l’apocalisse nucleare.  La US Navy sta  conducendo  la più grande esercitazione aeronavale, con 30 alleati, avvenuta da anni nel Golfo: la   International Mine Countermeasures Exercise (IMCMEX),   sempre allo scopo dichiarato di “fronteggiare minacce di Daesh e Al Qaeda” – che non pare abbiano forze navali.   Uno dei portavoce del Pentagono, Mark Toner, ha ripetuto ancora lunedì che il governo Usa resta impegnato a rovesciare Assad: “Per noi non è un legittimo capo, né oggi né in futuro, per il paese”.

E’ un aperto e provocatorio sabotaggio dei negoziati di pace imbastiti da Putin e Lavrov per la Siria, per farli fallire. La Cia ha detto al Wall Street Journal che le tonnellate di armi ad alta tecnologia (che sta già spedendo) sono pronte alla consegna “se dovessero fallire i colloqui di pace a Ginevra o fosse  violato il cessate il fuoco”.  Samantha Power, l’ambasciatrice Usa all’Onu, ha già  dichiarato giovedì  che una soluzione politica del conflitto siriano “è improbabile”, perché Siria e Russia avendo lanciato la grande  offensiva per Aleppo, significa “che il governo siriano non rispetta i suoi impegni”

I russi – dalla base di Hmeimim dove hanno allestito il centro “per la riconciliazione” – registrano un netto  intensificarsi delle violazioni da parte dei jihadisti, di cui 6 nelle ultime 24 ore.  Il governo Assad  ha denunciato attacchi jihadisti contro le sue truppe ad Al-Ais, e poi all’aeroporto dei Deir Ezzor  e Dumeir,  operato con gas iprite.

Razzi sparati dalla Siria sono caduti in Turchia, cittadina di Kilis;  attacchi del genere possono dare a Erdogan il pretesto di invadere il territorio siriano;  le milizie curde riferiscono che   cento  membri di  corpi speciali  di Ankara hanno passato il confine ad Idlib;  un gruppo piccolo, ma sufficiente per simulare aggressioni dalla Siria: una fonte ha riferito che Turchia e Arabia Saudita  stanno accumulando armi chimiche ai confini della Siria

 

http://investmentwatchblog.com/turkey-and-saudi-arabia-setup-chemical-weapons-facilities-on-the-syrian-border/

A rendere specialmente inquietante questa informazione, è il fatto che Usa e Israele hanno simultaneamente lanciato un allarme:  è imminente “un grosso attentato” in Turchia, i cittadini dei due paesi  lascino immediatamente il territorio.

http://www.aljazeera.com/news/2016/04/israel-warns-concrete-attack-threat-turkey-160409064901474.html

Kerry e Brennan (il capo della Cia) hanno detto in colloqui riservati coi russi che  il fallimento del negoziato di pace  – che così ostinatamente cercano di far fallire –  provocherebbe “una grande escalation del conflitto”. Il delegato dell’Onu Staffan De Mistura ha accettato come controparte nelle trattative un  Comitato di Alta Negoziazione  che è stato  messo insieme dalla Arabia Saudita: è il regno wahabita che di fatto sta “negoziando”   come controparte  della presunta guerra civile, non dei  fantomatici cittadini siriani anti-Assad.

“E poi, questo piano concluso tra Kerry e Lavrov, va condotto in buona fede”, ha detto (unico) il politico  francese François Asselineau, presidente dell’Union populaire républicaine (UPR): “Ma se è  applicato in malafede da una delle parti, che minaccia continuamente di cambiare registro o che continua a  fare  spedizioni di armi – che non sono mai cessate  – e di finanziamenti da paesi prossimi agli Stati Uniti…assicura la pace?”.

 

La sola conclusione è che Washington non lascerà che la Siria abbia la pace. La guerra, che ha dissanguato  il popolo per cinque anni, deve continuare: Obama e la Cia, i sauditi e la Turchia, vogliono la rivincita.  Un immenso crimine sta per essere aggravato:  fra l’altro,   la fornitura   irresponsabile  di missili a spalla MANPAD a terroristi dementi e fanatici minaccerà le rotte aeree civili per gli anni a venire  – anche le nostre vite di viaggiatori e turisti.    Quanto ai profughi siriani  non potranno  rientrare nelle loro case.  Anzi, il numero di quelli che fuggiranno per bussare alle porte d’Europa, aumenterà.  Sarebbe bene che El Papa,  specialista di “gesti”   mediatici, nella visita che farà ai “poveri siriani” di Lesbo, ricordasse chi  è colpevole del caos e del disastro umanitario.

 

Fonte

 

 

29 Commenti a "Niente pace ai siriani: Washington vuole la rivincita"

  1. #Alessio   14 aprile 2016 at 12:55 pm

    Non mi piace pontificare su situazioni pericolose che non sono io a vivere di persona, quindi il mio commento sarà breve.
    E’ ora di rendersi conto che una guerra non si vince affidandosi in maggioranza alle bombe ed alle macchine, anche ai nostri giorni tocca affrontare il nemico.
    Putin vuole davvero chiudere la partita? Allora che mandi in Siria un 50’000 uomini con carri armati e tutto il resto e l’ordine di fare piazza pulita, poi vediamo quante settimane dura ancora l’Isis.

    Quanto alla CIA, se le cose stanno davvero così vuol dire che tra di loro ci sono dei pazzi che non la smetteranno finchè ‘sti terroristi da loro creati non avranno buttato qualche bomba atomica… magari dopo inizieranno ad aprire gli occhi. Tanto loro sono lontani!

  2. #Giacomo   14 aprile 2016 at 1:19 pm

    Il problema sono i giudei , da dietro le quinte continuano a cospirato contro chiunque non si pieghi alla loro economia di mercato e al loro pensiero unico… Putin manda l’esercito e falla finita!

  3. #Giacomo   14 aprile 2016 at 1:20 pm

    *continuano a cospirare

  4. #Giacomo   14 aprile 2016 at 1:22 pm

    Spero che gli americani prima o poi la paghino per tutto il male che hanno fatto a questo pianeta!

  5. #Mardunolbo   14 aprile 2016 at 4:09 pm

    Carissimi, Putin giustamente non invia contingenti di truppe per spazzare via definitivamente…perchè non riuscirebbe ora ! Abbiamo tutti letto bene questa notizia che lessi su blog inglesi qualche settimana fa, cioè invio di altre armi ai terroristi del Medio Oriente.
    Inutile per la Russia una guerra continua che sfiancherebbe soltanto. La miglior tattica, che sta attuando Putin, è quella mediatica in cui una certa quantità di europei comincia a capire qualcosa di Usraele.L’intervento di settembre è servito proprio a dimostrare la perversità e la falsità di Usraele. Per il resto è meglio attendere aspettando qualche altra mossa falsa di Usraele e loro alleati. Ad esempio un cambio di regime in Turchia o in Arabia. Dobbiamo tutti noi augurarcelo e pregare per questo. Dio ascolta le preghiere fatte con umiltà e per il bene di tutti, Pregare perchè il popolo siriano , martire per tutti noi, riesca a resistere fino alla deflagrazione popolare nelle nazioni canaglia (impensabile in Israele) od alla deflagrazione globale. Non ci sono alternative !

    • #Alessio   14 aprile 2016 at 4:44 pm

      Non che mi occupi tanto della cosa, ora della fine, ma secondo me ci riuscirebbe benissimo ed anche in poco tempo. Ma chi sono, ‘sti qua? Stiamo parlando dell’esercito russo, che nella sua storia ha affrontato ben altro. Ci mancherebbe che non potesse venire a capo dell’Isis! Hanno armi, e allora? Perchè, i Russi no? Se li mangerebbero, se davvero volessero impegnarsi.
      Come dissi già tempo fà, se invece di perdere tutto ‘sto tempo a girare intorno al problema con bombardamenti d’efficacia meno che dubbia avessero mandato subito truppe di terra con l’ordine di non fare prigionieri (se non per far loro sputare informazioni) la faccenda sarebbe durata ben poco.
      La mia opinione è questa, ma, ripeto, con tutto il rispetto la faccenda mi tocca piuttosto da lontano.

  6. #Mardunolbo   14 aprile 2016 at 5:11 pm

    Ci toccherà da vicino ben presto ! tira e molla, tira e molla, la corda ad un certo punto si spezza…lo spettro della guerra è vicino e toccherà tutti, anche Alessio che pare non accorgersi; forse vive in un’oasi immune della Terra. Beato lui che non sente il rullar di tamburi !

    • #Alessio   14 aprile 2016 at 8:46 pm

      Forse vivo in un’oasi immune, chissà… staremo a vedere, tanto se tocca fare la guerra non serve saperlo con troppo anticipo. Nel frattempo, grazie a Dio ho una vita interessante che con il Suo santo aiuto faccio il possibile per rendere sempre migliore, delle corde che si spezzano e dei rulli di tamburi me ne occuperò se e quando arriverà il momento, per adesso ho altre priorità. Con rispetto parlando.

  7. #Francesco   14 aprile 2016 at 8:15 pm

    L’obiettivo finale è sempre stata la Russia o meglio Putin vero ostacolo all’istituzione del n.o.m. .
    Quindi la guerra anche totale e nucleare è sempre una opzione per i malvagi appartenenti alle logge mondialiste. Preghiamo la Santissima Trinità davvero che non accada e se dovesse accadere che siano abbreviati quei giorni.

    • #Alessio   14 aprile 2016 at 8:51 pm

      Ma anche i malvagi appartenenti alle logge mondialiste vivono su questo pianeta, una “totale e nucleare” distruggerebbe anche loro, le radiazioni badano poco alle questioni ideologiche.
      Comunque, e torno a ripeterlo, per sistemare la situazione sarebbe sufficiente una banalissima campagna militare, una delle innumerevoli che nei tempi addietro sono sempre state fatte. Una campagna che i Tedeschi degli anni ’30 avrebbero concluso in un paio di settimane.

  8. #Giacomo   14 aprile 2016 at 10:50 pm

    Alessio i giudei pur di conseguire i loro folli obiettivi non esisterebbero a distruggere il mondo…..anche se ci stanno anche loro !

    • #Alessio   15 aprile 2016 at 5:39 pm

      Spiacente, carissimo Giacomo, non ci credo. Possono essere empi, ma non sono pazzi, i pazzi sono gli islamici. Ma neanche loro sono così folli da voler distruggere il mondo, a parte forse qualche demente isolato.

  9. #Mardunolbo   16 aprile 2016 at 12:06 am

    Bisognerebbe bazzicare un po’ di siti in lingua inglese (che è la lingua universale oggidì) per comprendere come ovunque si parli della situazione sionista che preme per devastare quanto possibile. Del resto, senza bisogno di correre dietro ai siti in lingua straniera, basterebbe l’Apocalisse che descrive a sufficienza che la terza parte dell’umanità sparirà e via così finchè si instaurerà l’Anticristo richiesto a gran voce da tutta l’umanità rimasta. Solo allora gli ebrei cominceranno ad aprire gli occhi rendendosi conto del disastro fatto. Più di così non posso dire dato che non sono io il profeta !
    Comunque anche gli islamici parlano del ritorno di profeti negli “ultimi tempi” e si danno da fare per accelerarli; sembra riescano bene !

  10. #Mardunolbo   16 aprile 2016 at 12:29 am

    Al proposito, per gli increduli che vivono nell’oasi felice, si scrive qui in italiano, quindi è abbordabile per tutti:
    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=15229

    • #Alessio   16 aprile 2016 at 1:34 am

      Caro Mardunolbo, visto che l’incredulo che vive sull’isola felice sono io, ti chiedo un favore, e perchè no una lezione : descrivimi quale sarebbe lo scenario bellico che dovrebbe riguardarci(mi) così tanto da vicino.
      Ovviamente non ti sto chiedendo nulla di preciso, solo di tracciare vagamente qualcosa che potrebbe concretizzarsi nei prossimi cinque anni. Truppe impiegate, nazioni coinvolte, teatro delle battaglie, possibili strategie, probabili esiti… tutto senza dettagli fantasiosi da testimone di Geova, ma sufficientemente chiaro per fare sentire anche a me i famigerati tamburi di guerra.
      Perchè, pur dolendomi entro limiti ragionevoli per le condizioni di coloro che soffrono in Medio Oriente, com’ è normale per un cristiano, se in qualcuno di quei deserti si sparano o si bombardano io da qua l’odore di bruciato non riesco granchè a sentirlo.
      Quindi, riconoscendo la tua conoscienza molto ma molto superiore alla mia, ti chiedo gentilmente di dimostrarmi i miei errori affinchè possa evitare di ripeterli.
      Per ora, tutto sommato, mi sento a rischio d’un invasione armata più o meno come mi sento a rischio d’un invasione di marziani.

  11. #Mardunolbo   16 aprile 2016 at 10:20 am

    x Alessio ,l’incredulo che vive nell’isola felice e che ignora tante cose della storia e dei popoli fuori Italia (sperando legga ed impari…)
    http://www.maurizioblondet.it/arriva-regno-sion-ricordiamoci-laltro/

    • #Alessio   16 aprile 2016 at 2:47 pm

      Grazie dell’interessamento, ma la mia domanda resta senza risposta.
      Descrivimi, gentilmente, lo scenario bellico che ci vedrà a breve direttamente coinvolti, con tutto il contorno di dettagli, per quanto vaghi, che ti ho richiesto.
      Se no, per quanto interessanti siano le notizie che mi dai, non hanno nulla a che vedere con il punto in esame.
      Grazie ancora!

  12. #Mardunolbo   16 aprile 2016 at 4:07 pm

    Le mie analisi seguono le analisi di altri ben informati. nessuno è profeta od aruspice, Se si vogliono profeti, rivolgersi altrove,ma prima informarsi e leggere articoli di stampo internazionale. Le analisi devono partire da dati di fatto , presi ovviamente da info raccolte dai siti internazionali. Poi si fa la sommatoria utilizzando premesse comuni nella storia umana e si arriva alla sintesi che non può essere una profezia certa
    Nemmeno le profezie sono assoluta certezza per il fatto che le parole divine sono “filtrate” dalla mente umana che riceve ed interpretate molto spesso.
    Men che meno certezze, quindi, vi sono,per le previsioni di guerre od altro.
    Ma se si conoscono le ambizioni o gli ideali di persone che comandano, allora si arriva ad ipotesi probabili. Ovviamente cosa bisogna fare per arrivare alle ipotesi più probabili ? Una cosa semplice ma difficile per molti: INFORMARSI sul Nemico, cioè sapere le sue intenzioni.Bisogna sapere anche chi è il Nemico…o chi ne “muove le fila”
    Altrimenti è un parlare a vuoto, cui non sono abituato perchè mi annoia !

  13. #Mardunolbo   16 aprile 2016 at 4:16 pm

    Dal punto di vista strategico o militare, che dir si voglia, la prima cosa da fare è sapere chi è il Nemico. In guerra lo si sa bene, ma nella guerra virtuale od economica si conoscono solo gli aspetti esterni o gli esecutori che ci disturbano, non si conoscono i mandanti se non quando si è INFORMATI.
    La seconda cosa da sapere, una volta identificato il Nemico vero,non l’esecutore, è sapere quali intenzioni ha.
    Se non si conoscono queste due basi è un combattere volta per volta contro esecutori o burattini (puppet) senza conoscere le mire del Nemico, anzi facendo spesso il suo gioco.
    Come ora, quando sono attivati da “manovratori”, in senso politico, partiti o movimenti che servono a coagulare lo scontento popolare per imbrigliarlo ed incanalarlo in direzioni senza sbocco e per annichilire lo scontento (vedi Lega o M5S).
    Augurandomi che FN non sia pure strumento di qualche forza esterna, poichè l’ignoranza delle situazioni internazionali e del Nemico, rende burattini senza che ci si accorga…

    • #Alessio   16 aprile 2016 at 4:45 pm

      Va bene, chiudiamola pure qua.
      Tutto vero quel che dici, ma rimane il fatto che tra degli empi maneggi occulti e la guerra ci sia una grande differenza. La “guerra” virtuale e/o economica è una cosa, quella vera è tutta un’altra.
      Sentirò la guerra in arrivo quando dovrò essere presente sul campo di battaglia, con una divisa addosso, a respingere un’invasione armata e cercare d’ammazzare chi vuole ammazzare me.
      Visto che al momento questa circostanza è decisamente peregrina, facciamo che per ora non sento la guerra alle porte. Sbaglio? Allora che mi si indichi qual’è l’esercito in armi che ci sta marciando contro. Non parlo dei pitocchi che vengono a mendicare, anche loro invasori ma dotati solo della “forza” che si concede loro ; parlo d’un esercito abbastanza forte da rappresentare un pericolo così grave per il quale sia necessaria una mobilitazione militare in piena regola, con tanto di dichiarazione di guerra. Tu lo vedi? Io no! Quindi non mi sento soffiare addosso alcun vento di guerra.

      Per quanto riguarda FN, i dirigenti sono certo informatissimi su tutto, io sostengo la sostengo in pieno ma non la rappresento, preferendo lasciare tale compito a persone più adatte e più dedicate. Di certo, FN non è strumento di nessuno se non della parte sana della nazione.

      • #jeannedarc   16 aprile 2016 at 4:55 pm

        concordo sul fatto della guerra

  14. #Mardunolbo   16 aprile 2016 at 5:52 pm

    Per chi conosce l’inglese e vuole aggiornarsi meglio sulle ipotesi di guerra:
    http://www.paulcraigroberts.org/2016/04/13/president-killary-paul-craig-roberts/

  15. #Maria   16 aprile 2016 at 6:43 pm

    Fate tutti ridere.Sembrate bambini che vogliono giocare a far la guerra.Mentre loro se ne rendono conto che stanno giocando,voi ci credete proprio.State diffondendo le vostre evventuali strategie al mondo.Non dovreste studiare i vostri piani in segreto? Mi sa che qua,dobbiamo rivolgerci ad altri per la nostra difesa.
    Buon divertimento.

    • #Alessio   17 aprile 2016 at 1:25 am

      Alè, sotto ancora col guro generico! Ci mancava il commentozzo della Sciura per risvegliarci dai nostri torpori!
      Ma quali grandi strategie avremmo mai diffuso al mondo? Quali sono i piani che non avremmo studiato in segreto?
      E’ una semplicissima conversazione tra me e l’amico Mardunolbo, lui che m’illustra il perchè delle sue preoccupazioni per il futuro, citando nozioni comunque esatte, ed io che dico invece di non sentirmi così preoccupato perchè non vedo minacce fisiche in arrivo.
      Sarebbero questi i piani di battaglia che andiamo diffondendo in rete? Ammazza, ma come c’hai scoperto? Mata Hari, non sei nessuno!
      Se ti diverti con così poco, buon divertimento a te… “risus abundat in ore stultorum”

  16. #Mardunolbo   17 aprile 2016 at 12:27 am

    sciura, Maria butta la pulenta che l’è cota e togliet el cavolo che te gai ‘ntel cu ! Scusate la dieresi non posso inserirla, ma va bene lo stesso perchè per quella cu e cu con dieresi sono la stessa cosa pensante.

    • #Alessio   17 aprile 2016 at 1:35 am

      Piantiamola, Mardunolbo, nel nostro sistema di sicurezza sembra esserci una falla, qualcuno s’è accorto, non si sa come, delle nostre trasmissioni segrete riguardanti i piani di battaglia per la difesa della Cristianità. Passo e chiudo, questo messaggio si autodistruggerà tra cinque secondi.

      Visto, come si diffonde l’ottimismo? Io dico che non mi sento minacciato da guerre imminenti e c’è subito chi salta fuori ad affermare “loro se ne rendono conto che stanno giocando”.
      Ma si può sapere perchè vai tanto avanti a leggere e a scrivere riguardo a gente che sta giocando (rendendosene conto)???

  17. #Maria   17 aprile 2016 at 10:58 am

    Lei, signor Mardunolbo,se pensa di spaventare il nemico da bassottino com’è,non vincerà tante battaglie; forse quella navale con quattro amici al bar.Lasci questo funesto pensiero ad altri; lei pensi a pregare se ci crede.
    Almeno il suo camerata Alessio e’ più concreto di lei è anche leggermente poi simpatico.
    Sara’ meglio che vadi a zappare; c’è un sacco di erba da estirpare. Buona giornata carissimi.

    • #Alessio   17 aprile 2016 at 2:54 pm

      Qua magari posso essere simpatico solo leggermente perchè devo dire quel che c’è da dire, ma in realtà sono una sagomaccia!
      Adesso attendiamo fiduciosi la risposta del buon Mardunolbo…

  18. #Mardunolbo   17 aprile 2016 at 5:07 pm

    Accidenti mi sono accorto della falla. le trasmissioni segrete sono state intercettate pure dalla scura Maria (nome in codice Krapunzola Eutanakia) per cui passo e chiudo.