Le ambasciate di USA e Canada patrocinano ufficialmente il ‘gay pride’ a Roma

Lasciamo parlare le immagini [RS]

13239134_1017362344978506_3371397575490735850_n

13260295_1018256001555807_1127236716517001060_n

10 Commenti a "Le ambasciate di USA e Canada patrocinano ufficialmente il ‘gay pride’ a Roma"

  1. #Alessio   25 maggio 2016 at 12:47 pm

    Porci! Forza Putin!

  2. #salvatore ioime   25 maggio 2016 at 12:56 pm

    Boicottiamo gli sponsor in calce al manifesto e preghiamo lo Spirito Santo!

    • #Francesco Retolatto   25 maggio 2016 at 6:57 pm

      C’è poco da boicottare gli sponsor, qui ci sarebbe da andare al “GayPride” e fare una vampa generale.
      Sai che glie frega del boicottaggio a questi sponsor.

      • #salvatore ioime   26 maggio 2016 at 11:45 am

        per quanto riguarda il ”fuoco”,ci penserà il loro Capo,quando li accoglierà a braccias aperte all’inferno.Sul ”boicottaggio”,se tutti i sedicenti cattolici lo attuassero,non credo proprio che le multinazionali non ne sarebbero toccate:Mammona-denaro è il loro idolo….

  3. #Nicolò   25 maggio 2016 at 6:15 pm

    Preghiamo.

  4. #Nicolò   25 maggio 2016 at 6:18 pm

    E lottiamo contro le forze della dissoluzione.
    Ormai sono talmente spudorati da mettere pure il loro nome nei manifesti.
    Sono davvero dei porci. Stati Uniti, Canada e grandi multinazionali capitaliste sono tra i protagonisti della dissoluzione e lo dichiarano senza alcuna remora.

  5. #Jade   26 maggio 2016 at 4:58 pm

    L’Unicef, organo ufficiale dell’Onu deputato a «tutelare i bambini» e a garantirne il «diritto a sopravvivere», ha chiesto al Parlamento canadese di estendere il “diritto” di morire anche ai bambini.

    La richiesta è stata presentata da Marvin Bernstein, avvocato filantropo e Chief Policy Advisor di Unicef Canada, il quale ha asserito:

    «L’aiuto medico a morire è stato previsto per gli adulti competenti. Sorge spontanea la domanda: perché non per gli altri gruppi di persone come i minori maturi? Questa domanda richiede una risposta e noi come Unicef Canada certamente sosteniamo l’estensione di questo diritto».

    Sicuramente aderiranno.

    • #Dan   26 maggio 2016 at 6:17 pm

      Il cognome dell’avvocato filantropo (Bernstein), che ha presentato questa perversa e diabolica richiesta, spiega molte cose…

  6. #Alessio   26 maggio 2016 at 8:28 pm

    Chissà cosa farà il cosiddetto “Papa”? Si chiuderà in un silenzio complice o snocciolerà sorrisetti di circostanza?

  7. #Giacomo   26 maggio 2016 at 11:28 pm

    Putin ti prego vieni qua da noiiiii