Da una lettera di San Luigi Gonzaga alla madre Marta Tana di Santena. Parole di verità.

“Perché niente mi è rimasto con cui manifestarti in modo più chiaro l’amore ed il rispetto che, come figlio, devo alla mia madre.”

Ritratto_di_Marta_Tanaluigi bambino

di Moreana

N.B. : la precoce vocazione del candido Alosio (1568-1591) fu inizialmente ostacolata dal padre, che lo aveva destinato, in quanto primogenito, ad ereditare il governo del casato. Fu la madre Marta (1550-1605) a sostenere con coraggio la scelta del figlio che voleva invece divenire membro della Compagnia di Gesù. Alla madre, donna forte, dobbiamo, dunque, uno dei più grandi santi del periodo della Controriforma, esempio di pietà filiare. Ci piace ricordare attraverso le dolci parole del figlio l’eccellenza del ruolo materno nella Creazione divina e la grande dignità che Nostro Signore Gesù Cristo ha ridato alla donna, dopo secoli di schiavitù pagana.

Io invoco su di te, mia signora, il dono dello Spirito santo e consolazioni senza fine. Quando mi hanno portato la tua lettera, mi trovano ancora in questa regione di morti. Ma facciamoci animo e puntiamo le nostre aspirazioni verso il cielo, dove loderemo Dio eterno nella terra dei viventi. Per parte mia avrei desiderato di trovarmici da tempo e, sinceramente, speravo di partire per esso già prima d’ora. La carità consiste, come dice san Paolo, nel «rallegrarsi con quelli che sono nella gioia e nel piangere con quelli che sono nel pianto». Perciò, madre illustrissima, devi gioire grandemente perché, per merito tuo, Dio mi indica la vera felicità e mi libera dal timore di perderlo. Ti confiderò, o illustrissima signora, che meditando la bontà divina, mare senza fondo e senza confini, la mia mente si smarrisce. Non riesco a capacitarmi come il Signore guardi alla mia piccola e breve fatica e mi premi con il riposo eterno e dal cielo mi inviti a quella felicità che io fino ad ora ho cercato con negligenza e offra a me, che assai poche lacrime ho sparso per esso, quel tesoro che é il coronamento di grandi fatiche e pianto.
O illustrissima signora, guàrdati dall’offendere l’infinita bontà divina, piangendo come morto chi vive al cospetto di Dio e che con la sua intercessione può venire incontro alle tue necessità molto più che in questa vita. La separazione non sarà lunga. Ci rivedremo in cielo e insieme uniti all’autore della nostra salvezza godremo gioie immortali, lodandolo con tutta la capacità dell’anima e cantando senza fine le sue grazie. Egli ci toglie quello che prima ci aveva dato solo per riporlo in un luogo più sicuro e inviolabile e per ornarci di quei beni che noi stessi sceglieremmo.
Ho detto queste cose solo per obbedire al mio ardente desiderio che tu, o illustrissima signora, e tutta la famiglia, consideriate la mia partenza come un evento gioioso. E tu continua ad assistermi con la tua materna benedizione, mentre sono in mare verso il porto di tutte le mie speranze. Ho preferito scriverti perché niente mi é rimasto con cui manifestarti in modo più chiaro l’amore ed il rispetto che, come figlio, devo alla mia madre.

Un commento a "Da una lettera di San Luigi Gonzaga alla madre Marta Tana di Santena. Parole di verità."

  1. #jade   8 giugno 2016 at 11:15 am

    Un commovente e straordinario scritto da parter di un personaggio che è passato a miglior vita a 23 anni.

    Rispondi

Rispondi