Sodoma si è salvata.

roma

 

di Massimo Micaletti

 

Dunque Sodoma si è salvata. Lo apprendiamo da Mons. Galantino con poca sorpresa: basta guardarsi intorno, del resto, per togliersi ogni dubbio.

Forse davvero la condizione di buona parte dei vertici della Chiesa cattolica può essere ben rappresentata da questa uscita sciagurata, e dico “sciagurata” nel senso letterale del termine di “conseguente ad una sciagura”. La sciagura, ovviamente, è il modernismo dilagante che ha fatto sì che ormai troppi pastori ragionino con categorie illuministiche e certamente non cattoliche, sicché il gregge ne viene disorientato o orientato verso il male. E datosi che l’ignoranza su certi temi, in un Monsignore, è inverosimile, non resta che pensare alla mala fede.

Sodoma si è salvata, per il Segretario della CEI, ed in fin dei conti questo è un auspicio di molti cattolici, in talare e non. L’auspicio è che alla fine, in fin dei conti, ci si salvi tutti, e non per Amore ma per sentimentalismo, non per verità ma per tolleranza, non per merito ma per diritto.

Sodoma si è salvata, e che bello. Se Sodoma si è salvata, finalmente tanti cattolici potranno fare più facilmente il loro mestiere. Mestiere che per i cattolici illuministi sta diventando veramente difficile, perché vedete, per un pastore modernista ci sono tre tipi di peccato.

C’è il peccato facile, quello di cui si può parlare a voce alta, che si può additare e condannare persino in tv: la corruzione, la mafia, la maleducazione, lo spreco energetico. E che dire di chi abbandona i cani in autostrada? Contro queste gravissime mancanze, giù, mazzate, senza pietà: via a frustate i mercanti dal Tempio!

Poi c’è il peccato difficile, quello che sì, un cattolico illuminato può e deve nominare, ma sfumando, lasciando il campo libero alla coscienza, al che ne sai e via attenuando, divagando, sorvolando. Parliamo ad esempio dell’adulterio che sì, è una brutta cosa, ma in fin dei conti lo fanno tutti e poi potrebbe essere la nascita di un nuovo amore che aiuti a superare un matrimonio fallito. O della convivenza, che in linea di massima non va bene perché si sa che un cattolico deve avere la fissa del matrimonio e i preti sono pagati per ricordarcelo però poi, che ne sai, magari la vostra, proprio la vostra, è una di quelle convivenze di cui il Papa ha detto che c’è più santificazione che nel matrimonio quindi tranquilli, i conviventi vanno all’inferno (ho detto “inferno”? Scusate se ho urtato la vostra sensibilità! D’ora innanzi parleremo di “infelicità”) ma quei conviventi lì non siete certo voi.

Infine, ci sono i peccati innominabili, quelli che se solo ne parli finisci in galera e che ci fanno perdere tanti di quei punti. Forse perché non ci ricordiamo più nemmeno noi cattolici modernisti le ragioni per cui sono peccati: in fin dei conti, che male fanno? Che male fa, che so, la sodomia (per giunta, ora che sappiamo che Sodoma si è salvata)? Che male fa farsi le canne? Oppure sono cose troppo brutte, che fanno sentire male a nominarle e poi uno si mette a piangere e noi cattolici non possiamo far piangere nessuno. Perciò è poco bello ricordare a Messa che un aborto è la distruzione di un essere umano innocente, o magari è indelicato dire che l’utero in affitto è compravendita di bambini, o forse far notare che Beppino Englaro ha fatto morire la figlia indifesa è mancanza di carità. Lo sappiamo, poi la gente si sente accusata e diventa triste: e questo è gravissimo soprattutto per i giovani, i giovani non devono essere tristi.

Ma Sodoma si è salvata, perciò a che serve più parlare di quelle colpe così poco popolari, antistoriche, che poi colpe più non sono? Noi dobbiamo fare come l’Abramo di Galantino, ognuno di noi deve essere “uomo di preghiera, che non fa da accusatore implacabile, non parla contro ma parla a favore”. Capito? Suvvia, non parliamo contro quando preghiamo: parliamo a favore, per favore. O al più, contempliamo. Mi raccomando, se volete contemplare state in silenzio e datevi un tono: contemplate un albero, il mare, un cane. Non dopo pranzo ché l’abbiocco è dietro l’angolo. I Misteri non si contemplano, i Misteri non si sa cosa sono e comunque sono alla fine anche un po’ noiosi quindi pregare così è meno ispirante e si diventa inespressivi.

Sodoma si è salvata e che bellissimo e si è salvata dunque perché c’era Abramo. O magari no, magari si è salvata perché qualcuno ha gettato un ponte, un ponte tra diversi, un ponte tra lontani, un ponte tra lupi e agnelli, tra verità e menzogna, tra annuncio e blasfemia, tra testimonianza ed opportunismo. Su quel ponte ne passano di cose, di prelati, di cattolici, tutti felici di mettersi finalmente comodi e rinunciare a certi temi spinosi: l’importante è non essere corrotti, non essere mafiosi e non abbandonare i cani in autostrada.

Ma aspettate: e quella città che brucia laggiù in fondo? Se Sodoma si è salvata, non sarà mica Roma?

 

 

 

33 Commenti a "Sodoma si è salvata."

  1. #Luca   29 luglio 2016 at 11:28 pm

    Quanto male ha fatto questo sig. galantino alla chiesa italiana e al popolo cristiano, verrà ricordato per il nulla che ha prodotto. Divisivo, sempre calcolatore, falso prob anche un po’ ignorantello. Pussa via.

    Rispondi
  2. #Diego   30 luglio 2016 at 3:36 am

    È solo un lurido eresiarca devastato dall’ idiozia, dal carrierismo, dalla sete di applausi e dal modernismo.
    Ha capito , signora Maria , cosa sono i modernisti?
    Sono persone che negano gli episodi biblici, i dogmi e le norme morali per ricevere gli applausi del mondo o perché credono di saperne di più di Dio, a cui spesso neppure credono!

    Rispondi
    • #Catholicus   30 luglio 2016 at 12:42 pm

      Bravo Diego, concordo con te al 100%. Mi piace ricordare sempre l’omelia di un prete sessantottino nella solennità dell’Ascensione dell’anno scorso: ebbe la faccia tosta di dire testualmente: “la storia dell’Ascensione raccontata da Luca è una favola per bambini, è impossibile credere a un Gesù che sale in Cielo come un missile. Semplicemente gli Apostoli ad un certo momento non lo videro più, e così si inventarono questa storia, anche per rafforzare la fede dei neofiti”. Quest’anno ha glissato, dicendo “non voglio parlare dell’Ascensione, perché sapete bene come la penso” ed ha fatto l’omelia su di un altro argomento. Il fatto mi ricorda molto l’eretica distinzione che Ravasi fece tra il Gesù della storia e il Gesù della fede, al quale ultimo attribuisce i miracoli, l’a Resurrezione, l’Ascensione, considerandoli miti (che eretico!).

      Rispondi
  3. #Vincenzo   30 luglio 2016 at 9:07 am

    Dopo … che Lot fu uscito da Sodoma , una pioggia di fuoco cadde dal Cielo: igneo imbre , e ridusse in cenere quelle città infami: (tota) illa regio impiae Civitatis, nelle quali le dissolutezze erano così grandi, che l’amore dei maschi (stupra in masculos, rapporti sessuali tra maschi) era comune quanto che erano le altre cose dalle Leggi permesse. Questo gastigo
    spaventevole fu una immagine dell’ultimo Giudizio: specimen futuri divini iudicii fuit. Avvegnachè, perchè quelli che fuggirono questa rovina, ricevettero l’ordine dagli Angioli di
    non riguardare addietro, se non perchè se noi vogliamo evitare il rigore del futuro giudizio, noi non dobbiamo ritornare ai nostri desiderj , alle consuetudini dell’uomo vecchio, di
    cui noi siamo spogliati dalla grazia del Battesimo? nisi quia non est animo redeundum ad vetererem vitam, qua per gratiam regeneratus exuitur. Così la moglie di Lot avendo contravvenuto a questo comandamento, fu punita incontanenti: ubi respexit , remansit, ed essendo cangiata in una statua di sale: in salem conversa, che è il simbolo della sapienza, rende i fedeli più circospetti per guardarsi da una somigliante disgrazia: Quoddam praestitit condimentum, quo sapiant aliquid, unde illud caveatur exemplum. Sant’Agostino, La Città di Dio, Roma 1743 pag. 347.

    Rispondi
  4. #AICI   30 luglio 2016 at 11:36 am

    e Galantino mentre si rialzava dall’aver raccolto la saponetta da sotto la doccia dopo la partita tra la Vatican Cup e la squadra di Trans italiana(nata veramente in questi giorni e che si è prefissata veramente di far questa partita) ha esclamato:”sodoma si è salvata”. Da che l’avrà dedotto? 😉

    Rispondi
    • #lister   30 luglio 2016 at 6:37 pm

      Dal fatto che il poveraccio pensi che “Sodoma” è la marca del sapone? 😀 😀 😀 😀

      Rispondi
      • #AICI   31 luglio 2016 at 12:45 pm

        Ihih=) Mi chiedo: ma se debbono dir eresie perché si consacrano? Che si riuniscano tutti in una bella cittadina a far le loro sozzerie; il demonio li inciterà a continuare su la loro strada e Dio per punirli non interverrà e naturalmente si estingueranno dato che i loro metodi bestiali non permettono la procreazione!

        Rispondi
  5. #riccardo   30 luglio 2016 at 11:49 am

    Standing ovation!

    Rispondi
  6. #Catholicus   30 luglio 2016 at 12:34 pm

    Ma cosa ci hanno insegnato al catechismo? (nel mio caso nei primi anni ’50, un prete in talare con il benemerito Catechismo di S. Pio X) sono rincitrullito o mi ricordo una diversa conclusione ? Analogo inganno fanno, questi preti modernisti, quando riportano solo una parte dell’episodio dell’adultera alla quale, secondo loro, Gesù avrebbe detto solamente “nessuno ti ha condannato, donna, e nemmeno Io ti condanno, và”, omettendo volutamente (e diabolicamente) che Gesù le disse anche “…e non peccare più”. Ma che volete, queste parole di Cristo Bergoglio non ha voluto dirle nemmeno a Scalfari, Pannella, Emma Bonino, i leoncavallini : a Scalfari disse che non aveva alcuna intenzione di convertirlo, mentre Pannella, la Bonino ed i leoncavallini li incoraggiò a proseguire nelle loro battaglie (per l’aborto, i matrimoni omosessuali, l’utero in affitto, l’eutanasia, la liberalizzazione della droga, ecc.).
    Chiaro il loro disegno, no? far sì che noi tutti, il gregge loro affidato, continuiamo a peccare e finiamo così all’inferno, dove ci attende il LORO nuovo capo, colui al quale essi oramai obbediscono ciecamente : Satana !

    Rispondi
  7. #bunt   30 luglio 2016 at 2:07 pm

    “Ecco, questa fu l’iniquità di tua sorella Sodoma: lei e le sue figlie vivevano nell’orgoglio, nell’abbondanza del pane e in una grande indolenza, ma non sostenevano la mano dell’afflitto e del povero: insuperbirono e commisero ciò che è abominevole dinanzi a me: io le vidi e le eliminai” disse il profeta Ezechiele (16, 49-50), mica un modernista vaticano-secondista.

    Nell’anno del Giubileo della Misericordia, e in un periodo di rifiuto del dovere di ospitalità, rileggere le parole di Ezechiele è mortificante, specie se si pensa a un Occidente che vive “nell’orgoglio, nell’abbondanza del pane e in una grande indolenza” e che, dunque, meriterebbe la distruzione proprio come Sodoma, no?

    Off the topic: la sessualizzazione dell’episodio del/della Genesi, in opposizione alla violazione del dovere di ospitalità, porta a un dibattito interessante, e Bailey e Boswell hanno scritto cose interessanti in merito. Tutto verte sul significato del verbo “conoscere” (yâdha) e sul parallellismo con l’offerta delle figlie vergini.

    Rispondi
  8. #bbruno   30 luglio 2016 at 5:39 pm

    oh anche qui dobbiamo subirci il sermone pro migrazione! A sostenere il quale ci vien detto che la colpa di Sodoma, cioè delle sue ‘figlie’ (chissà poi perché non dei suoi ‘figli’…) fu quello di negare l’ospitaltà… ai migranti! Che una volta praticata, seppure nella maniera insensata proposta, e finanziata abbondantemente a vantaggio dei pochi che la gesticono e a danno atroce dei molti che la subiscono, farebbe svanire nel nulla, annullare – le cose abominevoli davanti agli occhi di Dio da esse (le figlie?!?) commesse, quello stesso rito di Sodoma che ogni giorno pratica e benedice la nova Chiesa Bergogliante e Galantina, e che già fu la causa scatenante dell’annientamento divino di quelle città, Sodoma e le altre quattro città ad essa collegate, qui chiamate ‘figlie’- Gomorra Adama Seboim e Lesa , quasi a volere scongiurare – per la pratica accoglientizia, di quel tipo inverecondo poi, che ammazza i tuoi figli per far largo allo ‘straniero’ – l’ ira di Dio da detta chiesa sodomitica ed ellegitibizzata, pronta a distruggerla invece, come già fece con la città di Sodoma e le città associate, le ‘figlie’ sue.

    Per chi vuol poi conoscere il passo della Bibbia, e rendersi conto delle acrobazie demenziali dei Galantino e associati- in primis del loro Primo Referente, il Bergoglione – mi permetto di riportarlo qui per comodità , e constatare che cosa c’ entrino le ‘figlie’ di Blunt (c’entrano invece le figlie di Lot, porette!)…

    “Egli [Lot] preparò per loro un banchetto… Non si erano ancora coricati, quand’ecco gli UOMINI DELLA CITTÀ, cioè gli abitanti di Sòdoma, si affollarono intorno alla casa, GIOVANI E VECCHI, tutto il popolo al completo.  Chiamarono Lot e gli dissero: «Dove sono quegli uomini che sono entrati da te questa notte? Falli uscire da noi, perché possiamo ABUSARNE!».  Lot uscì verso di loro sulla porta e, dopo aver chiuso il battente dietro di sé, disse: «No, fratelli miei, non fate del male!  Sentite, io ho due figlie che non hanno ancora conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi piace, purché non facciate nulla a questi uomini, perché sono entrati all’ombra del mio tetto».  Ma quelli risposero: «Tirati via! … Ora faremo a te peggio che a loro!». E spingendosi violentemente contro quell’uomo, cioè contro Lot, si avvicinarono per sfondare la porta.  Allora dall’interno quegli uomini [ gli Angeli] sporsero le mani, si trassero in casa Lot e chiusero il battente;  quanto agli uomini che erano alla porta della casa, essi li colpirono con un abbaglio accecante dal più piccolo al più grande, così che non riuscirono a trovare la porta.
     Quegli uomini [gli Angeli] dissero allora a Lot: «Chi hai ancora qui? Il genero, i tuoi figli, le tue figlie e quanti hai in città, falli uscire da questo luogo.  Perché noi stiamo per DISTRUGGERE questo luogo: il grido innalzato contro di loro davanti al Signore è grande e IL SIGNORE CI HA MANDATI A DISTRUGGERLI». …Il sole spuntava sulla terra e Lot era arrivato a Zoar, quand’ecco il Signore fece piovere dal cielo sopra Sòdoma e sopra Gomorra zolfo e fuoco proveniente dal Signore.Distrusse queste città e tutta la valle con tutti gli abitanti delle città e la vegetazione del suolo”.

    – tutto questo per stare ai testi: il resto è flatulenza…

    Rispondi
  9. #bbruno   30 luglio 2016 at 6:14 pm

    il passo qui sopra citato di Ezechiele indica le cause diverse dei crimini terribili di Sodoma e ‘figlie’: l’orgoglio la ricchezza l’ozio con il conseguente disprezzo del povero di casa [non dell’ ospite], che fecero loro dimenticare Dio e le sprofondarono nel male, in quell’ abominio che fu la causa della loro distruzione (Fillion). Questa la lettura giusta di Ezechiele, sicuro non un vaticanmodernista!

    La “sessualizzazione del/della Genesi” sarebbe un mascheramento della violazione del dovere di ospitalità??? Il fuoco e lo zolfo una punizione per il peccato di non accoglienza? Quando nel testo “del/della Genesi” la VOGLIA di accoglienza c’ era eccome se c’era!!”! O la causa della distruzione di Sodoma e ‘figlie’ era stata di Lot che non aveva consentito ai vecchie e giovani della ciità di soddisfare la loro VOGLIA di accoglienza????

    E la strumentalizzazione su basi fasulle inensistenti del testo di Ezechiele che cosa sarebbe? Un tentativo ridicolo, e una vigliaccata!

    Rispondi
  10. #lister   30 luglio 2016 at 7:05 pm

    Arièccolo il bunt!
    Il quale, oltre che “variopinto” è pure “confuso” (traduzione dal tedesco: lui ce ne dava una sola…) e così, mentre sventola la sua bandiera arcobalenata, confonde il vero significato delle parole di Ezechiele.
    Ma, fortunatamente per lui, c’è bbruno che, sapientemente (anche se un po’ in@@@@@to), gli insegna la corretta lettura.
    Grande, bbruno!

    Rispondi
    • #AICI   31 luglio 2016 at 12:49 pm

      Ora non resta che pregare il buon Dio affinché ri-attui presto una seconda Sodoma!

      Rispondi
      • #jeannedarc   31 luglio 2016 at 12:51 pm

        Pensiamo prima ad essere esempio.

        Rispondi
        • #AICI   31 luglio 2016 at 2:00 pm

          Noi diamo già, fin troppo, il buon esempio di accettazione: in fondo siam chiusi nelle nostre piccole riserve e temiamo le conseguenze di una forte reazione contro le gerarchie!

  11. Pingback: Sodoma si è salvata. — Radio Spada – Il fumo di Satana

  12. #Rullo   30 luglio 2016 at 9:26 pm

    Concordo pienamente con quanto dice Catholicus, questi prelati PSEUDO modernisti (che dimenticano che anche ai tempi di Gesù c’era il divorzio, l’omosessualità, la fornicazione, eppure Gesù per mano di Marco, Matteo e Paolo li ha condannati, quindi niente di tempi moderni) si fermano a “ne anche io ti condanno, và”. Per sino il papa all’Angelus non ha detto niente riguardo al “NON PECCARE PIÙ”, si è fermato al “và” come dicendo a tutti i fedeli che lo ascoltavano: “andate e peccate pure, tanto Dio è buono e misericordioso e non ti condanna”.
    Anche Ravasi dice spesso un sacco di cavolate non solo sui miracoli, ma anche sulla stessa parola del Signore, ma quando ho sentito quello di “Sodoma si è salvata” ho dovuto spegnere la TV, perché stava per venirmi un colpo al cuore sentendo una eresia così grande da un vescovo!

    Rispondi
    • #Catholicus   31 luglio 2016 at 12:27 pm

      Grazie, caro Rullo, la sua condivisione mi conforta molto, tanto più che sono attorniato da gente che si beve tutto, come fosse acqua fresca, qualsiasi eresia, qualsiasi menzogna di questi ipocriti e traviatori delle anime semplici. Speriamo che il Signore li fermi in tempo, prima che ingannino tutto il gregge. Libera nos a malo, Domine !

      Rispondi
  13. #Isidoro   31 luglio 2016 at 12:11 am

    bunt, puoi andare a recitare le tue litanie del fratello migrante altrove, magari col pubblico eretico Galantino, vi intendereste. Inutile dire che altri commenti di intento chiaramente provocatorio, come il precedente e quello che ho appena censurato, non verranno approvati. Grazie per la collaborazione.

    Rispondi
  14. #Riccardo   31 luglio 2016 at 9:28 am

    Solo su radio spada ho trovato riscontro alla “sciagurata” omelia di Galantino.
    Da parte mia ho scritto ad Avvenire denunciando la “triste” notizia che un giornale cattolico ha pubblicato al seguito passivo ed acritico della deriva modernista della Chiesa Cattolica.

    Complimenti, Radio Spada!

    Rispondi
    • #jeannedarc   31 luglio 2016 at 11:55 am

      grazie!

      Rispondi
    • #Catholicus   31 luglio 2016 at 1:14 pm

      Caro Riccardo, non sprechi il suo tempo scrivendo a questi media bugiardi ed ipocriti. Anch’io provai, tempo fa, a scrivere a Famiglia Cristana, a don Sciortino; come risposta ne ebbi un vaniloquio, una serie di astruserie, tanto per far combaciare la realtà con la loro ideologia comunistoide. Questi modernisti sono come i comunisti di una volta : se la realtà (i il Vangelo) non coincide con la loro ideologia, la manipolano per farvela adattare. Non si smuovono di un millimetro; del resto, erano così anche nel ’68 all’Università i loro predecessori fanatici: nelle assemblee rimanevano in minoranza alle votazioni, ma si ostinavano, non lasciavano l’aula, volevano discutere all’infinito, pur di non ammettere di aver torto. Per questo ho deciso di non parlare più con loro, non meritano la nostra attenzione, mi creda.

      Rispondi
  15. #Diego   31 luglio 2016 at 3:16 pm

    Uno che cita l’eretico (anglicano) Bailey e il modernista sodomita Boswell (calunniatore di Santi, di Martiri, della Chiesa, del Papato e di Cristo Stesso) merita di essere censurato, anzi, io lo bannerei proprio!
    Come si fa, in un sito cattolico, a citare Boswell? Un mentecatto che ha reinterpretato tutta la storia della Chiesa in chiave sodomitica, uno che vedeva sodomiti dappertutto (tranne che a Sodoma)!
    Persino i riti di “adelphopoiesis” (riti di fratellanza, praticati anche da Santi e che nulla avevano a che fare con la sodomia) li ha interpretati come veri e propri matrimoni gay, con tanto di oscene unioni carnali!

    Rispondi
  16. #lister   31 luglio 2016 at 5:48 pm

    “…anzi, io lo bannerei proprio!.”
    Fatto, Diego.
    Isidoro ha rinunciato alla sua “collaborazione” (grande,Isidoro!).
    Mi chiedo: a quando la rinuncia alla collaborazione della troll ortolana?

    Rispondi
  17. Pingback: Galantino cambia la Bibbia per essere “gay friendly”: Sodoma si è salvata… « www.agerecontra.it

  18. #Giacomo   1 agosto 2016 at 2:05 pm

    Non se ne può più di questi eretici, bastaaaaaaa

    Rispondi
  19. #BEPPE   3 agosto 2016 at 9:50 pm

    probabilmente Galantino è venuto in possesso di qualche codice del vecchio testamento non ancora noto agli studiosi. il famoso passo in cui Abramo dice : mi scusi Signore, vedi come il tuo servo ardisce parlare, MA CHI SEI TU PER GIUDICARE?

    Rispondi
  20. #beppe   5 agosto 2016 at 12:32 pm

    sono sempre io….al di là della battuta, possiamo chiederci in cosa e in chi crede mons. galantino? ( più minuscolo di così purtroppo non posso scriverlo…) non penso che i papi e i vescovi dei secoli scorsi non abbiano visto drammi paragonabili a quelli dei clandestini …oppure una depravazione maggiore di quella sotto i nostri occhi…eppure nessuno di loro si è sognato di mettere in dubbio la rivelazione, la dottrina o la morale cristiane. evidentemente nei vertici della chiesa attuale è in atto un fenomeno molto grave che io non sono in grado di descrivere e valutare, ma di cui posso purtroppo vedere gli effetti disastrosi…

    Rispondi
    • #lister   6 agosto 2016 at 6:16 pm

      “…è in atto un fenomeno molto grave…”
      E’ così, beppe.
      E’ in atto il tentativo di imporre il Nuovo Ordine Mondiale con la loro Religione Unica del GADU secondo cui il Primato spetta all’Uomo.
      Tutto enunciato, subliminalmente, nelle tesi patrocinate da Maolo VI, conseguenti al CV2.
      La massoneria, ormai, la fa da padrona in quel del Vaticano, non solo ai vertici.

      Rispondi
  21. Pingback: Persino la rivista ufficiale dell’ISIS riconosce: ‘Bergoglio tradisce la dottrina cattolica’ | Radio Spada

  22. #62peppe   3 settembre 2016 at 10:59 am

    Se un dirigente , un operaio o un qualunque lavoratore si dimostra incompetente nel suo lavoro viene licenziato dal datore di lavoro.

    Allo stesso modo Galantino si è dimostrato incompetente e dovrebbe essere rimosso dai suoi incarichi.

    Rispondi
    • #lister   3 settembre 2016 at 4:26 pm

      Da chi? Dal suo “capo ‘e ‘ndrangheta” biancovestito?

      Rispondi

Rispondi